Autolesionismo: cos’è e come curarlo?

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Quella dell’autolesionismo è una pratica molto conosciuta; per alcuni potrà sembrare qualcosa di lontano, altri magari la conoscono più che bene. Si potrebbe pensare che riguardi solo persone con gravi problemi psicologici, ma in realtà l’autolesionismo viene praticato anche da persone che sono vittime di depressione, stress, problemi familiari, traumi… Insomma, può riguardare chiunque, ed è per questo che è bene sapere di cosa si tratta e come agire quando ci si ritrova ad avere pensieri autolesionistici o davanti ad una persona che si autoinfligge del dolore.

Autolesionismo: cos’è e come curarlo?

Cos’è l’autolesionismo?

La particolarità dell’autolesionismo è che il soggetto che lo pratica mostra dei disturbi psicologici che manifesta con dei segni fisici. Infatti, chi è affetto da autolesionismo si procura intenzionalmente dei danni fisici, i più comuni dei quali sono spesso tagli o bruciature, ma anche abuso di farmaci o sostante alcoliche per causare un overdose che non sia letale. A tal proposito, spesso si associa l’autolesionismo al suicidio, credendo che queste persone desiderino togliersi la vita. Questa credenza popolare in realtà non ha fondamento scientifico e, al contrario, è raro che una persona autolesionista desideri suicidarsi o abbia tendenze suicide. Inoltre, di solito la persona che ricorre all’autolesionismo lo fa dopo una crisi, un momento in cui il malessere emotivo e psicologico è insostenibile: una volta terminata la crisi, il soggetto ritorna lentamente verso una stabilità e il suo desiderio di autoinfliggersi del dolore si affievolisce.

Tra le modalità alle quali ricorrono i soggetti che praticano l’autolesionismo troviamo:

  • Tagli, bruciature, perforazioni e abrasioni
  • Mordersi, dare colpi con la testa (spesso associati a patologie come l'autismo o sindrome di Tourette)
  • Overdose di farmaci, prodotti chimici o sostanze alcoliche
  • Ingestione di cibo (infatti c’è una forte correlazione tra l’autolesionismo e i disturbi del comportamento alimentare)

La redazione ti consiglia: Piango molto spesso, è normale?

Quali sono le cause?

Secondo gli esperti, spesso le persone che ricorrono all'autolesionismo lo fanno con l’intento di autopunirsi. Le cause che portano all'autolesionismo sono un forte stress emotivo, un'incontrollabile sensazione di angoscia, un profondo senso di colpa o situazioni e circostanze percepite come insopportabili. Questi sentimenti di forte malessere sono spesso causati da traumi (che possono essere di natura fisica o emotiva) e problemi sociali o psicologici (come depressione, disturbi della personalità, etc). Cercando di dare una spiegazione alle motivazioni che spingono le persone verso l’autolesionismo, si è arrivati ad alcune conclusioni, tra le quali:

  • Autolesionismo come strategia di coping: secondo la quale sembra che queste persone si procurino delle ferite fisiche allo scopo di alleviare un dolore emotivo o psicologico percepito come insostenibile. Il soggetto si procura dolore fisico in modo che questo distolga l’attenzione dal dolore emotivo, un modo per riacquisire il controllo della situazione e canalizzare il dolore interno in qualcosa di più concreto come il dolore fisico.
  • Autolesionismo come punizione autoinflitta: il soggetto sente la necessità di punirsi, autoinfliggendosi dei dolori fisici.
  • Autolesionismo come comunicazione: il soggetto vuole comunicare il proprio malessere e disagio mostrando delle ferite fisiche visibili.

Quali sono le persone più colpite?

Dalle indagini statistiche svolte al riguardo, sembra che le persone che soffrono maggiormente di autolesionismo siano gli adolescenti e i giovani dai 12 ai 24 anni (anche se, lo ricordiamo, l’autolesionismo può riguardare persone di tutte le età), persone che hanno amici o familiari autolesionisti, coloro che hanno subito abusi e violenze, le persone omosessuali o bisessuali (problemi legati alla discriminazione) e i carcerati (per questi ultimi, sembra che l’autolesionismo possa essere quasi una via di fuga per sfuggire alle risse e alle violenze dell’ambiente carcerario).

Potrebbe interessarti: Come calmare e gestire gli attacchi di rabbia?

Quali sono i sintomi?

Tra i sintomi dell’autolesionismo troviamo i segni fisici che ne conseguono, nonché comportamenti anomali. Tra i segni più evidenti si sottolineano:

  • Le ferite autoinflitte (tagli, bruciature, etc.)
  • Isolamento, depressione, atteggiamento di chiusura
  • Il tentativo da parte del soggetto autolesionista di non mostrare le ferite per paura di essere scoperto, arrivando ad avere dei comportamenti anomali e quindi sospetti.
  • Anomalie nelle abitudini alimentari

Come diagnosticarlo?

Per diagnosticare l’autolesionismo sono necessari un esame obbiettivo (che consiste in un’analisi generale dello stato di salute del paziente) e un’analisi del profilo comportamentale psicologico: l’esperto in salute mentale pone delle domande al paziente per capire le motivazioni che lo hanno portato all’autolesionismo. Al termine di questi esami, gli esperti fanno una valutazione del caso per comprendere la natura del problema (ovvero se è causato da una depressione, piuttosto che da traumi, malattie psicologiche etc) e la conseguente cura.

Come curarlo?

Spesso il trattamento prescritto per chi ricorre all’autolesionismo richiede l’intervento di figure varie e diverse. Infatti, è necessario l’intervento di medici, psichiatri e psicoterapeuti. Non esistono farmaci per curare l’autolesionismo; tuttavia, potrebbero essere prescritti dei farmaci antidepressivi in presenza di disturbi dell’umore. Tra i trattamenti spesso utilizzati per curare l’autolesionismo troviamo la Terapia cognitivo comportamentale (TCC), la psicoterapia familiare (che coinvolge la famiglia del paziente) e le terapie di gruppo.


Il consiglio della redazione: la sincerità è fondamentale

È assolutamente necessario che il paziente, nel momento della diagnosi, sia assolutamente sincero riguardo ai danni che si infligge, affinché il team di esperti possa svolgere al meglio il suo lavoro e scegliere la terapia più adatta. Se questa problematica ti riguarda da vicino, che sia in prima persona o magari riguardi qualcuno a te caro come un amico o un familiare, cerca di instaurare un dialogo sincero con chi ti sta vicino, per fare il primo passo verso l’accettazione del problema e trovare la forza per rivolgersi ad un professionista, che saprà fare una diagnosi adeguata e prescrivere la terapia più adatta.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo


*Fonti:

Autolesionismo - MyPersonalTrainer

Autolesionismo - State of mind

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Mi sento diversa: non tutti i mali vengono per nuocere!

"Beh, ma tu sei un artista!". "Si vede che sei un po' originale!" Questo è proprio il tipo di osservazione che i miei amici mi fanno spesso (molto, troppo spesso). Complimenti? Non proprio. Più che altro è un modo educato di farmi capire che non sono come loro, che sto facendo troppo, o troppo poco, che non seguo il ritmo. La verità? Credo che abbiano ragione!

"Maschiaccio": non dire mai più una cosa del genere alle ragazze!

Da piccola giocavo molto con i Lego e con i videogiochi. Per me sono passioni come tutte le altre e a 33 anni gioco ancora ai videogiochi. Tuttavia, ciò che non è normale è che quando ero più giovane venivo descritta come un "maschiaccio". In realtà, ho sempre odiato questo termine e credo sia ora di smettere di usarlo. È sessista e attribuisce un'etichetta alle ragazze che non rientrano nei cliché del loro genere, quindi non pronunciarlo mai più!

Detesto i complimenti, perché mi mettono così a disagio?

“Hai un talento naturale per la fotografia, sei bravissima!”. Improvvisamente divento rossa come un peperone e non so più come comportarmi. I complimenti mi mettono terribilmente a disagio, ma so che dovrei viverli in tutt’altra maniera. La maggior parte delle persone infatti amano i complimenti! Io non riesco ad accettarli. Perché? Cosa mi mette così a disagio?

Sono una di quelle persone che non mettono il lavoro al centro della propria vita. D'altra parte, ho un'amica che lo fa, al punto che il suo corpo cede regolarmente. È chiaro che il suo lavoro è la sua ragion d'essere e dà il massimo. Forse un po' troppo. Ecco perché ho voluto scrivere questo articolo, per ricordarle di fare attenzione! Forse sarà utile anche a te, soprattutto se senti che la tua carriera sta occupando tutto lo spazio della tua vita.

Basta con la pressione per avere una vita sessuale folle, anche il missionario va bene!

"Haaa cosa non hai mai provato la posizione della carriola moldava?". No Ginetta, non ho mai provato questa posizione sessuale, ma il tuo sguardo stupito mi mette sotto pressione... Onestamente, a chi non è mai capitato durante una discussione tra amiche? A me è successo e anche se la carriola moldava non esiste, avevo il diritto di essere giudicata per altre pratiche sessuali che non pratico. Sembra che tu debba fare di tutto a letto per dimostrare di avere una vita sessuale pazzesca... Basta!

La mia famiglia è tossica: come riconoscerla? come fare?

Non riesco a credere di essere nata sotto una cattiva stella solo a causa della mia famiglia che, ammettiamolo, è lungi dall’essere perfetta. Quando mia madre non mi fa sentire in colpa, ci pensa mio padre a sminuirmi ed a paragonarmi alla sorella che non ho mai avuto. Per essere felice e sfuggire a questa relazione "tossica", ho dovuto prendere delle misure, poi le distanze. Ti racconto come ho imparato a stare alla larga dai miei genitori nocivi.

Il mio manager è tossico? 9 segni per scoprirlo!

Essere un bravo manager non è roba da tutti. Alcuni tirano un po' troppo la corda e vittimizzano i sottoposti senza scrupoli. Controllano le mail, sono incapaci di riconoscere il talento dei colleghi, e possono addirittura arrivare alle minacce, raggiungendo dei comportamenti malsani. Se hai dubbi sul tuo manager, ecco 9 indizi per capire se è tossico!

Mi sento sola: 8 modi per colmare quel grande vuoto in me

Viviamo gli uni accanto agli altri, senza vederci veramente. In coppia, in società, in senso generale, spesso ci si sente soli. E ancora di più in periodo Covid. Trasparenti, incompresi…questa solitudine è pesante e ci fa isolare ogni giorno un po' di più. Prima di finirla da sole con 10 gatti (anche se questi ultimi sanno essere di grande conforto!), ecco 8 trucchetti per colmare definitivamente questa sensazione di vuoto e non sentirci mai più messe da parte.

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!