Sono sull’orlo del baratro, 6 consigli per tirarsi su 🧗

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Certe prove sono difficili da superare e ci spingono sull’orlo del baratro. Sono stanca, ho perso tutto il mio entusiasmo, sono diventata indifferente a tutto. Eppure, ho tutte le capacità per andare avanti e costruirmi un bel futuro. Ti condivido 6 consigli per seguire la luce in fondo al tunnel, quel barlume di speranza che cerca di aiutarmi a risalire il pendio.

 
 Sommario

Come superare le difficoltà della vita?

Ecco come riprendere controllo della propria vita, superare gli ostacoli e ritrovare la serenità. 

1) Circondarsi di belle persone

Il mio stato d’animo non mi permette di vedere il positivo dentro di me. Per risalire sono costretta a contare sull’aiuto degli altri per aiutarmi a riconquistare fiducia in me stessa. Attenzione, ciò non significa basarsi esclusivamente sugli altri e lasciarli decidere sulla mia vita, non vorrei cadere tra le braccia di un narcisista perverso che approfitterebbe delle mie debolezze 🤗. Ho solo bisogno di persone che mi aiuteranno a combattere la solitudine. Amici, famiglia o colleghi possono farti sentire apprezzata e divertirsi insieme: un’ottima soluzione per riacquistare fiducia poco a poco.

2) Trovare un progetto che ti sta a cuore

Può personale o professionale. La scrittura, la difesa degli animali o una riconversione a cui si pensa da tanto... Impegnarmi in qualcosa che riesca a distrarmi, almeno per non pensare ai ricordi dolorosi che mi hanno causato questa depressione. Vedere di cosa sono capace non può che rendermi fiera di me.

3) Prendersi il tempo necessario...

Come nel caso di una rieducazione, ognuno deve andare al proprio ritmo. Nessun medico ti dirà esattamente quanto tempo ci vuole per stare meglio... quindi basta mettersi pressioni! Se hai bisogno di tre mesi per stare meglio, prenditi tre mesi. Non avere fretta ma concentrati sulla stabilità. Finché sarai motivata, tornare in forma non è un miraggio.

Ragazza distesa sul letto

Attenzione però alla procrastinazione. Ho sicuramente vissuto qualcosa di delicato, ma non serve perdere altro tempo. Anzi, è proprio temporeggiando che si sprofonda.


4) Fare attività fisica

In questi momenti lo sport è fondamentale sia per il fisico che per la mente. Indipendentemente dall’attività, l’obbiettivo è superare i propri limiti ed esteriorizzare le emozioni negative. Raggiungere (o superare) gli obbiettivi che ci poniamo fa uscire il meglio di noi.

La scienza ci incoraggia a fare attività fisica

Ragazza che fa sport

Dopo una buona sessione sportiva ci si sente bene. L’endorfina fa sparire la tristezza e procura una fonte di piacere!

5) Sforzarsi di trovare la luce nell’oscurità

Le cose non sono mai bianche o nere. Anche se ti senti giù di morale, ricordati che la vita è fatta di piccoli piaceri. Per non dimenticarlo, alcune persone scelgono di tenere un diario della gratitudine per raggiungere questo risultato, e fidati, un semplice diario può ridarti il sorriso!

6) Focalizzarsi sul futuro

Il passato è morto e sepolto, mettici una pietra sopra! Il lavoro? Cercane uno che ti corrisponda davvero o crealo tu stessa! L’amore? “Trova un altro più bello, che problemi non ha”. Te stessa? Mostra una versione sempre migliore di te. La chiave è credere in se stessi e in ciò che si è capaci di diventare.


Il consiglio della redazione: sii determinata!

Il percorso sarà efficace solo se sincero. Guardati dentro, senza sotterfugi. Chi è perfetto scagli la prima pietra! Sei umana e, come tutti, hai i tuoi momenti di dubbio. La cosa fondamentale è utilizzare la negatività per trasformarla nel suo contrario! Fare finta di stare bene non fa altro che peggiorare le cose. Ripensando a tutto ciò che ha scatenato questo stato d’animo, la soluzione sembrerà evidente. 

👉  Se il dolore ti ha paralizzato, se manifesti i primi sintomi della depressione, prendi appuntamento con uno psicologo.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Perché sono sempre insoddisfatto?

Al lavoro o nella vita privata, quello che faccio non va mai bene. Forse il mio più g...

Leggi

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione ...

Leggi

Essere autoironici o prendersi in giro? Ridere di sé serenamente

Ti sarà capitato almeno una volta di fare una figuraccia o di dire qualcosa di insens...

Leggi

Il movimento Body positive o come accettare meglio il nostro corpo

Pelle a buccia d’arancia, rotolini, smagliature… Non ho paura di dire che sono grassa...

Leggi

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tr...

Leggi

Cosa vuol dire essere non binari? #identità

Ultimamente l’uso della schwa “ə“ è sempre più presente in tantissimi testi e articol...

Leggi

Genitori troppo esigenti: quando si pretende troppo dai figli

Essere genitori è qualcosa di eccezionale, ma è anche tanto difficile. In quanto gen...

Leggi

Cosa significa LGBTQIA+ 🏳️‍🌈? #identità

Sono felice di vedere intorno a me una società che evolve, con persone che affermano ...

Leggi

Come capire se sono transgender? #identità

Qualche anno fa, parlavo con un amico che mi ha confidato di essersi posto diverse do...

Leggi

Come smettere di desiderare continuamente l’approvazione altrui?

Da quando ero piccola, ho sempre avuto l’impressione di fare le cose in funzione degl...

Leggi

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!