Relazione a distanza, il segreto per farla funzionare

Aggiornato il da Paola Ferraro

Hai incontrato la tua anima gemella e da allora stai vivendo un folle amore! L'unico neo: vive a più di 500 km da te... Vi mancate tanto a vicenda e per di più tua madre, la tua amica Anna e persino la tua parrucchiera ne sono certe: le relazioni a distanza non funzionano! Ma è proprio così? Su col morale! Non disperare! Abbiamo dei suggerimenti che fanno al caso tuo.

Relazione a distanza, il segreto per farla funzionare
Sommario 

Come si fa a far durare una relazione a distanza?

Quali sono i tre consigli per far in modo che una relazione a distanza duri e sopravviva alle difficoltà.

1) Fidarsi, fidarsi e ancora fidarsi

Non so se è chiaro il concetto, ma la base su cui costruire una relazione qualsiasi è.… la FIDUCIA (spero che adesso lo sia!). Una relazione a distanza non è un’eccezione alla regola e i due amorosi devono dare prova di forza e di fiducia. Senza quest’ultima, è impossibile costruire una relazione solida e duratura. Innanzitutto, devi credere nella relazione stessa. Se hai dei dubbi, se ascolti le malelingue e le persone maldicenti che ti dicono che sicuramente non funzionerà e non sei nemmeno così tanto sicuro/a di te stesso/a, lascia perdere da subito.

Per far sì che una relazione a distanza abbia davvero delle chances, devi essere prima di tutto tu a volere che funzioni, ad essere felice e convinto/a che la vostra storia abbia un futuro. Inoltre, ma ciò va da sé, devi fidarti del tuo partner. L'amore a distanza richiede molta forza, anche psicologica, affinché non ci lasciamo troppo prendere dalla nostra frenetica e ingannevole immaginazione! Lontano dagli occhi, le (mal)interpretazioni sono talvolta molto più numerose. Non appena vieni a conoscenza che l'altro/a ha incontrato nuove persone e che impiega molto tempo a rispondere ad un tuo messaggino, ecco che la tua immaginazione comincia a giocarti dei brutti scherzi! La fiducia è quindi fondamentale, così come la fiducia in sé stesso/a. Bisogna riconoscere che non è la relazione ideale, ma essere abbastanza forte per farla durare, o almeno provarci.

2) Puntare su una comunicazione regolare

Più che in una relazione classica, la comunicazione gioca un ruolo determinante. E al giorno d’oggi non sono certo i mezzi di comunicazione a mancare: chat, foto, telefonate e videochiamate, ma più dei mezzi in sé e per sé, è la regolarità che conta. Per dare più chances a questa relazione, è necessario consacrarle del tempo. Parlate ogni giorno, dedicatevi del tempo di qualità. In quell’istante, tutte le tue attenzioni devono essere rivolte al tuo partner, ma puoi anche approfittare dei momenti quotidiani per farlo: mentre fai la spesa, prepari la cena o mentre stai tornando a casa per condividere con lui/lei un momento di complicità, uno spezzone della tua vita quotidiana, anche a distanza. Non dimenticatevi di rendere un po’ più piccanti le conversazioni. Mandatevi dei messaggini un po’ osé, fate l'amore al telefono... date prova di immaginazione.

La redazione ti consiglia: 10 consigli per una relazione di successo

3) Stai lontano/a dalla routine... ma non troppo

Se c’è qualcuno che si inserisce in una qualsiasi relazione, quello è la routine. Difficile sfuggirle, anche se si vive lontani l'uno dall'altro. Vi chiamate alla stessa ora, vi mandate un messaggio di buonanotte ogni sera, vi vedete ogni due settimane, ecc. A distanza di mesi, tutto questo può essere un po' noioso, ma non dimenticate che la routine è anche l’essenza della coppia e che soprattutto può anche piacervi dopo un po’ di tempo. Se le piccole abitudini che avete preso insieme vi piacciono, non cambiatele, ma sappiate anche sorprendere il vostro partner a volte. Fagli consegnare un regalo, programma delle rimpatriate a sorpresa, organizza una cena a due per il suo arrivo o un weekend romantico altrove. Infatti, nutritevi dei momenti quotidiani che avete costruito insieme, ma non lasciatevi sopraffare da esso.

Come faccio a sapere se la mia relazione a distanza funziona?

Da dove si vede se una relazione a distanza funziona? Beh, semplicemente dalla voglia di proiettarsi in un futuro a due, di fare dei progetti a due. Hai mai pensato di andare a vivere con lui/lei? Hai controllato la presenza di posti di lavoro nella sua regione? Il prossimo fine settimana incontrerai i suoi genitori? Allora significa che sta funzionando e che il futuro è dalla tua parte, a te la mossa!


Il consiglio della redazione – Un male per un bene?

Quando si pensa ad una "relazione a distanza" si pensa spesso al concetto di essere single ma in due. Anche se si è in coppia, tornare a vivere da soli/e per un periodo di tempo può essere inizialmente traumatico. Dire addio alla tenerezza quotidiana, agli abbracci sul divano, al bacio del buongiorno è difficile certo ma ci sono anche dei vantaggi! La maggior parte delle coppie litiga sulle faccende domestiche e sulla loro gestione, mentre in una relazione a distanza, nessun conflitto di questo tipo. 

Inoltre, la distanza aumenta il desiderio. Quando vi rivedete dopo un lasso di tempo, gli ormoni parlano da soli sotto le lenzuola, ma anche i tuoi sentimenti beneficiano di ogni incontro che avete. L'eccitazione sale, il cuore batte all’impazzata, le farfalle nello stomaco, sei sempre felice di rivederlo/a, di ritrovarvi e condividere dei momenti in cui sei tutto suo/a. Spesso, infatti la distanza aiuta a mantenere vive le fiamme della passione.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!
#BornToBeMe


Altri articoli che potrebbero interessarti:


Fonte: psicologia-e-benessere.it

Articolo suggerito da Paola Ferraro

La scrittura è sempre stata la mia terapia, da quando ho memoria ho sempre usato la carta come sacco da boxe. Impara a conoscermi, sono Paola Ferraro.

Gli articoli appena pubblicati

Amnesia traumatica: cos'è? Ha effetti su di me?

Hai mai avuto la sensazione di aver dimenticato parte della tua vita? Forse hai regolarmente dei vuoti di memoria? Se è così, potresti essere affetto da amnesia traumatica. L'amnesia traumatica è un vero e proprio meccanismo di protezione psicologica che intrappola le vittime in una sofferenza diffusa. Identificare i sintomi è fondamentale per prendere coscienza del problema e cercare aiuto. Ecco come fare.

Non riesco a meditare, come fare?

Niente da fare, per alcuni è impossibile meditare! I pensieri partono in quarta e concentrarsi diventa la cosa più difficile del mondo. A questo punto, meditare genera solo nervosismo e sembra quasi essere una perdita di tempo. Tuttavia, quando si prova a meditare è proprio perché si desidera imparare a mollare la presa e rilassarsi. La meditazione ha tantissimi benefici sia per il corpo che per la mente,quindi, come fare quando non si riesce a meditare? Ecco alcune soluzioni per riuscire in questa pratica dagli effetti estremamente positivi.

Solitudine positiva: perché ci piace stare da soli?

Alcuni la evitano come la peste, ma altri la amano tantissimo, perché non sentono di essere da soli ma piuttosto in compagnia di loro stessi, e questo non li spaventa. I momenti in solitudine sono un’ottima opportunità per prenderci cura di noi stessi, per fare ciò che vogliamo quando vogliamo. Per quanto i nostri cari possano essere i migliori del mondo, è bene godere dei momenti in cui ci si ritrova da soli con se stessi.

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Paura del silenzio: perché ci rende così ansiosi?

Ah, il silenzio... Che sia durante una conversazione o a casa, devo ammettere che non mi piace molto. Nella prima situazione mi sento estremamente in imbarazzo e nella seconda il silenzio diventa "assordante" e provoca ansia. Da dove nasce questa situazione? Perché dovrei accettare un po' di più il silenzio? E come possiamo farlo? Nella nostra società rumorosa, è giunto il momento di riconnetterci con il silenzio, di abbracciarlo e di smettere di avere paura.

Perché non riesco a scusarmi?

"Mi dispiace", "Scusami", sono frasi che, nonostante gli sforzi, non escono mai dalla tua bocca. Anche quando le scuse potrebbero risolvere tutti i problemi, non riesci proprio a farcela. Ma perché è così complicato? Come superare questo blocco? Vediamolo!

Non ho amici: come fare se non si hanno amici?

Non che passi tutto il giorno da solo/a, nel mio angolo, senza dire una parola. Ho quelle due o tre persone da chiamare se voglio uscire a bere qualcosa, ma non ho amici. Nessuna "seconda famiglia", come si suol dire. Si tratta di una scelta volontaria? È solo a causa del mio brutto carattere che respingo tutti quelli che mi si avvicinano? Oppure è semplicemente la vita, che ci allontana da alcune persone quando cresciamo? Non ho amici, è davvero così grave?

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!