Visualizzazione mentale e immagini mentali: cos’è e come funziona

Aggiornato il da La Redazione Wengood

L’ho fatto senza sapere davvero di cosa si trattasse. Per far fronte a un dolore momentaneo, ho chiuso gli occhi e mi sono sdraiata sulla spiaggia sotto il sole. Non lo sapevo, ma facevo della visualizzazione positiva e questa tecnica, come l’immagine mentale sono degli strumenti potenti per essere più performanti e stare bene!

 
 Sommario

Visualizzazione mentale o “immagine mentale”?

Queste due tecniche si somigliano molto e sono a volte anche utilizzate senza distinzione. Si distinguono comunque perché la visualizzazione è volontaria e fatta di immagini precise, mentre l’immagine mentale cerca di far emergere delle rappresentazioni che appartengono dell’inconscio.

Perché fare la visualizzazione mentale?

I vantaggi della visualizzazione o dell’immagine mentale sono numerosi e possono giocare un ruolo chiave in diverse situazioni. La visualizzazione permette di agire su un comportamento o un processo psicologico. È quindi utile:

  • in un processo di guarigione
  • eliminare lo stress e ridurre l’ansia
  • per esorcizzare  una paura o una fobia
  • alleviare alcuni dolori come mal di testa, dolori addominali, cistite ecc.
  • evitare gli incubi
  • per essere più creativi

In questo caso si parla di visualizzazione con vantaggi curativi. Esiste anche la visualizzazione creativa. Si tratta di una visualizzazione che può aiutare a raggiungere i propri obiettivi, ma anche a prepararsi in vista di una competizione (si parla di allenamento mentale). È infatti molto utilizzata dagli sportivi di alto livello. Questa visualizzazione permette di passare 4 stati che sono la condizione della performance: la calma, la fiducia, la determinazione e l’energia.

Come fare visualizzazione mentale?

La visualizzazione mentale è efficace perché il cervello non fa differenza tra una situazione proveniente da una visualizzazione dello spirito e una situazione realmente vissuta 🧠. Se ci pensiamo, funziona molto bene nel caso di una situazione sgradevole, negativa o paurosa. Per esempio, la paura del buio ci spinge a immaginare dei mostri, degli aggressori e a sentire realmente la paura, ad essere davvero terrorizzati. Al contrario, se immersa nel buio immagino una situazione piacevole, tenderò a rilassarli e anche a non avere più paura.

4 step per realizzare una buona visualizzazione mentale

Il percorso da seguire è piuttosto semplice: basta immaginare un oggetto, una situazione, un’emozione ad essi legata o meno. Questi elementi attiveranno gli stessi effetti psicologici che attiverebbero nella realtà, e finiranno per scatenare dei cambiamenti nel nostro comportamento o metabolismo.

1) Primo step:

Rilassa il corpo e lo spirito con dei respiri profondi. Rilassa i muscoli e cerca di svuotare i pensieri. Dovresti già cominciare a sentirti meglio.

2) Secondo step:

Ora immagina i tuoi desideri e/o i tuoi obbiettivi. Per farlo, chiudi gli occhi e immagina una situazione che ti fa bene e o ancora l’obbiettivo ultimo che vorresti raggiungere.

3) Terzo step:

Qui andiamo ancora più lontano. Bisogna concentrarsi sulle sensazioni legate alla visualizzazione: le emozioni, gli odori, i suoni. Se il tuo obbiettivo consiste nel cantare davanti al pubblico, visualizza i suoni intorno a te. La voce delle persone presenti, la musica, il rumore dei tuoi passi, del microfono, del tuo respiro, della tua voce. Immagina la sensazione dei capi che indosserai sulla tua pelle, l’odore della polvere, del fumo, del sudore, dell’alcool ecc.

4) Quarto step:

Immagina ora come ti sentirai quando l’obiettivo sarà raggiunto. Pensa alla sensazione di benessere, di soddisfazione. Immagina gli applausi, il primo sorso d’acqua appena scesa dal palco, il profumo di una persona che viene a farti i complimenti.

Per anticipare un contesto molto preciso, come in questo caso, per preparare una competizione o ancora per prevenire una situazione stressante o che ci fa arrabbiare, la visualizzazione ripetuta permetterà di concentrarsi su un’emozione particolare e raggiungere uno spirito positivo.

Come funziona l’immagine mentale?

L’immagine mentale è uno strumento di guarigione utilizzato per trattare fobie o per controllare meglio gli effetti dello stress e gli effetti indesiderati del cancro. Non dimentichiamo che può anche aiutarci ad attenuare certi problemi psicologici.

Qual è la tecnica da utilizzare?

Contrariamente alla visualizzazione mentale, l’immagine mentale sollecita il nostro inconscio e cerca di far uscire informazioni nascoste dentro di noi. Sfortunatamente non si può praticare da soli ma deve essere monitorata da un professionista.

Una seduta di immagine mentale comincia, come per la visualizzazione, con un momento di relax. Successivamente, bisogna osservare le immagini che arrivano spontaneamente in testa. Non creiamo quindi delle immagini proprie ma lasciamo che le immagini vengano verso di noi. L’obiettivo è poi di interagire con l’ambiente circostante. Il terapeuta può quindi guidarci e suggerirci nuovi elementi, nuove azioni, nuove interazioni. Certi comportamenti immaginari ci obbligano ad uscire dalla nostra comfort zone.

Per esempio, in caso di talassofobia, il professionista può indurci ad immergerci facendo in modo che l’acqua diventi un argomento di benessere e serenità piuttosto che una fonte di ansia e paura. Poco a poco, l’immagine mentale ci aiuterà ad essere autonomi e creativi per superare ogni ostacolo.

Afantasia: perché non riesco a visualizzare mentalmente?

Il termine afantasia è relativamente recente visto che risale al 2015. Si parla anche di spirito cieco. Si tratta di un deficit neurologico raro che impedisce di visualizzare nella propria testa immagini mentali, così come dei luoghi o dei volti, nonostante l’immaginazione e la memoria funzionino correttamente.

Qual è la differenza tra mediazione e visualizzazione?

Mentre la mediazione ha per obbiettivo di placare il sistema nervoso, la visualizzazione ci aiuta piuttosto a riprogrammarlo. Per esempio, di fronte a un senso di ansia, la mediazione ci aiuta a calmarci, a mettere fine alle nostre preoccupazioni, mentre la visualizzazione mentale agisce diversamente. Proiettando immagini mentali, la visualizzazione ci permette di non sentire più l’ansia di fronte a una determinata situazione, ma di mettere un’altra emozione al suo posto.


Il consiglio della redazione: tecniche molto efficaci

La visualizzazione e l’immagine mentale sono particolarmente efficaci per calmarsi e capire l’origine di un comportamento. La prossima volta che affronterai una situazione stressante, prova la tecnica della visualizzazione e dicci nei commenti come ti è sembrata! E se senti di aver bisogno di auto, non esitare a contattare uno psicologo.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!
#BornToBeMe



Fonte: stefanofalcini.com - /www.disfor.unict.it/

Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!