Come difendersi da un megalomane?

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Alle volte le persone non sono dirette, ma dal loro atteggiamento traspare chiaramente il loro pensiero: “sono migliore di te”. Basta leggere tra le righe, ma è questa l’attitudine di chi ha un ego smisurato, un forte bisogno di essere sempre al centro dell’attenzione… Avere a che fare con una persona megalomane non è semplice, soprattutto quando la sua presenza è molto forte a livello quotidiano. Dunque, per vivere meglio in presenza di qualcuno che ha un ego enorme, ecco alcuni consigli per comprendere il comportamento di un megalomane e reagire nel modo migliore.

Come difendersi da un megalomane?
 
 Sommario

Quali sono le caratteristiche di una persona megalomane?

Prima di tutto, bisogna definire una persona megalomane e capire perché agisce in questo modo. Si tratta di persone che soffrono di un disturbo narcisistico di personalità. Di solito, hanno la tendenza a esaltare i loro risultati e pensano di essere migliori degli altri, unici o speciali.

➜ Ma perché?

La psichiatra Laurent Schmitt spiega che le persone megalomani sviluppano questo tipo di comportamento dopo aver avuto dei traumi. Per esempio, il fatto di non aver ricevuto abbastanza amore durante l’infanzia contribuisce a sviluppare il loro egocentrismo. Infatti, per un megalomane, un alto livello di autostima permette di compensare le mancanze del passato.

💥 Tuttavia, vivere fianco a fianco con queste persone può diventare un vero e proprio inferno, perché tendono ad affermare se stessi a discapito degli altri! Tra il sentimento di inferiorità, di ingiustizia e di umiliazione, non è facile gestire qualcuno con un ego spropositato.

Come riconoscere una persona megalomane?

È importante definire le caratteristiche che contraddistinguono le persone megalomani prima di poter agire. Questo disturbo psichico si accompagna ad un determinato tipo di comportamento. Ecco come riconoscere un megalomane:

  • Un’eccessiva stima di sé
  • Manie di grandezza
  • Abuso di potere
  • Auto attribuzione di capacità straordinarie
  • Uno smisurato orgoglio
  • Eccessivo bisogno di adulazione

➜ I megalomani sono spesso dei narcisisti perversi, ecco perché è importante saperli riconoscere. Tuttavia, è bene sottolineare che non tutti i megalomani sono anche narcisisti perversi, quindi non tutti sono dei manipolatori.

La redazione ti consiglia - Come destabilizzare e far innervosire un narcisista perverso?

Come reagire di fronte ad una persona megalomane?

Che sia all’interno di una relazione di coppia, in un’amicizia o in un rapporto professionale, bisogna assolutamente reagire quando si ha a che fare con una persona megalomane. Il problema principale risiede nel fatto che una persona con un ego così smisurato non accetta le critiche, nemmeno quelle costruttive.

Dunque, non bisogna attaccare in modo diretto un megalomane, e soprattutto non in modo aggressivo. Infatti, queste persone sono micidiali nello scontro faccia a faccia. Dunque, è meglio esporre la propria opinione mantenendo sempre un certo tono di rispetto. Esprimere con parole le proprie emozioni è un buon modo per far comprendere alla persona in questione che è andata un po’ troppo lontano.

💬 Per esempio, ti viene detto:  

“Quello che hai cucinato non era male ma penso che io avrei saputo fare di meglio. Del resto, mio padre lavora nella ristorazione quindi ho delle basi migliori rispetto a te”

Piuttosto che rispondere:

“Mi fai imbestialire con le tue continue critiche! Ho sempre l’impressione che tu ti creda imbattibile! Se davvero pensi che avresti potuto fare di meglio, allora la prossima volta cucinerai tu!”

Rispondi piuttosto:

“Queste tue parole mi provocano tristezza e anche un po’ di rabbia, volevo soltanto fare qualcosa di carino per te”.

È impossibile negare quello che gli altri sentono, a meno che non si abbia a che fare con qualcuno di davvero tossico. Dopo aver parlato delle proprie emozioni, è bene ribadire all’altra persona che si comprende il suo punto di vista, per dimostrare di essere propensi all’ascolto. Ultimo ma non meno importante, non bisogna dimenticare di chiudere la conversazione proponendo una soluzione.

In questo caso, si potrebbe dire:

“Sono d’accordo sul fatto che in cucina tu sia migliore di me. Se vuoi la prossima volta mi insegni qualche ricetta nuova, che ne dici?”

Vedi anche - Sindrome di Stoccolma: perché amiamo il nostro carnefice?

Fatti accompagnare da uno specialista

In base al contesto, è possibile farsi accompagnare da un terapeuta, per esempio se hai una relazione con una persona megalomane e hai già provato a migliorare la situazione ma senza riuscirci. Infatti, parlare della propria sofferenza con uno psicologo può essere una vera e propria liberazione. Alle volte è necessario avere una persona esterna all’ambiente e alla situazione per poter identificare meglio le attitudini da migliorare da entrambe le parti. 

Se ogni giorno hai a che fare con una persona megalomane in un’altra situazione (un’amicizia, un rapporto di lavoro o in famiglia), esprimere chiaramente le tue emozioni potrà essere una buona soluzione. Non sempre è possibile parlarne direttamente con la persona interessata, ecco perché un accompagnamento psicologico è un’ottima soluzione per evitare che questa situazione intacchi la tua salute mentale.

Potrebbe interessarti - Gaslighter: a confronto, un narcisista perverso è un principiante


Il consiglio della redazione – Trova le parole per esprimere il tuo dolore

Se le hai già provate tutte ma l’attitudine di questa persona megalomane continua a farti soffrire, allora è bene valutare di consultare uno psicologo o uno psichiatra. Trovare le parole per esprimere i tuoi sentimenti, il modo in cui ti senti e la sofferenza causata da questa situazione sarà molto liberatorio. Insieme a uno specialista, potrai finalmente trovare le soluzioni migliori per poter stare meglio e ritrovare la serenità.



Fonte: www.msdmanuals.com/it

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!