Discorso di matrimonio: cosa dire e soprattutto non dire agli sposi

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Una delle tue più care amiche si sposa e tu sei la testimone? Bene, sarai al settimo cielo! Tranne per un piccolo dettaglio...ti tocca scrivere il discorso per testimoniare l’amore dei novelli sposi! Non farti prendere dal panico, è meno complicato di quello che sembra. Per darti un piccolo spunto, ecco 7 idee dalle quali puoi attingere per trovare il discorso perfetto!

Discorso di matrimonio: cosa dire e soprattutto non dire agli sposi
 
 Sommario

7 consigli per un discorso di matrimonio perfetto

1) Pensa solo a ciò che ti va veramente di dire

Per formulare bene il tuo discorso, poniti la seguente domanda: se potessi dire una sola cosa agli sposi, quale sarebbe? Questo ti permetterà di comprendere lo stile del discorso (emozionante, divertente, etc). Così rimarrai coerente con il tuo carattere, scrivendo basandoti su questa idea iniziale!

2) Racconta l’amicizia che ti lega alla sposa 

Quando si riveste il ruolo di testimone della sposa, è importante ricordare e raccontare il modo in cui l’hai incontrata e la natura della vostra relazione. Attenzione, non è necessario esagerare, ricordati che resta sempre e comunque il giorno degli sposi e sono loro i protagonisti, non devi celebrare la vostra amicizia ma piuttosto il loro amore. In ogni caso, puoi sempre usare qualche frase che ricontestualizza la vostra relazione, come:

“Quando penso al nostro incontro durante il quarto d’ora accademico all’università, non avrei mai pensato che potessimo diventare tanto unite al punto da ritrovarci qui, oggi”.

3) Parla del loro incontro

Certo, potrebbe non sembrare un’idea molto originale: ma piuttosto che raccontare il loro incontro, racconta come la sposa ha vissuto l’incontro con il futuro sposo:

Matrimonio

“Non la smettevi di parlare di quel “tipo troppo carino” che vedevi sempre al nostro solito bar. Era un’ossessione, desideravi solo una cosa: andare a parlargli!”


🥰 Questo è un ottimo modo di far sorridere o commuovere le persone che ti ascoltano e che conoscono bene gli sposi!

4) Racconta degli aneddoti divertenti

In linea con il punto precedente, puoi anche pensare di raccontare degli aneddoti divertenti sulla coppia per far ridere gli invitati! Attenzione però, non bisogna metterli in imbarazzo davanti agli altri amici e soprattutto in presenza dei familiari. Se temi che possa succedere, puoi giocare piuttosto sull’autoironia, ma le storielle più “intime” e “private” è meglio conservarle per contesti più esclusivi, perché gli sposi capirebbero ma tutti gli altri no! È importante rendere il discorso accessibile e coinvolgente per tutti.

5) Racconta la visione del matrimonio della sposa

I testimoni servono proprio a testimoniare l’amore tra i due sposi. Allora, perché non pensare di raccontare la visione della sposa riguardo il matrimonio? Potresti approfittarne per dire che era una cosa che sognava e desiderava da tempo, o al contrario dire che non era affatto una sua priorità, e che questo rende ancora più sorprendente il tuo essere sua testimone!

6) Approfitta di qualche supporto

Questo dipenderà un po’ anche dal momento in cui dovrai tenere il tuo discorso. Se parlerai durante la cerimonia, potrebbe essere un po’ complicato! Puoi sempre pensare di mettere in sottofondo una musica che sai essere importante per gli sposi! Tuttavia, se il tuo discorso è previsto durante il ricevimento, allora potresti avere un po’ più di tempo. Perché non preparare una breve presentazione power point con le foto degli sposi?

➜ Mi raccomando però, fai in modo che non duri troppo, perché potrebbe rovinare il ritmo della cerimonia o del ricevimento.

7) Scrivi il discorso insieme agli altri testimoni

Volevi un’idea originale? Eccola qua! Di solito, i testimoni di nozze sono 4: puoi metterti d’impegno insieme agli altri per organizzare il discorso e scriverlo a 8 mani. Attenzione a fare in modo che sia fluido e che ogni parte abbia un senso rispetto alle altre. Bisognerà poi fare un buon brainstorming per riuscire a gestire le vostra presa di parola in pubblico in 4!

📝 Ecco come fare:

  • A ciascuno venga attribuito un tipo di discorso (emozionante, divertente, etc) o che tutti si accordino sullo stesso tono.
  • La parte di ciascuno corrisponda al carattere di chi la racconta
  • Che lo svolgimento sia fluido (soprattutto se ci si alterna spesso la parola)

Potrebbe interessarti - 10 consigli per riuscire a parlare in pubblico

Riuscire a fare un discorso di matrimonio indimenticabile

Ecco alcuni consigli supplementari per consentirti di scrivere al meglio il tuo discorso come testimone:

Less is more come direbbero i nostri cugini inglesi! Mi raccomando, non fare un discorso troppo lungo, cerca di concentrarti sull’essenziale.

➜ Sii te stessa, la sposa si fida di te quindi tutto andrà sicuramente per il meglio!

➜ Mettiti nei panni degli altri invitati: che cosa ti piacerebbe sentire sugli sposi?

➜ Se tendi a soffrire di glossofobia e quindi ad avere paura di prendere parola in pubblico, ricordati che ti trovi in un contesto informale. Non stai facendo un discorso al fine di raggiungere un obbiettivo professionale! Sei lì per parlare di amore, quindi concentrati solo su questo ❤️.


Il consiglio della redazione – Goditi quel momento!

Essere testimoni di nozze è un onore e un privilegio, quindi non torturarti con questa storia del discorso, sii te stessa, perché la tua amica e futura sposa ti adora proprio per quella che sei! Goditi quel momento e costruisci dei ricordi indimenticabili!


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!
#BornToBeMe



La redazione ti consiglia:

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Il potere della comunicazione positiva nella coppia

Un’amica una volta mi ha detto che la coppia è come l’interno di una palla di neve di vetro: intima, preservata, al riparo. Protetti, si costruisce insieme la coppia, ma ogni critica, riflessione, insulto scalfisce questo ambiente e se non si fa attenzione, questo micro universo sparisce. Io ho deciso di riparare i primi danni visibili. Come? Utilizzando la comunicazione positiva.

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

10 esercizi per imparare a mollare la presa

Lo stress, le preoccupazioni, il senso di colpa… Sono tante le emozioni negative che affliggono la nostra quotidianità. Ci sentiamo dire sempre le stesse cose: “Dai troppo peso alle cose”, o ancora, “Non ci pensare!”…magari fosse così facile! Per aiutarti, ecco 10 esercizi per imparare a mollare la presa e sentirti subito meglio!

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!