7 consigli per tenere i bambini lontani dagli schermi

Aggiornato il da Giada Paoli

TV, piattaforme di streaming, videogiochi, smartphone, i bambini trascorrono ore di fronte ad uno schermo. Comodo per noi adulti, ma non così sano per un bambino in tenera età. Se trovi difficile tenere occupato tuo figlio senza metterlo davanti ad uno schermo, questo articolo è per cioè che fa per te. Scopri 7 consigli per tenerli lontani dagli schermi!

7 consigli per tenere i bambini lontani dagli schermi

7 consigli per tenere il bambino occupato senza schermo

Ecco sette consigli e soluzioni per tenere i bambini occupati, lontani dagli schermi della televisione, tablet o smarphone. 

1) Dai il buon esempio

Ricordati che sei tu il primo modello per tuo figlio, quindi se passi ore al telefono o alla TV, tuo figlio sarà portato inconsciamente a voler fare la stessa cosa. In qualità di genitore, il tuo ruolo è quello di dare il buon esempio e suscitare la loro curiosità. Se invece ti vede fare attività manuali, cruciverba, assicurati che segua il tuo esempio e che voglia fare "proprio come mamma e papà". Ad ogni modo, annoiarsi è a volte importante e quasi necessario.

2) Mettilo ai fornelli

Rompere le uova, impastare, mescolare e naturalmente assaggiare, a quale bambino non piacerebbe? Qualunque sia la ricetta, puoi sempre trasformare il tuo bambino in un piccolo aiutante. Insegnagli le basi della cucina, ricette semplici ma gustose, sarà un’attività interessante e stimolante.

3) Coinvolgi tuo figlio in attività artistiche

Perché non provare a rendere il tuo bambino la futura rock star facendogli ascoltare la musica (o dargli uno strumento se ne avete a disposizione)? Quando si stancherà, potrai passare ad attività manuali, più silenziose ma altrettanto divertenti. Colorare, dipingere, modellare il DAS, o l’intramontabile pasta di sale, ci sono tantissime soluzioni creative per tenere impegnato e divertire un bambino, stimolando la sua fantasia.


Citazione

Tutti i bambini hanno il genio, il trucco è farlo apparire.

Charlie Chaplin


4) Giochi di società

I giochi di società sono la soluzione ideale per occupare i tuoi figli. Sarà un momento di condivisione, unione e sano divertimento, perfetto se sei in smartworking. Le possibilità sono infinite, per i più coraggiosi Risiko o Monopoli, per chi invece preferisce giochi più semplici, Battaglia Navale o Indovina Chi, sono le soluzioni migliori.

5) Insegnagli ad amare la lettura

Che si tratti di un libro fantasy, di un libro sugli animali o semplicemente di una raccolta di fiabe, un libro ha molto da insegnare a un bambino. Ci sono così tanti argomenti che possono interessarlo, suscitare la sua curiosità, farlo viaggiare con la mente, spingerlo ad imparare... Un libro è più sano di un schermo, arricchisce il vocabolario e migliora la qualità del sonno!

6) Incoraggialo a fare sport

Se hai un giardino, non c’è nulla di meglio che farlo giocare all'aria aperta. Su internet esistono tantissime idee per fare dello sport faidate a casa, con pochissima attrezzatura, ecco ad esempio un sito che dà parecchie idee: articoli sportivi da giardino. Fare attività fisica e movimento, stimola mente e corpo, responsabilizza il bambino e gli permette di sfogarsi.

7) Aiutalo a imparare a socializzare

Perché ciò che manca di più ai bambini in questo particolare periodo sono i loro amici. Un telefono non è considerato uno schermo se viene messo all'orecchio, o usato con delle cuffiette! Che chiami i suoi amici, i nonni, i cugini, tutti quelli a cui sarà felice di raccontare le sue giornate (ore più interessanti di quelle passate davanti alla TV).

Il consiglio dello psicologo: due ore di schermo, non di più...

La Società Pediatrica Canadese è categorica sul fatto che limitare la durata dello schermo a 2 ore al giorno andrà solo a beneficio del bambino. In media, i bambini dai 10 anni in su passano 7 ore e 48 minuti al giorno davanti alla televisione, giocando ai videogiochi o al computer, e questo ha un impatto sul loro sviluppo, sulla loro crescita o sulla partecipazione all'aumento del tasso di obesità.
Quindi, per la loro salute, le loro capacità intellettuali e di concentrazione, è importante mettere dei limiti! E mostrare loro che la vita non è solo uno schermo.

 
🤗 Capirsi, accettarsi, essere felice… Qui e ora! 
#BornToBeMe


Altri articoli che potrebbero interessarti:


Fonte: Nationalgeographic

Articolo suggerito da Giada Paoli

Il mio sogno è vivere sognando ad occhi aperti, amando infinitamente e sentirmi libera di essere ciò che desidero.

Gli articoli appena pubblicati

Come si vive con una persona ipersensibile? Ecco i nostri consigli!

Piangere davanti a una pubblicità? Fatto ✅. Essere disturbati da qualsiasi rumore? Certo ✅. Non sei in grado di gestire le tue emozioni negative? Certo ✅. Tutte le persone ipersensibili lo sperimentano quotidianamente. Almeno, io lo faccio. Esatto, faccio parte della squadra delle emozioni! Non è abbastanza facile per me, quindi quando sono in una relazione so che il mio partner è perso. Per questo ho scritto una piccola guida per aiutare le persone che vivono quotidianamente con una persona ipersensibile.

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Come punire in modo efficace i propri figli? Ecco alcuni consigli

Sono sempre tanto carini...quando dormono! Non c’è niente da fare, nemmeno le punizioni funzionano e tuo figlio continua a fare una marea di danni! La conseguenza? Non ti senti rispettata, alle volte quasi inutile. Tuttavia, c’è una buona notizia, ovvero che esistono delle soluzioni per ritrovare il tuo potere. Come punire un figlio in modo efficace? Vediamolo!

Perché mi sento sempre in colpa?

Il senso di colpa ti divora anche se non hai fatto niente di male? Perché finisci sempre per darti la colpa di tutto? Quali sono i motivi? C’è un modo per smettere e imparare a stare meglio. Ecco i nostri consigli!

Sindrome di Asperger: definizione, diagnosi e cura

Difficoltà a comunicare, la chiusura in una passione, rumori troppo aggressivi… Ti riconosci o pensi a qualcuno leggendo questa breve descrizione? Si tratta dei tratti caratteristici delle persone affette dalla sindrome di Asperger, una leggera forma di autismo. È importante capire a fondo questa sindrome per farsi accompagnare o accompagnare al meglio coloro che ne soffrono. Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Cosa significa avere un carattere forte per una donna?

A quanto pare ho un carattere troppo forte. O almeno è quello che dicono le persone che si sentono aggredite quando do il mio parere o esprimo il mio scontento. Si direbbe quasi che preferiscano che finga pur di dar loro ragione…. Eppure, avere un carattere forte non è necessariamente qualcosa di negativo! Anzi, è positivo per la mia salute e per quella di chi ci circonda. Sì, ho un bel caratterino, e quindi?

Piangere davanti ai propri figli: segno di debolezza o lezione di vita?

Da bambino, tutto è un pretesto per versare una lacrimuccia. Gestire le emozioni è una cosa da adulti, soprattutto da genitori. O perlomeno, ci provano. Eppure, ho visto i miei piangere e non li biasimo affatto. Oltre a queste immagini strazianti, la loro «mancanza di pudore» mi è servita tanto nella vita. Grazie mamma, grazie papà: non sono un robot senza cuore! Per far sì che tutti i genitori smettano di farsi dei complessi e di sforzarsi per evitare di piangere, dirò la mia sulla questione. Non in qualità di esperta, ma come una bambina un po’ cresciuta che ha già visto crollare e scoppiare in lacrime i suoi genitori e che se lo ricorda ancora.

Perché mi innamoro sempre degli uomini che non mi amano?

Ogni volta la stessa storia, sei attratta da uomini che non si interessano a te, che non ti fanno stare bene, che sono totalmente inaccessibili? Ma perché ricadi sempre nello stesso schema drammatico? Nathalie Prussia-Collin, autorevole psicologa francese, ci spiega questo comportamento.

Mi sento diversa: non tutti i mali vengono per nuocere!

"Beh, ma tu sei un artista!". "Si vede che sei un po' originale!" Questo è proprio il tipo di osservazione che i miei amici mi fanno spesso (molto, troppo spesso). Complimenti? Non proprio. Più che altro è un modo educato di farmi capire che non sono come loro, che sto facendo troppo, o troppo poco, che non seguo il ritmo. La verità? Credo che abbiano ragione!

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!