10 consigli per migliorare l’autostima dei propri figli

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Avere una certa dose di autostima non significa per forza essere una di quelle persone con la puzza sotto il naso o i soliti “so tutto io”, come direbbero i bambini. Avere fiducia in se stessi significa avere consapevolezza di sé, del proprio valore e delle proprie competenze. C’è da dire che non si nasce con questa sicurezza, ma è una capacità su cui si lavora, che cresce con le esperienze che si vivono e con i legami che si creano con gli altri, soprattutto con i propri genitori. Il modo in cui i genitori guardano ai propri figli incide molto sull’autostima di questi ultimi. Sappiamo che molti bambini non hanno grande autostima, si sminuiscono e si mettono da parte. Sono i genitori dunque che hanno il compito di rendere i propri figli più forti e consapevoli! Ecco 10 consigli per aiutarli ad avere fiducia.

10 consigli per migliorare l’autostima dei propri figli
 
 Sommario

I bambini che non hanno un briciolo di autostima si riconoscono, perché si svalorizzano di continuo. Dubitano delle loro capacità e hanno sempre paura di sbagliarsi. In classe, non tentano di partecipare o di fare un passo verso gli altri, cominciare una nuova attività li spaventa e hanno la tendenza a mettersi in disparte. Questa mancanza di sicurezza può anche derivare da un complesso fisico, o da una mancanza di incoraggiamento da parte dei genitori, che di solito dovrebbero avere uno sguardo maestro e benevolo.

Potrebbe interessarti - Piangere davanti ai propri figli: segno di debolezza o lezione di vita?

10 consigli per aumentare l'autostima dei propri figli

Prima di consultare uno specialista per trovare rimedio a questa mancanza di sicurezza, ecco alcuni consigli che potrebbero aiutarti a rendere tuo figlio più sicuro di sé:

1) Fallo diventare autonomo

Quando ti si presenta l’occasione, non avere paura di dargli alcune responsabilità, ovviamente senza perderlo di vista. Farlo insaponare o risciacquare da solo, fargli scegliere come vestirsi, fargli sistemare la stanza… Affidargli questi piccoli compiti quotidiani lo renderà fiero, perché si sentirà grande.

2) Fagli notare quando qualcosa è ben fatto

In quanto genitori, abbiamo l'abitudine di dire ai nostri figli cosa non va bene o non va fatto, perché questo fa parte del processo di educazione. Ma per dare un po’ di fiducia ai bambini, è necessario dire loro anche le cose che fanno bene! Se si è comportato bene, è stato obbediente, ha fatto un buon compito, fagli un commento positivo, per incoraggiarlo a seguire questa tendenza positiva. Attenzione però a non esagerare facendolo diventare un megalomane: bisogna restare oggettivi e razionali.

3) Non mettergli pressione

Alcuni genitori hanno la tendenza ad avere delle attese troppo elevate nei confronti dei loro figli, cosa che potrebbe causare una doppia frustrazione: il bambino sa che ciò che deve fare non è alla sua portata e che, inoltre, deluderà i suoi genitori. Dandogli invece degli obbiettivi adatti alla sua età e alle sue capacità, allora si che farà progressi!

4) Non iperproteggerlo e non ripetergli in continuazione “ti farai male”

Certo, è indispensabile far capire ai propri figli il senso del pericolo, ma quando questo diventa eccessivo, allora il rischio è che non vogliano più fare niente! Non ostacolarlo nella sua scoperta del mondo!

Vedi anche: Sei un genitore elicottero?

5) Incoraggialo e valorizzano

Frasi come “so che ce la puoi fare” o “ce la farai” faranno sviluppare nel bambino una buona immagine di sé. Avere un atteggiamento premuroso e amorevole contribuisce alla formazione dell'autostima. Non esitare a dargli anche delle motivazioni alle tue parole, in modo da renderlo ancora più consapevole delle sue capacità. E in caso di fallimento, basta semplicemente dire: “Non ce l’hai fatta oggi, ma ti eserciterai e ce la farai la prossima volta”.

6) Evita di paragonarlo ai fratelli, alle sorelle o ad altri bambini

Il paragone con gli altri potrebbe innescare dei sentimenti negativi, coma la rivalità o la gelosia! Non dobbiamo dimenticare che non tutti i bambini crescono allo stesso ritmo, hanno caratteri e interessi diversi. Sono tutti unici nel loro genere e meritano di essere accettati e rispettati per quello che sono.

7) Aiutalo a confrontarsi con gli altri

A seconda della sua età, puoi anche permettergli di andare a comprare il pane mentre lo aspetti davanti al panificio, o proporgli di invitare i suoi amichetti a casa. Se tuo figlio è timido, metterlo in relazione con gli altri lo aiuterà a uscire a piccoli passi dalla sua zona di comfort, per potersi poi sentire più sicuro.

8) Consentigli di mettersi alla prova

Immagina delle piccole sfide semplici e realizzabili per tenere occupato tuo figlio: fare una smorfia spaventosa, fare il giro della stanza saltellando su una gamba sola, scrivere il suo nome e cognome cambiando colore ad ogni lettera…Sarà contento di riuscire in queste piccole sfide e soprattutto di prendere consapevolezza delle sue capacità!

9) Fai attenzione a come formuli le frasi

Anche se sembrano sempre fra le nuvole, i bambini in realtà sono sensibili alle parole che vengono dette, soprattutto dai genitori. Una stessa idea può essere espressa in modi differenti, quindi piuttosto che dirgli “sei maleducato” è meglio dirgli “non è carino quando non saluti le persone”, e così via.

10) Lasciagli esprimere il suo punto di vista

I suoi sentimenti hanno un valore. Quello che sente, quello che gli causa stress o malessere non deve essere sminuito o sottovalutato. Inoltre, cercare di esprimere le emozioni con le parole aiuta il bambino a comprenderle e a viverle. Ascoltarlo non significa piegarsi ai suoi desideri, ancor più se questi sono privi di fondamento, ma lo aiuterà ad affermarsi, cosa di cui avrà bisogno in età adulta!

Vedi anche - Genitori allo stremo, attenzione al burn-out materno


Il consiglio dello psicologo – Fare attività per trovare fiducia in se stesso

L’autostima si costruisce piano piano, nel corso della nostra infanzia e per tutta la vita. Le interazioni familiari e sociali giocano un ruolo estremamente importante nello sviluppo. Emmanuelle Rihon, psicologa e psicoterapeuta, autrice del libro “Mamma, papà, non ce la farò mai!: come aiutare il bambino ad avere fiducia in se stesso”, ci spiega che, se hai l’impressione che tuo figlio manchi ancora di autostima, allora il problema potrebbe derivare dalla tua stessa mancanza di autostima.

“La mancanza di autostima di uno o di entrambi i genitori può avere degli effetti collaterali sul bambino, che di conseguenza non avrà autostima. Al contrario, dei genitori troppo sicuri possono rendere il bambino insicuro, perché lo porterebbero a dirsi che non sarà mai alla loro altezza. Le attività ludiche possono aiutare i bambini a trovare l’autostima: praticare uno sport, un’attività extracurricolare, etc. Tutto ciò può aiutare il bambino a sviluppare la fiducia in se stesso e nelle sue capacità”.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe



Fonte: kidpass.it

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Il potere della comunicazione positiva nella coppia

Un’amica una volta mi ha detto che la coppia è come l’interno di una palla di neve di vetro: intima, preservata, al riparo. Protetti, si costruisce insieme la coppia, ma ogni critica, riflessione, insulto scalfisce questo ambiente e se non si fa attenzione, questo micro universo sparisce. Io ho deciso di riparare i primi danni visibili. Come? Utilizzando la comunicazione positiva.

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

10 esercizi per imparare a mollare la presa

Lo stress, le preoccupazioni, il senso di colpa… Sono tante le emozioni negative che affliggono la nostra quotidianità. Ci sentiamo dire sempre le stesse cose: “Dai troppo peso alle cose”, o ancora, “Non ci pensare!”…magari fosse così facile! Per aiutarti, ecco 10 esercizi per imparare a mollare la presa e sentirti subito meglio!

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!