La mia famiglia è tossica: come riconoscerla? come fare?

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Non riesco a credere di essere nata sotto una cattiva stella solo a causa della mia famiglia che, ammettiamolo, è lungi dall’essere perfetta. Quando mia madre non mi fa sentire in colpa, ci pensa mio padre a sminuirmi ed a paragonarmi alla sorella che non ho mai avuto. Per essere felice e sfuggire a questa relazione "tossica", ho dovuto prendere delle misure, poi le distanze. Ti racconto come ho imparato a stare alla larga dai miei genitori nocivi.

La mia famiglia è tossica: come riconoscerla? come fare?

Fin dalla nostra più tenera infanzia, i nostri genitori ricoprono un ruolo importante: quello dei nostri modelli. Ci identifichiamo in loro e valutiamo la nostra persona in relazione alla stima e alla considerazione che hanno su di noi e, di solito, non si lasciano scappare questa grande opportunità! Da che ho memoria, i miei genitori non mi hanno mai veramente apprezzata. A sentirli, non valevo poi così tanto.

Cosa fare se si ha una famiglia tossica?

Dev'esserci per forza qualcosa nei nostri geni che fa amare incondizionatamente i nostri genitori. È per questo forse che inizialmente tendiamo a trovar loro delle scuse. “Mamma si arrabbia con me perché è stanca...”. “Papà non è paziente perché a sua volta suo padre non lo era...". Solo che nessun bambino dovrebbe pagarne le conseguenze. Cullata dall'illusione che i miei genitori fossero semplicemente iperprotettivi e che questa fosse l’unica forma attraverso la quale l'amore si manifestasse, ci ho messo tempo a realizzare che si trattava in realtà di una relazione tossica.

Certi segnali non mentono mai, i miei genitori avevano l’abitudine di farmi sentire in colpa dalla mia più tenera età. Durante tutto il mio percorso scolastico, davano peso solo ai miei errori e pretendevano che stessi sempre sull’attenti. Dire la mia? Non ci pensavo nemmeno. E poi non avevo neanche il tempo di farlo perché loro passavano le giornate a sminuirmi e a paragonarmi agli altri che erano, guarda caso, sempre più educati o intelligenti di me.


Donna alla finestraDominatore, critico, manipolatore, o addirittura violento, un genitore “tossico” può ricorrere a gesti o parole che possono traumatizzarti per il resto dei tuoi giorni.


Insultata malamente da ogni dove, sapevo dentro di me che non mi sarei mai sentita appagata se la situazione non fosse cambiata. È così che è scattata la scintilla. In un secondo momento, anch'io ho il progetto di mettere su famiglia, e in un contesto simile, è praticamente impossibile. Al cuore bisogna dare del tempo per accettare ciò che la ragione ha già saggiamente colto. Per quanto ci volesse, dovevo fare qualcosa per salvare la nostra relazione, o almeno salvare me stessa.

La redazione ti consiglia: Come dimenticare un narcisista perverso?


Citazione

"Anche la più vile delle calunnie non riesce a infangare una reputazione senza macchia"


Come gestire i rapporti in una famiglia tossica

Questa citazione era diventata il mio mantra. Avevo deciso di non lasciarmi condizionare dai commenti negativi dei miei genitori. All’inizio, la mia reazione poteva essere riassunta in queste 3 fasi: perdita di controllo, chiusura in me stessa, pianto. Cominciando a fare orecchie da mercante, ho risparmiato tempo e denaro (per i pacchetti di fazzoletti). Sentivo che si agitavano e che emettevano dei suoni con la bocca, ma non ascoltavo. E soprattutto, non reagivo. O perlomeno, non a caldo. La reazione avveniva di solito quando ero stressata, particolarmente urtata od offesa. Qui, me ne infischiavo altamente!

Lo scopo di questo stratagemma era quello di non dare più l’impressione di essere ferita dal loro comportamento, di restare tutta d’un pezzo e soprattutto di non cedere ai loro ricatti (la loro ultima speranza, ai quali ricorrevano quando si accorgevano di non aver raggiunto il loro scopo…). Quando impari a dare meno importanza al giudizio degli altri, ti senti molto meglio. Spesso ti rimprovereranno di essere cambiato/a, quando in realtà avrai solo capito cosa era giusto per te.

Ma attenzione, ignorare e non lasciarsi colpire dai loro attacchi non deve renderti un animale indifeso. Infatti, di fronte ad un paragone, a un’osservazione fuori luogo o ad un’accusa a torto, io rispondevo eccome! Era senza dubbio un’attività stancante vista la mole degli insulti che ricevevo, ma più mi imponevo, più acquisivo fiducia in me stessa. Era il momento giusto di cominciare ad usare la prima parola che avevo imparato da piccola, quel famoso “no”, tanto facile da articolare quanto difficile da pronunciare. E quando facevano finta di non capire questa parola, seppur così semplice, mi sentivo sempre più forte.

In alcuni casi la distanza è l’unico rimedio

Ho notato che la relazione tossica con i genitori era particolare, un rapporto di amore e odio in perenne contrapposizione. Se tagliare il cordone era stato difficile, immagina quanto lo possa essere tagliare i ponti... solo l'idea mi terrorizzava. Per quanto “tossici”, rimangono pur sempre i miei genitori! Ma bisogna avere il coraggio di lasciarsi alle spalle certe cose. Soprattutto quando non siamo minimamente ascoltati e capiti. Quando le parole non sortiscono alcun effetto, sono le azioni che fanno reagire. Smettere di chiamarsi e di vedersi per un mese, un anno, o il tempo che ci vorrà, è una decisione tanto difficile quanto liberatoria. Chissà, a volte perdersi è il miglior modo per ritrovarsi! Nel frattempo, forse avranno riflettuto o iniziato una terapia...

Come sbarazzarsi dell'influenza della famiglia?

Si potrebbe pensare che un genitore “tossico” ci danneggi solo quando è presente fisicamente lì con te, ovvero tutti i giorni per almeno i primi 18 anni della tua vita, durante gli eventi importanti, o quando si autoinvita a casa tua. Ti confermo che non è proprio così. Ho sentito così tanti “sbrigati!”, “non piangere!” e “poverina, sei solo una nullità”, che queste parole risuonano ancora nella mia testa. Come se una voce interiore mi ripetesse e mi ricordasse in ogni istante la mia inutilità. Ero arrivata al punto di autogiudicarmi. Anche da assenti, i miei genitori continuavano a rovinarmi la vita. La secondo scintilla: ero diventata “tossico” come loro.

Come comportarsi in una famiglia tossica?

  • I sbrigati che sentivo non appena mi mettevo a discutere nei negozi sono diventati dei “scelgo di prendere il mio tempo perché a differenza dei miei genitori, ho voglia di approfittare del presente, di coglierne l’attimo
  • Per quanto riguarda i non piangere li ho trasformati in “sei un essere umano, hai il diritto di poter esprimere i tuoi sentimenti”. Dopotutto, è meglio essere ipersensibile che duro come un muro.
  • Per i sei solo una nullità invece, lascio parlare i filosofi al mio posto: “errare è umano”. Per dirla tutta, commettere degli errori lascia sempre un margine di miglioramento!

Parlare aiuta a sentirsi meglio

È inutile nasconderlo: questo lungo lavoro interiore su di me è stato complicato perché, dal mio punto di vista, credevo che i miei genitori avessero ragione poiché erano il mio unico modello. Consultare uno psicologo mi ha aiutata a vedere la situazione da un'altra angolazione, la mia, e mi ha permesso di non mollare la presa. Parlare con lui/lei di tutto quello che ho tenuto dentro per anni mi ha fatto veramente bene. Scrivere delle lettere per dire ai miei genitori tutto quello che avevo provato, o fare lo stesso esercizio oralmente parlando davanti ad una loro foto, può sembrare riduttivo, ma credetemi, è una vera e propria valvola di sfogo. E spero che la mia storia aiuti chi ne ha bisogno.


Il consiglio della redazione: non sentirti in colpa, non è colpa tua!

Se sei stato il/la figlio/a di cui parlavamo più in alto e sei consapevole che il rapporto con i tuoi genitori ti impedisce di crescere, è molto importante che tu sia consapevole anche del fatto che non è colpa tua! Secondo Marie-Charlotte Lanta, coach esperto in Intelligenza Relazionale, il bambino non è mai responsabile di una relazione “tossica”, anche se riceve innumerevoli rimproveri che lo colpevolizzano anche quando non ha nessuna colpa. È la relazione in sé che è malata.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo




Altri articoli che potrebbero interessarti:


Fonte: guidapsicologi 

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Perché l’imprevisto mi mette ansia?7 consigli per gestirlo meglio

Una riunione al lavoro organizzata all’ultimo minuto, un amico che ti dà buca poche ore prima dell’uscita, un treno annullato o in ritardo… tutti esempi di situazioni che ti mettono nel panico! Gli imprevisti ti fanno perdere la testa e gli attacchi di panico sono sempre dietro l’angolo? Eppure gli imprevisti fanno parte della vita e non sono una fatalità… Quindi, perché questa reazione di paura esagerata? Come lasciare che gli imprevisti facciano parte della nostra vita senza tutta quest’ansia? Vediamolo!

Il segreto della felicità è fregarsene di tutto? Lo è?

Spesso mi viene detto di prendermi meno a cuore le cose. Lo ammetto, essendo una persona ipersensibile, metto il cuore e l'anima in ogni cosa. Forse un po' troppo, perché questo tende a generare ansia. Quindi, alla fine, il segreto della felicità non è forse quello di prendersela con tutto? Beh, ho cercato di approfondire l'argomento nelle mie letture e non è così semplice. Mi spiego meglio.

Storia d'amore proibita: rinunciare o bruciarsi?

"Rifiuta tuo padre e rinnega il tuo nome; oppure, se non vuoi, giura di amarmi e non sarò più un Montecchi". Credo che tutti abbiano indovinato l'origine di questa citazione! Si tratta, ovviamente, di Romeo e Giulietta di Shakespeare. Ho sempre amato questa storia di amore proibito e non sono l'unica, perché questa opera ha resistito alla prova del tempo. D'altra parte, trovo molto meno piacevole vivere un amore proibito. Non sai se è meglio arrendersi o bruciarsi... Te lo racconto io.

6 esempi di lettere d'addio commoventi, è il momento di aprire il tuo cuore

"Le storie d'amore di solito finiscono male". Come saprai anche tu come Rita Mitsoukos, l'amore non è un percorso diretto verso l'eternità. A volte scompare dal nostro cuore, lasciando un grande vuoto, se non addirittura un odio feroce. È allora che arriva il momento di dire addio e una lettera può essere il modo più efficace per dire esattamente come ti senti e spiegare perché te ne vai. Ecco 6 esempi di lettere d'addio, per dire addio, bye-bye o arrivederci a una persona cara, ma anche a un amico o, più tristemente, a una persona cara che è morta.

Dipendenza affettiva

Sicuramente hai già sentito parlare della dipendenza affettiva. Pensi di esserne affetta o che un tuo caro lo sia? Come distinguere l’amore e la dipendenza affettiva? Come uscirne? Scopriamolo insieme!

Cos’è una relazione libera? Quali sono i pro e i contro?

Solitamente quando si pensa a una coppia si pensa unicamente a due persone. Questa visione può essere rassicurante e seducente per alcuni ma una vera e propria trappola per altri. E se la fedeltà non fosse più un passaggio obbligato? E se la coppia esclusiva fosse un modello superato a favore della relazione libera?

10 consigli per avere successo nelle relazioni

Le storie d’amore che durano tutta una vita non sembrano più possibili. Il problema non è innamorarsi, stare assieme i primi mesi, perfino i primi due anni. E quando il tempo passa che i problemi sorgono e indeboliscono la coppia. Qual è il segreto per far sì che un rapporto duri nel tempo?

Relazione amorosa tossica: 10 campanelli d’allarme 🚩

Quando è iniziata la mia nuova storia d’amore mi sono subito chiesta: ci sono campanelli d’allarme? La risposta è no, mi sembra la migliore relazione che abbia avuto finora! Ma purtroppo non è sempre stato così… Ecco perché ho fatto una lista dei campanelli d’allarme da tenere d’occhio per non imbarcarsi in una relazione tossica.

Come possiamo identificare gli schemi ripetitivi e uscirne?

Per molto tempo ho avuto la sensazione di ripetere gli stessi errori. Ad esempio, in più di un'occasione ho perso un'opportunità di carriera. Purtroppo, scommetto di non essere l'unico ad aver osservato questo tipo di schema ripetitivo. Questo tipo di loop è infernale, quindi come fare per identificarlo e uscirne? Ora che ho imparato a lavorare su questo aspetto, te lo spiego.

La mia relazione non mi rende felice, come fare?

La magia dell’inizio di una relazione e le farfalle nello stomaco sono volate via. Stare insieme significa avere un partner per la vita, qualcuno che ti sta accanto, ma alle volte ci si sente infelici e incomprese. Quando la tua metà ti fa più piangere che ridere, è assolutamente legittimo mettere in dubbio la relazione stessa. Ma prima di lasciar perdere del tutto, sappi che esistono delle soluzioni. Non sono felice nella mia relazione, come fare? Vediamolo insieme.

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!