Serotonina, 4 cose da sapere sull’ormone della felicità!

Aggiornato il da Ginevra Bodano

La serotonina fa parte del gruppo dei cosiddetti “ormoni della felicità” insieme all’ossitocina, le endorfine e la dopamina. Se tutti noi siamo sempre alla ricerca della felicità, è vero anche che spesso e volentieri non siamo ben informati sui meccanismi psicologici che ci consentono di migliorare il nostro benessere. Infatti, il nostro corpo svolge una serie di meccanismi dedicati alla produzione della serotonina. Scopriamo insieme questo processo incredibile, il suo funzionamento e la sua composizione.

Serotonina, 4 cose da sapere sull’ormone della felicità!
 
 Sommario

Il compito della serotonina: l’antidepressivo di madre natura

Prodotta a partire dall’amminoacido triptofano, la serotonina permette di trasmettere le informazioni tra i neuroni all’interno del nostro cervello. È un neurotrasmettitore. La secrezione della serotonina è principalmente a carico delle cellule intestinali (il 95%) ma anche dei neuroni di una parte del cervello.

Questa agisce sul sistema nervoso centrale e interviene nel controllo dei comportamenti, dell’umore, dell’emotività, dell’ansia, dell’apprendimento. È ugualmente coinvolta in fattori quali il movimento, il potere decisionale, il sonno e alcuni disturbi sessuali e alimentari. Insomma, è chiaro che la serotonina gioca un ruolo fondamentale per il nostro benessere. Di conseguenza, una diminuzione del livello di serotonina sembra essere associata ad alcuni tipi di depressione.

Serotonina e depressione: una responsabilità limitata e difficile da quantificare

È vero che la serotonina influisce sul nostro benessere ma, tuttavia, è difficile riuscire a controllarla. Infatti, il tasso di serotonina nel nostro corpo non si può determinare attraverso un prelievo di sangue o l’analisi delle urine. Dunque, sarebbe necessario prelevare del liquido cefalorachidiano e, supponendo che il processo sia semplice, anche una volta compiuto l’analisi del dosaggio non rivelerebbe grandi novità. Insomma, un livello basso di serotonina può essere associato ad uno stato di depressione ma solo su alcune persone e per determinati tipi di depressione.

➡ In effetti, alcune depressioni non hanno nessun tipo di legame con la serotonina.

La redazione ti consiglia: Piango molto spesso, è normale?

Quali sono le cause della mancanza di serotonina?

Le cause possono essere molteplici:

➡ Una bassa produzione di serotonina può trovare la sua origine in fattori come lo stress, l’assenza di luce solare, o ancora un deficit di vitamina B12.

➡ Una carenza dell’ amminoacido triptofano legata ad una scorretta alimentazione può ugualmente disturbare il processo di produzioni di serotonina.

➡ Infine, tra le cause si riscontra ugualmente una disfunzione dei recettori della serotonina.

Quali sono gli alimenti ricchi di serotonina? La catena di produzione del buonumore

È proprio vero che la felicità dipende anche da quello che mangiamo, e per questo è importante avere un’alimentazione varia ed equilibrata. Come? Stimolando la produzione di serotonina includendo alimenti contenenti il triptofano nel menù. Nonostante il suo nome cacofonico, in realtà consumiamo abbastanza di frequente questo amminoacido senza nemmeno esserne consapevoli. Infatti, è presente in alcuni alimenti come: il riso integrale, le uova, i lattiero caseari, la soia, la carne, il pesce, il cavolo, il cioccolato fondente, le banane o ancora i cereali e le noci.

I glucidi sono ugualmente importanti per favorire il trasporto di triptofano fino al cervello.

Per fare ciò i glucidi sono il carburante migliore, tra questi troviamo: miele, frutta secca, legumi, cereali, quinoa, pane, riso, pasta (è preferibile quella integrale per l’apporto di fibre), patate, mais, latte caldo… Questi alimenti permettono al triptofano di arrivare a destinazione senza difficoltà.

Bisogna anche ottimizzare la trasformazione del triptofano in serotonina potenziando gli enzimi coinvolti.

Per fare ciò servono:

➡ Vitamine B3, B6, B9, Le Fer, le Zinc, il Clcio, il Magnesio, la Vitamina C

➡ La Vitamina D, pesci, uova, latticini

➡ Infine, è possibile aumentare l’azione della serotonina grazie agli Omega 3, che troviamo nel pesce, nei frutti di mare, nell’olio di colza o di lino.

Un esempio di pasto?

🍽️ Triptofano: riso integrale

🍽️ Glucidi: lenticchie

🍽️ Vitamina D/ Omega 3: salmone

E per dessert, ancora un po' di triptofano...

🍽️ Banana e cioccolato fondente!

Si tratta di una vera e propria ricetta della felicità!

Potrebbe interessarti: Perché mangiare ci fa sentire così bene?

Come aumentare il tasso di serotonina?

Un supplemento di 5-HTP: sembra il nome di un nuovo personaggio di Star Wars ma non lo è! Questo nome in codice nasconde l’estratto di una pianta legnosa di origine africana, la Griffonia Simplicifolia.

Si tratta di un amminoacido che il nostro corpo produce naturalmente a partire dal triptofano. Una volta che il 5-HTP viene assorbito, questo amminoacido raggiunge la strada della felicità per trasformarsi direttamente in serotonina all’interno del nostro cervello. Lo sport così come anche la meditazione sono pratiche che permettono di sviluppare in modo naturale la serotonina, così come prendere il sole. Ecco perché siamo sempre più allegri e felici d’estate!

Vedi anche: Rimettersi in forma? 3 consigli per iniziare


Il consiglio della redazione: prenditi cura di te!

Meglio prevenire che curare, quindi è fondamentale prendersi cura di noi stessi e di questa bellissima macchina che è il nostro corpo, dandogli il giusto carburante per farlo funzionare al meglio e contribuire al nostro benessere. Un’alimentazione corretta ed equilibrata e un po' di movimento fanno la differenza. Se noti dei sintomi di depressione o un certo malessere che persiste, non esitare a contattare un professionista. Saprà darti i migliori consigli secondo il tuo caso, e anche quella spinta necessaria per ritrovare la strada verso il benessere e la felicità.


Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Il potere della comunicazione positiva nella coppia

Un’amica una volta mi ha detto che la coppia è come l’interno di una palla di neve di vetro: intima, preservata, al riparo. Protetti, si costruisce insieme la coppia, ma ogni critica, riflessione, insulto scalfisce questo ambiente e se non si fa attenzione, questo micro universo sparisce. Io ho deciso di riparare i primi danni visibili. Come? Utilizzando la comunicazione positiva.

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

10 esercizi per imparare a mollare la presa

Lo stress, le preoccupazioni, il senso di colpa… Sono tante le emozioni negative che affliggono la nostra quotidianità. Ci sentiamo dire sempre le stesse cose: “Dai troppo peso alle cose”, o ancora, “Non ci pensare!”…magari fosse così facile! Per aiutarti, ecco 10 esercizi per imparare a mollare la presa e sentirti subito meglio!

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!