7 consigli per tenere i bambini lontani dagli schermi

Aggiornato il da Giada Paoli

TV, piattaforme di streaming, videogiochi, smartphone, i bambini trascorrono ore di fronte ad uno schermo. Comodo per noi adulti, ma non così sano per un bambino in tenera età. Se trovi difficile tenere occupato tuo figlio senza metterlo davanti ad uno schermo, questo articolo è per cioè che fa per te. Scopri 7 consigli per tenerli lontani dagli schermi!

7 consigli per tenere i bambini lontani dagli schermi

Sommario :

7 consigli per tenere il bambino occupato senza schermo

Ecco sette consigli e soluzioni per tenere i bambini occupati, lontani dagli schermi della televisione, tablet o smarphone. 

1) Dai il buon esempio

Ricordati che sei tu il primo modello per tuo figlio, quindi se passi ore al telefono o alla TV, tuo figlio sarà portato inconsciamente a voler fare la stessa cosa. In qualità di genitore, il tuo ruolo è quello di dare il buon esempio e suscitare la loro curiosità. Se invece ti vede fare attività manuali, cruciverba, assicurati che segua il tuo esempio e che voglia fare "proprio come mamma e papà".

2) Mettilo ai fornelli

Rompere le uova, impastare, mescolare e naturalmente assaggiare, a quale bambino non piacerebbe? Qualunque sia la ricetta, puoi sempre trasformare il tuo bambino in un piccolo aiutante. Insegnagli le basi della cucina, ricette semplici ma gustose, sarà un’attività interessante e stimolante.

3) Coinvolgi tuo figlio in attività artistiche

Perché non provare a rendere il tuo bambino la futura rock star facendogli ascoltare la musica (o dargli uno strumento se ne avete a disposizione)? Quando si stancherà, potrai passare ad attività manuali, più silenziose ma altrettanto divertenti. Colorare, dipingere, modellare il DAS, o l’intramontabile pasta di sale, ci sono tantissime soluzioni creative per tenere impegnato e divertire un bambino, stimolando la sua fantasia.


Citazione

Tutti i bambini hanno il genio, il trucco è farlo apparire.

Charlie Chaplin


4) Giochi di società

I giochi di società sono la soluzione ideale per occupare i tuoi figli. Sarà un momento di condivisione, unione e sano divertimento, perfetto se sei in smartworking. Le possibilità sono infinite, per i più coraggiosi Risiko o Monopoli, per chi invece preferisce giochi più semplici, Battaglia Navale o Indovina Chi, sono le soluzioni migliori.

5) Insegnagli ad amare la lettura

Che si tratti di un libro fantasy, di un libro sugli animali o semplicemente di una raccolta di fiabe, un libro ha molto da insegnare a un bambino. Ci sono così tanti argomenti che possono interessarlo, suscitare la sua curiosità, farlo viaggiare con la mente, spingerlo ad imparare... Un libro è più sano di un schermo, arricchisce il vocabolario e migliora la qualità del sonno!

6) Incoraggialo a fare sport

Se hai un giardino, non c’è nulla di meglio che farlo giocare all'aria aperta. Su internet esistono tantissime idee per fare dello sport faidate a casa, con pochissima attrezzatura, ecco ad esempio un sito che dà parecchie idee: articoli sportivi da giardino. Fare attività fisica e movimento, stimola mente e corpo, responsabilizza il bambino e gli permette di sfogarsi.

7) Aiutalo a imparare a socializzare

Perché ciò che manca di più ai bambini in questo particolare periodo sono i loro amici. Un telefono non è considerato uno schermo se viene messo all'orecchio, o usato con delle cuffiette! Che chiami i suoi amici, i nonni, i cugini, tutti quelli a cui sarà felice di raccontare le sue giornate (ore più interessanti di quelle passate davanti alla TV).

Il consiglio dello psicologo: due ore di schermo, non di più...

La Società Pediatrica Canadese è categorica sul fatto che limitare la durata dello schermo a 2 ore al giorno andrà solo a beneficio del bambino. In media, i bambini dai 10 anni in su passano 7 ore e 48 minuti al giorno davanti alla televisione, giocando ai videogiochi o al computer, e questo ha un impatto sul loro sviluppo, sulla loro crescita o sulla partecipazione all'aumento del tasso di obesità.
Quindi, per la loro salute, le loro capacità intellettuali e di concentrazione, è importante mettere dei limiti! E mostrare loro che la vita non è solo uno schermo.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Altri articoli che potrebbero interessarti:


Fonte: nationalgeographic.it

Articolo suggerito da Giada Paoli

Il mio sogno è vivere sognando ad occhi aperti, amando infinitamente e sentirmi libera di essere ciò che desidero.

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!