"Cosa fai nella vita?", "Faccio del mio meglio!"

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Bastano pochi minuti di conversazione con uno sconosciuto che subito viene posta la fatidica domanda: "Cosa fai nella vita?". Questa domanda ti innervosisce? Non hai voglia di sentirti definita dal tuo mestiere o dal tuo posto nella società? Siamo tutti sulla stessa barca!

"Cosa fai nella vita?", "Faccio del mio meglio!"
 
 Sommario

"Cosa fai nella vita ?", ovvero “Che lavoro fai?”

Il famoso "Cosa fai nella vita" è una banalità davvero esasperante. Quando si incontra qualcuno di nuovo o si rivedono delle vecchie conoscenze, questa domanda sembra quasi d’obbligo. Se per alcuni è un piacere poter esporre il proprio curriculum e le proprie esperienze personali vantandosi del loro lavoro da sogno, per altri, che magari hanno un percorso più atipico, quelli che si sono allontanati dai propri sogni, quelli che hanno scelto o a cui è stato sconsigliato di lavorare o ancora quelli che fanno un lavoro “modesto”, questa domanda è complicata, se non addirittura insopportabile.

Non pensi sia un po' riduttivo essere definiti secondo il proprio lavoro? Non sei qualcuno di diverso quando sei fuori dall’ambiente professionale? Non avevi una personalità prima che incominciassi a lavorare? E quando sei in ferie, o in pensione, o in maternità… per caso non hai una personalità? Non c’è alcun bisogno di nascondersi dietro un dito, perché sappiamo tutti che cosa vuol dire “cosa fai nella vita?". Il messaggio è sottinteso ma chiaro. Non c’è bisogno di rispondere dicendo che cucini, che la sera ti diverti, che fai sport, che vedi i tuoi amici o badi ai tuoi figli, insomma che vivi la tua vita! No, il succo della questione è forte e chiaro, “che lavoro fai”, “come ti guadagni da vivere?”

Potrebbe interessarti: 6 consigli per superare la propria timidezza

ragazze sorridenti

Non c’è bisogno di rispondere dicendo che cucini, che la sera ti diverti, che fai sport, che vedi i tuoi amici o badi ai tuoi figli, insomma che vivi la tua vita! 

Un'etichetta da cui è difficile distaccarsi

Pensi che questa domanda sia innocente? Sveglia! È una trappola! Si tratta di un modo semplice e pratico per etichettarti a seconda che tu sia assistente, infermiera, direttrice di un’azienda, casalinga o impiegata nel settore pubblico. In questo modo il tuo interlocutore si fa un’idea del tuo tenore di vita, capisce se manchi d’ambizione, se hai studiato, ma anche e soprattutto, può paragonarsi a te. Ora che ha scoperto quanto vali, può fare un paragone tra voi due. Se alla domanda “che fai nella vita?” rispondi “mi piace andare a correre la mattina presto”, come farà il tuo interlocutore a sapere se vale più o meno di te? Come farà a sapere se ha avuto successo o ha fallito nella sua vita… professionale?

La redazione ti consiglia: E se avessi paura di farcela? Di avere successo?

Lavoro e quindi sono utile

Se ci si pensa bene, con il numero di ore al giorno che passiamo al lavoro, non è del tutto incoerente rispondere a questa domanda parlando del proprio mestiere. Per molte persone, il lavoro è ciò che le fa sentire utile nella società. Sia per una questione di cultura sia per l’educazione che ci è stata data, siamo portati a pensare che tutte le attività al di fuori del nostro lavoro non siano utili, che esistano semplicemente per farci rilassare e rinfrescare le idee. Quando ci viene chiesto che cosa facciamo nella vita, ci viene spontaneo rispondere parlando del nostro mestiere per dimostrare la nostra utilità, ma sfortunatamente, in questo modo, mettiamo da parte chi siamo davvero, ciò che davvero ci definisce in quanto persone. 

Sono rari quelli che si identificano nel proprio mestiere; per tutti gli altri, il lavoro è un mezzo (per avere la disponibilità per fare ciò che si desidera, per vivere bene, per rilassarsi, per essere fieri di se stessi, etc.). Dunque, mostriamoci per quelli che siamo veramente. Osiamo essere noi stessi, diversi e inconfondibili, e ampliamo la nostra risposta all'eterna domanda “che fai nella vita?”

Vedi anche: Come farsi dei nuovi amici?


Il consiglio della redazione - "E a te? Che cosa ti piace fare nella vita?"

È difficile fare conversazione con uno sconosciuto se si esclude questa domanda dalla conversazione. Se ti ritrovi nel silenzio imbarazzante di una conversazione, piuttosto che cadere nel cliché, conta mentalmente per 5 secondi e poni piuttosto questa domanda: "Che cosa ti piace fare nella vita?" Sicuramente i tuoi interlocutori rimarranno piacevolmente sorpresi! La conversazione ne sarà arricchita e imparerai a conoscere la persona che hai davanti per quella che è davvero.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!