Segreti di famiglia: svelarli o custodirli per sempre?

Aggiornato il da Giada Paoli

La verità fa male... ma il silenzio fa ancora più male. Nessuna famiglia è perfetta, e ogni famiglia ha i suoi segreti. Più si cercano di nasconderli, più sembrano grandi. È difficile proiettarsi nel futuro quando i fantasmi del passato ci perseguitano. Quindi, è giusto liberarsi di questo peso e rivelare i nostri segreti di famiglia?

Segreti di famiglia: svelarli o custodirli per sempre?
 
 Sommario

Dobbiamo dirci tutto in famiglia?

Da quando avevo 10 anni, la gente cerca di farmi credere che mio padre era via per un viaggio di lavoro e che sarebbe tornato l’anno dopo. Ma che razza di uomo se ne va per tutto quel tempo senza scrivere alla sua famiglia? Perché abbiamo dovuto cambiare città non appena è tornato? Tante domande senza risposta. Se a questo si aggiunge il fatto che mio padre ha solo "ricordi abbastanza vaghi da raccontare", il quadro si fa ancora più oscuro.

Non è difficile capire quando una persona che conosciamo bene sta mentendo, o quando sta cercando di distogliere la nostra attenzione. Anche un bambino di 4 anni percepisce che c’è qualcosa che non va... perché mentire?

La sensazione che qualcuno mi stia tenendo qualcosa nascosto porta solo altra sofferenza. Mio padre ci ha abbandonati per un'altra famiglia? Non ci amava abbastanza? Se non fosse una cosa seria, ne avrei già sentito parlare. La voglia di fare chiarezza si fa sempre più forte.

Dire sempre la verità: è la scelta giusto?

Se mi avessero detto prima che mio padre aveva trascorso il suo famoso viaggio di lavoro in prigione, sarei rimasto certamente scioccato. Ma col tempo avrei capito. E soprattutto, mi sarei risparmiato brutti pensieri e tante insensate congetture.

Alcuni genitori pensano che non dicendo la verità, stiano preservando i figli da dolore e negatività. Se solo sapessero la devastazione che il loro silenzio e le loro bugie provocano...

Sono importanti anche i casi di malattia o di imminente trasferimento. Tutto ciò che ha un'influenza sulla crescita di un figlio, e tutti gli elementi necessari alla formazione del suo carattere, devono essere chiariti. Una spiegazione può rimuovere tanti dubbi! Insicurezze che avranno ripercussioni soprattutto in età adulta. Se potessi trasmettere ai miei futuri figli qualcosa di diverso dalla paura di un abbandono malato...


Consiglio: Trova il giusto equilibrio

Due ragazze che parlano

Bisogna fare la differenza tra un segreto liberatorio e un pettegolezzo. Risparmiare ogni sofferenza, senza nascondere la verità, questo è l'obiettivo.


La tua famiglia ne uscirà più forte

Nessuna famiglia è perfetta. Rivelare un segreto di famiglia non rovinerà la vostra reputazione. Rivelare un segreto di famiglia significa assumersi la responsabilità di ciò che è stato fatto da esseri umani, con pregi e difetti, proprio come noi.

Si rimanda continuamente il momento, per paura e insicurezza. Chissà come reagirà? La prenderà male? Prenderà le distanze? Il nostro rapporto cambierà?

Personalmente, mi sono sentito sollevato. Inoltre, rivelare un segreto di questa portata è un segno di grande fiducia. Avere il coraggio di dirmi che mio padre aveva commesso gravi crimini richiede rispetto. Finché mi hanno tenuto nascosta la verità, ai miei occhi erano loro i colpevoli. La frustrazione e il risentimento ci hanno impedito di essere sinceri e di avvicinarci.


Il consiglio della redazione: meglio la cruda verità che mille bugie

Segreti di famiglia? Sì, è necessario parlarne quando i membri esprimono un forte bisogno di farlo, senza entrare in dettagli inutili. Rivelare un segreto permette di proiettarsi nel futuro, mettendo fine a frustrazioni e domande senza risposta.Qualunque sia il peso del segreto, la verità verrà vissuta come un sollievo.

Infatti, più o meno in poco tempo, tutti imparano a convivere con la verità. “L'integrazione avviene generalmente per propria iniziativa", dice lo psicoanalista Bruno Clavier, "con la verità che viene a mettere ordine dove, più o meno consapevolmente, sembrava regnasse il caos”.

Se si tratta di un segreto molto pesante, che mette in discussione la nostra identità, gli psicologi sono concordi nel consigliare di consultare un terapeuta, per "aiutare nella progressiva riscrittura della propria storia di vita".


Articolo suggerito da Giada Paoli

Il mio sogno è vivere sognando ad occhi aperti, amando infinitamente e sentirmi libera di essere ciò che desidero.

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!