Come punire in modo efficace i propri figli? Ecco alcuni consigli

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Sono sempre tanto carini...quando dormono! Non c’è niente da fare, nemmeno le punizioni funzionano e tuo figlio continua a fare una marea di danni! La conseguenza? Non ti senti rispettata, alle volte quasi inutile. Tuttavia, c’è una buona notizia, ovvero che esistono delle soluzioni per ritrovare il tuo potere. Come punire un figlio in modo efficace? Vediamolo!

 
 Sommario

Non c’è bisogno di faticare tanto! Prima dei 2 anni un bambino non comprende la punizione: basta aggrottare le sopracciglia, dire un “no” secco e deciso e la cosa è fatta. Dopo, è tutta un’altra storia. Il tuo piccolo sta crescendo e il suo cervello si sviluppa… 

Cari genitori, siamo noi ad avere il potere di decidere come e perché punire, spetta a noi dunque avere dell’inventiva ed essere pertinenti! Una giusta punizione insegna qualcosa di costruttivo al bambino e gli impedisce di ricommettere gli stessi errori. Basta sculacciate, è arrivato il momento di trasformare il tuo piccolo mostro in angioletto!

Potrebbe interessarti - Piangere davanti ai propri figli: segno di debolezza o lezione di vita?

10 consigli per punire tuo figlio in modo efficace 

1) «Chiedi scusa»

Questa è una delle tappe più importanti. Chiedere scusa è un vero e proprio sforzo per i bambini, ma è una punizione molto educativa, che gli insegna a porsi delle domande su se stesso e sulle sue azioni, e anche il valore del rispetto. I bambini di oggi sono gli adulti di domani, e nessuno apprezza le persone che non sanno mettere da parte il loro orgoglio.

2) «Renditi disponibile»

Passare l’aspirapolvere, pulire il tavolo, ci sono talmente tante faccende da fare e da insegnargli! Lui pagherà il suo debito, e allo stesso tempo capirà quanto tempo e fatica richiedono le faccende domestiche e quanto quindi vadano rispettate.

3) «Fai la persona seria»

Se nessuno dà attenzioni al pagliaccio, lui capisce che non è divertente e smette di scherzare. Con i bambini è la stessa cosa, ignorarli è la punizione migliore.

4) «Da solo, avrai modo di riflettere»

Questo trucchetto funziona soprattutto con i più piccoli che possono soffrire di disturbo d’ansia da separazione. Non vedere più i genitori (non per troppo tempo, naturalmente) gli farà capire di aver agito nel modo sbagliato. Rimasto solo con i suoi capricci, non avrà altra soluzione se non calmarsi.

5) «La colpa è tua, capirai»

Una buona punizione è sempre accompagnata da delle spiegazioni. Può capitare che tuo figlio non sappia nemmeno perché viene punito. Spiegagli che cosa non andava nel suo comportamento, questo gli permetterà di capire le regole e i limiti da rispettare.

6) «Ai tuoi errori, rimedi da solo»

Ripara ciò che è stato rotto, sistema ciò che è stato spostato… Ecco come responsabilizzare il tuo piccolo delinquente. Se tutte le sue paghette verranno utilizzate per riparare ciò che rompe, vedrai che farà più attenzione.

7) «Ti confischiamo ciò che ami»

Se lo privi del dolce dopo cena, non sarai credibile. Devi confiscare qualcosa che è davvero importante per lui: a quel punto sì che la punizione avrà un senso.

8) «Mamma e papà hanno le tempistiche giuste»

Una punizione efficace la si perde tanto facilmente quanto un treno. Se reagisci subito alla sua monelleria dandogli una punizione immediata, il tutto sarà più efficace. Riflettendoci tre ore dopo, tuo figlio non capirà nemmeno il senso della punizione e che cosa ha fatto per meritarsela.

La redazione ti consiglia Genitori allo stremo, attenzione al burn-out materno

9) «Più tardi ne riparliamo»

Una volta che tutti vi siete calmati, cercate di parlarne insieme! Perché ha disobbedito? Perché a te ha dato fastidio? I genitori modello utilizzano la comunicazione perché è sempre costruttiva! Inoltre, renderai tuo figlio più responsabile senza per forza farlo sentire in colpa. I rancori portano spesso al conflitto, quindi è meglio evitarli.

10) «Mamma e papà non ci cascano»

I sorrisi e gli occhi lucidi non devono farti rammollire! Ricordati sempre di finire ciò che hai cominciato e vai fino alla fine della punizione che hai stabilito! E se il tuo congiunto è nei dintorni, assicurati che sia dalla tua parte!

Vedi anche - 10 consigli per migliorare l'autostima dei propri figli


Il consiglio dello psicologo - 3 regole per una punizione efficace

Tutti i bambini hanno bisogno di essere inquadrati e di alcuni limiti: attenzione però, perché una punizione percepita nel modo sbagliato o troppa autorità da parte dei genitori sono cose che possono provocare l’effetto contrario. Nuria Casanovas, psicologa per bambini e adolescenti, ci da tre preziosi e facili consigli per una punizione efficace.

1) Parlare di “conseguenze” piuttosto che di “punizioni”, perché la parola punizione è troppo negativa. Spiega a tuo figlio che le conseguenze esistono per aiutarlo a prendere consapevolezza delle sue azioni e diventare una persona responsabile.

2) Gioca d’anticipo! Spiega chiaramente le regole e mettetevi d’accordo su ciò che succederà se il bambino non le rispetta.

3) Delle “conseguenze” dettate dal suo “comportamento”. Valuta la punizione in base al comportamento di tuo figlio, per esempio se ha disegnato sui muri, faglieli pulire! Se colpisce suo fratello o sua sorella, fagli prendere consapevolezza del dolore che ha provocato e chiedigli di rimediare, per esempio con un bacino magico.


Fonte: pianetamamma.it - wikihow.it

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Paralisi del sonno: sintomi, cause e rimedi

Mi sveglio ma non riesco a muovermi… mi sono ritrovata in questa situazione angosciante già diverse volte! Ho la sensazione di essere paralizzata e di avere una presenza orribile che si avvicina e mi terrorizza. In realtà si tratta della paralisi del sonno! Ora che ho identificato le cause di questo problema riesco ad evitarle. Ma come capire cosa si cela dietro queste paralisi? Cosa provoca una paralisi del sonno?

Chi siamo?

Sei curioso di sapere chi c'è dietro Wengood? C’è semplicemente un gruppo di persone appassionate alla ricerca del benessere. Condividiamo con te le nostre storie, le nostre difficoltà e i nostri consigli per aiutarti ad andare avanti sulla strada della serenità.

Psicologo, psichiatra, coach… a chi rivolgersi?

Se riscontri difficoltà, noi di Wengood consigliamo spesso di rivolgersi a uno psicologo o ad un life coach, ma qual è la differenza? Perché consultare uno piuttosto che l’altro? Ognuno di loro risponde a esigenze diverse, per le quali è bene contattarli. Con questo articolo intendiamo spiegarti le differenze per aiutarti a capire a chi rivolgersi. Scopriamolo!

“Cosa fai nella vita?”, "Faccio del mio meglio!"

Bastano pochi minuti di conversazione con uno sconosciuto che subito viene posta la fatidica domanda: "Cosa fai nella vita?". Questa domanda ti innervosisce? Non hai voglia di sentirti definita dal tuo mestiere o dal tuo posto nella società? Siamo tutti sulla stessa barca!

Alimentazione intuitiva, di' addio alla dieta!

Più di 15 anni di dieta, con il peso che fa su e giù, i disturbi alimentari… Non se ne può più! Ho bisogno di fare pace con il mio corpo, ma ho l’impressione che se mi lascio andare non farò altro che ingrassare ancora di più. Malgrado ciò, mi sono resa conto che la dieta mi faceva più male di qualsiasi altra cosa. Esiste una soluzione? Ebbene si: l’alimentazione intuitiva. Dovrebbe essere al centro delle nostre vite, eppure sono davvero poche le persone che ne hanno sentito parlare.

Sindrome di Stoccolma: perché amiamo il nostro carnefice?

Sembra davvero incredibile che alcune persone possano provare simpatia nei confronti del loro aggressore. In realtà, si tratta di un meccanismo psicologico per superare il trauma. Il termine "Sindrome di Stoccolma" è apparso per la prima volta nel corso degli anni 70 e indica una particolare reazione del cervello ad un evento traumatico subito. Le vittime assumono il punto di vista del loro carnefice, arrivando talvolta addirittura a difenderlo!

Qual è il segreto di una vacanza di coppia perfetta?

Chi di noi non vede l’ora di partire in vacanza? Eppure quando si tratta di un viaggio di coppia, magari il primo, le ansie e le preoccupazioni sono tante. Le aspettative sono alte e la paura che un litigio possa rovinare tutto lo è altrettanto. Quali sono i segreti per una vacanza di coppia felice?

Quali sono i benefici della coerenza cardiaca?

Chi non si ritaglierebbe 15 minuti al giorno per rimanere giovane, sano ed eliminare lo stress? La coerenza cardiaca è un metodo semplice che puoi adottare dove e quando vuoi. Il ritmo del tuo cuore riflette il tuo stato emotivo e psicologico. Quindi, sia fisicamente che emotivamente, è importante prendersi cura del proprio corpo. Ecco quali sono i motivi.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!