Come punire in modo efficace i propri figli? Ecco alcuni consigli

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Sono sempre tanto carini...quando dormono! Non c’è niente da fare, nemmeno le punizioni funzionano e tuo figlio continua a fare una marea di danni! La conseguenza? Non ti senti rispettata, alle volte quasi inutile. Tuttavia, c’è una buona notizia, ovvero che esistono delle soluzioni per ritrovare il tuo potere. Come punire un figlio in modo efficace? Vediamolo!

Come punire in modo efficace i propri figli? Ecco alcuni consigli

Non c’è bisogno di faticare tanto! Prima dei 2 anni un bambino non comprende la punizione: basta aggrottare le sopracciglia, dire un “no” secco e deciso e la cosa è fatta. Dopo, è tutta un’altra storia. Il tuo piccolo sta crescendo e il suo cervello si sviluppa… 

Cari genitori, siamo noi ad avere il potere di decidere come e perché punire, spetta a noi dunque avere dell’inventiva ed essere pertinenti! Una giusta punizione insegna qualcosa di costruttivo al bambino e gli impedisce di ricommettere gli stessi errori. Basta sculacciate, è arrivato il momento di trasformare il tuo piccolo mostro in angioletto!

Potrebbe interessarti - Piangere davanti ai propri figli: segno di debolezza o lezione di vita?

10 consigli per punire tuo figlio in modo efficace 

1) «Chiedi scusa»

Questa è una delle tappe più importanti. Chiedere scusa è un vero e proprio sforzo per i bambini, ma è una punizione molto educativa, che gli insegna a porsi delle domande su se stesso e sulle sue azioni, e anche il valore del rispetto. I bambini di oggi sono gli adulti di domani, e nessuno apprezza le persone che non sanno mettere da parte il loro orgoglio.

2) «Renditi disponibile»

Passare l’aspirapolvere, pulire il tavolo, ci sono talmente tante faccende da fare e da insegnargli! Lui pagherà il suo debito, e allo stesso tempo capirà quanto tempo e fatica richiedono le faccende domestiche e quanto quindi vadano rispettate.

3) «Fai la persona seria»

Se nessuno dà attenzioni al pagliaccio, lui capisce che non è divertente e smette di scherzare. Con i bambini è la stessa cosa, ignorarli è la punizione migliore.

4) «Da solo, avrai modo di riflettere»

Questo trucchetto funziona soprattutto con i più piccoli che possono soffrire di disturbo d’ansia da separazione. Non vedere più i genitori (non per troppo tempo, naturalmente) gli farà capire di aver agito nel modo sbagliato. Rimasto solo con i suoi capricci, non avrà altra soluzione se non calmarsi.

5) «La colpa è tua, capirai»

Una buona punizione è sempre accompagnata da delle spiegazioni. Può capitare che tuo figlio non sappia nemmeno perché viene punito. Spiegagli che cosa non andava nel suo comportamento, questo gli permetterà di capire le regole e i limiti da rispettare.

6) «Ai tuoi errori, rimedi da solo»

Ripara ciò che è stato rotto, sistema ciò che è stato spostato… Ecco come responsabilizzare il tuo piccolo delinquente. Se tutte le sue paghette verranno utilizzate per riparare ciò che rompe, vedrai che farà più attenzione.

7) «Ti confischiamo ciò che ami»

Se lo privi del dolce dopo cena, non sarai credibile. Devi confiscare qualcosa che è davvero importante per lui: a quel punto sì che la punizione avrà un senso.

8) «Mamma e papà hanno le tempistiche giuste»

Una punizione efficace la si perde tanto facilmente quanto un treno. Se reagisci subito alla sua monelleria dandogli una punizione immediata, il tutto sarà più efficace. Riflettendoci tre ore dopo, tuo figlio non capirà nemmeno il senso della punizione e che cosa ha fatto per meritarsela.

La redazione ti consiglia Genitori allo stremo, attenzione al burn-out materno

9) «Più tardi ne riparliamo»

Una volta che tutti vi siete calmati, cercate di parlarne insieme! Perché ha disobbedito? Perché a te ha dato fastidio? I genitori modello utilizzano la comunicazione perché è sempre costruttiva! Inoltre, renderai tuo figlio più responsabile senza per forza farlo sentire in colpa. I rancori portano spesso al conflitto, quindi è meglio evitarli.

10) «Mamma e papà non ci cascano»

I sorrisi e gli occhi lucidi non devono farti rammollire! Ricordati sempre di finire ciò che hai cominciato e vai fino alla fine della punizione che hai stabilito! E se il tuo congiunto è nei dintorni, assicurati che sia dalla tua parte!

Vedi anche - 10 consigli per migliorare l'autostima dei propri figli


Il consiglio dello psicologo: 3 regole per una punizione efficace

Tutti i bambini hanno bisogno di essere inquadrati e di alcuni limiti: attenzione però, perché una punizione percepita nel modo sbagliato o troppa autorità da parte dei genitori sono cose che possono provocare l’effetto contrario. Nuria Casanovas, psicologa per bambini e adolescenti, ci da tre preziosi e facili consigli per una punizione efficace.

1) Parlare di “conseguenze” piuttosto che di “punizioni”, perché la parola punizione è troppo negativa. Spiega a tuo figlio che le conseguenze esistono per aiutarlo a prendere consapevolezza delle sue azioni e diventare una persona responsabile.

2) Gioca d’anticipo! Spiega chiaramente le regole e mettetevi d’accordo su ciò che succederà se il bambino non le rispetta.

3) Delle “conseguenze” dettate dal suo “comportamento”. Valuta la punizione in base al comportamento di tuo figlio, per esempio se ha disegnato sui muri, faglieli pulire! Se colpisce suo fratello o sua sorella, fagli prendere consapevolezza del dolore che ha provocato e chiedigli di rimediare, per esempio con un bacino magico.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo

Fonte: pianetamamma - wikihow

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

I 7 migliori gadget antistress per lottare contro l’ansia

Che sia per un esame o per capire cosa fare della propria vita, lo stress mi conosce bene! Inoltre… Bisogna dire che sono una persona abbastanza stressata in generale e con il tempo ho trovato dei trucchetti per restare più tranquilla. Grazie a questo, sono riuscita a trovare dei modi che io utilizzo più o meno tutti i giorni per calmarmi. Lo stress ha un impatto molto importate sul corpo e sulla mente, non bisogna lasciargli spazio. Allora ecco 7 strumenti antistress che ci fanno bene!

Non ho ambizioni, è davvero così grave?

Fin dai tempi del liceo, avere degli ottimi voti in pagella non mi interessava un granché. Il proseguimento della mia vita professionale non è stato molto diverso. In un mondo all’insegna dell’iperproduttività, del continuo superamento dei propri limiti, di costanti sfide personali, io mi accontento di vivere la mia vita tranquillamente.

Dichiarazioni d'amore: apri il tuo cuore e tocca il suo

Avevo pensato a tutto: salire sul tetto della mia auto, chiedergli di andare sul balcone e cantare che l'amavo. Un po' esagerato. Mettere un messaggio d'amore in una torta. Troppo tecnico, troppo rischioso. O più "semplicemente" rifare la scena di Love Actually. Visto e rivisto. Alla fine, per dichiarargli il mio amore, ho scritto una lettera che ho fatto scivolare sul suo tavolo mentre me ne andavo. Le dichiarazioni d'amore sono sempre un grattacapo spaventoso. Abbiamo paura, vogliamo fare troppo, temiamo di non fare abbastanza. Sono sicura che tu abbia bisogno di una mano per iniziare.

I genitori dovrebbero essere incoraggiati a rivolgersi a uno psicologo? Ottima domanda...

Un argomento importante, vero? Mi sono posto questa domanda l'altro giorno, dopo aver cercato di parlare con mio padre della sofferenza che ho vissuto da bambino. Mi ha risposto “sì, ma per me è stato peggio con i miei genitori”. Alla faccia del dialogo, eh? Vorrei che si rendesse conto che è importante per lui riparare le proprie ferite, come sto cercando di fare io... Quindi, dovresti incoraggiare i tuoi genitori ad andare da uno psicologo oppure no? Ecco alcune risposte.

Il triangolo di Karpman, un pericoloso gioco psicologico

Oggi ti parlerò del triangolo drammatico di Karpman e dei 3 ruoli principali possibili: carnefice, salvatore e vittima. Io sono sempre stato la vittima in questo triangolo drammatico. Cosa significa? Come fai a sapere se ci sei dentro? Come si fa a uscirne? Ti racconto tutto.

8 cose di cui mi infischio vivendo alla grande!

A volte mi capita di essere pigro/a e invece di mettermi le scarpe da ginnastica per andare a correre, rimango a casa al calduccio. Chi se ne frega se non ho un corpo perfetto? Lasciare la presa, non dare troppa importanza ai giudizi altrui e soprattutto essere se stessi, non c'è modo migliore per essere felici. Devo ammettere che, da quando non do più importanza al giudizio altrui, sto molto meglio. Ecco otto cose di cui ormai mi infischio altamente ma che hanno cambiato in meglio la mia vita. Provare per credere!

"Quando avevo bisogno di te, tu non c'eri...": come superarlo.

Quando avevo bisogno di te, tu non c'eri... Mi ripetevo questa frase quando ero più giovane e che dolore è vedere che stai vivendo qualcosa da solo. La solitudine in un momento difficile della nostra vita, quando abbiamo bisogno di sostegno, può farci sentire tristi o addirittura peggio. Rabbia, incomprensione, risentimento, senso di abbandono... Sono tutti sentimenti che possono nascere da questa assenza. Perché ci sentiamo così? Come possiamo superare lo sconforto di vedere una persona che amiamo non essere presente quando ne abbiamo bisogno? Spiegazioni.

12 regole per ricominciare da zero una nuova vita

Hai finalmente deciso! Vuoi dare una svolta alla tua vita, ricominciare tutto da capo, mettere una pietra sopra il passato e guardare al futuro. Il desiderio di voler cominciare da zero è spesso motivato da una situazione in cui non ci sentiamo a nostro agio. Ecco come farlo in 12 semplici passi.

Mi sento esclusa: qual è il motivo di questa sensazione

“Da quando ero piccola, mi sento esclusa e ho grandi difficoltà a integrarmi. Purtroppo anche da adulta la situazione non è cambiata. Ho l’impressione che c’è qualcosa in me che genera antipatia e allontana gli altri. Eppure mi descriverei come una persona rispettosa, curiosa e ho davvero voglia di fare nuovi incontri e sopratutto di stringere amicizie solide.” Se ti sei riconosciuta in queste parole significa che anche tu ti chiedi perché provi questo sentimento di esclusione. Vediamo insieme da dove arriva per risolvere il problema.

Smart working: i miei amici, i miei colleghi, la bella vita!

Ci sono i legami d’amicizia che stringiamo con i nostri colleghi a lavoro, e poi ci sono i nostri amici. Quelli della vita, fuori dall’ambito lavorativo. Salvo che, con la crisi sanitaria, tutto ciò che è al di fuori della famiglia o del lavoro non esiste più. E se, per far fronte alla solitudine, provassimo lo smart working tra amici? È possibile?

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!