Tra bellezza e sofferenza: chi è la donna bambina?

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Ma chi è veramente una donna bambina? Certo, la donna bambina è in realtà un'adulta ma non è "cresciuta". Quindi si mantiene la sua personalità-camaleonte: innocente e sexy, affettuosa e diffidente, oggetto di fantasia o di irritazione: chi è veramente?

Tra bellezza e sofferenza: chi è la donna bambina?

Riconoscerla: come si comporta una donna bambina?

Se alcuni la immaginano libera, spensierata e spontanea, la donna bambina è soprattutto una donna immatura, una donna che si rifiuta di crescere 🧸 ! È bloccata negli stereotipi di genere e la si può riconoscere attraverso vari segnali: le piace guardare i cartoni animati cantando, dorme con un peluche, evita o addirittura rifiuta gli obblighi, si trastulla molto, usa il broncio come ricatto, parla in onomatopea con una voce da bambina, ha bisogno di centinaia di coccole al giorno, sogna il principe azzurro in versione grande amore e gli dà un soprannome ridicolo, ecc.

È semplice, è una bambina, solo che deve trovare un lavoro, pagare le tasse e ha il diritto di voto!

Relazioni sentimentali problematiche

La donna bambina è soprattutto una persona immatura nelle sue relazioni amorose. Spesso piace e attrae molto, soprattutto gli uomini che sentono la loro virilità gonfiarsi al suo fianco. In effetti, la donna bambina può rappresentare la fantasia  del "maschio alfa". Pensano di avere il controllo e di non annoiarsi mai con questa donna naturale, spontanea e piena di gioia di vivere. Un vero simbolo di libertà con cui possono rilassarsi totalmente e, allo stesso tempo, una donna che ha tanto bisogno di loro, che permette loro di giocare a fare i protettori, di avere la sensazione di essere indispensabili 😒. Insomma, la botte piena e la moglie ubriaca, al punto che si potrebbe anche pensare che per gli uomini, donna bambina o femme fatale, sia lo stesso 😅 !

Ma alla fine non importa che la donna bambina sia una fantasia per gli uomini e che allo stesso tempo calpesti tutta una serie di valori egualitari e femministi, prevedendo una relazione sotto il prisma dell'uomo forte che deve proteggere una donna fragile. Il vero problema è che la donna bambina spesso ha difficoltà a rimanere in un rapporto di coppia, perché il rapporto è sbilanciato 😖 !

Un'immaturità sentimentale

Non fraintendetemi, sono favorevole alla fioritura della vita emotiva di ognuno. Quindi, se una donna ha bisogno di incontrare una persona protettiva per essere felice, io dico di farlo! Solo che a volte questo tipo di relazione può essere molto tossica, se la persona che giudichiamo protettiva è in realtà dominatrice, maschilista, narcisista, manipolatrice o addirittura violenta. Sto parlando di casi estremi, ma è molto comune che le donne bambine abbiano difficoltà a proiettarsi in una relazione tra adulti. 

In coppia, una donna bambina tenderà a:

  • Essere superficiale: la relazione manca di intimità e di connessione emotiva, di sostegno e di aiuto reciproco.
  • Non scendere a compromessi: la rabbia e il capriccio, se non la menzogna e il senso di colpa, sono spesso all'ordine del giorno nei disaccordi relazionali.
  • Non prendere l'iniziativa sul lato del cuore e del sesso.
  • Offendersi facilmente: fate sempre attenzione con lei. Spesso è molto sensibile e può diventare aggressiva, persino violenta, se la si critica.

L'origine della donna bambina

 Come si spiega allora che una donna diventi una bambina? Da dove nasce questo bisogno di sicurezza, mentre rifiuta ostinatamente di assumersi la responsabilità di se stessa e di crescere?

Come spesso accade, dobbiamo risalire all'infanzia. È possibile che lo sviluppo emotivo sia stato bloccato in seguito a un evento traumatico come un abbandono, un lutto, una violenza o un'assenza 💔. In effetti, si tratta di un meccanismo di difesa che impedisce di continuare a vivere normalmente...

Potrebbe anche trattarsi del fatto che, da  bambine, hanno dovuto assumersi delle responsabilità in età molto precoce. La figlia maggiore ha spesso il ruolo di seconda madre, soprattutto quando i genitori sono assenti, in particolare per motivi di lavoro. Crescendo, queste ragazze sentiranno di poter essere amate solo se si comportano da bambine e non per le adulte che sono diventate 🤕.

👉 È anche possibile che la donna bambina sia bloccata nella sindrome di Peter Pan a causa del modello familiare... In ogni caso, non è colpa sua, ma bisogna indagare sul suo passato se le ripercussioni sono negative.

Donna bambina: è possibile essere felici?

Naturalmente è possibile essere una donna bambina, essere felici e avere una relazione stabile 🤗. A volte è necessario un piccolo lavoro di introspezione, di autoanalisi, ma non si tratta di rinunciare a se stessi. Anzi, è possibile riconciliarsi con la propria parte infantile. Bisogna solo essere in grado di individuare quali tratti della personalità sono maturi e quali meno, e di individuare una relazione squilibrata per trasformarla in una relazione tra adulti. L'importante è non soffrire, chiedendosi "cosa c'è che non va in me?"

Il consiglio della redazione: va bene se (e solo se) siete felici!

Come avrete capito, essere bambini, rifiutando di assumersi le responsabilità inerenti all'età adulta, va bene se state bene voi. Se invece crea probmemi con le vostre relazioni e ne soffrite, non aspettate a contattare uno psicologo. Insieme potrete lavorare su chi siete, sull'origine di questo comportamento, sulle vostre relazioni con gli altri, ecc.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e adesso!
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo

Vi potrebbe interessare:

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Paura del silenzio: perché ci rende così ansiosi?

Ah, il silenzio... Che sia durante una conversazione o a casa, devo ammettere che non mi piace molto. Nella prima situazione mi sento estremamente in imbarazzo e nella seconda il silenzio diventa "assordante" e provoca ansia. Da dove nasce questa situazione? Perché dovrei accettare un po' di più il silenzio? E come possiamo farlo? Nella nostra società rumorosa, è giunto il momento di riconnetterci con il silenzio, di abbracciarlo e di smettere di avere paura.

Perché non riesco a scusarmi?

"Mi dispiace", "Scusami", sono frasi che, nonostante gli sforzi, non escono mai dalla tua bocca. Anche quando le scuse potrebbero risolvere tutti i problemi, non riesci proprio a farcela. Ma perché è così complicato? Come superare questo blocco? Vediamolo!

Non ho amici: come fare se non si hanno amici?

Non che passi tutto il giorno da solo/a, nel mio angolo, senza dire una parola. Ho quelle due o tre persone da chiamare se voglio uscire a bere qualcosa, ma non ho amici. Nessuna "seconda famiglia", come si suol dire. Si tratta di una scelta volontaria? È solo a causa del mio brutto carattere che respingo tutti quelli che mi si avvicinano? Oppure è semplicemente la vita, che ci allontana da alcune persone quando cresciamo? Non ho amici, è davvero così grave?

Cos'è la sindrome di Puffetta al lavoro?

Ah, i Puffi! Tutti conoscono i fumetti di Peyo con i simpatici personaggi blu. Ma se ci pensi, c'è qualcosa di strano: il fatto che ci sia una sola Puffetta per un intero villaggio. Un autore l'ha notato più di 30 anni fa e l'ha usato per parlare della scarsa rappresentazione delle donne. Purtroppo il principio della puffetta può essere riscontrata in molti ambiti, compreso quello lavorativo. Ecco come funziona.

6 consigli per superare la propria timidezza

L'idea di parlare in pubblico, o di parlare con gli sconosciuti, mi mette fuori di me. Divento paonazzo, inizio a tremare, mi si forma un nodo nello stomaco. Odio essere timido, non riuscire a mostrarmi disinvolto, parlare lo stretto necessario e non trovare mai il momento giusto per intervenire. Ecco perché, lavorando su me stesso, ho trovato 6 semplici trucchi per superare e a volte nascondere la mia timidezza.

10 pensieri positivi da tenere a mente per una carica quotidiana

Vedere il bicchiere mezzo pieno, anziché mezzo vuoto, è un pensiero positivo perfetto! I pensieri positivi ci aiutano nella vita di tutti i giorni, dandoci una spinta e motivandoci a realizzare progetti che ci stanno a cuore da tempo. Quindi, per aiutarti nel tuo percorso di realizzazione, ecco 10 pensieri da tenere a mente per accompagnarti sempre e ovunque!

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!