Non riesco a dire quello che penso: e se ci provassimo?

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Sono abbastanza irascibile. Questa rabbia spesso deriva dal fatto che mi trattengo, rimugino sulle cose, penso molto ma poi mi tengo tutto dentro. Sto li a guardare gli altri che hanno una risposta ad ogni cosa, mentre io me ne resto in silenzio. Non riesco a dire ciò che penso veramente. Temo che mi si voltino le spalle, di non essere all’altezza, di scandalizzare gli altri, perciò mi tengo tutto dentro, fino a che non esplodo… prendendomela con il primo che passa e che non mi ha fatto nulla. È ora di cambiare!

Non riesco a dire quello che penso: e se ci provassimo?
 
 Sommario

Non dico nulla, ma penso molto

Ricordo di aver sentito alcune persone dire cose che mi hanno sconvolta, riguardo a questioni politiche e sociali. Ne parlavano con grande disinvoltura e sicurezza, e io me ne stavo zitta, mentre la mia voce interiore mi urlava contro. “Ma perché non dici che non sei d’accordo?”, “Perché non esprimi la tua opinione?”. E tutto questo a quale scopo? Per restare in silenzio e finirla a continuare la conversazione nella mia testa qualche ora più tardi.

In realtà il problema è che non mi è mai stato insegnato ad avere fiducia in me stessa e nelle mie opinioni. Mi è stato detto in continuazione che l’autorità ha sempre ragione, dunque i genitori, i professori, i datori di lavori; insomma, chi parla a voce più alta. In passato ho provato a dire ciò che pensavo veramente e, come molti altri, ne ho ricavato un’esperienza negativa che ha avuto delle ripercussioni molto pesanti: rimproveri, umiliazioni, e “vedi di non parlare mai più a sproposito”. Questa reazione mi ha subito frenata e adesso, ogni volta che provo a dire ciò che penso, inizio a tremare, e basta che io sia un po' dura nei toni che subito sento la voglia di scusarmi. Tutti cerchiamo di essere apprezzati e stimati, me compresa. Evito di dire quello che penso perché non voglio essere giudicata male o essere esclusa.

La redazione ti consiglia: Perché mi sento in colpa quando non rispondono ai messaggi?

E poi esplodo

A furia di tenermi tutto dentro, di starmene zitta, finisco inevitabilmente per esplodere. Spesso mi sfogo sulle persone che amo di più. In questo caso non ho pudore, posso arrivare ad essere addirittura crudele con le persone a cui voglio più bene. Ma questa rabbia ingiustificata e riprovevole è soprattutto il risultato del mio sentimento di impotenza. È una collera che deriva da tutti i “avrei dovuto dire la mia” che mi spinge a farmi allontanare dagli altri. Questo sentimento mi ruba talmente tante energie che alle volte preferisco non vedere certe persone per evitare di affrontarle. È davvero facile dire la propria opinione ad una che se ne sta zitta, come me.

Addio all'autostima

Il fatto di non esprimermi ha un impatto negativo sulla mia autostima. Mi sento frustrata, sono troppo gentile, penso addirittura che mi si manchi spesso di rispetto. E che dire del rispetto che io devo a me stessa? Anche se non dico proprio il contrario di ciò che penso o se semplicemente me ne sto zitta, non faccio altro che mentire a me stessa. Facendo così, rischio di ottenere ciò che più evito: il conflitto. Se continuo ad evitare di dire ciò che penso arrivando addirittura a sentirmi frustrata, un giorno arriverò al limite e in uno slancio di ribellione nel dichiarare la mia verità, rischierò di alzare la voce e di essere fraintesa! Ma rassicuriamoci, non è mai troppo tardi per migliorarsi e, a partire da oggi, possiamo decidere di dare meno peso all’opinione altrui e imparare a dire la nostra.

Un ragazza che si nasconde dietro una foglia

Come liberarsi dell’opinione altrui e imparare a dire ciò che pensiamo?

1) Conoscersi bene

Conoscere tutto di se stessi: forze, limiti, debolezze, talenti. Questo è un buon modo per liberarsi dell’opinione altrui e proteggersi di fronte alle critiche o ai giudizi esterni. Si sa, lo sai, facciamo presto a crearci un’idea di qualcuno, dunque non permettiamo agli altri di etichettarci e prendiamoci il tempo di riflettere su chi siamo veramente, per poter definire noi stessi. Infine, dai importanza all’opinione che tu hai di te stesso. Il tuo valore non viene determinato soltanto dagli altri e dall’opinione che loro hanno di te. Anche la tua opinione conta: se sei fiero di qualcosa, non aspettare che gli altri esprimano il loro giudizio o confermino le tue motivazioni. Perché rivelare la tua opinione, osare dire ciò che realmente pensi, equivale a mostrare il tuo temperamento: una persona che non è discreta, non è invisibile e che non si fa da parte.

2) Accetta di non piacere per forza a tutti


Spesso si evita di dire ciò che si pensa per evitare le critiche altrui. Ti è mai capitato di startene in silenzio, mettendo la tua personalità da parte per evitare di contraddire gli altri, per paura di non essere accettata? È impossibile piacere a tutti. Sembra una banalità ma è un dato di fatto, che bisogna assolutamente tenere in conto per poter finalmente imparare a dire ciò che si pensa.

3) Di’ "si" alla tua vulnerabilità

Molto spesso abbiamo paura di farci vedere vulnerabili agli occhi degli altri. Manifestando le nostre debolezze, temiamo di mostrarci imperfetti e, ancora una volta, di non essere accettati. Ma se ci pensiamo bene, è proprio aprendoci agli altri e mostrandoci autentici che creiamo dei legami profondi, dei momenti di condivisione, degli scambi ricchi e intensi. E questo è, ancora una volta, il modo migliore per sentirsi accettati e liberi di esprimere il nostro pensiero.


Il consiglio della redazione - Saper gestire le proprie emozioni


Può non sembrare scontato, ma per fregarsene dell’opinione altrui e riuscire a dire ciò che pensiamo, bisogna imparare a gestire meglio le proprie emozioni. In effetti, più si è inclini a lasciarsi sopraffare dall’imbarazzo, la timidezza, la paura, la rabbia, l’entusiasmo, e via dicendo, più si avrà tendenza a starsene in silenzio o, al contrario, a esprimersi con una schiettezza brutale, quasi crudele. Dire ciò che si pensa è molto onesto, perciò l’obbiettivo è quello di un gesto fatto con il cuore, che sia nobile e sincero. Condividere la propria opinione allo scopo di sminuire gli altri, di ferirli o semplicemente farlo nel modo sbagliato, senza tatto, prudenza o apertura mentale avrà soltanto degli effetti negativi.


Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!