Perché è importante imparare a tacere? Come si fa a stare in silenzio?

Aggiornato il da Amelia Lombardi

Ho un problema, parlo un po’ troppo quando sono stressata. Beh, certo questo non è il mio unico difetto ma questo in particolare mi innervosisce molto. Nell’ambito professionale, dovrei astenermi dal parlare invece di raccontare la mia vita o di fare dei grossi errori che potrebbero compromettermi. Devo imparare a tacere, ma non è facile quando si impara che parlare è importante. Tuttavia, ci sono dei momenti in cui bisogna saper stare in silenzio. Questa è il segreto del successo.

Perché è importante imparare a tacere? Come si fa a stare in silenzio?
 
 Sommario

Perché imparare a stare zitti?

Scommetto che non sono l’unica a trovarsi in questa situazione. Ci sono tantissime situazioni dove mi sono detta: “ma perché l’ho detto?” 😩. È capitato anche a te, no? Che sensazione sgradevole sentire di essere andati oltre e che avremmo dovuto mantenere dei dettagli per noi. È lì che capiamo che il silenzio è meglio delle parole… Tuttavia se diciamo troppo, è perché c’è una cosa che mette a disagio le persone: il silenzio 😶 !

L’angoscia del silenzio

Il silenzio non ci mette a nostro agio, all’improvviso abbiamo voglia di riempirlo per evitare di sentirci in imbarazzo di fronte agli altri. 😅.  Questa è l’arte del saper parlare e del gestire i momenti di silenzio ma non bisogna in ogni caso riempirli con la prima cosa che ci passa per la testa. Altrimenti sarà proprio questo flusso di sciocchezze a metterci in difficoltà. Il silenzio si coltiva, si utilizza per non dire troppe cose e per prendere le distanze 🤫.

Come proteggersi dalle persone tossiche?

Alcune persone hanno coscienza del fatto che poche persone sopportano il silenzio. Preferiscono l’ascolto attivo per avere un vantaggio strategico su di noi. Lo stress ci fa dire sciocchezze, ed è in quel momento che diamo un’informazione che potrebbe ritorcersi contro noi stessi. Ed è per questo che ci sono delle persone tossiche che stanno il silenzio per destabilizzarci 🤯. Imparare a tacere equivale dunque a imparare a proteggersi per non cadere in trappola.

La redazione ti consiglia: La mia famiglia è tossica: come riconoscerla? come fare?

Quando dobbiamo imparare a tacere?

Non parlare è un po’ contro intuitivo perché impariamo a parlare da quando siamo piccoli! In effetti, parlare vuol dire esprimersi, dire la propria opinione e palesare le proprie emozioni. È una nozione molto positiva anche perché sappiamo che la mancanza di comunicazione è alla base di molti problemi. Tuttavia, ci sono dei momenti molto delicati dove sarebbe bene imparare a tacere 🧐.

👉 Quando non si conosce l’oggetto della conversazione

La prima cosa da fare quando non conosciamo bene l’argomento della conversazione è tacere, altrimenti passiamo per i pagliacci di turno, soprattutto al lavoro 🤡. Siamo sempre sotto valutazione e abbiamo sempre l’impressione che se manteniamo il silenzio significa che non sappiamo niente. Tuttavia, è bene prendersi del tempo per riflettere piuttosto che farsi prendere dalla fretta! È normale non sapere tutto, bisogna appellarsi al fatto che questo non fa di noi delle persone meno competenti.

👉 Perché è importante non cadere nel pettegolezzo?

Mentirei se dicessi che non amo scambiare qualche pettegolezzo….Chi non ama il gossip 😬 ? Spesso bisogna allontanarsi dalle persone con le quali scambiamo dei pettegolezzi. Ho spesso sentito dire che una persona che critica gli altri davanti a noi fa lo stesso alle nostre spalle. Poco carino, vero 😫 ?  Il detto dice: “non fare agli altri ciò che non vorresti fosse fatto a te”.

👉 Quando sentiamo delle forti emozioni

Le emozioni negative non sono facili da gestire, quando ce n’è una che è molto forte, stiamo zitti ! Questo è ancora più vero quando si è ipersensibili perché si hanno delle emozioni violente come la paura o la rabbia che possono provocare una catastrofe. Questo potrebbe o portarci a essere molto nervosi in ufficio o potrebbe portare a dire cose che ci passano per la testa e non per forza vere in famiglia. Si ha giusto il bisogno di dirle per alleggerire la tensione e lasciar andare le nostre emozioni 😪...

Gestire la rabbia

In quel caso, bisogna imparare a controllare la propria rabbia e prendersi del tempo per se stessi per proteggersi ed evitare di fare danni!

👉 Quando ci viene chiesto

Se ci viene chiesto di non parlare di un segreto che ci hanno confidato, bisogna stare zitti. Per alcune persone, non è semplice tenere a freno la lingua ma è importante non farlo. Quando ci dicono di tacere vuol dire che si tratta di una cosa importante e che non spetta a noi dirla. Farlo significherebbe tradire la fiducia di chi ci ha confidato il segreto e questo potrebbe provocare la fine di un bel rapporto.

Come fare a imparare a tacere?

Essere troppo spontanei e parlare senza riflettere significa commettere degli errori. Questo potrebbe essere molto delicato in alcune situazioni come al lavoro. E allora, come fare? Innanzitutto bisogna disfarsi dell’idea che il silenzio è imbarazzante. Per questo è necessario combattere lo stress e cercare di rilassarsi. Gli esercizi di respirazione sono perfetti per rilasciare l’ansia e disfarsi dei propri pensieri persistenti 😖!

Avere fiducia in se stessi

Un’altra cosa che bisogna dire è che non siamo noi i responsabili del silenzio. Non dobbiamo portare questo peso e sentirci obbligati a parlare. Per questo, una buona fiducia in se stessi e la gestione delle proprie emozioni sono importanti. E sì,  meno si avrà vergogna di quello che proviamo più facile sarà affrontare il silenzio. Imparare a gestirsi significa imparare delle qualità che ci condurranno verso il successo sia sociale, personale e professionale 🤭 !


Il consiglio della redazione: Amare il silenzio

Quando si ha la tendenza a parlare troppo, spesso non si sopporta il silenzio poiché lo si giudica pesante. Allora parliamo e parliamo per occupare il tempo e a volte questo porta al disastro! Sarebbe meglio saper gestire il silenzio. Si potrebbe cominciare con i propri cari e con gli amici. Rimanere in silenzio per qualche momento, più o meno lungo per abituarsi. Non è facile ed è per questo che ti consigliamo di contattare un esperto con il quale potrai lavorare su te stesso e trovare nuove abitudini che ti permetteranno di vivere meglio le tue relazioni e di mostrare tutto il tuo potenziale.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!
#BornToBeMe


Fonte: crescita-personale.it

Articolo suggerito da Amelia Lombardi

La scrittura è un mezzo di espressione meraviglioso di cui non posso fare a meno. Mi ha permesso di incanalare la mia ipersensibilità e amo scrivere di psicologia e sviluppo personale. La comprensione di sé è il modo migliore per andare avanti!

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!