Sono troppo gentile, aiuto!

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Sono sempre stata la tipica “ragazza simpatica”. Quella che sorride anche quando non le sorridi, che ti fa un favore anche se non sempre sei stato carino con lei, e che trova costantemente una scusa per il comportamento degli altri. Troppo buona, troppo stupida? No, ma ho sempre avuto l’impressione di essere una supereroina che diffonde la sua bontà in tutto il mondo. Ma una supereroina un po’ infelice…

Sono troppo gentile, aiuto!
  Sommario

Gentile o troppo gentile?

Sono molte le persone che ritengono che non si possa essere troppo gentili, che ci si aspetti sempre qualcosa dagli altri: rispetto, gentilezza, affetto. Tuttavia, alle volte capita che la nostra gentilezza non venga ricompensata, che non se ne riceva altrettanta in cambio. Secondo la mia esperienza, non posso propriamente dire che gli altri si approfittino della mia bontà. Semplicemente, non se ne facevano niente dei miei sentimenti. Sempre pronta a evitare il conflitto, non rispondevo alle frecciatine antipatiche, e facevo anche attenzione a non offendere a mia volta. Mi sono spesso chiesta se tale o tale persona meritasse veramente la mia amicizia e gentilezza… La risposta non era affatto evidente.

La redazione ti consiglia -  Seduzione compulsiva: perché ho bisogno di piacere ad ogni costo?

Impossibile dire di no

Le persone troppo gentili riscontrano una difficoltà maggiore rispetto agli altri nel dire di no. “Non ho il tempo di fare questo favore, ma lo faccio lo stesso”, “Non riesco a interrompere questa conversazione poco stimolante, perciò rientro tardi a casa”. Tutto questo capita perché siamo incapaci di porre dei limiti agli altri. Non riusciamo ad affermarci e a dire di no. La differenza tra l’essere gentile e l’esserlo troppo, sta proprio nella capacità che abbiamo di metterci al primo posto, di non infliggerci qualcosa e, di conseguenza, sentirci tristi, pur di compiacere gli altri. È difficile, ma non impossibile.

Come smettere di essere troppo gentili senza diventare un mostro?

Essere gentili non è un difetto. L’empatia è essenziale; quello che bisogna cambiare, è la paura dell'opinione degli altri e l’incapacità di porre dei limiti. La buona notizia è che si può fare senza problemi e senza schiacciare gli altri o diventare maleducati. In realtà, non c’è il gentile da una parte e il maleducato dall’altra. Bisogna solo riuscire ad esprimersi, ad avere delle relazioni appaganti e vivere felici.

1)Non ti scusare più del necessario

Cerca di passare un’intera giornata senza chiedere scusa e ti renderai conto di quanto utilizzi questa parola, spesso per motivi futili o semplicemente perché ti senti in colpa. Perché non rimpiazzare “scusa” con “grazie”? Vedrai che le relazioni ne guadagneranno in termini qualitativi.

2)Pensa anche (e soprattutto) a te stessa

Quando una persona ti chiede una mano, il tuo affetto o il tuo tempo, piuttosto che andarle incontro senza esitazioni, chiediti prima se puoi darle quello che ti ha chiesto: hai fatto tutto ciò che dovevi fare? Hai risolto i tuoi problemi? Hai le capacità fisiche e mentali per fare questo favore nell’immediato? Devi prima soddisfare i tuoi bisogni! È inoltre un ottimo modo per allontanare gli approfittatori.

3)Parla delle tue ferite

Se sei una persona gentile hai sicuramente tendenza a perdonare troppo facilmente, anche quando il dolore sarà indelebile. Se qualcuno ti ferisce, bisogna parlargliene gentilmente ma in modo chiaro, altrimenti questa persona non prenderà mai consapevolezza delle conseguenze delle sue azioni. Perdona, perché il rancore è inutile, ma non perdonare troppo velocemente.

4)Impara a dire di no

Se alle volte quando dici “si” non ti senti soddisfatto per aver aiutato qualcuno, è perché ti sei sforzata di dare una risposta affermativa. Allenati a dire di no. I tuoi amici potrebbero essere un po' sorpresi all’inizio, ma non sei li per rispondere “amen” ad ogni loro proposta.

Potrebbe interessarti: Perché mi sento in colpa quando non rispondono ai messaggi?

5)Dai la tua opinione

Condividi la tua opinione. Che si tratti di un discussione tra amici, della scelta del ristorante o del film da vedere, dai la tua opinione e soprattutto non lasciare che gli altri decidano per te. Sii assertiva e non avere paura del conflitto. Non c’è bisogno di provocarlo, ma non cercare di evitarlo a tutti i costi.


Il consiglio della redazione - Perché non essere troppo gentili?

La domanda può essere legittima. È vero che la gentilezza è una qualità necessaria per creare dei buoni rapporti. Le persone troppo gentili si ritrovano spesso in relazioni disequilibrate. Non mettono freno ai desideri degli altri, assecondandoli costantemente, e alle volte sono talmente gentili al punto che questa diventa la causa della loro tristezza. Questo comportamento distorce le relazioni. Gli altri hanno l’impressione di avere a che fare con una maschera, con qualcuno che è gentile solo per non essere disprezzato, che li lusinga allo scopo di essere accettato e che manca di onestà. Insomma, non c’è nessun guadagno nell’essere troppo gentili con gli altri.



Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!