Cos'è la dissonanza cognitiva? Come affrontarla?

Aggiornato il da La Redazione Wengood

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

 
 Sommario

La definizione di dissonanza cognitiva

Quando facciamo qualcosa contraria ai nostri valori, si crea dentro di noi una tensione psicologica nota come “dissonanza cognitiva”. Per farla breve, la dissonanza cognitiva si manifesta quando:

👉 I nostri pensieri e il nostro comportamento risultano incoerenti tra loro.

👉 Ci troviamo di fronte a una scelta difficile.

👉 Reagiamo a sanzioni o ricompense.

👉 Scopriamo nuove informazioni che fanno vacillare ciò in cui crediamo.

👉 Ci troviamo di fronte a una persona con opinioni diverse.

Insomma spesso pensiamo “nero” ma agiamo “bianco”. Ovviamente, tutto ciò crea un conflitto interno che provoca un sentimento di ansia generalizzata. Per contrastarla avremo tendenza a giustificarci. Si cercano spiegazioni per evitare di sentire questo senso di disagio dovuto al nostro comportamento 😅.


Lo sapevi? La dissonanza cognitiva può aiutarci a sapere se siamo transgender grazie al senso di lontananza rispetto a tutti gli stereotipi attribuiti al nostro genere.


Un esempio concreto di dissonanza cognitiva

La cosa migliore è parlare di un esempio concreto spiegando qual è la mia più grossa dissonanza cognitiva. E so di non essere la sola in questa situazione… Parliamo per esempio del fatto di mangiare la carne 🥩❌!

Per tanto tempo non mi sono mai fatta delle domande sulla mia dieta alimentare. Mangiavo la carne perché tutti la mangiano. Poi la questione del vegetarismo ha preso piede nella nostra società, in particolare per quanto riguarda la sofferenza degli animali. Ho sempre provato un immenso amore per tutti gli animali e sono profondamente convinta che tutti abbiano una sensibilità, basta prendere come esempio l’empatia dei cani e dei gatti quando il loro padrone non sta bene 🐶…

Trovare scuse per sentirsi meglio

La mia dissonanza cognitiva si traduce così: devo smettere di mangiare la carne perché amo gli animali. Eppure, il sapore della carne non mi dispiace… So che altre persone si sono trovate nella stessa situazione, alcune trovano delle scuse per calmare questo conflitto:

  • “Tutti mangiano la carne, d’altronde dobbiamo pur nutrirci”.
  • “Mangio la carne di bovino ma mai cani o gatti!”
  • “È la catena alimentare.”
  • “Non c’è solo la vitamina B12 nella carne! È fondamentale per vivere!”

Nonostante tutto, il conflitto psicologico continua a esistere sia dentro di me che dentro coloro che sentono la medesima dissonanza. Come risolvere?

Come risolvere la dissonanza cognitiva?

Esistono piccole dissonanze cognitive che sono in realtà delle piccole concessioni con noi stessi. Queste ultime, le notiamo appena. Solitamente, coloro che sentono un conflitto interno (come me) cercano in tutti i modi di risolverlo. Effettivamente, più lo si percepisce, più diventa urgente l’esigenza di attenuare questo sentimento negativo e di ristabilire un equilibrio cognitivo interno. Ci sono due soluzioni concrete per calmare le nostre dissonanze cognitive:

👉 Allineare il comportamento con i valori interiori

👉 Elaborare il lutto dei nostri valori e modificare il nostro comportamento.

Nel primo caso, è sempre difficile cambiare le proprie abitudini. In ogni caso, resta il miglior modo di raggiungere la pace e ritrovarsi interiormente. Nel secondo caso, si tende a trovare argomentazioni solide per rassicurarci sul nostro comportamento e si riesce a poco a poco a ristabilire un equilibrio interno. In ogni caso, questo equilibrio è fragile e può scoppiare in qualsiasi momento 🤯.

Affrontare la dissonanza cognitiva e il senso di colpa

Riprendiamo l’esempio sul consumo della carne. Ho due soluzioni, o diventare vegetariana e smettere di mangiare carne o accettare di essere una persona che mangia la carne e quindi rifiutare le emozioni e la sofferenza degli animali che mangio. L’unico problema è che per me un vitello ha lo stesso diritto di vivere in pace di un cane!

La mia soluzione: ho deciso di modificare il mio comportamento 🌿. Non mangio quasi più carne, ci sono ancora delle volte in cui è complicato, in particolar modo quando mangio fuori o in famiglia. Spero di potermi avvicinare al vegetarismo completo molto presto, dato che l’idea di aver riallineato il mio comportamento ai miei valori mi fa sentire molto meglio ❤️. Provo anche meno senso di colpa quando mi capita di mangiare la carne, perché so che faccio del mio meglio.

La gentilezza e l’aiuto

Ciò che devi tenere a mente è che stai facendo del tuo meglio. Trovo che a volte sappiamo essere molto duri con noi stessi e ci auto infliggiamo violenza di cui potremmo fare volentieri a meno. Bisogna trovare soluzioni per sentirsi meglio ma allo stesso tempo auto incoraggiandosi per i miglioramenti 🤗.

Non siamo obbligate a fare tutto da sole! Provare l’ipnosi è un’ottima soluzione per cambiare definitivamente il proprio comportamento. So che molti la testano per cercare di smettere di fumare 🚬… Non dimenticare anche di chiedere l’aiuto di un medico se pensi che il senso di colpa a causa del conflitto psicologico sia diventato troppo forte.


Il consiglio della redazione: trova l’equilibrio

La dissonanza cognitiva può essere fonte di grandi sofferenze poiché non ci si rende bene conto che c’è una forte differenza tra quello che siamo e i nostri valori. Maggiore sarà la dissonanza, più sentirai il bisogno di ristabilire questo equilibrio. È importante essere coerenti con se stessi per essere felici. Ovviamente, è anche molto difficile cambiare il comportamento che reputiamo problematico poiché la resistenza al cambiamento è molto forte. Esistono diverse strategie per ridurre queste dissonanze, non esitare a prendere appuntamento con uno psicologo.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!
#BornToBeMe



Fonte: psicologospinelli.it  - autogeno.net

Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Paralisi del sonno: sintomi, cause e rimedi

Mi sveglio ma non riesco a muovermi… mi sono ritrovata in questa situazione angosciante già diverse volte! Ho la sensazione di essere paralizzata e di avere una presenza orribile che si avvicina e mi terrorizza. In realtà si tratta della paralisi del sonno! Ora che ho identificato le cause di questo problema riesco ad evitarle. Ma come capire cosa si cela dietro queste paralisi? Cosa provoca una paralisi del sonno?

Chi siamo?

Sei curioso di sapere chi c'è dietro Wengood? C’è semplicemente un gruppo di persone appassionate alla ricerca del benessere. Condividiamo con te le nostre storie, le nostre difficoltà e i nostri consigli per aiutarti ad andare avanti sulla strada della serenità.

Psicologo, psichiatra, coach… a chi rivolgersi?

Se riscontri difficoltà, noi di Wengood consigliamo spesso di rivolgersi a uno psicologo o ad un life coach, ma qual è la differenza? Perché consultare uno piuttosto che l’altro? Ognuno di loro risponde a esigenze diverse, per le quali è bene contattarli. Con questo articolo intendiamo spiegarti le differenze per aiutarti a capire a chi rivolgersi. Scopriamolo!

“Cosa fai nella vita?”, "Faccio del mio meglio!"

Bastano pochi minuti di conversazione con uno sconosciuto che subito viene posta la fatidica domanda: "Cosa fai nella vita?". Questa domanda ti innervosisce? Non hai voglia di sentirti definita dal tuo mestiere o dal tuo posto nella società? Siamo tutti sulla stessa barca!

Alimentazione intuitiva, di' addio alla dieta!

Più di 15 anni di dieta, con il peso che fa su e giù, i disturbi alimentari… Non se ne può più! Ho bisogno di fare pace con il mio corpo, ma ho l’impressione che se mi lascio andare non farò altro che ingrassare ancora di più. Malgrado ciò, mi sono resa conto che la dieta mi faceva più male di qualsiasi altra cosa. Esiste una soluzione? Ebbene si: l’alimentazione intuitiva. Dovrebbe essere al centro delle nostre vite, eppure sono davvero poche le persone che ne hanno sentito parlare.

Sindrome di Stoccolma: perché amiamo il nostro carnefice?

Sembra davvero incredibile che alcune persone possano provare simpatia nei confronti del loro aggressore. In realtà, si tratta di un meccanismo psicologico per superare il trauma. Il termine "Sindrome di Stoccolma" è apparso per la prima volta nel corso degli anni 70 e indica una particolare reazione del cervello ad un evento traumatico subito. Le vittime assumono il punto di vista del loro carnefice, arrivando talvolta addirittura a difenderlo!

Qual è il segreto di una vacanza di coppia perfetta?

Chi di noi non vede l’ora di partire in vacanza? Eppure quando si tratta di un viaggio di coppia, magari il primo, le ansie e le preoccupazioni sono tante. Le aspettative sono alte e la paura che un litigio possa rovinare tutto lo è altrettanto. Quali sono i segreti per una vacanza di coppia felice?

Quali sono i benefici della coerenza cardiaca?

Chi non si ritaglierebbe 15 minuti al giorno per rimanere giovane, sano ed eliminare lo stress? La coerenza cardiaca è un metodo semplice che puoi adottare dove e quando vuoi. Il ritmo del tuo cuore riflette il tuo stato emotivo e psicologico. Quindi, sia fisicamente che emotivamente, è importante prendersi cura del proprio corpo. Ecco quali sono i motivi.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!