Come difendersi da un megalomane?

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Alle volte le persone non sono dirette, ma dal loro atteggiamento traspare chiaramente il loro pensiero: “sono migliore di te”. Basta leggere tra le righe, ma è questa l’attitudine di chi ha un ego smisurato, un forte bisogno di essere sempre al centro dell’attenzione… Avere a che fare con una persona megalomane non è semplice, soprattutto quando la sua presenza è molto forte a livello quotidiano. Dunque, per vivere meglio in presenza di qualcuno che ha un ego enorme, ecco alcuni consigli per comprendere il comportamento di un megalomane e reagire nel modo migliore.

 
 Sommario

Quali sono le caratteristiche di una persona megalomane?

Prima di tutto, bisogna definire una persona megalomane e capire perché agisce in questo modo. Si tratta di persone che soffrono di un disturbo narcisistico di personalità. Di solito, hanno la tendenza a esaltare i loro risultati e pensano di essere migliori degli altri, unici o speciali.

➜ Ma perché?

La psichiatra Laurent Schmitt spiega che le persone megalomani sviluppano questo tipo di comportamento dopo aver avuto dei traumi. Per esempio, il fatto di non aver ricevuto abbastanza amore durante l’infanzia contribuisce a sviluppare il loro egocentrismo. Infatti, per un megalomane, un alto livello di autostima permette di compensare le mancanze del passato.

💥 Tuttavia, vivere fianco a fianco con queste persone può diventare un vero e proprio inferno, perché tendono ad affermare se stessi a discapito degli altri! Tra il sentimento di inferiorità, di ingiustizia e di umiliazione, non è facile gestire qualcuno con un ego spropositato.

Come riconoscere una persona megalomane?

È importante definire le caratteristiche che contraddistinguono le persone megalomani prima di poter agire. Questo disturbo psichico si accompagna ad un determinato tipo di comportamento. Ecco come riconoscere un megalomane:

  • Un’eccessiva stima di sé
  • Manie di grandezza
  • Abuso di potere
  • Auto attribuzione di capacità straordinarie
  • Uno smisurato orgoglio
  • Eccessivo bisogno di adulazione

➜ I megalomani sono spesso dei narcisisti perversi, ecco perché è importante saperli riconoscere. Tuttavia, è bene sottolineare che non tutti i megalomani sono anche narcisisti perversi, quindi non tutti sono dei manipolatori.

La redazione ti consiglia - Come destabilizzare e far innervosire un narcisista perverso?

Come reagire di fronte ad una persona megalomane?

Che sia all’interno di una relazione di coppia, in un’amicizia o in un rapporto professionale, bisogna assolutamente reagire quando si ha a che fare con una persona megalomane. Il problema principale risiede nel fatto che una persona con un ego così smisurato non accetta le critiche, nemmeno quelle costruttive.

Dunque, non bisogna attaccare in modo diretto un megalomane, e soprattutto non in modo aggressivo. Infatti, queste persone sono micidiali nello scontro faccia a faccia. Dunque, è meglio esporre la propria opinione mantenendo sempre un certo tono di rispetto. Esprimere con parole le proprie emozioni è un buon modo per far comprendere alla persona in questione che è andata un po’ troppo lontano.

💬 Per esempio, ti viene detto:  

“Quello che hai cucinato non era male ma penso che io avrei saputo fare di meglio. Del resto, mio padre lavora nella ristorazione quindi ho delle basi migliori rispetto a te”

Piuttosto che rispondere:

“Mi fai imbestialire con le tue continue critiche! Ho sempre l’impressione che tu ti creda imbattibile! Se davvero pensi che avresti potuto fare di meglio, allora la prossima volta cucinerai tu!”

Rispondi piuttosto:

“Queste tue parole mi provocano tristezza e anche un po’ di rabbia, volevo soltanto fare qualcosa di carino per te”.

È impossibile negare quello che gli altri sentono, a meno che non si abbia a che fare con qualcuno di davvero tossico. Dopo aver parlato delle proprie emozioni, è bene ribadire all’altra persona che si comprende il suo punto di vista, per dimostrare di essere propensi all’ascolto. Ultimo ma non meno importante, non bisogna dimenticare di chiudere la conversazione proponendo una soluzione.

In questo caso, si potrebbe dire:

“Sono d’accordo sul fatto che in cucina tu sia migliore di me. Se vuoi la prossima volta mi insegni qualche ricetta nuova, che ne dici?”

Vedi anche - Sindrome di Stoccolma: perché amiamo il nostro carnefice?

Fatti accompagnare da uno specialista

In base al contesto, è possibile farsi accompagnare da un terapeuta, per esempio se hai una relazione con una persona megalomane e hai già provato a migliorare la situazione ma senza riuscirci. Infatti, parlare della propria sofferenza con uno psicologo può essere una vera e propria liberazione. Alle volte è necessario avere una persona esterna all’ambiente e alla situazione per poter identificare meglio le attitudini da migliorare da entrambe le parti. 

Se ogni giorno hai a che fare con una persona megalomane in un’altra situazione (un’amicizia, un rapporto di lavoro o in famiglia), esprimere chiaramente le tue emozioni potrà essere una buona soluzione. Non sempre è possibile parlarne direttamente con la persona interessata, ecco perché un accompagnamento psicologico è un’ottima soluzione per evitare che questa situazione intacchi la tua salute mentale.

Potrebbe interessarti - Gaslighter: a confronto, un narcisista perverso è un principiante


Il consiglio della redazione – Trova le parole per esprimere il tuo dolore

Se le hai già provate tutte ma l’attitudine di questa persona megalomane continua a farti soffrire, allora è bene valutare di consultare uno psicologo o uno psichiatra. Trovare le parole per esprimere i tuoi sentimenti, il modo in cui ti senti e la sofferenza causata da questa situazione sarà molto liberatorio. Insieme a uno specialista, potrai finalmente trovare le soluzioni migliori per poter stare meglio e ritrovare la serenità.



Fonte: www.msdmanuals.com/it

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Paralisi del sonno: sintomi, cause e rimedi

Mi sveglio ma non riesco a muovermi… mi sono ritrovata in questa situazione angosciante già diverse volte! Ho la sensazione di essere paralizzata e di avere una presenza orribile che si avvicina e mi terrorizza. In realtà si tratta della paralisi del sonno! Ora che ho identificato le cause di questo problema riesco ad evitarle. Ma come capire cosa si cela dietro queste paralisi? Cosa provoca una paralisi del sonno?

Chi siamo?

Sei curioso di sapere chi c'è dietro Wengood? C’è semplicemente un gruppo di persone appassionate alla ricerca del benessere. Condividiamo con te le nostre storie, le nostre difficoltà e i nostri consigli per aiutarti ad andare avanti sulla strada della serenità.

Psicologo, psichiatra, coach… a chi rivolgersi?

Se riscontri difficoltà, noi di Wengood consigliamo spesso di rivolgersi a uno psicologo o ad un life coach, ma qual è la differenza? Perché consultare uno piuttosto che l’altro? Ognuno di loro risponde a esigenze diverse, per le quali è bene contattarli. Con questo articolo intendiamo spiegarti le differenze per aiutarti a capire a chi rivolgersi. Scopriamolo!

“Cosa fai nella vita?”, "Faccio del mio meglio!"

Bastano pochi minuti di conversazione con uno sconosciuto che subito viene posta la fatidica domanda: "Cosa fai nella vita?". Questa domanda ti innervosisce? Non hai voglia di sentirti definita dal tuo mestiere o dal tuo posto nella società? Siamo tutti sulla stessa barca!

Alimentazione intuitiva, di' addio alla dieta!

Più di 15 anni di dieta, con il peso che fa su e giù, i disturbi alimentari… Non se ne può più! Ho bisogno di fare pace con il mio corpo, ma ho l’impressione che se mi lascio andare non farò altro che ingrassare ancora di più. Malgrado ciò, mi sono resa conto che la dieta mi faceva più male di qualsiasi altra cosa. Esiste una soluzione? Ebbene si: l’alimentazione intuitiva. Dovrebbe essere al centro delle nostre vite, eppure sono davvero poche le persone che ne hanno sentito parlare.

Sindrome di Stoccolma: perché amiamo il nostro carnefice?

Sembra davvero incredibile che alcune persone possano provare simpatia nei confronti del loro aggressore. In realtà, si tratta di un meccanismo psicologico per superare il trauma. Il termine "Sindrome di Stoccolma" è apparso per la prima volta nel corso degli anni 70 e indica una particolare reazione del cervello ad un evento traumatico subito. Le vittime assumono il punto di vista del loro carnefice, arrivando talvolta addirittura a difenderlo!

Qual è il segreto di una vacanza di coppia perfetta?

Chi di noi non vede l’ora di partire in vacanza? Eppure quando si tratta di un viaggio di coppia, magari il primo, le ansie e le preoccupazioni sono tante. Le aspettative sono alte e la paura che un litigio possa rovinare tutto lo è altrettanto. Quali sono i segreti per una vacanza di coppia felice?

Quali sono i benefici della coerenza cardiaca?

Chi non si ritaglierebbe 15 minuti al giorno per rimanere giovane, sano ed eliminare lo stress? La coerenza cardiaca è un metodo semplice che puoi adottare dove e quando vuoi. Il ritmo del tuo cuore riflette il tuo stato emotivo e psicologico. Quindi, sia fisicamente che emotivamente, è importante prendersi cura del proprio corpo. Ecco quali sono i motivi.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!