Neonati: 10 domande imbarazzanti che osi chiedere solo a Google!

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Non sarà una novità quella che sto per scrivere: avere un bambino (e soprattutto il primo), cambia tutto. Sconvolge la nostra vita, la casa, l’equilibrio della coppia, ma anche le certezze. Quando tieni il tuo primo figlio tra le mani, capisci di non sapere assolutamente niente, oppure molto poco. Chissà se qualcuna ha mai osato dire di non aver vissuto la maternità come una sorta di salto nel vuoto, passando il tempo a porsi centinaia (se non migliaia!) di domande. E quando si tratta di domande, soprattutto di quelle più bizzarre, spesso e volentieri non ci si rivolge al pediatra, alla migliore amica o alla mamma. No, l’alleato preferito dalle donna in questi casi è proprio il caro vecchio Google, che mantiene sempre i nostri segreti…o quasi!

Neonati: 10 domande imbarazzanti che osi chiedere solo a Google!
 
 Sommario

Google, l’amico delle mie notti insonni

In un primo momento, quando un figlio entra a far parte delle nostre vite, si dorme davvero poco. Dunque, mentre stai lì, faccia a faccia con questo piccolo essere umano che ami già alla follia, ti rendi conto che non hai né una guida né le istruzioni per l’uso, lui non parla e tu non hai sonno. A questo punto, anche il minimo problema prende le sembianze di un ostacolo insormontabile. Quando è capitato a me, sentivo nella mia testa la voce di mia madre che mi ripeteva “segui il tuo istinto”. Ok, il mio istinto era di buttarmi a capofitto sul telefonino per sapere tutto quello che avrebbe potuto danneggiare la crescita del bambino, perché desideravo che tutto fosse perfetto. Se anche tu ti sei sentita o ti senti così, sappi dunque che non sei la sola! Se hai chiesto a Google spiegazioni sul colore delle feci di tuo figlio, è normale! Puoi starne certa, tutte le mamme sono fatte così!

Le 10 domande sui neonati più ricercate su internet!

Domande imbarazzanti e grandi tabù, ecco quali sono le domande più imbarazzanti sui neonati.

1) Perché mio figlio ha una testa strana?

bambino

La perfezione non esiste. Lo sappiamo bene, ma non c’è niente da fare, perché quando si tratta di nostro figlio lo immaginiamo perfetto. Allora è ovvio che, dopo la sua nascita, stiamo lì a tormentarci chiedendoci se sia normale che nostro figlio sia bruttino, o il perché della sua testa piatta, o ancora se quelle orecchie terribili carinissime resteranno così… Alla fine arriviamo sul punto di impazzire e non resistiamo, ci ritroviamo a chiedere a internet se tutto questo è normale. Ovviamente nessuna di noi osa fare queste domande a qualcuno, non siamo mica dei mostri. Si sa che il genitore perfetto non esiste, ma per lo meno facciamo finta di esserlo!

2) Quando potrò bere di nuovo dell’alcol?

quando potrò bere alcol?

Sia perché è buono ma anche e soprattutto perché ce ne siamo private per mesi e mesi, e la voglia inizia a farsi sentire! Dunque, sorge spontanea la domanda: "se bevo un bicchierino, il mio latte conterrà dell’alcol?" Perché insomma, è ancora un po’ presto per il primo drink del bimbo. E anche se non allatti, magari ti sarai chiesta: "Ho bevuto quando ancora non sapevo di essere incinta, è grave?". Non sempre siamo pronte a ricevere lo sguardo giudicante del ginecologo, mentre se internet ci giudica, basterà spegnere il telefonino!

3) Posso bere il mio latte?

allattamento

Sempre per quanto riguarda l’allattamento, ecco una domanda abbastanza bizzarra, ma meno rara di quanto si possa pensare. Dopo tutto, quando produciamo il latte ci rendiamo concretamente conto del fatto che il nostro corpo è davvero capace di fare meraviglie e il latte è pur sempre latte, anche se nostro, no? Magari è buono!

4) Perché mio figlio non mi assomiglia?

bambino

Appena diamo alla luce nostro figlio, ecco che questa domanda inizia a tormentarci. Probabilmente anche i nostri consorti si chiedono la stessa identica cosa. Magari i genitori sono mori con gli occhi scuri mentre il figlioletto ha gli occhi blu o verdi e i capelli biondi. Per fortuna la fiducia regna sovrana… ma un genitore vorrebbe solo essere sicuro che tutto questo sia normale!

5) Per quanto tempo posso lasciarlo piangere?

bambino

Questa è LA grande domanda, fonte di innumerevoli conflitti, spesso intergenerazionali: lasciare o non lasciare che nostro figlio pianga? Tutti noi partiamo dal presupposto che non lasceremo che nostro figlio pianga all’infinito, perché gli studi hanno dimostrato che non va bene. Poi ci ritroviamo a chiedere a Google "perché mio figlio piange a non finire?" E, subito dopo, sorge un’altra domanda: "Quali sono i sintomi del burn-out materno?" È normale chiedersi se lasciar piangere il bimbo altri 5 minuti ci costerà una visita dei servizi sociali o piuttosto diverse sedute dal pedopsichiatra.

La redazione ti consiglia - Come spartirsi al meglio il carico mentale domestico?


Ricorda:
Il burn-out materno esiste e può essere causa di una grande sofferenza, sia per te che per tuo figlio. Non esitare a contattare uno psicologo, che saprà aiutarti. E se ti rendi conto che ti senti impazzire nel momento in cui tuo figlio inizia a piangere senza mai fermarsi, non dondolarlo! Cerca immediatamente qualcuno di fidato che possa prendersene cura in quel momento, o in alternativa puoi chiamare il tuo medico di famiglia o la guardia medica.


6) Rischio di espellere feci durante il parto?

donna incinta

Dai ammettilo, anche tu te lo sei chiesta almeno una volta! È praticamente l’ultimo dei tabù. È vero che magari siamo circondate da amiche che ci hanno raccontato di parti davvero traumatici, ma nessuno, e dico nessuno, ci dice mai la verità: le feci escono durante il parto? La verità è che, in effetti, non se ne sa nulla, quindi non porre la domanda a Google perché questo non farà altro che aumentare l’ansia.

7) Che aspetto hanno delle feci normali?

bambino

Un giorno è tutto ok e l’indomani, panico! Il pannolino del bambino è pieno di feci di ogni colore, dal verde al giallo. Può sembrare stupido, ma il colore delle feci la dice lunga sulla salute del nostro piccolo, e dato che siamo sempre molto apprensive nei suoi confronti, ma non siamo pazze al punto da chiamare il pediatra per questo, ecco che subito prendiamo il cellulare in mano!

8) Come lavare le parti intime del maschietto?

bambino

Personalmente, era una paura che mi ossessionava. Come gestire qualcosa che non ho mai avuto? Prima di avere un figlio non mi ero mai ritrovata in una situazione simile (lo giuro!) E sono rimasta sorpresa nello scoprire che altre mamme si erano poste la stessa domanda. Meno male, mi sono sentita meno sola!

9) Rischio di soffocare mio figlio dormendo insieme a lui?

bambino

Ci vergogniamo sempre un pochino quando poniamo questa domanda, soprattutto perché spesso e volentieri viene in mente dopo essersi svegliate con un po’ di bava sul cuscino e il piccolo tra le braccia. Ma non bisogna provare vergogna, è una domanda precauzionale del tutto normale.

10) Mio figlio è normale?

bambino

Capita che i nostri figli abbiano dei comportamenti o delle attitudini particolari che ci lasciano un po’ di stucco; non è sempre facile porre alcune domande particolari al pediatra, alla maestra o alla tata. È imbarazzante pensare di chiedere: “mio figlio vuole guardarmi mentre faccio pipì, è normale?”, oppure, “mio figlio sbatte la testa contro il muro, è normale?”, o ancora, “mio figlio lecca i libri, è normale?”.

In ogni caso, una cosa è certa, e cioè che, domande imbarazzanti a parte, tutte noi facciamo del nostro meglio, perché non è necessario essere una mamma perfetta, basta essere la madre di cui nostro figlio ha bisogno.


Il consiglio della redazione – Non esitare a contattare uno psicologo

Se ti sembra di essere allo stremo delle forze, esausta, o di stare male psicologicamente, non chiedere a Google ma piuttosto contatta uno specialista, perché insieme riuscirete a trovare una soluzione, cosa che internet, stavolta, non può darti.



Potrebbe interessarti:

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Il potere della comunicazione positiva nella coppia

Un’amica una volta mi ha detto che la coppia è come l’interno di una palla di neve di vetro: intima, preservata, al riparo. Protetti, si costruisce insieme la coppia, ma ogni critica, riflessione, insulto scalfisce questo ambiente e se non si fa attenzione, questo micro universo sparisce. Io ho deciso di riparare i primi danni visibili. Come? Utilizzando la comunicazione positiva.

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

10 esercizi per imparare a mollare la presa

Lo stress, le preoccupazioni, il senso di colpa… Sono tante le emozioni negative che affliggono la nostra quotidianità. Ci sentiamo dire sempre le stesse cose: “Dai troppo peso alle cose”, o ancora, “Non ci pensare!”…magari fosse così facile! Per aiutarti, ecco 10 esercizi per imparare a mollare la presa e sentirti subito meglio!

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!