Intolleranza alla frustrazione: quando la delusione è permanente

Aggiornato il da Amelia Lombardi

Mi capita spesso che le mie emozioni siano sottosopra e non riesca a gestirle quando sono frustrata. Ma ho fatto comunque enormi passi avanti rispetto a prima, quando ero totalmente intollerante alla frustrazione. Risultato? Mi sentivo sempre delusa, piena di tristezza e rabbia che non riuscivo a gestire. Sono diventata molto negativa e non riuscivo più ad essere felice… Vuoi sapere come ne sono uscita? Leggi qui!

Intolleranza alla frustrazione: quando la delusione è permanente
Sommaire : 

Intolleranza alla frustrazione: cosa riflette?

Essere intolleranti significa non sopportare qualcosa. Avrei preferito essere intollerante al lattosio piuttosto che alla frustrazione (anche se immagino che non sia un gioco da ragazzi eliminare totalmente il lattosio dalla propria vita #teamformaggio 🧀). La frustrazione è un’emozione negativa che causa stress o rabbia, o addirittura una depressione se mal gestita. Quindi nel caso di un’intolleranza, è inutile dire quanto sia difficile essere felici.

Un'infanzia troppo protetta?

Più si cresce, più si impara a gestire la frustrazione. In ogni caso, penso di non essermi mai confrontata abbastanza con la frustrazione perché i miei genitori hanno fatto sempre di tutto per accontentarmi quando ero bambina. Ovviamente la loro è stata un’attenzione spinta dall’amore, ma che alla fine non mi è stata d’aiuto, poiché non ho imparato a gestire questo sentimento spiacevole, che mi ha causato tutta una serie di altre emozioni altrettanto spiacevoli. Per tanto tempo mi sono nutrita di queste ultime, cosa che mi ha spinto a evitare qualsiasi tipo di situazioni in cui potevo sentire frustrazione e delusione e a evitare di uscire dalla mia comfort zone 😫.

👉  Non bisogna frustrare i propri figli ma insegnare loro a gestire questo sentimento è cruciale e fa parte dei principi dell’educazione positiva

La delusione permanente: un freno alla felicità

Il problema di essere intollerante alla frustrazione è che si tende a evitarla e a non trovarsi mai faccia a faccia con questo disagio emotivo. Direi anche che ci rende più fragili e permeabili alla sofferenza. Per esempio, come fare quando questo tipo di sentimenti arriva in momenti cruciali, come l’annuncio del sesso del nascituro?

👉Nel mio caso, ho anche sviluppato un tratto caratteriale che ho scoperto cercando di capire la mia intolleranza alla frustrazione: l’impazienza. Tutto deve succedere subito e come voglio io, cosa che è ovviamente impossibile.

L'impossibilità di sentirsi felici

Tutto questo porta a un’unica cosa: non essere mai davvero felice 😣. Quando non otteniamo quello che vogliamo, restiamo eternamente delusi e non riusciamo ad andare avanti. Si arriva a diventare estremamente esigenti con se stessi e con gli altri, cosa che è lontana dal facilitare le nostre relazioni sociali.

La svolta nel mio caso è avvenuta quando ho capito che la mia intolleranza mi spingeva in un malessere che prendeva troppo spazio. Essere sempre negativi e non sentire la felicità dei piccoli traguardi è pesante, motivo per il quale ho deciso di prendere le cose in mando tentando di fare un passo indietro per uscire da questo stato di delusione permanente 😫.

Questo articolo potrebbe interessarti >>> Perché alcuni non riescono mai a vedere il lato positivo?

Come superare questa intolleranza?

La psicologa Michelle Larivey ha spiegato che los tato di delusione ci mostra due cose:

  • La nostra insoddisfazione (che rinvia quindi alla frustrazione)
  • La differenza tra le nostre aspettative e ciò che è realmente successo.

Per superare l'intolleranza e uscire dal sentimento di delusione, bisogna agire su questi punti.

1. Accettare le emozioni scomode

Solitamente non dedichiamo abbastanza tempo ad analizzare le emozioni scomode. Ovviamente, non essendo piacevoli da vivere, non abbiamo voglia di perderci troppo tempo. Ma non teniamo conto che potrebbero essere degli indicatori preziosi che permettono di adattarci. 👉 Prendiamo l’esempio della paura 😱. È difficile da vivere, ma ci indica un potenziale pericolo, cosa che ci permette di stare all’erta per sopravvivere.

Quando siamo frustrati dobbiamo imparare a identificare ciò che ci ha resi arrabbiati o tristi. Quale evento mi ha spinto a trovarmi in questo stato? Perché ha fatto nascere questi sentimenti? Bisogna porsi le domande giuste per essere confrontati alle nostre emozioni.

2. Abbassare la soglia delle aspettative

Abbassare le aspettative è spesso visto come qualcosa di negativo 👎. Basti pensare a tutti i discorsi motivanti che ci spingono a puntare sempre più in alto e quindi pretendere anche sempre di più.  Spesso questi discorsi trasmettono una positività tossica. In realtà dovremmo solo imparare a seguire il nostro ritmo.

Perché? Se siamo delusi, significa che abbiamo fatto un errore di valutazione sul nostro obbiettivo. Non si tratta di sottovalutare ma di procedere passo dopo passo. Con un progresso più lento, riusciamo più facilmente ad evolvere e constatare ciò che diventa un vero motore 🤗!

3. Trovare un altro sistema di pensiero

Non ho mai fatto fatica a tollerare gli errori degli altri e coltivare una grande apertura mentale. Però, quando si tratta di me, è molto più dura. Ho imparato a staccarmi e applicare questo sistema di pensiero a me stesso. Non dico che funzioni sempre molto bene, ma stare bene con me stessa e accettare ciò che non andava bene mi ha fatto molto bene. Ovviamente, rimettersi dalla frustrazione o delusione prende del tempo.

Non è impossibile, a partire dal momento in cui si accetta che non tutto può andare nel senso giusto e che la rabbia è sana. Più si impara a digerirlo e, più si impara a riprendersi facilmente 👏!

Il consiglio della redazione: una tolleranza alla frustrazione che si impara a qualsiasi età

Lo psicologo Didier Pleux ci invita a fare attenzione alla soglia di tolleranza e frustrazione che si abbassa sempre di più nella società attuale. La ricerca della soddisfazione immediata e del piacere, favorito dal digitale, ha fatto nascere nuove patologie. Sempre secondo Didier Pleux, questi intolleranti sarebbero sempre più numerosi, facilmente riconoscibili: adulti che somigliano a bambini e non sopportano la durezza della vita. Vogliono che tutto sia bello e rifiutano il traffico, le code ecc. Lo stesso vale per la vita di coppia, appena la frustrazione fa la sua comparsa, si preferisce mollare tutto piuttosto che salvare la coppia. Fortunatamente, la tolleranza alla frustrazione si impara a qualsiasi età tramite esercizi semplici e creando nuove abitudini.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e adesso !
#BornToBeMe

Contatta un coach

Ti potrebbe interessare :

Fonti: 

Articolo suggerito da Amelia Lombardi

La scrittura è un mezzo di espressione meraviglioso di cui non posso fare a meno. Mi ha permesso di incanalare la mia ipersensibilità e amo scrivere di psicologia e sviluppo personale. La comprensione di sé è il modo migliore per andare avanti!

Gli articoli appena pubblicati

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Paura del silenzio: perché ci rende così ansiosi?

Ah, il silenzio... Che sia durante una conversazione o a casa, devo ammettere che non mi piace molto. Nella prima situazione mi sento estremamente in imbarazzo e nella seconda il silenzio diventa "assordante" e provoca ansia. Da dove nasce questa situazione? Perché dovrei accettare un po' di più il silenzio? E come possiamo farlo? Nella nostra società rumorosa, è giunto il momento di riconnetterci con il silenzio, di abbracciarlo e di smettere di avere paura.

Perché non riesco a scusarmi?

"Mi dispiace", "Scusami", sono frasi che, nonostante gli sforzi, non escono mai dalla tua bocca. Anche quando le scuse potrebbero risolvere tutti i problemi, non riesci proprio a farcela. Ma perché è così complicato? Come superare questo blocco? Vediamolo!

Non ho amici: come fare se non si hanno amici?

Non che passi tutto il giorno da solo/a, nel mio angolo, senza dire una parola. Ho quelle due o tre persone da chiamare se voglio uscire a bere qualcosa, ma non ho amici. Nessuna "seconda famiglia", come si suol dire. Si tratta di una scelta volontaria? È solo a causa del mio brutto carattere che respingo tutti quelli che mi si avvicinano? Oppure è semplicemente la vita, che ci allontana da alcune persone quando cresciamo? Non ho amici, è davvero così grave?

Cos'è la sindrome di Puffetta al lavoro?

Ah, i Puffi! Tutti conoscono i fumetti di Peyo con i simpatici personaggi blu. Ma se ci pensi, c'è qualcosa di strano: il fatto che ci sia una sola Puffetta per un intero villaggio. Un autore l'ha notato più di 30 anni fa e l'ha usato per parlare della scarsa rappresentazione delle donne. Purtroppo il principio della puffetta può essere riscontrata in molti ambiti, compreso quello lavorativo. Ecco come funziona.

6 consigli per superare la propria timidezza

L'idea di parlare in pubblico, o di parlare con gli sconosciuti, mi mette fuori di me. Divento paonazzo, inizio a tremare, mi si forma un nodo nello stomaco. Odio essere timido, non riuscire a mostrarmi disinvolto, parlare lo stretto necessario e non trovare mai il momento giusto per intervenire. Ecco perché, lavorando su me stesso, ho trovato 6 semplici trucchi per superare e a volte nascondere la mia timidezza.

10 pensieri positivi da tenere a mente per una carica quotidiana

Vedere il bicchiere mezzo pieno, anziché mezzo vuoto, è un pensiero positivo perfetto! I pensieri positivi ci aiutano nella vita di tutti i giorni, dandoci una spinta e motivandoci a realizzare progetti che ci stanno a cuore da tempo. Quindi, per aiutarti nel tuo percorso di realizzazione, ecco 10 pensieri da tenere a mente per accompagnarti sempre e ovunque!

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!