Come punire in modo efficace i propri figli? Ecco alcuni consigli

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Sono sempre tanto carini...quando dormono! Non c’è niente da fare, nemmeno le punizioni funzionano e tuo figlio continua a fare una marea di danni! La conseguenza? Non ti senti rispettata, alle volte quasi inutile. Tuttavia, c’è una buona notizia, ovvero che esistono delle soluzioni per ritrovare il tuo potere. Come punire un figlio in modo efficace? Vediamolo!

Come punire in modo efficace i propri figli? Ecco alcuni consigli
 
 Sommario

Non c’è bisogno di faticare tanto! Prima dei 2 anni un bambino non comprende la punizione: basta aggrottare le sopracciglia, dire un “no” secco e deciso e la cosa è fatta. Dopo, è tutta un’altra storia. Il tuo piccolo sta crescendo e il suo cervello si sviluppa… 

Cari genitori, siamo noi ad avere il potere di decidere come e perché punire, spetta a noi dunque avere dell’inventiva ed essere pertinenti! Una giusta punizione insegna qualcosa di costruttivo al bambino e gli impedisce di ricommettere gli stessi errori. Basta sculacciate, è arrivato il momento di trasformare il tuo piccolo mostro in angioletto!

Potrebbe interessarti - Piangere davanti ai propri figli: segno di debolezza o lezione di vita?

10 consigli per punire tuo figlio in modo efficace 

1) «Chiedi scusa»

Questa è una delle tappe più importanti. Chiedere scusa è un vero e proprio sforzo per i bambini, ma è una punizione molto educativa, che gli insegna a porsi delle domande su se stesso e sulle sue azioni, e anche il valore del rispetto. I bambini di oggi sono gli adulti di domani, e nessuno apprezza le persone che non sanno mettere da parte il loro orgoglio.

2) «Renditi disponibile»

Passare l’aspirapolvere, pulire il tavolo, ci sono talmente tante faccende da fare e da insegnargli! Lui pagherà il suo debito, e allo stesso tempo capirà quanto tempo e fatica richiedono le faccende domestiche e quanto quindi vadano rispettate.

3) «Fai la persona seria»

Se nessuno dà attenzioni al pagliaccio, lui capisce che non è divertente e smette di scherzare. Con i bambini è la stessa cosa, ignorarli è la punizione migliore.

4) «Da solo, avrai modo di riflettere»

Questo trucchetto funziona soprattutto con i più piccoli che possono soffrire di disturbo d’ansia da separazione. Non vedere più i genitori (non per troppo tempo, naturalmente) gli farà capire di aver agito nel modo sbagliato. Rimasto solo con i suoi capricci, non avrà altra soluzione se non calmarsi.

5) «La colpa è tua, capirai»

Una buona punizione è sempre accompagnata da delle spiegazioni. Può capitare che tuo figlio non sappia nemmeno perché viene punito. Spiegagli che cosa non andava nel suo comportamento, questo gli permetterà di capire le regole e i limiti da rispettare.

6) «Ai tuoi errori, rimedi da solo»

Ripara ciò che è stato rotto, sistema ciò che è stato spostato… Ecco come responsabilizzare il tuo piccolo delinquente. Se tutte le sue paghette verranno utilizzate per riparare ciò che rompe, vedrai che farà più attenzione.

7) «Ti confischiamo ciò che ami»

Se lo privi del dolce dopo cena, non sarai credibile. Devi confiscare qualcosa che è davvero importante per lui: a quel punto sì che la punizione avrà un senso.

8) «Mamma e papà hanno le tempistiche giuste»

Una punizione efficace la si perde tanto facilmente quanto un treno. Se reagisci subito alla sua monelleria dandogli una punizione immediata, il tutto sarà più efficace. Riflettendoci tre ore dopo, tuo figlio non capirà nemmeno il senso della punizione e che cosa ha fatto per meritarsela.

La redazione ti consiglia Genitori allo stremo, attenzione al burn-out materno

9) «Più tardi ne riparliamo»

Una volta che tutti vi siete calmati, cercate di parlarne insieme! Perché ha disobbedito? Perché a te ha dato fastidio? I genitori modello utilizzano la comunicazione perché è sempre costruttiva! Inoltre, renderai tuo figlio più responsabile senza per forza farlo sentire in colpa. I rancori portano spesso al conflitto, quindi è meglio evitarli.

10) «Mamma e papà non ci cascano»

I sorrisi e gli occhi lucidi non devono farti rammollire! Ricordati sempre di finire ciò che hai cominciato e vai fino alla fine della punizione che hai stabilito! E se il tuo congiunto è nei dintorni, assicurati che sia dalla tua parte!

Vedi anche - 10 consigli per migliorare l'autostima dei propri figli


Il consiglio dello psicologo - 3 regole per una punizione efficace

Tutti i bambini hanno bisogno di essere inquadrati e di alcuni limiti: attenzione però, perché una punizione percepita nel modo sbagliato o troppa autorità da parte dei genitori sono cose che possono provocare l’effetto contrario. Nuria Casanovas, psicologa per bambini e adolescenti, ci da tre preziosi e facili consigli per una punizione efficace.

1) Parlare di “conseguenze” piuttosto che di “punizioni”, perché la parola punizione è troppo negativa. Spiega a tuo figlio che le conseguenze esistono per aiutarlo a prendere consapevolezza delle sue azioni e diventare una persona responsabile.

2) Gioca d’anticipo! Spiega chiaramente le regole e mettetevi d’accordo su ciò che succederà se il bambino non le rispetta.

3) Delle “conseguenze” dettate dal suo “comportamento”. Valuta la punizione in base al comportamento di tuo figlio, per esempio se ha disegnato sui muri, faglieli pulire! Se colpisce suo fratello o sua sorella, fagli prendere consapevolezza del dolore che ha provocato e chiedigli di rimediare, per esempio con un bacino magico.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe



Fonte: pianetamamma.it - wikihow.it

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!