Alto potenziale emotivo: cos'è ? Come gestirlo?

Aggiornato il da Paola Ferraro

Le emozioni sono senza dubbio il mio forte! Visto che le vivo in maniera molto (forse troppo) intensa, ho deciso di vedere un professionista. Da qualche anno ho quindi scoperto di essere ipersensibile. Allo stesso tempo, ho scoperto un altro termine legato all’intelligenza emotiva: l’alto potenziale emotivo. Cosa significa? È la stessa cosa dell’ipersensibilità o dell’alto potenziale intellettivo? Come scoprire se ne fai parte? Scopriamolo insieme.

Alto potenziale emotivo: cos'è ? Come gestirlo?

Cos’è l’alto potenziale emotivo?

Il termine alto potenziale descrive un’attitudine superiore alla norma. Si parla quindi di “plusdotazione” o di “precocità”. Ma non è tutto. Nel caso dell’alto potenziale emotivo parliamo di un’intelligenza emotiva superiore alla media. Come si concretizza? Solitamente si ha una maggiore capacità a comprendere e ricevere le emozioni 🤗. Si tratta di una forma di intelligenza emotiva elevata e cosciente.

Le differenze tra alto potenziale intellettivo e ipersensibilità

Ipersensibile, alto potenziale intellettivo, alto potenziale emotivo... Da qualche anno siamo letteralmente tempestati da tutte queste parole sui media. Cerchiamo di fare chiarezza:

➜ Le persone ad alto potenziale intellettivo (le “zebre” o “plusdotati”) riguardano il quoziente intellettivo (QI) che misura una logica con la risoluzione di problemi, la memoria ecc. È matematica! Si può essere plusdotati e persone ad alto potenziale emotivo, così come si può essere o persone ad alto potenziale emotivo o persone ad alto potenziale intellettivo.

➜ Essere ipersensibili significa che siamo dotati di un’enorme sensibilità. E non si tratta solo di emozioni. Si può essere ipersensibili ai rumori, alla luce, alle energie... Una persona ad alto potenziale emotivo è capace di immedisimarsi meglio con le emozioni degli altri. Si può avere un alto potenziale emotivo ed essere anche ipersensibili, oppure solo l’uno o l’altro.

⚠️ Ci sono forme di autismo di alto livello (e quindi forme di autismo leggero) che presentano un comportamento simile a quello delle persone ad alto potenziale emotivo e intellettivo come la sindrome di Asperger.

Come riconoscere un alto potenziale emotivo?

Quando si è un alto potenziale emotivo ci sono dei tratti inconfondibili. Non sono capaci di formulare da soli una diagnosi ma possono essere l’indice della presenza di un alto potenziale emotivo.

  • Una ipersensibilità emotiva: come dicevo prima, certe persone sono allo stesso tempo ipersensibili e hanno un alto potenziale emotivo. Questo corrisponde a una grande ricchezza emotiva.
  • Un senso di diversità: quando ci si paragona agli altri si ha la sensazione di essere davvero diversi. C’è spesso molta differenza tra ciò che sentiamo noi e chi ci sta intorno.
  • Un grande senso di giustizia: si tende ad avere una forte sensibilità all’ingiustizia e non si sopporta quindi di esserne testimoni.
  • Un pensiero arborescente: uno stile di pensiero in cui ogni idea ne ingloba un’altra, poi un’altra ancora e così via. Questa forma di pensiero neuroatipica è particolarmente creativa.
  • Una grande empatia: tanta compassione grazie alla loro capacità di sentire le emozioni degli altri senza giudicare. Ne deriva un comportamento molto altruista.
  • Una forte consapevolezza di sé: l’introspezione è un asso nella manica per le persone ad alto potenziale emotivo. Questo perché si ha una piena consapevolezza delle proprie emozioni, ci si autoanalizza regolarmente, spesso anche senza rendersene conto.
  • Un pensiero intuitivo: una delle maggiori caratteristiche di un’intelligenza emotiva elevata. Favorisce una comprensione immediata e rapida di certe situazioni grazie a un intuito infallibile.
  • Una spiccata sensibilità alla comunicazione non verbale: ci sono segnali e mimiche che non sfuggono a chi ha un alto potenziale emotivo. Il linguaggio del corpo non ha segreti e questo permette di decriptare messaggi non verbali.
  • Il desiderio di fare tutto “al meglio: l’istinto è quello di volersi migliorare costantemente e fare tutto alla perfezione. A volte parliamo di un perfezionismo molto rigido, addirittura controproducente a volte!
  • Capacità di motivare gli altri: questo si traduce con la leadership. Le persone ad alto potenziale emotivo riescono a spingere gli altri a fare cose grazie alla loro capacità di capire il loro modo di essere.

Sono una persona ad alto potenziale emotivo, cosa cambia?

Essere una persona ad alto potenziale emotivo non è di per sé una definizione ma può aiutarci a capire come funzioniamo 🤓. In ogni caso, quando mi è stata diagnosticata l’ipersensibilità, mi è stato utile per gestire meglio la mia iperemotività nella vita di tutti i giorni. Questa dote emotiva favorisce un migliore sviluppo di sé 👌.

Vantaggi e svantaggi

L’ipersensibilità porta con sé vantaggi e svantaggi, proprio come l’alto potenziale emotivo. Sicuramente si ha una maggiore comprensione delle emozioni però spesso va di pari passo con una netta differenza con gli altri. L’eccessiva empatia può essere fonte di sofferenza per se stessi, a furia di provare compassione per gli altri. Inoltre, da tante persone è vista come una vera e propria debolezza... 😥

La cosa migliore è raggiungere un equilibrio per godere dei vantaggi dell’alto potenziale emotivo. Le emozioni hanno un posto in prima fila nelle nostre vite e influenzano ogni decisione. Per riuscire ad adeguarsi a questo sistema bisogna imparare a gestire le emozioni negative al meglio. Ecco perché è così importante fare un test per conoscere il proprio quoziente emotivo. Conoscersi bene permette di capirsi meglio 😊!


Il test dell’alto potenziale emotivo

Test gratuiti per sapere se siamo persone ad alto potenziale emotivo ce ne sono a centinaia su internet. Come dicevo prima, ci sono dei segnali che possono aiutarci a delineare il nostro profilo. In ogni caso, è necessario affidarsi a un consulto psicologico per avere una vera diagnosi. Solo in questo modo si potrà fare un bilancio emotivo della personalità e gestire al meglio la propria situazione. Inoltre, la plusdotazione emotiva varia da persona a persona e solo uno psicologo può davvero aiutarti. 

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora ! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo


Altri articoli che potrebbero interessarti: 


Fonte: cleverconnect

Articolo suggerito da Paola Ferraro

La scrittura è sempre stata la mia terapia, da quando ho memoria ho sempre usato la carta come sacco da boxe. Impara a conoscermi, sono Paola Ferraro.

Gli articoli appena pubblicati

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Paura del silenzio: perché ci rende così ansiosi?

Ah, il silenzio... Che sia durante una conversazione o a casa, devo ammettere che non mi piace molto. Nella prima situazione mi sento estremamente in imbarazzo e nella seconda il silenzio diventa "assordante" e provoca ansia. Da dove nasce questa situazione? Perché dovrei accettare un po' di più il silenzio? E come possiamo farlo? Nella nostra società rumorosa, è giunto il momento di riconnetterci con il silenzio, di abbracciarlo e di smettere di avere paura.

Perché non riesco a scusarmi?

"Mi dispiace", "Scusami", sono frasi che, nonostante gli sforzi, non escono mai dalla tua bocca. Anche quando le scuse potrebbero risolvere tutti i problemi, non riesci proprio a farcela. Ma perché è così complicato? Come superare questo blocco? Vediamolo!

Non ho amici: come fare se non si hanno amici?

Non che passi tutto il giorno da solo/a, nel mio angolo, senza dire una parola. Ho quelle due o tre persone da chiamare se voglio uscire a bere qualcosa, ma non ho amici. Nessuna "seconda famiglia", come si suol dire. Si tratta di una scelta volontaria? È solo a causa del mio brutto carattere che respingo tutti quelli che mi si avvicinano? Oppure è semplicemente la vita, che ci allontana da alcune persone quando cresciamo? Non ho amici, è davvero così grave?

Cos'è la sindrome di Puffetta al lavoro?

Ah, i Puffi! Tutti conoscono i fumetti di Peyo con i simpatici personaggi blu. Ma se ci pensi, c'è qualcosa di strano: il fatto che ci sia una sola Puffetta per un intero villaggio. Un autore l'ha notato più di 30 anni fa e l'ha usato per parlare della scarsa rappresentazione delle donne. Purtroppo il principio della puffetta può essere riscontrata in molti ambiti, compreso quello lavorativo. Ecco come funziona.

6 consigli per superare la propria timidezza

L'idea di parlare in pubblico, o di parlare con gli sconosciuti, mi mette fuori di me. Divento paonazzo, inizio a tremare, mi si forma un nodo nello stomaco. Odio essere timido, non riuscire a mostrarmi disinvolto, parlare lo stretto necessario e non trovare mai il momento giusto per intervenire. Ecco perché, lavorando su me stesso, ho trovato 6 semplici trucchi per superare e a volte nascondere la mia timidezza.

10 pensieri positivi da tenere a mente per una carica quotidiana

Vedere il bicchiere mezzo pieno, anziché mezzo vuoto, è un pensiero positivo perfetto! I pensieri positivi ci aiutano nella vita di tutti i giorni, dandoci una spinta e motivandoci a realizzare progetti che ci stanno a cuore da tempo. Quindi, per aiutarti nel tuo percorso di realizzazione, ecco 10 pensieri da tenere a mente per accompagnarti sempre e ovunque!

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!