7 cose da sapere quando si aspetta il primo figlio

Aggiornato il da Giada Paoli

Aspettare il primo figlio è indubbiamente uno dei momenti più belli di una vita di una donna, ma allo stesso tempo anche uno dei più paurosi. Tra la paura del parto e quella di non essere all’altezza è normale avere paura. E sì, diventare madre è per sempre, non si può improvvisare... Ecco i nostri 7 consigli per aiutarti a organizzare al meglio l’arrivo del bimbo!

7 cose da sapere quando si aspetta il primo figlio

👶 La famiglia si allarga, state per cambiare vita! Se questa bella notizia riempie di gioia sia te che il papà, siete entrambi anche impauriti all’idea di diventare genitori. Ma niente panico, abbiamo 7 consigli che vi accompagniamo nell’attesa!

“Un bambino allunga i giorni, accorcia le notti e moltiplica la felicità”

7 consigli per affrontare la prima gravidanza nel modo migliore

1) Comunicate

La comunicazione nella coppia e con il bambino è fondamentale. Gli uomini sono spesso ancora più stressati all’idea di diventare padri rispetto alle future mamme poiché è ancora più difficile per loro creare un legame con il bambino. Prova a coinvolgerlo il più possibile durante la gravidanza, sin dalle prime settimane. Tra l’altro, l’arrivo di un bambino porta a due possibili scenari: o la coppia si unisce ancora di più e la complicità aumenta, oppure al contrario si crea molta distanza e i litigi si moltiplicano.

🍼 La comunicazione con il bambino può essere instaurata molto presto. Sin dalla 37° settimana, il bambino è capace di sentire i suoni e quindi la voce dei genitori anche se non può ancora vedervi. Potete quindi già cominciare a tessere un legame con lui tramite voce e tatto.

2) Definite i compiti delle prime settimane

Proverete così tanta gioia e felicità che avrete difficoltà a restare con piedi per terra. Finché siete ancora lucidi, cercate di prevedere tutto ciò che si può prevedere in anticipo. Avrai anche bisogno di riposo, di mangiare bene e di prendere tempo per te. È bene poter contare sul papà per le faccende domestiche.

3) Chiedete aiuto a chi vi sta vicino

Sarà difficile gestire tutto da soli a casa, un bebè richiede molto tempo e attenzione, non esitate a parlarne ai vostri cari perché vi aiutino nel tempo libero, ma anche per ottenere consigli preziosi.  

4) Informatevi

Se sei figlia unica o la più piccola in famiglia, la tua conoscenza in materia di neonati è molto limitata. Per vivere la gravidanza più serenamente, la cosa migliore è informarsi: leggi, guarda documentari, fai domande alla tua mamma, o alle zie/cugine, sui forum... Tutto è bene accetto!

5) Prenditi cura di te

Sarà un evento molto ricco a livello emotivo per la futura mamma, bisogna prendere consapevolezza di due rischi per la salute: la depressione e la fusione. Sappi che il padre gioca un ruolo importante poiché si posiziona tra madre e figlio per rompere questa fusione. Prendi tempo per te, fai un pisolino o goditi un bagno caldo. Insomma, per il benessere di tutti, prenditi cura di te.

💡 Nota bene: i rimedi naturali sono perfetti per le donne incinte, gestisci lo stress grazie alle piante e scopri i benefici dei Fiori di Bach.

6) Scegli un pediatra di cui ti fidi

Andrai due volte al mese dal pediatra, quindi è importante trovare colui con cui ti trovi meglio. Usa il passaparola o chiedi alle tue amiche se hanno delle raccomandazioni in merito.

7) Iscriviti rapidamente alla maternità

Sopratutto nelle grandi città esistono liste d’attesa molto lunghe e le maternità sono spesso riempite mesi e mesi in anticipo. Per assicurarti un posto dove lo desideri non aspettare l’ultimo minuto.

Ora conosci i nostri consigli per prepararti al meglio all’arrivo del bebè!

Il consiglio della redazione: prendi appuntamento con uno psicologo

Aspettare un figlio può essere fonte di angoscia e di numerose interrogazioni. Potrebbe anche far risalire ricordi d’infanzia, esperienze passate ecc. Potrebbe essere interessante prendere appuntamento con uno psicologo per gestire al meglio la maternità e prepararsi all’arrivo di un bambino.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Altri articoli che potrebbero interessarti: 


Fonte: marcellacicerchia.it

Articolo suggerito da Giada Paoli

Il mio sogno è vivere sognando ad occhi aperti, amando infinitamente e sentirmi libera di essere ciò che desidero.

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!