Non mi piace lavorare, e allora?

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Un tempo pensavo che tutti fingessero di essere felici di andare a lavorare, ma da quando ho dichiarato apertamente la mia avversione per il lavoro, le persone mi guardano di traverso, se non addirittura mi danno del fannullone. Sono fuori dal mondo del lavoro o sono solo la pecora ribelle del gregge?

Non mi piace lavorare, e allora?

Da bambino, non odiavo andare a scuola, ma non la amavo nemmeno. Ciò che odiavo di più era lavorare a casa. Imparare è bello, ma farlo solo per prendere un voto... non ne ho mai capito il senso. I miei genitori hanno sempre lavorato, con vari gradi di disponibilità, ma ho passato la mia vita a vederli alzarsi presto, passare la giornata fuori casa cercando di permettersi qualcosa e qualche giorno di vacanza. Non mi ci è voluto molto per capire che qualcosa non andava bene per me in questo modello.

Qualche anno e qualche laurea dopo, mi sono gentilmente unita al branco e ho cercato lavoro. A dire il vero, ero motivato... finché non mi sono reso conto che avevo una laurea che mi aveva insegnato molto, ma che non mi avrebbe aiutato a trovare un lavoro. Ho capito che c'era qualcosa che non andava! Nonostante tutto, non mi sono arresa. Ho bisogno di un contratto a tempo indeterminato. Perché ho bisogno di un contratto a tempo indeterminato? Perché, diciamocelo, un lavoro estivo non ha mai pagato l'affitto 😏.

Un lavoro, due lavori, tre lavori... l'inizio dell'inferno

📝 E poi ho trovato un lavoro a tempo indeterminato. Per non parlare del perverso narcisista che era il mio capo, dell'incarico totalmente insipido e dei colleghi che mi facevano perdere la testa, mi sono subito resa conto che questo lavoro non mi appagava. Cosa posso dire dei due successivi? Niente di meglio. Sempre la stessa assordante routine e la costante sensazione di perdere tempo tra le 8 e le 17 del mattino. Era l'intero mondo del lavoro che trovavo privo di senso e dannoso per la mia salute mentale. 🤔 Eppure "il lavoro fa bene". Mi stavano mentendo?

Così, timidamente, ho iniziato a parlare con amici e familiari della mia mancanza di motivazione. Ben presto mi resi conto che molti di loro erano come me. La sveglia suonava sempre troppo presto, troppo spesso, le giornate erano spesso troppo lunghe, i capi troppo tirannici, i clienti troppo problematici... insomma, mi sentivo compreso. Preso dall'entusiasmo, ho iniziato a parlare dell'idea di un reddito universale, di una fattoria nel Larzac e dell'idea di non lavorare più. Perché, in fondo, lavorare è faticoso e, soprattutto, richiede tempo. Mi hanno stupito i miei amici e la mia famiglia, che pensavano che stessi scherzando.

Sì, gli italiani sono spesso stanchi, demotivati e critici nei confronti del proprio lavoro, ma non sono pronti a rinunciarvi per sempre. Il lavoro rimane un valore molto importante in un paese in cui il tasso di disoccupazione è ancora molto alto.

Il complesso del "cosa fai per vivere?".

"Se non lavorassi, finiresti inevitabilmente per annoiarti, e poi un lavoro è ciò che ti permette di dare forma a te stesso, di avere un posto nella società".

🙃 Permettimi di dubitare di questo! Un lavoro, nel migliore dei casi, serve a pagare le cose, è vendere il proprio tempo libero per avere la libertà di permettersi ciò di cui tutti abbiamo bisogno. Non mi sento definito da un lavoro e infatti ho smesso da tempo di sopportare la domanda "Cosa fai per vivere? Si dà il caso che io abbia avuto molti lavori che non riuscivo a portare avanti, quindi questa domanda mi ha sempre messo a disagio. Spesso iniziavo dicendo quale fosse il titolo di studio di cui andavo più fiera, prima di annunciare casualmente che vendevo panini o scrivevo testi per gli orari degli autobus. Poi cercavo di giustificare questa pietosa carriera. Avrei voluto tanto rispondere che al momento stavo scrivendo racconti, facendo volontariato in un'associazione, frequentando corsi di storia dell'arte, rilegando libri o imparando a fare gli entremets.

👉 Quindi no! Il lavoro mi esaurisce, non mi soddisfa e, peggio ancora, mi impedisce di fare le cose che vorrei fare. Ho mille progetti in mente, centinaia di libri da leggere e ho a malapena il tempo di andare in palestra o di godermi i miei cari quando esco dal lavoro. Non mi piace lavorare e vorrei davvero farne a meno. È così che sono diventata una bestia curiosa, una pazza che desta sospetti e che non può essere presa sul serio.

Puoi smettere di lavorare?

Ecco una domanda fastidiosa! Se alzarsi ogni mattina per svolgere un compito poco entusiasmante sotto costante pressione richiede molto coraggio, ce ne vuole molto di più per smettere di lavorare del tutto.

1. Devi ridurre le tue spese e il tuo tenore di vita: ammettiamolo, l'aspetto finanziario è un punto molto importante. Anche se il tuo stipendio non è alto, il calo delle entrate può essere piuttosto brutale! È una cosa che va inevitabilmente prevista, a seconda del progetto che stai pianificando, delle responsabilità che hai... Insomma, anche se riduci drasticamente le spese, senza un piccolo gruzzolo sembra complicato.

2. Devi sopportare i pregiudizi: sono convinto che non lavorare ti permetta di essere ancora più attivo di prima, solo che, come abbiamo visto, il valore del lavoro è molto importante e rifiutarsi di fare la propria parte nella società è percepito molto male. Gli altri ti vedono come un fannullone, un emarginato, persino un provocatore... mai come un pioniere. Che peccato!

L'opinione della redazione: il coraggio di fare il grande passo

Smettere di lavorare significa forse avere il coraggio e la sincerità di riesaminare le proprie priorità e raggiungere finalmente una forma di sviluppo personale. Non è facile e non so se riuscirò mai a fare il grande passo, ma se sei pronto a fare il cambiamento e ad accettare i cambiamenti che ne derivano, perché non osare? Che sia per divertirti, per vivere della tua passione o per provare finalmente a fare il lavoro dei tuoi sogni, anche se fuori dagli schemi, migliorare la qualità della tua vita e vivere in armonia con ciò che sei non dovrebbe mai essere così difficile. Ma per ora dobbiamo scegliere a quanta libertà rinunciare.

👉 Non è facile pensare di cambiare vita o carriera perché non è appagante. C'è una grande differenza tra pensarci e farlo davvero. 😨 Pensieri limitanti, paura di fallire, paura di essere giudicato dagli altri, paura di non essere all'altezza, paura di uscire dalla tua zona di comfort e così via. Le ragioni sono molteplici. Il supporto di un coach ti aiuta a rimuovere questi blocchi, consapevoli o meno, in modo da poter pensare a un progetto di vita che ti permetta di realizzare il tuo potenziale. Non esitare a prendere un appuntamento.


🤗Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e adesso! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo


 


Potrebbe interessarti:

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Come superare i nostri complessi inutili?

Gambe troppo larghe, labbra troppo sottili, cicatrici, timidezza… che si tratti di complessi fisici o mentali, questi sono spesso inutili e capaci di rovinarci la vita e renderci infelici. Ma non bisogna permettergli di sovrastarci! Siamo meglio di così!

Di cosa si occupa la sofrologia? Ecco i suoi numerosi benefici!

Ho riscontrato diversi problemi nel gestire la mia ansia nel corso di questi ultimi anni. Ho deciso dunque di iniziare un percorso con una psicologa, ma una cara amica mi ha consigliato di provare anche qualche seduta con un sofrologo. Secondo la sua opinione, il sofrologo aiuta a rilassarti e ti insegna a gestire meglio lo stress. Dopo diverse sedute, ho iniziato a sentire gli effetti positivi di questa pratica. Il mio corpo non è più un fascio di nervi! La sofrologia fa parte delle pratiche della “medicina dolce”, che hanno tantissimi benefici per il corpo e per lo spirito. Vediamo più da vicino questo metodo di crescita personale che mira a farci riconnettere con la nostra psiche.

Il metodo SMART per raggiungere degli obbiettivi intelligenti e realizzabili!

Per riuscire a concludere un progetto spesso e volentieri ci fissiamo degli obbiettivi, e questo è del tutto nella norma. Ma per ottimizzare le probabilità di successo e stabilire degli obbiettivi chiari, motivanti e realistici, ecco che entra in scena il metodo SMART! Vediamo insieme di che cosa si tratta.

Lavorare meno… per salvare il pianeta!

Il lavoro ha un grande valore per tutti noi, eppure potremmo essere tutti d’accordo sul fatto che non sia per forza sinonimo di benessere, né per noi né per il pianeta! Infatti, alcuni studi affermano che è necessario ridurre il prima possibile il nostro orario di lavoro, per poter ridurre le emissioni di gas serra che noi stessi generiamo. La situazione sta precipitando!

Come destabilizzare e far innervosire un narcisista perverso?

Vivi con un narcisista perverso o ne conosci uno e vorresti destabilizzarlo? Vuoi farlo arrabbiare perché ti mette in ridicolo, a volte in pubblico, ti fa soffrire, ti fa perdere la pazienza e vuoi vendicarti. Ma è difficile far arrabbiare una persona brava a manipolare gli altri, ama vittimizzare se stessa e gioca con le proprie emozioni. Farlo innervosire è l’unico modo per fare in modo che mostri la sua vera natura, per smascherarlo...

Ipocondriaci: 5 sintomi e caratteristiche per riconoscerli

Ti preoccupi spesso per la tua salute? Al minimo sintomo ti convinci di avere una malattia grave? Passi le giornate sui forum medici online? 😨 E se l’unica malattia di cui realmente soffri fosse l’ipocondria? Ecco i 5 sintomi tipici che toccano le persone ipocondriache.

Ansia sociale, sintomi e come superarla

Parlare in pubblico è un vero e proprio incubo e la fiducia in se stessi un sogno ancora troppo lontano. Si diventa paonazzi e non si riesce a nascondere il tremolio, la paura di essere ridicolizzati o umiliati fa perdere letteralmente il controllo. Se la timidezza può essere la causa di questo inconveniente, l’ansia potrebbe nascondere un malessere molto più profondo: l’ansia sociale, altrimenti nota come fobia sociale. Di cosa si tratta? Come si supera?

4 consigli per imparare ad amarsi: di' addio all’insicurezza!

“Faccio schifo”, “sono brutto”, “sono inutile” … difficile avere sempre una buona autostima. Eppure, è la chiave del nostro successo e del nostro equilibrio psicofisico. Sentirsi bene con sé stessi e con il proprio corpo, imparare ad amare sé stessi, è la cosa migliore che possiamo fare.

Come calmare e gestire gli attacchi di rabbia?

La rabbia, un sentimento che proviamo spesso. Ci spinge a reagire d’istinto, senza riflettere, portando a volte a situazioni sgradevoli. Qual è il segreto per controllare la propria rabbia e fare in modo che non prenda il sopravvento sulla ragione?

Non sopporto le persone! È una cosa seria, dottore?

Mi lamento al volante quando c'è un ingorgo, mi lamento alle casse quando c'è la fila, mi lamento il sabato quando tutti hanno deciso di andare in centro città. Non credo di riuscire più a sopportare le persone. La ragazza di città che sono sempre stata ha persino iniziato a sognare la campagna e una casa isolata per avere meno contatti sociali possibili. È una cosa seria, dottore? Beh, non proprio. Spiegazione.

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!