Perché è importante imparare a tacere? Come si fa a stare in silenzio?

Aggiornato il da Amelia Lombardi

Ho un problema, parlo un po’ troppo quando sono stressata. Beh, certo questo non è il mio unico difetto ma questo in particolare mi innervosisce molto. Nell’ambito professionale, dovrei astenermi dal parlare invece di raccontare la mia vita o di fare dei grossi errori che potrebbero compromettermi. Devo imparare a tacere, ma non è facile quando si impara che parlare è importante. Tuttavia, ci sono dei momenti in cui bisogna saper stare in silenzio. Questa è il segreto del successo.

Perché è importante imparare a tacere? Come si fa a stare in silenzio?

Perché imparare a stare zitti?

Scommetto che non sono l’unica a trovarsi in questa situazione. Ci sono tantissime situazioni dove mi sono detta: “ma perché l’ho detto?” 😩. È capitato anche a te, no? Che sensazione sgradevole sentire di essere andati oltre e che avremmo dovuto mantenere dei dettagli per noi. È lì che capiamo che il silenzio è meglio delle parole… Tuttavia se diciamo troppo, è perché c’è una cosa che mette a disagio le persone: il silenzio 😶 !

L’angoscia del silenzio

Il silenzio non ci mette a nostro agio, all’improvviso abbiamo voglia di riempirlo per evitare di sentirci in imbarazzo di fronte agli altri. 😅.  Questa è l’arte del saper parlare e del gestire i momenti di silenzio ma non bisogna in ogni caso riempirli con la prima cosa che ci passa per la testa. Altrimenti sarà proprio questo flusso di sciocchezze a metterci in difficoltà. Il silenzio si coltiva, si utilizza per non dire troppe cose e per prendere le distanze 🤫.

Come proteggersi dalle persone tossiche?

Alcune persone hanno coscienza del fatto che poche persone sopportano il silenzio. Preferiscono l’ascolto attivo per avere un vantaggio strategico su di noi. Lo stress ci fa dire sciocchezze, ed è in quel momento che diamo un’informazione che potrebbe ritorcersi contro noi stessi. Ed è per questo che ci sono delle persone tossiche che stanno il silenzio per destabilizzarci 🤯. Imparare a tacere equivale dunque a imparare a proteggersi per non cadere in trappola.

La redazione ti consiglia: La mia famiglia è tossica: come riconoscerla? come fare?

Quando dobbiamo imparare a tacere?

Non parlare è un po’ contro intuitivo perché impariamo a parlare da quando siamo piccoli! In effetti, parlare vuol dire esprimersi, dire la propria opinione e palesare le proprie emozioni. È una nozione molto positiva anche perché sappiamo che la mancanza di comunicazione è alla base di molti problemi. Tuttavia, ci sono dei momenti molto delicati dove sarebbe bene imparare a tacere 🧐.

👉 Quando non si conosce l’oggetto della conversazione

La prima cosa da fare quando non conosciamo bene l’argomento della conversazione è tacere, altrimenti passiamo per i pagliacci di turno, soprattutto al lavoro 🤡. Siamo sempre sotto valutazione e abbiamo sempre l’impressione che se manteniamo il silenzio significa che non sappiamo niente. Tuttavia, è bene prendersi del tempo per riflettere piuttosto che farsi prendere dalla fretta! È normale non sapere tutto, bisogna appellarsi al fatto che questo non fa di noi delle persone meno competenti.

👉 Perché è importante non cadere nel pettegolezzo?

Mentirei se dicessi che non amo scambiare qualche pettegolezzo….Chi non ama il gossip 😬 ? Spesso bisogna allontanarsi dalle persone con le quali scambiamo dei pettegolezzi. Ho spesso sentito dire che una persona che critica gli altri davanti a noi fa lo stesso alle nostre spalle. Poco carino, vero 😫 ?  Il detto dice: “non fare agli altri ciò che non vorresti fosse fatto a te”.

👉 Quando sentiamo delle forti emozioni

Le emozioni negative non sono facili da gestire, quando ce n’è una che è molto forte, stiamo zitti ! Questo è ancora più vero quando si è ipersensibili perché si hanno delle emozioni violente come la paura o la rabbia che possono provocare una catastrofe. Questo potrebbe o portarci a essere molto nervosi in ufficio o potrebbe portare a dire cose che ci passano per la testa e non per forza vere in famiglia. Si ha giusto il bisogno di dirle per alleggerire la tensione e lasciar andare le nostre emozioni 😪...

Gestire la rabbia

In quel caso, bisogna imparare a controllare la propria rabbia e prendersi del tempo per se stessi per proteggersi ed evitare di fare danni!

👉 Quando ci viene chiesto

Se ci viene chiesto di non parlare di un segreto che ci hanno confidato, bisogna stare zitti. Per alcune persone, non è semplice tenere a freno la lingua ma è importante non farlo. Quando ci dicono di tacere vuol dire che si tratta di una cosa importante e che non spetta a noi dirla. Farlo significherebbe tradire la fiducia di chi ci ha confidato il segreto e questo potrebbe provocare la fine di un bel rapporto.

Come fare a imparare a tacere?

Essere troppo spontanei e parlare senza riflettere significa commettere degli errori. Questo potrebbe essere molto delicato in alcune situazioni come al lavoro. E allora, come fare? Innanzitutto bisogna disfarsi dell’idea che il silenzio è imbarazzante. Per questo è necessario combattere lo stress e cercare di rilassarsi. Gli esercizi di respirazione sono perfetti per rilasciare l’ansia e disfarsi dei propri pensieri persistenti 😖!

Avere fiducia in se stessi

Un’altra cosa che bisogna dire è che non siamo noi i responsabili del silenzio. Non dobbiamo portare questo peso e sentirci obbligati a parlare. Per questo, una buona fiducia in se stessi e la gestione delle proprie emozioni sono importanti. E sì,  meno si avrà vergogna di quello che proviamo più facile sarà affrontare il silenzio. Imparare a gestirsi significa imparare delle qualità che ci condurranno verso il successo sia sociale, personale e professionale 🤭 !

Il consiglio della redazione: amare il silenzio

Quando si ha la tendenza a parlare troppo, spesso non si sopporta il silenzio poiché lo si giudica pesante. Allora parliamo e parliamo per occupare il tempo e a volte questo porta al disastro! Sarebbe meglio saper gestire il silenzio. Si potrebbe cominciare con i propri cari e con gli amici. Rimanere in silenzio per qualche momento, più o meno lungo per abituarsi. Non è facile ed è per questo che ti consigliamo di contattare un esperto con il quale potrai lavorare su te stesso e trovare nuove abitudini che ti permetteranno di vivere meglio le tue relazioni e di mostrare tutto il tuo potenziale.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo

Fonte: crescita-personale

Articolo suggerito da Amelia Lombardi

La scrittura è un mezzo di espressione meraviglioso di cui non posso fare a meno. Mi ha permesso di incanalare la mia ipersensibilità e amo scrivere di psicologia e sviluppo personale. La comprensione di sé è il modo migliore per andare avanti!

Gli articoli appena pubblicati

Logorrea: come puoi fermare la diarrea verbale?

Chi non si è mai detto, dopo aver conosciuto una persona nuova, "ops, ho parlato un po' troppo"? A me è capitato spesso, perché tendo a stressarmi un po' troppo. So che il mio flusso di parole è dovuto alla mia ansia sociale. Tuttavia, può capitare di imbattersi in persone che parlano in modo davvero eccessivo, o addirittura del tutto incoerente. Si chiama logorrea e la causa principale non è lo stress. Quindi qual è la causa? Come puoi fermare questo flusso verbale e parlare con una persona logorroica? Ecco come fare.

Dermatillomania, ovvero come torturare la pelle...

Chi non si è mai schiacciatoun brufolo sul viso, sapendo benissimo che poi sarebbe peggiorato? Personalmente, non sono mai riuscito a resistere a quella protuberanza rossa e dolorosa sul mio viso. Tuttavia, non sono mai arrivata al punto di soffrire di dermatillomania. Dermatillomania è una parola apparentemente barbara che si riferisce al grattarsi la pelle fino a provocare cicatrici. Ma cosa si nasconde dietro questo comportamento? Come si fa a smettere di cercare di eliminare tutto il sebo dalla pelle? Ne parliamo.

Tra bellezza e sofferenza: chi è la donna bambina?

Ma chi è veramente una donna bambina? Certo, la donna bambina è in realtà un'adulta ma non è "cresciuta". Quindi si mantiene la sua personalità-camaleonte: innocente e sexy, affettuosa e diffidente, oggetto di fantasia o di irritazione: chi è veramente?

Come riconoscere una persona psicorigida?

“Devi farlo tu”, “No, tu non metterci mano”, “non si può fare diversamente”. Non ne posso più di tutti questi ordini! Addio libertà, solo ansia continua… No, non è una malattia essere rigidi, ma diciamo che rovina l’atmosfera. Ormai ho imparato a riconoscere le persone psicorigide per adattarmi. Ebbene sì, esiste un buon modo per reagire di fronte a queste persone che vogliono dirci anche quando respirare.

Il test del cubo la dice lunga sulla nostra personalità... o forse no!

“Immagina di camminare nel deserto e di vedere un cubo...”, un amico mi ha fatto un test della personalità lo scorso Capodanno. Era il test del cubo! Esiste da diversi anni ma non lo conoscevo ancora! Alcuni dicono che abbia origini giapponesi ma non ne sono certa. In ogni caso, farlo è stato super divertente!

Chi sono le persone INFP: cosa significa? qual è la tua personalità?

Il questionario MBTI (myers-briggs type indicator) è un questionario di personalità oltre che uno strumento per lo sviluppo personale. Permettere di conoscere il proprio MBTI (quale personalità hai), di saperne un po’ di più su se stessi e di capire come percepiamo e interagiamo con il mondo. Il tuo test MBTI dice che sei una personalità INFP? Che significa?

Odio gli animali: sono una persona orribile?

"Che carino quel cane, che tenero quel gatto…" Si, troppo carini, in foto però, non di certo sulle mie ginocchia! Ho molta più voglia di evitare gli animali piuttosto che di accarezzarli. Alcuni mi dicono che sono tremenda, ma non si rendono conto di tutti quelli che sono gli inconvenienti dell’avere un animale in casa, o la paura che personalmente provo all’idea. Non mi piacciono gli animali, mi fanno anche un po’ paura, ma da cosa potrebbe derivare questa fobia? Vediamolo insieme!

Sindrome della “brava ragazza”: come liberarsene?

Mi è sempre stato detto che sono una ragazza seria e responsabile. Quando ero piccola ne andavo fiera e questo mi spronava a dare sempre il meglio. Tuttavia, è da qualche anno che mi sento stanca di dover sempre dare il meglio di me e di dover sempre essere accomodante. Non ho mai permesso a me stessa di essere imperfetta, perché non volevo deludere gli altri. Con il tempo ho capito che non si trattava di un aspetto del mio carattere, ma della sindrome della brava ragazza. Le donne ne sono spesso vittime e questo ci impedisce di realizzarci e affermarci. Che cos’è la sindrome della brava ragazza e come liberarsene? Vediamolo insieme.

Positivià tossica: mi impongo di stare bene... e non va bene!

L’ottimismo è una bella cosa. “Andrà tutto bene”, “sii forte”, “tutto tornerà alla normalità”. Te lo sei detto e ridetto e te lo hanno ripetuto anche gli altri, ma se da un lato questa attitudine positiva è una cosa buona, dall’altro alle volte può diventare tossica. Quando ci impediamo ad ogni costo di stare male, la mente rischia di soffrirne profondamente.

Perché ho costantemente bisogno di attenzioni?

Anche tu hai la spiacevole tendenza a fare di tutto un dramma affinché gli altri si prendano cura di te? Non smetti mai di pretendere la loro attenzione, a qualunque costo? Se la risposta è si, fai sicuramente parte di quelle persone che vivono per attirare l’attenzione degli altri. A lavoro, tra amici o sui social, devi sempre essere il centro dell’universo. E nonostante questo comportamento eccessivo spesso e volentieri non ti faccia star bene, è più forte di te! Ma da cosa deriva? Come porvi rimedio prima che sia troppo tardi?

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!