Disturbo dello spettro autistico: come riconoscere l’autismo nei bambini?

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Il 2 aprile è la giornata mondiale della sensibilizzazione all’autismo. È importante parlare di autismo per riconoscerlo, accompagnare e integrare le persone autistiche, sia bambini che adulti. Tra l’altro, l’autismo è spesso diagnosticato tardi. L’ideale sarebbe riuscire a riconoscerlo già nei bambini per agire in modo tempestivo. Quali sono i segni e i sintomi dell’autismo? Ecco la risposta alle tue domande!

Disturbo dello spettro autistico: come riconoscere l’autismo nei bambini?
 
 Sommario

Autismo: i sintomi da riconoscere

Cos’è l’autismo?

Il pedopsichiatra Leo Kanner ha descritto per la prima volta l’autismo nel 1943. È fondamentale dire che l’autismo non è una malattia mentale ma un disturbo che riguarda il neurosviluppo. Esistono diversi tipi di sotto categorie più o meno gravi: la sindrome di Asperger, per esempio, è la forma di autismo più leggera.

➜ Quali sono le cause dell’autismo?

  • L’alterazione di diversi geni;
  • Difetti di struttura e organizzazione di certe reti nel cervello;
  • Il sesso (gli uomini sono più toccati, 4 maschi per 1 femmina)
  • Antecedenti familiari;
  • Motivi legati alla gravidanza (virus, medicinali o nascita prematura).

I disturbi legati all’autismo

Agire in caso di autismo è necessario per favorire un migliore sviluppo del bambino autistico. Ecco perché è importante individuare l’autismo il prima possibile. Di sicuro non parliamo di un’impresa semplicissima visto che le malattie dello spettro possono presentarsi sotto diverse forme. Indipendentemente dalla gravità della malattia, si distinguono sempre 3 problemi particolari:

  • Disturbi della comunicazione: linguaggio confusionario, difficoltà con i codici di comunicazione non verbale
  • Disturbi del comportamento: ripetizione degli stessi movimenti, della stessa attività
  • Disturbi nelle relazioni sociali: indifferenza agli altri, poca partecipazione alle attività di gruppo

Hai già dato uno sguardo a: Quali conseguenze ha il Covid sui bambini?

Identificazione dell’autismo: quali sono i primi segni?

La diagnosi quindi è spesso effettuata intorno ai 3 anni, quando in realtà dovrebbe essere fatta nei primi 18 mesi. In ogni caso, nel corso del primo anno di vita, lo sviluppo dell’autismo è molto lento. I segni si manifestano in modo sottile. È importante essere attenti e anche parlare con il proprio bimbo per vedere come si sviluppa (soprattutto a livello del linguaggio).

➜ Alcuni segnali possono allertare i genitori:

  • Nessuna forma di linguaggio o gesto per comunicare prima di un anno
  • Nessuna parola prima dei 18 mesi
  • Nessuna frase di due parole in maniera spontanea prima dei due anni
  • Una perdita improvvisa delle capacità del linguaggio o una desocializzazione brutale
  • Pochi sorrisi in risposta ai nostri
  • Nessuna reazione quando viene chiamato per nome
  • Tra 12 e 24 mesi, una regressione dopo uno sviluppo normale

⚠ Tutti questi segnali non vogliono dire che il bimbo sia autistico. In ogni caso, sarebbe meglio consultare un professionista che potrà individuare i disturbi dello spettro autistico. Il medico potrà capire perché il bambino ha sviluppato sintomi simili come il disturbo del linguaggio o del comportamento. Potrà anche consigliare di consultare uno psicologo per bambini in caso di problemi psicologici.

Come riconoscere i sintomi dell'autismo?

Certi disturbi hanno dei sintomi comuni con l’autismo. Per esempio, la sindrome di Rett perturba l’interazione sociale, o ancora i disturbi del linguaggio, dell’attenzione ecc., tutti aspetti che posso servire per riconoscere l’autismo ma che non ne sono necessariamente il simbolo.

Ora hai qualche chiave di lettura in più per tentare di riconoscere l’autismo nei bambini. Indipendentemente dalle tue conclusioni, niente può sostituire la diagnosi di un medico. Questi segnali devono solo incoraggiarti a rivolgerti a un professionista.


Il consiglio della redazione – Non esitare a chiedere aiuto

È fondamentale riconoscere l’autismo il prima possibile per una migliore cura del bambino. L’autismo non è una malattia mentale ma richiede comunque una cura particolare. Da genitore, non è semplice gestire un bambino nello spettro. Non bisogna quindi esitare a chiedere aiuto per farsi accompagnare. Chi ci sta intorno, un medico o anche uno psicologo possono ascoltare le tue difficoltà di fronte all’autismo di tuo figlio. Solo prendendoti cura della tua salute mentale potrai prenderti cura di quella di tuo figlio.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe



Altri articoli che potrebbero interessarti:

Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!