Paura degli animali: come sconfiggere la zoofobia?

Aggiornato il da Amelia Lombardi

“Ah... porti anche il tuo cane per la passeggiata...”. Quando ho sentito il mio collega pronunciare questa frase e entrare nel panico, ho capito che non era a suo agio all’idea di entrare in contatto con il mio cane. Mi ha spiegato di soffrire di una paura viscerale dei cani. Questa fobia fa parte della grande famiglia della paura degli animali nota come zoofobia. Perché si soffre di questa paura? Come combatterla? Scopriamolo insieme.

Paura degli animali: come sconfiggere la zoofobia?
 
 Sommario

Cos’è la zoofobia?

La zoofobia designa la paura irrazionale di una o di tutti gli animali. Non è affatto rara, tanto che gli specialisti affermano che si tratti di una delle fobie più diffuse nel mondo. Per esempio, tra il 4% e il 6% della popolazione mondiale è aracnofoba e il 2% ha paura di animali non pericolosi come i cani. Tutti gli animali possono quindi diventare oggetto di una fobia, ma ci sono paura meno rare:

  • I ragni (aracnofobia)
  • I topi (musofobia)
  • I serpenti (ofidiofobia)
  • I gatti (Ailurofobia)
  • I cani (cinofobia)
  • I piccioni (ornitofobia)

⚠️ Lo psicologo clinico Michel Naudet spiega che una fobia ha delle ripercussioni invalidanti sulla vita di tutti i giorni. Non bisogna quindi confondere la zoofobia con il fatto di detestare gli animali o di trovarsi semplicemente a disagio in loro presenza.

Quali sono i comportamenti associati alla zoofobia?

Le persone con la fobia degli animali evitano tutti i luoghi in cui è possibile incrociare un animale, ad esempio zoo, canili, fattorie ecc. A volte la paura però si presenta anche alla semplice vista di una fotografia o del disegno di un animale. La paura è caratterizzata da sudore freddo, tremolio, battito accelerato, vertigini ecc. Possono apparire anche altri disturbi come l’insonnia, cosa che impedisce una persona di vivere serenamente.

Una zoofobia è in generale molto mirata e non varia nel corso del tempo.

Come si sviluppa la zoofobia?

Un trauma infantile

La zoofobia è una paura comune tra i bambini. Sigmun Freud diceva che questa fobia è quasi naturale tra i più piccoli, che si sentono impauriti da una forma di vita differente. La paura degli animali si manifesta e resta fino all’età adulta quando si subisce un trauma durante l’infanzia, in particolare tra i 5 e i 10 anni (per esempio, essere morsicati da un animale).

Una paura primaria

L’origine di certe zoofobie resta invece più difficile da capire, come per esempio l’aracnofobia. La paura dei ragni resta una delle fobie più diffuse, anche se pochissime persone hanno davvero dovuto affrontare un ragno pericoloso. Michel Naudet spiega che potrebbe trattarsi di una trasmissione intergenerazionale della paura.

➜ Dall’origine dell’umanità, gli uomini sono stati confrontati ad animali pericolosi, un aracnide è stato quindi “registrato” come mortale.

Come smettere di avere paura degli animali?

L’anticipazione legata alla paura

Come tutte le fobie, la paura degli animali è legata all’ansia da anticipazione. Abbiamo paura di incrociare un animale e quindi facciamo di tutto per evitare una situazione in cui potremmo sentirci eventualmente in pericolo. C’è quindi constantemente un sentimento di apprensione e paura, anche quando l’animale non è presente. Per esempio, se si sente abbaiare un cane in lontananza o si vede una ragnatela in casa.

Una terapia per curare la zoofobia

Come per tutte le fobie, la terapia cognitiva e comportamentale (TCC) è la più adatta. La tecnica di questa terapia consiste nel “desensibilizzare” progressivamente il paziente dall’oggetto della sua paura.

  • La parte cognitiva: dà al paziente la consapevolezza dell’irrazionalità delle sue paure
  • La parte comportamentale: permetterà di esporre molto progressivamente il paziente all’oggetto delle sue paure

Ovviamente, la terapia è progressiva e quindi è necessario prevedere almeno una decina di sedute per calmare la fobia. Le tecniche di esposizione sono lente, prima nell’immaginazione e poi sotto forma di immagini, poi di osservazione.

➜ Per una migliore gestione dell’ansia, è interessante fare anche sedute di ipnosi, consultare un sofrologo o rilassarsi tramite la meditazione.


Il consiglio della redazione - una fobia invalidante, pericolosa? È tempo di consultare uno specialista

Questa fobia può essere invalidante, a volte anche pericolosa. Facciamo un esempio, se vedere un ragno camminare sul cruscotto ti fa dare di matto, potresti perdere il controllo dell’auto. In questo caso quindi è bene reagire e trattare la fobia. Contatta uno psicologo, le diverse terapie proposte sono molto efficaci.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


*Fonti: pazienti.it - robertacieri.it

Articolo suggerito da Amelia Lombardi

La scrittura è un mezzo di espressione meraviglioso di cui non posso fare a meno. Mi ha permesso di incanalare la mia ipersensibilità e amo scrivere di psicologia e sviluppo personale. La comprensione di sé è il modo migliore per andare avanti!

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!