Zooterapia o pet therapy: star meglio grazie agli animali

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Ti senti solo/a e senza sostegno morale? L’ansia pesa troppo sul tuo quotidiano? La soluzione potrebbe essere la zooterapia! Una tecnica che utilizza gli animali come mediatori, estremamente benefica per ritrovare fiducia in se stessi e una perfetta armonia. Vuoi conoscere i segreti di questa pratica?

Zooterapia o pet therapy: star meglio grazie agli animali
 
 Sommario

Cani, gatti, cavalli, criceti... Solo alcuni esempi di animali che potrebbero aiutarti a stare meglio grazie alla zooterapia. Scopriamola insieme.

Cos’è la zooterapia?

La zooterapia, o mediazione animale, si pratica da soli o in piccoli gruppi grazie al prezioso aiuto di un animale appositamente addestrato. Questa tecnica che ci avvicina agli amici a quattro zampe permette di mantenere o migliorare il potenziale cognitivo, fisico, psicosociale o affettivo di certe persone. La mediazione animale interviene esclusivamente come aiuto supplementare alla terapia prescritta da un medico o da uno psicologo e non può quindi essere utilizzata da sola. L’animale assume il ruolo di mediatore tra il paziente e il professionista.

Quali animali ci aiutano?

Tutti le specie possono aiutarci con la mediazione animale. Tra i classici troviamo cani, gatti, cavalli ma anche i cosiddetti NAC, Nuovi Animali da Compagnia, come il coniglio o il porcellino d’India. Per esempio, il gatto è ideale per le persone ansiose poiché accarezzarlo è un gesto che regala serenità e calma. Il cavallo invece è particolarmente utile per i bambini autistici: pulendo e spazzolando i suoi zoccoli imparano a relazionarsi con l’altro. Ricorda anche che l’equiterapia è in piena espansione e allarga il suo campo di azione a diverse patologie. Il cane resta comunque il mediatore preferito di grandi e piccini.

“Proprio come l’uomo, gli animali sentono il piacere, il dolore, la felicità e la tristezza” Charles Darwin

Come funziona la zooterapia?

Generalmente, si effettua prima una seduta senza l’animale per fare conoscenza con il paziente, discutere e tentare di comprendere le sue problematiche per poi identificarne gli obbiettivi. Le sedute successive sono suddivise tra l’incontro con l’animale, l’esercizio e i saluti.

Quali sono i benefici della zooterapia?

La relazione uomo-animale contribuisce ad aumentare la stima e la fiducia in se stessi nonché l’armonia del corpo e della mente. Potremmo anche citare altri vantaggi come:

  • Riduzione dello stress e dell’ansia
  • Riduzione della pressione arteriosa e del ritmo cardiaco
  • Miglioramento dell’umore: molte persone che soffrono di depressione o di un disturbo bipolare trovano sollievo nell’idea di aiutare il proprio animale
  • Un sostegno morale nei momenti difficili
  • Diminuzione del senso di solitudine, in particolare tra i più anziani
  • Riduzione della percezione del dolore: per esempio, i malati che stanno in ospedale sarebbero più calmi, ottimisti e rilassati se stessero a contatto con un animale
  • Sostegno nel vincere la paura degli animali educandoli

Non a caso, anche le persone portatrici di handicap possono fare affidamento su un cane per facilitare vari aspetti della vita quotidiana. Troverai un esempio nella serie I migliori amici dell’uomo creata da Netflix, in particolare nell’episodio “La bimba e il suo cane”, che racconta l’incontro di un cane da assistenza con un bambina epilettica.

Zooterapia: quali sono precauzioni?

Prima di cominciare la mediazione animale e per essere sicuri di godersi al meglio l’esperienza, è preferibile prendere alcune precauzioni:

  • Assicurati di rispettare tutte le misure d'igiene. L’animale deve essere seguito da un veterinario per evitare la presenza di parassiti.
  • Scegli con precauzione l’animale facendo attenzione alle reazioni allergiche e mantenendo un ambiente pulito.
  • Assicurati che l’animale sia ben addestrato per evitare qualsiasi rischio d'infortunio.

Se desideri saperne di più su questa tecnica o semplicemente parlare del tuo malessere, non esitare a contattare uno dei nostri psicologi pronti a sostenerti.  


Fonte:  https://animalifeed.it

Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!