Come sollevare il morale di un amico/a? 6 consigli per dare una mano

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Non c’è niente di peggio che vedere una persona amica triste e non sapere cosa fare per consolarla. Quando ero più giovane, mi è già successo di sentirmi impotente di fronte alla tristezza delle persone a cui tenevo. Avrei voluto dare una mano, ma non sapevo come fare. Fortunatamente, crescendo e diventando più sensibile ai problemi di salute mentale, ormai so come comportarmi. Ecco quindi 6 consigli per risollevare il morale di una persona a cui tieni!

Come sollevare il morale di un amico/a? 6 consigli per dare una mano

6 consigli per risollevare il morale di un amico/a

1. Creare uno "spazio sicuro" e sapere ascoltare

La prima cosa da fare è mostrare che gli amici possono avere fiducia in noi e che non siamo qui per giudicarli. Io lo chiamo “safe space”, un posto sicuro in azioni ed emozioni non vengono criticate. Questo permette di rassicurare l’altro e mostrare che siamo presenti 🤗.

“Sono qui per te, lo sai che puoi dirmi tutto e che non ho intenzione di giudicarti. Sei un amico/a e voglio davvero aiutarti, quindi non avere paura di dirmi quello che hai dentro.”

Solo così si riesce davvero a svuotare il sacco e tirare fuori tutto ciò che crea disagio. A questo punto entra in gioco la seconda cosa più importante: l’ascolto. Non serve a niente dare consigli se non siamo capaci di ascoltare ciò che l’altro ha da dirci. E soprattutto, se non ascoltiamo a fondo, non si potrà rimediare ai problemi degli altri, ma guariremo le nostre ferite parlando tramite un prisma, come spiega la psicologa Patricia Delahaie. La persona che si confida deve sentirsi compresa e rilassata per andare avanti.

👉 Per essere sicura di aver ben capito ciò che l’altro ha da dirci, cerca di riformulare la problematica dicendo: “quindi è questo che ti crea problemi”?. Questo è l’atteggiamento dell’ascolto attivo, che mostra che siamo davvero coinvolti e desiderosi di dare una mano.

2. Adattarsi alla sua personalità

A volte dimentichiamo che non funzioniamo tutti nello stesso modo. Tra la sindrome del salvatore e la mia voglia di aiutare, a volte ho forzato un po’ troppo la mano. Il problema è che non viviamo tutti le stesse cose allo stesso modo: la fine di una relazione, un momento no, un licenziamento o un lutto 😟… ognuno reagisce a modo suo! Come spiega la psicologa, ci sono tante reazioni possibili. Certe persone avranno tendenza a chiudersi in se stessi per recuperare le forze, altre preferiranno rifugiarsi in una passione e altre ancora avranno bisogno di stare in compagnia, uscire e ridere.

“Dimmi cosa vuoi fare e mi adatto!”

Insomma, è facile capire che non reagiamo tutti nello stesso motivo, ci sono persone che possono restare mute a causa di un trauma, cosa che ha spesso luogo quando si manifesta un grande shock emotivo (/it/psicologia/stress/art-shock-emotivo). Bisogna quindi fare attenzione al ritmo della pressione e non imporre nulla, ma mostrare semplicemente di essere presente e pronta ad aiutare in caso di bisogno ❤️.

3. Condividere la propria esperienza

Una volta che avremo ascoltato, rassicurato, compreso potremo provare a condividere la nostra esperienza. Come ho già detto, non tutti hanno voglia o bisogno di sentire un altro vissuto delle cose. In ogni caso, nei momenti di dolore, si cerca generalmente di parlare con persone che hanno già vissuto esperienze simili, per vedere che è possibile stare meglio. Parlo per esempio delle rotture, ma potrebbero esserci delle cose anche molto più pesanti da vivere come il lutto di un parente (/it/psicologia/terapie/art-fasi-del-lutto). Mi è successo quando avevo 25 anni… Ormai, quando una persona a me vicina vive una cosa simile non ho neanche bisogno di parlare per mostrare la mia empatia e la mia comprensione del dolore 🤕.

“Quando ho vissuto quella cosa ho deciso di farlo e mi ha davvero aiutato tanto a sentirmi meglio. Forse dovresti provare anche tu per stare meglio, che ne pensi?”

⚠️Attenzione a non ricentrare la conversazione su di te! È necessario che l’altro resti al centro della conversazione, parlare di sé non serve a niente. Lo stesso vale per i consigli, distribuirne a destra e a sinistra non è necessariamente una cosa positiva. Bisogna andarci piano ed essere parsimoniosi, ricentrare la conversazione se noti che si allontana dal problema in questione.

4. Non esagerare

Quando si esagera, si finisce per fare peggio! È particolarmente vero soprattutto quando si parla di un licenziamento o di una separazione. Manca qualcosa all’altro e si cerca a tutti i costi di colmare questo vuoto 😖. Si può diventare maldestri, magari denigrando l’ex quando invece la persona prova ancora dei sentimenti. Personalmente, non ho mai apprezzato che mi dicessero che il mio ex era uno stronzo. Dopotutto, è stata una persona con cui ho condiviso 3 anni della mia vita 😅…

Potrebbe essere molto dura, anche quando si cerca un lavoro. Non serve a niente inviare offerte di lavoro di continuo, se non a peggiorare la situazione. Magari la persona soffre di burn-out e ha bisogno di tempo per rimettersi? Si rischia di peggiorare le cose, facendo nascere emozioni negative come il senso di colpa…

“Prenditi il tuo tempo: hai diritto di stare male e di avere dei momenti più complicati  di altri.”

5. Lasciare che le cose facciano il proprio corso

Per essere sicura di non essere troppo invadente bisogna lasciare che le cose facciano il proprio corso. È indubbiamente il miglior modo di rimettersi da un evento difficile! Abbiamo bisogno di lasciare uscire le nostre emozioni e di capirle per poter avanzare di nuovo. Ci sono anche certe ferite emotive che non si richiudono mai completamente, come per esempio il lutto. Non ha senso quindi mettere fretta all’amico/a, anche se ci tieni tanto a far sì che si senta meglio. E se senti di non riuscire a gestire la situazione? Puoi cercare di esprimerti grazie alla comunicazione non violenta. Hai il diritto di dire che va oltre le tue capacità e che ti fa stare male 😔…

“Vederti soffrire mi fa stare male e ho l'impressione di non servire a niente, quindi non sono capace di ascoltarti”.

È normale essere saturi e porsi dei limiti e la persona che abbiamo di fronte dovrebbe capire la situazione. Inoltre esprimere in modo sano le nostre emozioni permette di preservare al meglio la relazione ed evitare le tensioni inutili.

6. Incitare a farsi accompagnare

Non si può portare da soli il peso della tristezza di un amico/a. Si può cercare di risollevargli il morale di tanto in tanto, ma sicuramente non ogni giorno. Un morale sotto i piedi è indice di una salute mentale a rischio e, anche se è difficile da capire, bisogna parlarne.

La depressione  è una malattia che può insidiarsi senza che la persona se ne accorga o capisca di cosa si tratti. Eppure il numero delle persone che ne sono vittima è sempre più alto. Dalla pandemia, c’è stato un aumento del 25% di questa malattia nella popolazione 😥. Di conseguenza, se si è sensibili all’argomento, non bisogna esitare a parlarne con chi si ama. Questo potrebbe aiutare a uscirne e superarla. E dal nostro punto di vista, può riprendere un ruolo più leggero ed essere calmati dalla persona e accompagnati da un professionista della salute.

Questo articolo potrebbe aiutarti e aiutare i tuoi amici >>> Quali sono i sintomi della depressione? Ecco come riconoscerla

Il consiglio della redazione: controlla l'evoluzione della situazione

Grazie ai nostri consigli, sai ormai come rimontare il morale degli altri. La cosa più difficile sarà concentrarsi sull’altro, ascoltarlo, tenere a mente che non reagisce nello stesso modo nostro e che quello che pensavi giusto all’inizio, potrebbe essere negativo per l’altro. Cerca di monitorare l’evoluzione della situazione, non prendere tutto sulle tue spalle e soprattutto, se la situazione peggiora, spingilo a vedere un professionista.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!

#BornToBeMe

Contatta uno psicologo

Ti potrebbero interessare:

Fonti : alfemminile

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Amnesia traumatica: cos'è? Ha effetti su di me?

Hai mai avuto la sensazione di aver dimenticato parte della tua vita? Forse hai regolarmente dei vuoti di memoria? Se è così, potresti essere affetto da amnesia traumatica. L'amnesia traumatica è un vero e proprio meccanismo di protezione psicologica che intrappola le vittime in una sofferenza diffusa. Identificare i sintomi è fondamentale per prendere coscienza del problema e cercare aiuto. Ecco come fare.

Non riesco a meditare, come fare?

Niente da fare, per alcuni è impossibile meditare! I pensieri partono in quarta e concentrarsi diventa la cosa più difficile del mondo. A questo punto, meditare genera solo nervosismo e sembra quasi essere una perdita di tempo. Tuttavia, quando si prova a meditare è proprio perché si desidera imparare a mollare la presa e rilassarsi. La meditazione ha tantissimi benefici sia per il corpo che per la mente,quindi, come fare quando non si riesce a meditare? Ecco alcune soluzioni per riuscire in questa pratica dagli effetti estremamente positivi.

Solitudine positiva: perché ci piace stare da soli?

Alcuni la evitano come la peste, ma altri la amano tantissimo, perché non sentono di essere da soli ma piuttosto in compagnia di loro stessi, e questo non li spaventa. I momenti in solitudine sono un’ottima opportunità per prenderci cura di noi stessi, per fare ciò che vogliamo quando vogliamo. Per quanto i nostri cari possano essere i migliori del mondo, è bene godere dei momenti in cui ci si ritrova da soli con se stessi.

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Paura del silenzio: perché ci rende così ansiosi?

Ah, il silenzio... Che sia durante una conversazione o a casa, devo ammettere che non mi piace molto. Nella prima situazione mi sento estremamente in imbarazzo e nella seconda il silenzio diventa "assordante" e provoca ansia. Da dove nasce questa situazione? Perché dovrei accettare un po' di più il silenzio? E come possiamo farlo? Nella nostra società rumorosa, è giunto il momento di riconnetterci con il silenzio, di abbracciarlo e di smettere di avere paura.

Perché non riesco a scusarmi?

"Mi dispiace", "Scusami", sono frasi che, nonostante gli sforzi, non escono mai dalla tua bocca. Anche quando le scuse potrebbero risolvere tutti i problemi, non riesci proprio a farcela. Ma perché è così complicato? Come superare questo blocco? Vediamolo!

Non ho amici: come fare se non si hanno amici?

Non che passi tutto il giorno da solo/a, nel mio angolo, senza dire una parola. Ho quelle due o tre persone da chiamare se voglio uscire a bere qualcosa, ma non ho amici. Nessuna "seconda famiglia", come si suol dire. Si tratta di una scelta volontaria? È solo a causa del mio brutto carattere che respingo tutti quelli che mi si avvicinano? Oppure è semplicemente la vita, che ci allontana da alcune persone quando cresciamo? Non ho amici, è davvero così grave?

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!