Perché mi innamoro sempre degli uomini che non mi amano?

Aggiornato il da Giada Paoli

Ogni volta la stessa storia, sei attratta da uomini che non si interessano a te, che non ti fanno stare bene, che sono totalmente inaccessibili? Ma perché ricadi sempre nello stesso schema drammatico? Nathalie Prussia-Collin, autorevole psicologa francese, ci spiega questo comportamento.

Perché mi innamoro sempre degli uomini che non mi amano?

Una scelta inconsciente 

Le relazioni che abbiamo con gli altri, e in particolar modo le relazioni amorose sono influenzate dalla nostra infanzia e dal rapporto che avevamo con i nostri genitori. Quindi un determinato tipo di relazioni influenza la scelta del partner. Nathalie Prussia-Collin, psicologa clinica, ce lo spiega meglio. Le storie d’amore sono spesso viste come se fossero avvolte nel mistero, eppure la scelta del partner è molto meno misteriosa di quanto possa sembrare 😉.

Perché mi innamoro di uomini sbagliati? Le ragioni risalgono al'infanzia

La nostra storia personale, quella della nostra infanzia, condiziona incontestabilmente le preferenze affettive future, anche se non ne siamo per niente coscienti. È proprio questa incoscienza che ci guida verso scelte ricche di significato, che ci condizioneranno per vari anni, finché il mistero non verrà svelato. Così, i nostri primi “oggetti” amorosi erano i genitori, la famiglia. È con loro, a partire da loro e grazie a loro che ci costruiamo gli amori futuri.

Dei genitori amorevoli e incoraggianti permetteranno al bambino di svilupparsi e crescere in un clima sereno senza che si presenti la questione dell’autostima (come migliorare la fiducia in sé?). Al contrario, in una famiglia fredda, indifferente, dura succederà esattamente l’inverso. Certo, possiamo immaginare che tutti i bambini abbiano dei dubbi rispetto all’immagine che hanno di loro stessi e che sentono il bisogno di essere rassicurati in un certo periodo della loro vita, indipendentemente dal contesto nel quale crescono.

Padre con due figlie

È chiaro che sei i i genitori valorizzano i figli e li accompagnano durante i loro progetti di vita, questi avranno molte più chance di orientarsi verso relazioni molto più sane rispetto a un bambino proveniente da una famiglia in cui non gli viene rivolto il minimo sguardo e nessuna forma di amore.

Come ci influenza la relazione padre/figlia?

🧠 A questo si aggiungono delle sottigliezze all’interno di una famiglia che rientrano nella relazione edipica, che spinge il bambino in diversi momenti della sua vita ad avvicinarsi più alla mamma o al papà. La relazione padre/figlia è una relazione particolare che conduce la bambina a voler sedurre il proprio padre ed essere da lui riconosciuta. Viene quindi a crearsi un triangolo padre, madre e figlia in cui l’amore e la riconoscenza del padre sono strettamente necessari, cosi come quelli da parte della madre.

È al centro di questa relazione tra il padre e la propria figlia che nascono le aspettative del bambino e gli eventuali problemi. Una bambina che è stata amata e valorizzata dal padre riprodurrà questo schema d’amore con gli uomini che incontrerà. 👉 Al contrario, una bambina che è stata rifiutata o abbandonata dal padre riprodurrà questo schema dell’abbandono scegliendo uomini che non l’ameranno e non le daranno lo spazio che merita. 👋 Paura e sindrome dell'abbandono: come affrontarla e superarla.

La bambina, futura donna, poco amata o rifiutata dal padre, attratta da uomini che la trattano male e che non la considerano, può sfuggire a questo schema costruendo dentro di lei uno schema compensatore che le permetterà di valutare ciò che considera di meritare realmente nel più profondo del cuore.

Migliorare l’autostima: amarsi per essere amata

Quindi la fiducia in se stessi è facilitata dalla valorizzazione familiare ma è anche qualcosa che si costruisce nel tempo e che può essere modificata da uno sguardo oggettivo sul nostro valore. Quindi rompi gli schemi ripetitivi, smetti di scegliere uomini che non sarebbero liberi, che utilizzano la donna come un oggetto o semplicemente che non sono pronti ad amare.


Il consiglio della redazione: quali sono le cause?

Una donna che accetta tutto perché ha paura di non essere amata si accontenta del poco che l’uomo che ha scelto di default riesce a darle, perché pensa di non valere di meglio. Sceglie un uomo che ha idealizzato, e si accontenterà di briciole che non faranno mai il grande amore, perché queste briciole vengono valorizzate anche se non lo meritano. È quindi fondamentale lavorare sulla propria storia personale per identificare le cause delle proprie scelte in fatto di uomini che non riescono ad amare, capire quale schema si ripete e ricordarsi che l’amore si costruisce nella reciprocità e non nell’attesa permanente dell’altro, e ancora meno nel disequilibrio. 👉 Ecco perché è fondamentale prendere appuntamento con uno psicologo per rompere questo schema e dare inizio a nuovi comportamenti che ti porteranno verso una vita sentimentale serena.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felice… Qui e ora! 
#BornToBeMe


Altri articoli che potrebbero interessarti:

Articolo suggerito da Giada Paoli

Il mio sogno è vivere sognando ad occhi aperti, amando infinitamente e sentirmi libera di essere ciò che desidero.

Gli articoli appena pubblicati

Mi sento diversa: non tutti i mali vengono per nuocere!

"Beh, ma tu sei un artista!". "Si vede che sei un po' originale!" Questo è proprio il tipo di osservazione che i miei amici mi fanno spesso (molto, troppo spesso). Complimenti? Non proprio. Più che altro è un modo educato di farmi capire che non sono come loro, che sto facendo troppo, o troppo poco, che non seguo il ritmo. La verità? Credo che abbiano ragione!

"Maschiaccio": non dire mai più una cosa del genere alle ragazze!

Da piccola giocavo molto con i Lego e con i videogiochi. Per me sono passioni come tutte le altre e a 33 anni gioco ancora ai videogiochi. Tuttavia, ciò che non è normale è che quando ero più giovane venivo descritta come un "maschiaccio". In realtà, ho sempre odiato questo termine e credo sia ora di smettere di usarlo. È sessista e attribuisce un'etichetta alle ragazze che non rientrano nei cliché del loro genere, quindi non pronunciarlo mai più!

Detesto i complimenti, perché mi mettono così a disagio?

“Hai un talento naturale per la fotografia, sei bravissima!”. Improvvisamente divento rossa come un peperone e non so più come comportarmi. I complimenti mi mettono terribilmente a disagio, ma so che dovrei viverli in tutt’altra maniera. La maggior parte delle persone infatti amano i complimenti! Io non riesco ad accettarli. Perché? Cosa mi mette così a disagio?

Sono una di quelle persone che non mettono il lavoro al centro della propria vita. D'altra parte, ho un'amica che lo fa, al punto che il suo corpo cede regolarmente. È chiaro che il suo lavoro è la sua ragion d'essere e dà il massimo. Forse un po' troppo. Ecco perché ho voluto scrivere questo articolo, per ricordarle di fare attenzione! Forse sarà utile anche a te, soprattutto se senti che la tua carriera sta occupando tutto lo spazio della tua vita.

Basta con la pressione per avere una vita sessuale folle, anche il missionario va bene!

"Haaa cosa non hai mai provato la posizione della carriola moldava?". No Ginetta, non ho mai provato questa posizione sessuale, ma il tuo sguardo stupito mi mette sotto pressione... Onestamente, a chi non è mai capitato durante una discussione tra amiche? A me è successo e anche se la carriola moldava non esiste, avevo il diritto di essere giudicata per altre pratiche sessuali che non pratico. Sembra che tu debba fare di tutto a letto per dimostrare di avere una vita sessuale pazzesca... Basta!

La mia famiglia è tossica: come riconoscerla? come fare?

Non riesco a credere di essere nata sotto una cattiva stella solo a causa della mia famiglia che, ammettiamolo, è lungi dall’essere perfetta. Quando mia madre non mi fa sentire in colpa, ci pensa mio padre a sminuirmi ed a paragonarmi alla sorella che non ho mai avuto. Per essere felice e sfuggire a questa relazione "tossica", ho dovuto prendere delle misure, poi le distanze. Ti racconto come ho imparato a stare alla larga dai miei genitori nocivi.

Il mio manager è tossico? 9 segni per scoprirlo!

Essere un bravo manager non è roba da tutti. Alcuni tirano un po' troppo la corda e vittimizzano i sottoposti senza scrupoli. Controllano le mail, sono incapaci di riconoscere il talento dei colleghi, e possono addirittura arrivare alle minacce, raggiungendo dei comportamenti malsani. Se hai dubbi sul tuo manager, ecco 9 indizi per capire se è tossico!

Mi sento sola: 8 modi per colmare quel grande vuoto in me

Viviamo gli uni accanto agli altri, senza vederci veramente. In coppia, in società, in senso generale, spesso ci si sente soli. E ancora di più in periodo Covid. Trasparenti, incompresi…questa solitudine è pesante e ci fa isolare ogni giorno un po' di più. Prima di finirla da sole con 10 gatti (anche se questi ultimi sanno essere di grande conforto!), ecco 8 trucchetti per colmare definitivamente questa sensazione di vuoto e non sentirci mai più messe da parte.

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!