Come aiutare un’amica ad uscire dall’anoressia? Cosa posso fare?

Aggiornato il da Giada Paoli

Giudizi della società, rapporto complicato con il proprio corpo, con il cibo o con l’esercizio fisico. L’anoressia è un disturbo alimentare dovuto a diversi fattori. Il fatto che una persona a me cara ne soffra provoca incomprensioni e frustrazione, ma la delicatezza di questa malattia mi obbliga a prendere certe precauzioni. Cercare di ascoltare senza giudicare, essere d’aiuto, passare del tempo insieme…Come aiutare un’amica anoressica?

Come aiutare un’amica ad uscire dall’anoressia? Cosa posso fare?
 
 Sommario

8 consigli per aiutare qualcuno a combattere l’anoressia

1) Non incolpare nessuno

Prima di tutto, tieni a mente che la tua amica si trova in una condizione psicologica fragile. Se potesse scegliere, eviterebbe sicuramente una tale sofferenza. Così come per la bulimia, bisogna incolpare la malattia, non la vittima. Non sentirti colpevole del suo stato e non chiederti se hai sbagliato qualcosa.

❤️ Instaurare una relazione sana senza rancore è il miglior modo di avanzare verso la guarigione.

2) Fai le domande giuste

Non pensare che se ha bisogno di te, te lo farà sapere. Sta a te tenderle la mano e proporle il tuo aiuto. I disturbi alimentari colpiscono ogni persona in modo diverso, quindi non esiste un modo univoco di aiutare. E soprattutto, non saprai di cosa ha bisogno se non glielo chiedi.

3) Ascolta senza giudicare

La comunicazione e l’ascolto attivo sono fondamentali. Prendi il tempo di parlarci – non sempre di cibo, ci arriveremo poi dopo – e di ascoltarla. Se la persona vuole condividere ciò che sente, ascoltala senza pregiudizi né commenti.

Un disturbo alimentare è una malattia mentale, la persona che ne soffre non può semplicemente “fare attenzione” o “sforzarsi” per curarsi. Al contrario, puoi supportarla dicendole per esempio che ci vuole una grande coraggio per affrontare quello che sta affrontando, che la capisci e che sei lì per aiutarla.

4) Incoraggiala a cercare l’aiuto di un professionista

La sua vita è in pericolo, quindi insisti e non prendere la cosa alla leggera. Dopo essermi informata, ho capito che l’anoressia non è una malattia fisica, ma mentale. Non puoi salvare la tua amica da sola, solo un professionista può farlo. E se lei ha paura o vergogna di chiedere aiuto da sola, puoi alleggerire il fardello. Puoi proporre una lista per aiutarla a scegliere una terapia che le corrisponda. E se siete molto unite, potresti anche informarti su eventuali rimborsi possibili per il percorso di terapia.

5) Non considerarla come una vittima

Il modo in cui le persone percepiscono se stesse quando hanno una bassa autostima nasce spesso dalla paura dello sguardo altrui. Non puoi controllare i suoi comportamenti.

L’importante è che si senta responsabilizzata, che senta di poter controllare la sua vita. All’interno di un gruppo, la persona malata non deve ricevere più attenzione degli altri. Bisogna mostrarle che occupa un posto importante, ma allo stesso modo degli altri.


Aiutare una bambina

In compenso la puoi aiutare con i bambini o facendole la spesa. L’obiettivo è farle guadagnare tempo perché possa concentrarsi un po’ su se stessa e vedere un terapeuta.


6) Evita l’argomento “cibo

Parlare è importante, ma l’argomento “cibo” è da bandire. Spostare l’attenzione sempre sul cibo, sul peso o sul fisico è assolutamente da evitare. Dovresti piuttosto incoraggiarla e aiutarla a trovare degli interessi positivi che non le facciano pensare alla malattia. Evita anche di commentare il fisico degli altri, tutti i commenti riguardanti il corpo potrebbero essere mal interpretati.

7) Uscite insieme

Passare del tempo insieme è un modo eccellente di mostrare il proprio sostegno. È bene assicurarsi ancora una volta di scegliere un’attività che non provoca stress legato al cibo: pomeriggio di shopping, relax per una manicure, passeggiata nella natura. Sono tutte ottime occasioni di evitare l’argomento tabù.

8) Sii paziente

Ancora una volta, evita i comportamenti bruschi. I disordini alimentari sono complessi e la cura non è mai facile. Nessuno deve aspettarsi la guarigione dall’oggi al domani, anche se la persona segue una terapia. Sta a te mostrarle che la supporti e che sarai presente fino alla fine.

“L’anoressia non è una malattia del corpo, ma della mente” Lynn Crilly


Il consiglio della redazione: convincere un malato a farsi aiutare, un’impresa difficile

Il problema è che la maggior parte del tempo, le persone anoressiche non si rendono conto di stare male. Secondo loro, il loro modo di gestire il problema è il migliore che ci sia. Pensano che i medici potrebbero distruggere il loro fragile equilibrio, che li facciano passare dall’anoressia alla bulimia, ovvero da più o meno magri (secondo la loro visione) a super grassi (sempre secondo la loro visione). Per motivare la persona che soffre di anoressia a iniziare una terapia, i parenti o il medico possono sottolineare gli effetti nefasti della malattia: problemi di salute, stanchezza, perdita di forza, difficoltà di concentrazione, perdita delle priorità (studi, amici…), assenza di vita sentimentale o sessuale.

Non esitare a rivolgerti a un professionista dell’anoressia.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!

#BornToBeMe


Altri articoli che potrebbero interessarti:


Fonte: www.ipsico.it - salute.gov.it

Articolo suggerito da Giada Paoli

Il mio sogno è vivere sognando ad occhi aperti, amando infinitamente e sentirmi libera di essere ciò che desidero.

Gli articoli appena pubblicati

Come spartirsi al meglio il carico mentale domestico?

Prendere un appuntamento dal pediatra, fare la lista della spesa, comprare un regalo per il compleanno della suocera, ecc. Detto tra noi, sappiamo benissimo chi pensa a questo genere di cose. Su chi grava questo peso tanto invisibile quanto ingente? Su noi donne ovviamente, siamo noi che ci occupiamo e siamo ossessionate da tutto ciò che c’è da fare ogni santo giorno per la casa e la famiglia. Ma tutto ha un limite, è tempo di condividere!

La tecnica che ha cambiato la mia vita contro l’ansia? La regola del 333!

Voglio essere completamente onesta con te. L’ansia ha totalmente dominato la mia vita negli ultimi 5 anni ed è stata alla base di ormai innumerevoli attacchi di panico e picchi di stress elevatissimi. Come puoi immaginare, l’impatto sulla mia salute mentale è stato devastante e ha quasi cambiato la mia vita in peggio. Ovviamente non ne parlo solo per essere compatita, vorrei piuttosto dimenticare gli aspetti negativi di questa situazione e condividere le migliori dritte per superare questi momenti. Quindi… bando alle ciance, scopriamo insieme la regola del 3-3-3.

Perché parlare agli sconosciuti fa bene?

Se posso evito di parlare con gli altri, soprattutto al telefono. Prenoto su internet, compro online e temporeggio o delego tutto quello che necessita uno scambio di persona con qualcuno. Poi l’altro giorno, al parco, una signora è venuta a parlarmi ed è stato un momento piacevole che mi ha lasciato con il sorriso. Quando si ricomincia?

Quali sono i benefici di un animale domestico in ufficio?

Qualche tempo fa il mio ufficio era un open space. Ogni mattina uscivo di casa con la sensazione di abbandonare il mio gatto. Mi sarebbe piaciuto vederlo passeggiare tra le scrivanie durante la giornata, farsi coccolare e sfregarsi contro le mie gambe. Sarebbe un toccasana per l’umore di tutti…

10 consigli per imparare a prendersi cura di sé

Quando si tratta di prendersi cura di se stessi, si pensa subito al cliché del bagno caldo e dei cetrioli sugli occhi. In realtà, ci possono aiutare anche tanti altri piccoli gesti: farsi una tazza di tè, guardare la propria serie TV preferita, passare del tempo con chi ci fa stare bene... Diciamo però che alcune opzioni non sbagliano mai e ci fanno stare meglio a tutti i livelli, anche quello mentale! Ecco 10 consigli per coccolarsi!

6 cose da non fare assolutamente dopo lo sport

Chi non ha mai avuto dolori dopo un buon allenamento? Beh, quelli che l'hanno scampata sono fortunati, ma non è il mio caso. Il segreto sta nel conoscere le 6 cose da non fare assolutamente dopo un allenamento! Vediamole insieme.

Chi sono i genitori elicottero?

Hai perennemente paura per tuo figlio? Fai di tutto per lui, arrivando quasi a mettere da parte te stesso? Una partita di calcio a centinaia di kilometri di distanza? Cosa vuoi che sia ! Gli proibisci di correre per paura che cada e si faccia male? Se è così, non ci sono dubbi: sei un genitore elicottero. Ecco le caratteristiche del genitore iperprotettivo.

Alimentazione e felicità: gli alimenti antidepressivi

Un po’ di tristezza, un momento di stress e via di corsa verso il frigo! Ti capisco, quando tutto va a rotoli non c’è niente di meglio al mondo che mangiare. Ma al di là degli spuntini di conforto, il piacere di mangiare ha un enorme impatto sul nostro benessere. La ricetta della felicità può cambiare, ma il contenuto del piatto contribuisce davvero a ridarci il sorriso. Quindi, su cosa puntare per il ritrovare il buonumore?

10 consigli per riuscire a parlare in pubblico

Quando si tratta di parlare in pubblico, non riesci proprio a mantenere il sangue freddo, non riesci a mantenere la calma e di conseguenza diventa un incubo… Niente panico, perché grazie ai nostri 10 consigli riuscirai a parlare in pubblico senza difficoltà!

Sono nostalgico, come smettere di vivere nel passato?

Quando non riesco a dormire, quando mi annoio o i miei pensieri divagano, mi capita spesso di ritrovarmi a pensare alle vacanze in famiglia risalenti alla mia infanzia, a un weekend di ozio passato sul divano, al giorno del mio matrimonio. Una lacrima scende sul mio viso, mentre ripenso ai bei vecchi tempi… insomma, sono nostalgica, e devo darci un taglio!

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!