Chi sono i genitori elicottero? Qual è il loro comportamento?

Aggiornato il da Giada Paoli

Hai perennemente paura per tuo figlio? Fai di tutto per lui, arrivando quasi a mettere da parte te stesso? Una partita di calcio a centinaia di kilometri di distanza? Cosa vuoi che sia ! Gli proibisci di correre per paura che cada e si faccia male? Se è così, non ci sono dubbi: sei un genitore elicottero. Ecco le caratteristiche del genitore iperprotettivo.

Chi sono i genitori elicottero? Qual è il loro comportamento?

Il compito di un genitore è quello di trasmettere a suo figlio le capacità necessarie per poter scoprire il mondo. Per fare ciò, il bambino deve esplorare il mondo, vivere esperienze diverse, imparare a eccellere ma anche a fallire. Solo in questo modo potrà diventare autonomo, sviluppare l'autostima e imparare a gestire le proprie emozioni negative.

Al contrario, alcuni genitori sono assolutamente incapaci di lasciare che i propri figli volino con le proprie ali. Questi genitori iperprotettivi vengono definiti come genitori elicottero. Nella loro ottica, agiscono sempre e comunque per il bene del proprio figlio. Eppure, questo comportamento può avere un impatto negativo sulla fiducia del bambino.

Chi sono i genitori elicottero?

📌
Vengono chiamati "genitori elicottero" 🚁 perché danno l'impressione di sorvolare continuamente intorno ai loro figli, osservando ogni minimo pericolo per portarli in salvo. L'immagine è molto chiara!

È importante notare che è naturale volerli proteggere e volere il meglio per loro. Tuttavia, lo stile dell'elicottero può ostacolare lo sviluppo dell'autonomia e della resilienza nei bambini. Se non hanno l'opportunità di commettere errori e di imparare da essi, potrebbero tardare a sviluppare abilità importanti come la risoluzione dei problemi, il processo decisionale e la gestione dei fallimenti.

Il genitore elicottero si distingue perché eccessivamente presente nella vita del proprio figlio, è un genitore fin troppo esigente. Non si mette problemi a intervenire anche per il più insignificante problemino e a prendere decisioni al posto suo. Qualunque problema affligga il bambino, viene immediatamente risolto da questa tipologia di genitore.

Un forte desiderio di riuscire o una profonda ansia possono essere alcuni dei fattori che portano all’iperprotettività del genitore elicottero, che vuole fare sempre tutto alla perfezione e impedisce a suo figlio di sbagliare. Il bambino dunque avverte che il mondo non è un posto sicuro per lui; sarà quindi incapace di affrontarlo da solo e di fare qualunque cosa senza l’aiuto altrui.

Come si comporta un genitore elicottero?

Alcuni comportamenti vanno considerati come campanelli d’allarme. Se ti riconosci in queste attitudini, sei sicuramente un genitore elicottero:

  • ☑️Parli al plurale quando ti riferisci a tuo figlio. Per esempio dici “stasera abbiamo molti compiti da fare”.
  • ☑️Hai perennemente paura per tuo figlio. Lo chiudi dentro una bolla per evitare che si faccia male, che cada, soffra o abbia qualunque tipo di problema.
  • ☑️Non sai dirgli di no. Il tuo desiderio più grande, nonché priorità, è quello di accontentare tuo  figlio, anche a costo di spendere più di quanto dovresti.
  • ☑️Organizzi la sua vita. Sotto la tua chioma si nasconde una vera e propria agenda ministeriale, che prevede numerose attività extrascolastiche.
  • ☑️ Intervieni spesso per risolvere i problemi di tuo figlio prima che abbia avuto la possibilità di provarci da solo.
  • ☑️ Spesso fai cose che potrebbero fare da soli. Vestirlo, lavarlo, preparargli la borsa della scuola, non lo lasci fare e lo fai al posto suo.
  • ☑️ Sei molto coinvolto nelle sue attività e nei suoi compiti. Segui da vicino le sue attività e a volte fai anche i compiti al posto suo.
  • ☑️ Non permetti loro di commettere errori. Non sopporti di vedere tuo figlio fallire o commettere errori. Tuo figlio non riesce a imparare dai suoi errori.

Se hai risposto "sì" alla maggior parte di queste domande, sei un genitore elicottero. Non farti prendere dal panico: rendersi conto di questo è la parte più difficile e non dimentichiamo quanto possa essere difficile fare il genitore. Nessuno è perfetto. Non sentirti in colpa, non giudicarti troppo severamente, ma vedila come un'opportunità per evolvere.

Come smettere di essere iperprotettivi?

Piuttosto che fare le cose al suo posto o farti prendere l'ansia, prova a guidare tuo figlio dandogli dei consigli perché riesca a fare tutto da solo. Se hai paura di lasciarlo fare per conto suo, condivide le tue emozioni con chi ti sta vicino. Ti renderai conto di non essere solo/a e così potrai sdrammatizzare la situazione. Se tuo figlio fa degli sbagli, aiutalo a trovare le parole per riuscire ad esprimere le sue emozioni e insegnagli che non è poi così grave. La cosa più importante resta la fiducia. Devi avere fiducia in lui ma anche in te stesso. I genitori perfetti non esistono.

📌 Ricorda che:
👉 Il bambino ha bisogno di commettere errori per imparare e sviluppare fiducia e indipendenza. Questo è molto importante.
👉 Aiutarlo a superare le difficoltà piuttosto che tenerlo lontano da esse.
👉 Guidare il bambino far sì che prenda decisioni da solo. Guidarli, ma non scegliere per loro.

Bambino

La cosa più importante è la fiducia. Dovete avere fiducia in vostro figlio ma anche in voi stessi.


Il consiglio della redazione: attenzione alle conseguenze psicologiche

Fate attenzione, perché il comportamente del genitore elicottero può portare a un certo disequilibrio psicologico nel bambino. Il rischio di stress, disturbi d’ansia o addirittura depressione sono più alti rispetto agli altri bambini. Chiederà sempre il parere dei genitori, anche in età adulta, e si mostrerà insoddisfatto nei confronti della vita. Pensi di essere un genitore elicottero? Pensi che tua madre o tuo padre lo sia? Non esitare a contattare uno dei nostri psicologi qualificati che ti sapranno aiutare dandoti i giusti consigli per trovare una soluzione.
 
🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo


Fonte: nostrofiglio - davidealgeri

Articolo suggerito da Giada Paoli

Il mio sogno è vivere sognando ad occhi aperti, amando infinitamente e sentirmi libera di essere ciò che desidero.

Gli articoli appena pubblicati

Perché l’imprevisto mi mette ansia?7 consigli per gestirlo meglio

Una riunione al lavoro organizzata all’ultimo minuto, un amico che ti dà buca poche ore prima dell’uscita, un treno annullato o in ritardo… tutti esempi di situazioni che ti mettono nel panico! Gli imprevisti ti fanno perdere la testa e gli attacchi di panico sono sempre dietro l’angolo? Eppure gli imprevisti fanno parte della vita e non sono una fatalità… Quindi, perché questa reazione di paura esagerata? Come lasciare che gli imprevisti facciano parte della nostra vita senza tutta quest’ansia? Vediamolo!

Il segreto della felicità è fregarsene di tutto? Lo è?

Spesso mi viene detto di prendermi meno a cuore le cose. Lo ammetto, essendo una persona ipersensibile, metto il cuore e l'anima in ogni cosa. Forse un po' troppo, perché questo tende a generare ansia. Quindi, alla fine, il segreto della felicità non è forse quello di prendersela con tutto? Beh, ho cercato di approfondire l'argomento nelle mie letture e non è così semplice. Mi spiego meglio.

Storia d'amore proibita: rinunciare o bruciarsi?

"Rifiuta tuo padre e rinnega il tuo nome; oppure, se non vuoi, giura di amarmi e non sarò più un Montecchi". Credo che tutti abbiano indovinato l'origine di questa citazione! Si tratta, ovviamente, di Romeo e Giulietta di Shakespeare. Ho sempre amato questa storia di amore proibito e non sono l'unica, perché questa opera ha resistito alla prova del tempo. D'altra parte, trovo molto meno piacevole vivere un amore proibito. Non sai se è meglio arrendersi o bruciarsi... Te lo racconto io.

6 esempi di lettere d'addio commoventi, è il momento di aprire il tuo cuore

"Le storie d'amore di solito finiscono male". Come saprai anche tu come Rita Mitsoukos, l'amore non è un percorso diretto verso l'eternità. A volte scompare dal nostro cuore, lasciando un grande vuoto, se non addirittura un odio feroce. È allora che arriva il momento di dire addio e una lettera può essere il modo più efficace per dire esattamente come ti senti e spiegare perché te ne vai. Ecco 6 esempi di lettere d'addio, per dire addio, bye-bye o arrivederci a una persona cara, ma anche a un amico o, più tristemente, a una persona cara che è morta.

Dipendenza affettiva

Sicuramente hai già sentito parlare della dipendenza affettiva. Pensi di esserne affetta o che un tuo caro lo sia? Come distinguere l’amore e la dipendenza affettiva? Come uscirne? Scopriamolo insieme!

Cos’è una relazione libera? Quali sono i pro e i contro?

Solitamente quando si pensa a una coppia si pensa unicamente a due persone. Questa visione può essere rassicurante e seducente per alcuni ma una vera e propria trappola per altri. E se la fedeltà non fosse più un passaggio obbligato? E se la coppia esclusiva fosse un modello superato a favore della relazione libera?

10 consigli per avere successo nelle relazioni

Le storie d’amore che durano tutta una vita non sembrano più possibili. Il problema non è innamorarsi, stare assieme i primi mesi, perfino i primi due anni. E quando il tempo passa che i problemi sorgono e indeboliscono la coppia. Qual è il segreto per far sì che un rapporto duri nel tempo?

Relazione amorosa tossica: 10 campanelli d’allarme 🚩

Quando è iniziata la mia nuova storia d’amore mi sono subito chiesta: ci sono campanelli d’allarme? La risposta è no, mi sembra la migliore relazione che abbia avuto finora! Ma purtroppo non è sempre stato così… Ecco perché ho fatto una lista dei campanelli d’allarme da tenere d’occhio per non imbarcarsi in una relazione tossica.

Come possiamo identificare gli schemi ripetitivi e uscirne?

Per molto tempo ho avuto la sensazione di ripetere gli stessi errori. Ad esempio, in più di un'occasione ho perso un'opportunità di carriera. Purtroppo, scommetto di non essere l'unico ad aver osservato questo tipo di schema ripetitivo. Questo tipo di loop è infernale, quindi come fare per identificarlo e uscirne? Ora che ho imparato a lavorare su questo aspetto, te lo spiego.

La mia relazione non mi rende felice, come fare?

La magia dell’inizio di una relazione e le farfalle nello stomaco sono volate via. Stare insieme significa avere un partner per la vita, qualcuno che ti sta accanto, ma alle volte ci si sente infelici e incomprese. Quando la tua metà ti fa più piangere che ridere, è assolutamente legittimo mettere in dubbio la relazione stessa. Ma prima di lasciar perdere del tutto, sappi che esistono delle soluzioni. Non sono felice nella mia relazione, come fare? Vediamolo insieme.

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!