"Non mi sento bene", la necessità di capire per andare avanti

Aggiornato il da Giada Paoli

Stanchezza, dolori, perdita di motivazione, problemi di sonno... Insomma, tutti i piccoli segnali che indicano che non ti senti bene. Identificare questa sofferenza è già un grande passo, ma dobbiamo ancora capire perché ci troviamo in questo stato. In ogni caso, è importante non rimanere con questa sensazione, con il rischio che si radichi o che peggiori. Cerchiamo quindi di capire come uscire da questa fase.

"Non mi sento bene", la necessità di capire per andare avanti

Perché non mi sento bene?

Ci sono due tipi di dolore che possiamo provare: la sofferenza fisica o quella psicologica. Nel caso del dolore fisico, vai a farti visitare da un medico per scoprire qual è il problema. Tutto fila liscio: hai mal di schiena, il medico ti palpa, vede dove si trova il dolore, fa delle ipotesi e ti suggerisce ulteriori esami come una radiografia o una risonanza magnetica. La causa viene confermata e viene applicato un trattamento. Certo, non è tutto così semplice, ma non è nulla in confronto alla difficoltà di trattare la sofferenza psicologica 😔.

Quando non ci sentiamo bene, il nostro morale ne risente. Per riconoscere la depressione e distinguerla dalla tristezza, devi sapere che questu'ultima è un sentimento temporaneo di malessere. Possiamo deprimerci in seguito a eventi difficili come un fallimento a scuola o al lavoro, un litigio nella nostra relazione, ecc. A volte può accadere anche senza un motivo apparente, a causa della stagione 😕. È vero, in inverno c'è meno sole, il che abbassa la serotonina, tanto che si parla addirittura di disturbo affettivo stagionale (SAD). Tuttavia, questa fase in cui non ci sentiamo bene alla fine passa, cosa che non accade con la depressione.

Un malessere che prende il sopravvento

Se ti accorgi che la sensazione di malessere si fa strada nel tempo, si approfondisce fino a diventare invalidante e spunta anche un solo sintomo della depressione, probabilmente ne stai soffrendo. Si tratta di una malattia che impedisce ai neurotrasmettitori del nostro cervello di far circolare correttamente gli ormoni essenziali per il nostro benessere 👇:  

Fonte: Gaia Guggeri Psichiatra

La depressione può essere spiegata da una serie di fattori che è difficile elencare perché possono essere così numerosi: un disturbo d'ansia generalizzato, un evento traumatico, un'infanzia complicata, una qualche forma di molestia, la perdita del lavoro, una malattia grave, la nascita di un figlio, ecc. Insomma, sono molte le cose che possono scatenare uno stato di depressione che ci porta a dire "non mi sento bene".

Cosa puoi fare quando non ti senti bene?

Proprio come quando ti rompi una gamba e vai al pronto soccorso per farti ingessare e lasciare che le ossa guariscano, devi cercare aiuto quando non ti senti bene. Certo, non è facile parlare di depressione al proprio medico, ma è fondamentale farlo per evitare che la sofferenza peggiori 😥.

Esprimere la propria sofferenza a parole

Naturalmente non si tratta di presentarsi con la propria autodiagnosi, ma di parlare di come ci si sente. La frase "non mi sento bene" può essere pronunciata. Devi verbalizzare i tuoi sentimenti in questo modo: "Non mi sento bene, ho voglia di piangere tutto il tempo e niente mi motiva. Sento che sto rimuginando e che non riuscirò a sentirmi felice". In breve, descriviamo ciò che accade dentro di noi, ne parliamo, anche se si tratta solo di depressione. A lungo andare, può finire per trasformarsi in depressione.

Puoi parlarne anche con chi ti sta intorno, per spiegare un cambiamento di comportamento. Anche parlare con chi ti sta vicino può essere un buon modo per capire cosa c'è alla base di questo sentimento. Tuttavia, il supporto di un professionista della salute è essenziale. Proprio come quando ci si rompe una gamba e non la si cura, i postumi rimangono. Il cervello funziona allo stesso modo 🧠.

Ottenere una terapia

Parlarne va bene, è il primo passo verso la guarigione, ma la vera soluzione per sentirsi meglio è la terapia. Dopo un consulto con un medico generico, potresti essere indirizzato a uno psichiatra, soprattutto in caso di depressione accertata. Potrebbero essere proposti dei farmaci per ripristinare lo squilibrio chimico nel cervello ⚖️.

Potremmo essere indirizzati direttamente da uno psicologo, per capire meglio le origini di questa sensazione di sofferenza. Che si tratti di depressione, disturbi d'ansia, problemi comportamentali, insoddisfazione per la nostra vita - insomma, qualsiasi condizione psicologica - la terapia è la vera via d'uscita per smettere di dire "non mi sento bene".

L'opinione della redazione: non lasciare che l'infelicità prenda piede 

È importante rendersi conto e accettare che non stai bene, né al momento né per molto tempo. È il primo passo. È importante non sottovalutare questa sensazione di malessere, esprimerla a parole, verbalizzare ciò che si prova e affrontarne la causa. Ma per trattare la causa... devi ancora conoscerla e capirla... Se non ti senti bene, se hai l'impressione che qualcosa non vada, se senti un grande vuoto, non aspettare a prendere un appuntamento con uno psicologo.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Articolo suggerito da Giada Paoli

Il mio sogno è vivere sognando ad occhi aperti, amando infinitamente e sentirmi libera di essere ciò che desidero.

Gli articoli appena pubblicati

I 7 migliori gadget antistress per lottare contro l’ansia

Che sia per un esame o per capire cosa fare della propria vita, lo stress mi conosce bene! Inoltre… Bisogna dire che sono una persona abbastanza stressata in generale e con il tempo ho trovato dei trucchetti per restare più tranquilla. Grazie a questo, sono riuscita a trovare dei modi che io utilizzo più o meno tutti i giorni per calmarmi. Lo stress ha un impatto molto importate sul corpo e sulla mente, non bisogna lasciargli spazio. Allora ecco 7 strumenti antistress che ci fanno bene!

Non ho ambizioni, è davvero così grave?

Fin dai tempi del liceo, avere degli ottimi voti in pagella non mi interessava un granché. Il proseguimento della mia vita professionale non è stato molto diverso. In un mondo all’insegna dell’iperproduttività, del continuo superamento dei propri limiti, di costanti sfide personali, io mi accontento di vivere la mia vita tranquillamente.

Dichiarazioni d'amore: apri il tuo cuore e tocca il suo

Avevo pensato a tutto: salire sul tetto della mia auto, chiedergli di andare sul balcone e cantare che l'amavo. Un po' esagerato. Mettere un messaggio d'amore in una torta. Troppo tecnico, troppo rischioso. O più "semplicemente" rifare la scena di Love Actually. Visto e rivisto. Alla fine, per dichiarargli il mio amore, ho scritto una lettera che ho fatto scivolare sul suo tavolo mentre me ne andavo. Le dichiarazioni d'amore sono sempre un grattacapo spaventoso. Abbiamo paura, vogliamo fare troppo, temiamo di non fare abbastanza. Sono sicura che tu abbia bisogno di una mano per iniziare.

I genitori dovrebbero essere incoraggiati a rivolgersi a uno psicologo? Ottima domanda...

Un argomento importante, vero? Mi sono posto questa domanda l'altro giorno, dopo aver cercato di parlare con mio padre della sofferenza che ho vissuto da bambino. Mi ha risposto “sì, ma per me è stato peggio con i miei genitori”. Alla faccia del dialogo, eh? Vorrei che si rendesse conto che è importante per lui riparare le proprie ferite, come sto cercando di fare io... Quindi, dovresti incoraggiare i tuoi genitori ad andare da uno psicologo oppure no? Ecco alcune risposte.

Il triangolo di Karpman, un pericoloso gioco psicologico

Oggi ti parlerò del triangolo drammatico di Karpman e dei 3 ruoli principali possibili: carnefice, salvatore e vittima. Io sono sempre stato la vittima in questo triangolo drammatico. Cosa significa? Come fai a sapere se ci sei dentro? Come si fa a uscirne? Ti racconto tutto.

8 cose di cui mi infischio vivendo alla grande!

A volte mi capita di essere pigro/a e invece di mettermi le scarpe da ginnastica per andare a correre, rimango a casa al calduccio. Chi se ne frega se non ho un corpo perfetto? Lasciare la presa, non dare troppa importanza ai giudizi altrui e soprattutto essere se stessi, non c'è modo migliore per essere felici. Devo ammettere che, da quando non do più importanza al giudizio altrui, sto molto meglio. Ecco otto cose di cui ormai mi infischio altamente ma che hanno cambiato in meglio la mia vita. Provare per credere!

"Quando avevo bisogno di te, tu non c'eri...": come superarlo.

Quando avevo bisogno di te, tu non c'eri... Mi ripetevo questa frase quando ero più giovane e che dolore è vedere che stai vivendo qualcosa da solo. La solitudine in un momento difficile della nostra vita, quando abbiamo bisogno di sostegno, può farci sentire tristi o addirittura peggio. Rabbia, incomprensione, risentimento, senso di abbandono... Sono tutti sentimenti che possono nascere da questa assenza. Perché ci sentiamo così? Come possiamo superare lo sconforto di vedere una persona che amiamo non essere presente quando ne abbiamo bisogno? Spiegazioni.

12 regole per ricominciare da zero una nuova vita

Hai finalmente deciso! Vuoi dare una svolta alla tua vita, ricominciare tutto da capo, mettere una pietra sopra il passato e guardare al futuro. Il desiderio di voler cominciare da zero è spesso motivato da una situazione in cui non ci sentiamo a nostro agio. Ecco come farlo in 12 semplici passi.

Mi sento esclusa: qual è il motivo di questa sensazione

“Da quando ero piccola, mi sento esclusa e ho grandi difficoltà a integrarmi. Purtroppo anche da adulta la situazione non è cambiata. Ho l’impressione che c’è qualcosa in me che genera antipatia e allontana gli altri. Eppure mi descriverei come una persona rispettosa, curiosa e ho davvero voglia di fare nuovi incontri e sopratutto di stringere amicizie solide.” Se ti sei riconosciuta in queste parole significa che anche tu ti chiedi perché provi questo sentimento di esclusione. Vediamo insieme da dove arriva per risolvere il problema.

Smart working: i miei amici, i miei colleghi, la bella vita!

Ci sono i legami d’amicizia che stringiamo con i nostri colleghi a lavoro, e poi ci sono i nostri amici. Quelli della vita, fuori dall’ambito lavorativo. Salvo che, con la crisi sanitaria, tutto ciò che è al di fuori della famiglia o del lavoro non esiste più. E se, per far fronte alla solitudine, provassimo lo smart working tra amici? È possibile?

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!