Come spartirsi al meglio il carico mentale domestico?

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Prendere un appuntamento dal pediatra, fare la lista della spesa, comprare un regalo per il compleanno della suocera, ecc. Detto tra noi, sappiamo benissimo chi pensa a questo genere di cose. Su chi grava questo peso tanto invisibile quanto ingente? Su noi donne ovviamente, siamo noi che ci occupiamo e siamo ossessionate da tutto ciò che c’è da fare ogni santo giorno per la casa e la famiglia. Ma tutto ha un limite, è tempo di condividere!

Come spartirsi al meglio il carico mentale domestico?

Cos'è il carico mentale domestico?

In Italia, le disuguaglianze nella suddivisone dei compiti domestici sono ben radicate all’interno della società. Secondo l'ISTAT, le donne consacrerebbero alle faccende domestiche 3 ore e mezza al giorno mentre gli uomini appena 2, ma non è di certo una novità!  In questi ultimi 11 anni il tempo totale dedicato dalle donne alla vita quotidiana della famiglia è diminuito di circa 22 minuti, per gli uomini invece è aumentato di... appena un minuto. Dei passi da gigante, oserei dire! E c’è di più! 

Gli uomini, in generale, si occupano di compiti valorizzati, appariscenti e duraturi, ad esempio del “fai da te”, mentre le donne trascorrono più tempo a ocariccuparsi delle faccende domestiche, della casa e dei figli. Dei compiti questi senza ombra di dubbio meno valorizzati e meno appariscenti, a tal punto che a volte ti perseguitano e non abbandonano mai i tuoi pensieri (ma almeno non ti lasciano sola), alimentando quello che comunemente chiamiamo carico mentale.

Impegni da fare


Lo sapevi? 📌 😮


Il carico mentale è un concetto sociologico nato negli anni '80.


Come equilibrare il carico mentale? 

In una coppia, entrambi i partner sono adulti. Quindi siamo d'accordo nell’affermare che entrambi sono capaci di avere responsabilità e di collaborare, di fare squadra insomma. Non siamo in un rapporto subalterno come quello tra genitore/figlio, tra insegnante/alunno o tra artigiano/apprendista. L'uomo non deve essere l’apprendista della coppia che aspetta le direttive, che gli si dica cosa fare e quando passare all'azione. Ecco perché chiedere aiuto non basta, bisogna condividere lo stesso spirito di iniziativa. 

Come scrive Emma, una blogger femminista francese, nel suo fumetto, Bastava chiedere!: "Quando viene chiesto alle donne di fare tutto questo lavoro di organizzazione, e di portarne a termine una grande parte, e come se avessero fatto il 75% dello stesso”. Le conseguenze di questo sovraccarico lavorativo non tardano a manifestarsi: le donne, infatti, oltre a consacrare meno tempo ai loro hobby (solo 2 ore e mezza contro le 3 ore e 20 degli uomini), sono ostacolate nella loro vita professionale, sociale e politica.

E poi, quando è sempre la stessa persona che pensa a tutto, quest’ultima non ha più tempo per potersi godere la propria famiglia e il proprio coniuge, o semplicemente per ridere e divertirsi. È anche un comportamento che deriva dai valori, sbagliati, che trasmettiamo ai nostri figli. Chi fa sempre le faccende domestiche? Chi pensa sempre a tutto? La mamma, ovviamente. Non possiamo cambiare le cose se inculchiamo alle future generazioni fin dalla loro tenera età, che hanno dei ruoli stereotipati e che non avranno mai le stesse responsabilità.

La redazione ti consiglia: Coppia: niente in comune, e allora?

4 consigli per spartirsi il carico mentale

1) Fare la lista

La lista delle cose da fare e quindi da spartirsi, ovviamente. E, a rotazione, rispettando i turni prefissati, ognuno si occuperà dei compiti assegnati: preparazione dei pasti, chiamate per prendere appuntamenti, lista della spesa…ecc. Ma sia chiaro, bisogna rimanere flessibili e mettersi d’accordo con l’altro/a nel caso in cui uno dei due avesse più impegni lavorativi, ad esempio, senza pertanto che rimanga senza fare un fico secco durante la settimana: resta vigile affinché entrambi collaborino a casa.

2) Fare fronte comune

L'autrice francese Amélie Châteauneuf, nel suo saggio Si nous sommes égaux je suis la fée des dents: Réflexions et outils pour mieux partager la charge mentale (Se siamo tutti uguali allora io sono la fatina dei denti: Riflessioni e strumenti per spartirsi al meglio il carico mentale), chiama questa pratica "Nessuno deve sedersi fino a quando non lo siano gli altri". In altre parole, nessuno si siede mentre l'altro cucina: mentre uno prepara il pasto, l'altro svuota la lavastoviglie e mette la tavola. Se uno si occupa del bagnetto, l'altro si occuperà dei compiti.

4) Imparare

In una coppia, ogni partner dovrebbe essere in grado di fare tutto a casa. Imparare ciò che fa l'altro, permette di sviluppare il proprio senso di compassione. Il cammino per avere una vita di coppia più armoniosa passa attraverso la collaborazione: uno impara a tagliare l’erba o a piegare le lenzuola, mentre l'altro impara la ricetta del risotto con i funghi e il parmigiano e a sturare un rubinetto.

5) Non chiedere aiuto

È tempo di responsabilizzare il proprio coniuge. Quindi smettila di chiedergli aiuto. Aspettando che cambi qualcosa da parte sua e che la collaborazione quotidiana si instauri, parlagli indirettamente affermando ad esempio “le nostre lenzuola dovrebbero essere lavate”, oppure “il frigorifero è vuoto!”, o anche “è molto tempo che non vediamo Paolo e Veronica” ecc. Responsabilizzare è la soluzione, delegare significa chiedere aiuto. Il compito diventa così un dovere di tutti, se chiedi aiuto invece rimarrebbe comunque un compito che non abbiamo avuto il tempo o la forza di fare.


Il consiglio della redazione: ognuno a modo suo

Sbarazzati del (troppo) perfezionismo che ti perseguita! Affinché il carico mentale riesca effettivamente ad essere spartito nel tempo, dovrai imparare a tralasciare i particolari, a mollare un po' la presa. Il tuo coniuge veste vostro figlio in un modo strambo, piega gli asciugamani a rovescio o ripone le tazze non si sa dove? Lascia perdere! Non esiste un solo ed unico modo (giusto) di fare le cose. Se il compito è stato fatto e la famiglia riesce a riunirsi in santa pace, va bene così. Altrimenti sai cosa succederebbe? Inizieresti a brontolare, ti arrabbieresti con il tuo partner, scoraggiandolo tra l’altro, e finiresti per farlo ancora tu "in modo che sia ben fatto" tornando così al punto di partenza!

 

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felice… Qui e ora! 
#BornToBeMe


Altri articoli che potrebbero interessarti:


Fonte: humanitasalute

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Come superare i nostri complessi inutili?

Gambe troppo larghe, labbra troppo sottili, cicatrici, timidezza… che si tratti di complessi fisici o mentali, questi sono spesso inutili e capaci di rovinarci la vita e renderci infelici. Ma non bisogna permettergli di sovrastarci! Siamo meglio di così!

Di cosa si occupa la sofrologia? Ecco i suoi numerosi benefici!

Ho riscontrato diversi problemi nel gestire la mia ansia nel corso di questi ultimi anni. Ho deciso dunque di iniziare un percorso con una psicologa, ma una cara amica mi ha consigliato di provare anche qualche seduta con un sofrologo. Secondo la sua opinione, il sofrologo aiuta a rilassarti e ti insegna a gestire meglio lo stress. Dopo diverse sedute, ho iniziato a sentire gli effetti positivi di questa pratica. Il mio corpo non è più un fascio di nervi! La sofrologia fa parte delle pratiche della “medicina dolce”, che hanno tantissimi benefici per il corpo e per lo spirito. Vediamo più da vicino questo metodo di crescita personale che mira a farci riconnettere con la nostra psiche.

Il metodo SMART per raggiungere degli obbiettivi intelligenti e realizzabili!

Per riuscire a concludere un progetto spesso e volentieri ci fissiamo degli obbiettivi, e questo è del tutto nella norma. Ma per ottimizzare le probabilità di successo e stabilire degli obbiettivi chiari, motivanti e realistici, ecco che entra in scena il metodo SMART! Vediamo insieme di che cosa si tratta.

Lavorare meno… per salvare il pianeta!

Il lavoro ha un grande valore per tutti noi, eppure potremmo essere tutti d’accordo sul fatto che non sia per forza sinonimo di benessere, né per noi né per il pianeta! Infatti, alcuni studi affermano che è necessario ridurre il prima possibile il nostro orario di lavoro, per poter ridurre le emissioni di gas serra che noi stessi generiamo. La situazione sta precipitando!

Come destabilizzare e far innervosire un narcisista perverso?

Vivi con un narcisista perverso o ne conosci uno e vorresti destabilizzarlo? Vuoi farlo arrabbiare perché ti mette in ridicolo, a volte in pubblico, ti fa soffrire, ti fa perdere la pazienza e vuoi vendicarti. Ma è difficile far arrabbiare una persona brava a manipolare gli altri, ama vittimizzare se stessa e gioca con le proprie emozioni. Farlo innervosire è l’unico modo per fare in modo che mostri la sua vera natura, per smascherarlo...

Ipocondriaci: 5 sintomi e caratteristiche per riconoscerli

Ti preoccupi spesso per la tua salute? Al minimo sintomo ti convinci di avere una malattia grave? Passi le giornate sui forum medici online? 😨 E se l’unica malattia di cui realmente soffri fosse l’ipocondria? Ecco i 5 sintomi tipici che toccano le persone ipocondriache.

Ansia sociale, sintomi e come superarla

Parlare in pubblico è un vero e proprio incubo e la fiducia in se stessi un sogno ancora troppo lontano. Si diventa paonazzi e non si riesce a nascondere il tremolio, la paura di essere ridicolizzati o umiliati fa perdere letteralmente il controllo. Se la timidezza può essere la causa di questo inconveniente, l’ansia potrebbe nascondere un malessere molto più profondo: l’ansia sociale, altrimenti nota come fobia sociale. Di cosa si tratta? Come si supera?

4 consigli per imparare ad amarsi: di' addio all’insicurezza!

“Faccio schifo”, “sono brutto”, “sono inutile” … difficile avere sempre una buona autostima. Eppure, è la chiave del nostro successo e del nostro equilibrio psicofisico. Sentirsi bene con sé stessi e con il proprio corpo, imparare ad amare sé stessi, è la cosa migliore che possiamo fare.

Come calmare e gestire gli attacchi di rabbia?

La rabbia, un sentimento che proviamo spesso. Ci spinge a reagire d’istinto, senza riflettere, portando a volte a situazioni sgradevoli. Qual è il segreto per controllare la propria rabbia e fare in modo che non prenda il sopravvento sulla ragione?

Non sopporto le persone! È una cosa seria, dottore?

Mi lamento al volante quando c'è un ingorgo, mi lamento alle casse quando c'è la fila, mi lamento il sabato quando tutti hanno deciso di andare in centro città. Non credo di riuscire più a sopportare le persone. La ragazza di città che sono sempre stata ha persino iniziato a sognare la campagna e una casa isolata per avere meno contatti sociali possibili. È una cosa seria, dottore? Beh, non proprio. Spiegazione.

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!