Non ne posso più dell’ipocondria; come uscire da questo girone infernale?

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Adesso che c’è il covid, al minimo colpo di tosse entriamo in paranoia. Per chi soffre di ipocondria, anche prima della pandemia la situazione non era delle migliori. Un semplice mal di testa e sei convinto di avere un tumore al cervello, così corri dal medico a pregarlo di farti fare una TAC. La crisi sanitaria ha peggiorato la situazione e siamo vicini all’esaurimento; come uscire da questo circolo vizioso?

Non ne posso più dell’ipocondria; come uscire da questo girone infernale?
 
 Sommario

Citazione

I sani sono malati che s'ignorano

Jules Romains


La paura di morire

Chi è ansioso per natura, tende a scrutare minuziosamente il proprio corpo, facendo attenzione anche al minimo segno di invecchiamento o peggioramento. In questo caso, ci si osserva perché si ha, molto semplicemente, paura di morire. L’idea della fine diventa una vera e propria angoscia.

Chi sono gli ipocondriaci?

Le persone ansiose e ipersensibili sono più propense delle altre all’ipocondria. Se hai vissuto un lutto traumatico e senza avere avuto il tempo di prepararti come nel caso della perdita di una persona cara o la vista di corpi senza vita, queste possono essere tra le cause scatenanti di questo disturbo. Si dice anche che la paura dell’abbandono o un eccesso di protezione ricevuto durante l’infanzia possano accentuare il rischio di diventare ipocondriaco.

Esistono numerosi cliché riguardo questa malattia che possono anche farci sorridere, tuttavia l'ansia cronica è uno dei sintomi dell'ipocondria più diffusi. Inoltre, si tratta di una malattia psicologica difficile da gestire: immaginare o addirittura essere sicuri di essere malati ma non essere presi sul serio è difficile da sopportare e da vivere ogni giorno.

La redazione ti consiglia: Piango molto spesso, è normale?

Soffro di ipocondria: cosa fare per stare meglio?

1) Prevedere le crisi

Sconvolgimenti o cambiamenti repentini spesso e volentieri sono le cause scatenanti delle crisi. Più ci si sente sicuri e meno diventa probabile avere una crisi legata all’ipocondria.  Se non possiamo evitare un cambiamento della nostra quotidianità, la cosa migliore da fare è rivolgersi al proprio terapeuta per prevedere la crisi.

Potrebbe interessarti: Come gestire la propria iperemotività?

2) Aver uno stile di vita sano

Più abbiamo delle cattive abitudini e più il corpo rischia di soffrire; ecco perché, per evitare la minima fissazione su una qualsiasi anomalia del proprio corpo, è importante avere e mantenere uno stile di vita sano. Bisogna dunque avere una buona alimentazione così come delle ore di sonno sufficienti, ma anche combattere lo stress grazie allo sport e alle attività ludiche. Non bisogna dimenticare di prendersi cura di se stessi; il rilassamento favorisce il benessere generale. L’idea, in linea di massima, è quella di riprendere il controllo del proprio corpo, di riappropriarsene per poterlo gestire meglio.

3) Tenere la mente occupata

Quando si finiscono le proprie faccende e ci si mette a pensare, ecco che si divaga e ci si focalizza sul benché minimo dolorino, su un rossore sospetto, etc. Non c’è scelta, per evitare di rimuginare e di andare troppo lontano con la fantasia, è importante praticare delle attività che richiedano una forte concentrazione.

4) Smetterla di controllarsi perennemente

Sei armata di termometro, stetoscopio e abbassalingua, ma non bisogna dimenticare che i controlli non fanno altro che alimentare la malattia. Dunque, anche se difficile (molto difficile), bisogna smetterla di controllare il polso, la respirazione, il colore della pelle, la temperatura, gli occhi, etc. Se ci si controlla perennemente il risultato è che si trova sempre qualcosa di strano e spaventoso, perché si sa, “chi cerca, trova!”. Lo stesso vale per le ricerche su internet accompagnate da diagnosi angoscianti. Bisogna smetterla di cercare informazioni su questa o quella malattia della quale si è convinti di essere affetti.



Il consiglio della redazione – Bisogna andare da un dottore una volta per tutte

Non bisogna dimenticare che l’ipocondria è una vera e propria malattia (si, questa lo è per davvero) e che necessita di cure terapeutiche. Un trattamento a base di antidepressivi non è raccomandato perché potrebbe aumentare le angosce, ma una TCC (Terapia cognitivo-comportamentale) o ancora una EMDR potrebbero aiutare a combattere anche le forme di ipocondria più difficili.


Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!