Claustrofobia: cause, sintomi e rimedi

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Alcune persone hanno paura degli ascensori, altre delle risonanze magnetiche… Tutti abbiamo paure irrazionali che non sappiamo spiegare, come la paura dei luoghi chiusi, ovvero la famosa claustrofobia! Sono molte le persone che non si sentono a proprio agio nei luoghi chiusi, ma da cosa deriva questo fastidio? Come si convive con la claustrofobia? Tante domande che è importante porsi, soprattutto quando la questa fobia rovina la nostra vita quotidiana…

Claustrofobia: cause, sintomi e rimedi
 
 Sommario

Che cos’è la claustrofobia?

La claustrofobia fa parte dei disturbi d'ansia, e consiste nella paura di uno spazio chiuso (o piccolo). Questa paura colpisce dal 4 al 5% della popolazione e provoca una sensazione di panico. Chi soffre di claustrofobia evita certi luoghi chiusi per evitare la sensazione di ansia che ne deriva. Si tratta di luoghi come: ascensori, metropolitane, piccole stanze senza finestre, fare una risonanza magnetica, aerei, ecc.

Perché si soffre di claustrofobia?

La claustrofobia è multifattoriale. Può comparire dopo uno shock emotivo o un'esperienza traumatica. Inoltre, per le persone ipersensibili, è più facile sviluppare questa paura irrazionale. Gestire le emozioni è più complicato quando l'ipersensibilità fa parte della nostra vita e del nostro carattere. Generalmente, le emozioni negative si focalizzano su una paura, come la paura di rimanere bloccati in un luogo chiuso. Può capitare di diventare claustrofobici anche quando ci troviamo in una situazione poco sicura e con un contesto di vulnerabilità: la nostra intelligenza emotiva si sveglia e il famoso "e se?" ci attanaglia, causando un forte stato di ansia.

😰 Quando soffriamo di claustrofobia, abbiamo una relazione patologica con una determinata emozione. Sai quali sono le 10 fobie più insolite?

Come capire se si soffre di claustrofobia?

Quando si è claustrofobici, lo si sa immediatamente: appena ci troviamo in un posto un po' chiuso o piccolo, arriva l'ansia. La nostra immaginazione scatenerà pensieri legati alla paura di morire.

🚡 Per esempio: un ascensore è un luogo altamente ansiogeno per un claustrofobico. Uno dei pensieri automatici legati alla paura è: "E se l'ascensore si rompesse? E se si sgancia?".

Quali sono i sintomi?

Quando si inizia a essere in preda al panico a causa di uno spazio chiuso, appaiono sintomi fisici come:

  • Palpitazioni, cuore martellante o frequenza cardiaca accelerata;
  • Avere il fiato corto o sentirsi soffocare;
  • Sensazione di vertigini, stordimento o svenimento;
  • Sudorazione, vampate di calore, fastidio al petto;
  • Paura di morire, di perdere il controllo di se stessi.

Le sensazioni fisiche possono diventare insopportabili e, allora, può sopraggiungere una crisi legata alla claustrofobia. Per far sparire l'ansia, è necessario seguire gli stessi passi necessari per calmare un attacco di panico.

Come trattare la claustrofobia?

Le terapie cognitive comportamentali (TCC) trattano tutte le paure incontrollabili. Il terapeuta imposta degli esercizi per "riprogrammare i nostri pensieri": l'obiettivo è cambiare le nostre percezioni negative in idee più positive. Inoltre, questa terapia ci mette di fronte all'oggetto della nostra paura, in modo graduale, per far sparire le ansie legate a quest’ultimo. Affrontare la paura regolarmente e gradualmente aiuta a diminuire le ansie legate a quest'ultima.

🧘 Per calmarsi, si può anche praticare la meditazione di consapevolezza o lo yoga. Si tratta di veri e propri esercizi per gestire meglio i nostri pensieri e ridurre lo stress.

La mia esperienza personale con la claustrofobia

Per quanto mi riguarda, ho sofferto a lungo di claustrofobia. Da bambina, sono rimasta chiusa in un bagno pubblico per diverse ore (la serratura era difettosa). Appena mi sono resa conto che non riuscivo ad aprire la porta, mi sono ritrovata in uno stato di panico molto intenso. Tuttavia, a poco a poco ho iniziato ad andare in luoghi chiusi un po' più grandi (come i parcheggi sotterranei) sempre in compagnia di qualcuno e, gradualmente, sono riuscita a calmarmi. Non sono mai totalmente tranquilla quando devo prendere un ascensore, ma non scappo a gambe levate come quando ero una bambina.

Lavorare sulla tua paura ti permette di ridurla o, nel migliore dei casi, di farla sparire completamente. Ecco perché non dovresti esitare a consultare uno psicologo quando incontri difficoltà di questo tipo.


Il consiglio della redazione – Una fobia che può ben presto diventare invivibile

Essere claustrofobici può diventare rapidamente un handicap nella vita quotidiana. Diventa impossibile andare in un parcheggio sotterraneo o prendere un ascensore…insomma, gli esempi sono numerosi. È importante lavorare su questa fobia con uno psicologo: la TCC dà ottimi risultati, quindi non esitare a prendere un appuntamento per dire addio a questa fastidiosa fobia.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Altri articoli che potrebbero interessarti:

Fonte: healthy.thewom.it

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!