Perché mi innamoro sempre degli uomini che non mi amano? Nathalie Prussia Collin, psicologa, ci spiega tutto

Aggiornato il da Giada Paoli

Ogni volta la stessa storia, sei attratta da uomini che non si interessano a te, che non ti fanno stare bene, che sono totalmente inaccessibili? Ma perché ricadi sempre nello stesso schema drammatico? Nathalie Prussia-Collin, autorevole psicologa francese, ci spiega questo comportamento.

Perché mi innamoro sempre degli uomini che non mi amano? Nathalie Prussia Collin, psicologa, ci spiega tutto
 
 Sommario

Le relazioni che abbiamo con gli altri, e in particolar modo le relazioni amorose sono influenzate dalla nostra infanzia e dal rapporto che avevamo con i nostri genitori. Quindi un determinato tipo di relazioni influenza la scelta del partner. Nathalie Prussia-Collin, psicologa clinica, ce lo spiega meglio. Le storie d’amore sono spesso viste come se fossero avvolte nel mistero, eppure la scelta del partner è molto meno misteriosa di quanto possa sembrare 😉.

Perché mi innamoro di uomini sbagliati? Le ragioni risalgono al'infanzia

La nostra storia personale, quella della nostra infanzia, condiziona incontestabilmente le preferenze affettive future, anche se non ne siamo per niente coscienti. È proprio questa incoscienza che ci guida verso scelte ricche di significato, che ci condizioneranno per vari anni, finché il mistero non verrà svelato. Così, i nostri primi “oggetti” amorosi erano i genitori, la famiglia. È con loro, a partire da loro e grazie a loro che ci costruiamo gli amori futuri.

Dei genitori amorevoli e incoraggianti permetteranno al bambino di svilupparsi e crescere in un clima sereno senza che si presenti la questione dell’autostima (come migliorare la fiducia in sé?). Al contrario, in una famiglia fredda, indifferente, dura succederà esattamente l’inverso. Certo, possiamo immaginare che tutti i bambini abbiano dei dubbi rispetto all’immagine che hanno di loro stessi e che sentono il bisogno di essere rassicurati in un certo periodo della loro vita, indipendentemente dal contesto nel quale crescono.

Padre con due figlie

È chiaro che sei i genitori valorizzano i figli e li accompagnano durante i loro progetti di vita, questi avranno molte più chance di orientarsi verso relazioni molto più sane rispetto a un bambino proveniente da una famiglia in cui non gli viene rivolto il minimo sguardo e nessuna forma di amore.

Come ci influenza la relazione padre/figlia?

🧠 A questo si aggiungono delle sottigliezze all’interno di una famiglia che rientrano nella relazione edipica, che spinge il bambino in diversi momenti della sua vita ad avvicinarsi più alla mamma o al papà. La relazione padre/figlia è una relazione particolare che conduce la bambina a voler sedurre il proprio padre ed essere da lui riconosciuta. Viene quindi a crearsi un triangolo padre, madre e figlia in cui l’amore e la riconoscenza del padre sono strettamente necessari, cosi come quelli da parte della madre.

È al centro di questa relazione tra il padre e la propria figlia che nascono le aspettative del bambino e gli eventuali problemi. Una bambina che è stata amata e valorizzata dal padre riprodurrà questo schema d’amore con gli uomini che incontrerà. 👉 Al contrario, una bambina che è stata rifiutata o abbandonata dal padre riprodurrà questo schema dell’abbandono scegliendo uomini che non l’ameranno e non le daranno lo spazio che merita. 👋 Paura e sindrome dell'abbandono: come affrontarla e superarla.

La bambina, futura donna, poco amata o rifiutata dal padre, attratta da uomini che la trattano male e che non la considerano, può sfuggire a questo schema costruendo dentro di lei uno schema compensatore che le permetterà di valutare ciò che considera di meritare realmente nel più profondo del cuore.

Migliorare l’autostima: amarsi per essere amata

Quindi la fiducia in se stessi è facilitata dalla valorizzazione familiare ma è anche qualcosa che si costruisce nel tempo e che può essere modificata da uno sguardo oggettivo sul nostro valore. Quindi rompi gli schemi ripetitivi, smetti di scegliere uomini che non sarebbero liberi, che utilizzano la donna come un oggetto o semplicemente che non sono pronti ad amare.


Il consiglio della redazione: quali sono le cause?

Una donna che accetta tutto perché ha paura di non essere amata si accontenta del poco che l’uomo che ha scelto di default riesce a darle, perché pensa di non valere di meglio. Sceglie un uomo che ha idealizzato, e si accontenterà di briciole che non faranno mai il grande amore, perché queste briciole vengono valorizzate anche se non lo meritano. È quindi fondamentale lavorare sulla propria storia personale per identificare le cause delle proprie scelte in fatto di uomini che non riescono ad amare, capire quale schema si ripete e ricordarsi che l’amore si costruisce nella reciprocità e non nell’attesa permanente dell’altro, e ancora meno nel disequilibrio. 👉 Ecco perché è fondamentale prendere appuntamento con uno psicologo per rompere questo schema e dare inizio a nuovi comportamenti che ti porteranno verso una vita sentimentale serena.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Altri articoli che potrebbero interessarti:


Fonte: amletopetrarca.com

Articolo suggerito da Giada Paoli

Il mio sogno è vivere sognando ad occhi aperti, amando infinitamente e sentirmi libera di essere ciò che desidero.

Gli articoli appena pubblicati

Dipendenza affettiva

Sicuramente hai già sentito parlare della dipendenza affettiva. Pensi di esserne affetta o che un tuo caro lo sia? Come distinguere l’amore e la dipendenza affettiva? Come uscirne? Scopriamolo insieme!

Come annunciare l’arrivo di un secondo figlio al primogenito?

L’avventura ricomincia! Ci siamo, avete deciso di ingrandire la famiglia, che bello! Non hai neanche il tempo di metabolizzare la notizia che subito insorgono diverse emozioni come la felicità, l’eccitazione, l’apprensione, il senso di colpa. Come reagirà il primogenito? È una domanda da porsi, perché spesso un semplice “arriverà un fratellino o una sorellina” non basta. Non è così facile, ma una cosa è certa: l’amore si moltiplica! Ora devi solo rendere chiaro il messaggio!

“Cosa fai nella vita?”, "Faccio del mio meglio!"

Bastano pochi minuti di conversazione con uno sconosciuto che subito viene posta la fatidica domanda: "Cosa fai nella vita?". Questa domanda ti innervosisce? Non hai voglia di sentirti definita dal tuo mestiere o dal tuo posto nella società? Siamo tutti sulla stessa barca!

Perché ho costantemente bisogno di attenzioni?

Anche tu hai la spiacevole tendenza a fare di tutto un dramma affinché gli altri si prendano cura di te? Non smetti mai di pretendere la loro attenzione, a qualunque costo? Se la risposta è si, fai sicuramente parte di quelle persone che vivono per attirare l’attenzione degli altri. A lavoro, tra amici o sui social, devi sempre essere il centro dell’universo. E nonostante questo comportamento eccessivo spesso e volentieri non ti faccia star bene, è più forte di te! Ma da cosa deriva? Come porvi rimedio prima che sia troppo tardi?

Vorrei che i miei genitori fossero fieri di me, perché ho così tanto bisogno della loro approvazione?

Ho più di 30 anni ma provo sempre la stessa felicità nell’annunciare un mio successo a mio padre. So che mi rende felice farlo, soprattutto da quando la mamma ci ha lasciati. Però, allo stesso tempo, mi chiedo sempre: perché ho bisogno di sapere che mio padre è fiero di me? Perché, in generale, abbiamo bisogno dell’approvazione dei nostri genitori? Renderli felici è una cosa, ma è bene farsi delle domande se la loro approvazione occupa un posto troppo importante nella nostra vita.

Essere proattivi: cosa vuol dire? Come diventarlo?

A volte mi sembra di essere totalmente proattivo, altre volte molto meno. So che è un comportamento che può apportarmi molto, soprattutto in ambito professionale. Ma cosa significa esattamente essere proattivi? Perché è un bene esserlo dal punto di vista professionale? Scopriamolo insieme!

Sono una persona tossica? 10 modi per scoprirlo

In amore, in amicizia, sul lavoro, in famiglia… Credo che tutte prima o poi abbiamo avuto a che fare con una persona tossica. Ma a volte dovremmo porci a nostra volta la domanda: “sono una persona tossica?” o lo sono stata in qualche occasione con qualcuno? A volte capita di non rendersi conto del proprio comportamento! Ecco perché è importante fare un passo indietro in certe situazioni e farsi delle domande in modo tale da auto esaminarsi ed essere sempre la migliore versione di noi stessi. Solo per te un piccolo test per sapere se sei una persona tossica o no!

Positivià tossica: mi impongo di stare bene... e non va bene!

L’ottimismo è una bella cosa. “Andrà tutto bene”, “sii forte”, “tutto tornerà alla normalità”. Te lo sei detto e ridetto e te lo hanno ripetuto anche gli altri, ma se da un lato questa attitudine positiva è una cosa buona, dall’altro alle volte può diventare tossica. Quando ci impediamo ad ogni costo di stare male, la mente rischia di soffrirne profondamente.

Ho dei dubbi sulla mia relazione, è normale? Come reagire?

Succede spesso. La vita di coppia e l'amore non sono mai una passeggiata: succede, naturalmente, che alle volte sorgano dei dubbi. Non essere più sulla stessa lunghezza d'onda, avere l'impressione che l'erba sia più verde altrove, avere progetti diversi...Travolto dal peso dei dubbi, l'amore perde il suo splendore. È una situazione irrimediabile? No, l'importante è sapere come reagire.

La mia relazione non mi rende felice, come fare?

La magia dell’inizio di una relazione e le farfalle nello stomaco sono volate via. Stare insieme significa avere un partner per la vita, qualcuno che ti sta accanto, ma alle volte ci si sente infelici e incomprese. Quando la tua metà ti fa più piangere che ridere, è assolutamente legittimo mettere in dubbio la relazione stessa. Ma prima di lasciar perdere del tutto, sappi che esistono delle soluzioni. Non sono felice nella mia relazione, come fare? Vediamolo insieme.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!