Paranoia: come riconoscere una persona paranoica?

Aggiornato il da La Redazione Wengood

La paranoia è una psicosi profonda che spinge una persona a pensare che il mondo intero ce l’ha con lei. Diffidente, sospettosa, con la sensazione perenne di essere perseguitata, una personalità paranoica trascorre il proprio tempo a interpretare a suo modo ogni singola parola o gesto. Spesso poco nota o presa sotto gamba, questa patologia passa inosservata se si manifesta in maniera moderata.

 
 Sommario

“Quando si vuole trovare un senso, lo si trova. È l’inizio della paranoia”. Dominique Noguez

Come riconoscere un paranoico?

La parola “paranoia” è stata inventata da Ippocrate, il padre della medicina. Il termine deriva dal greco, para = esterno e noos = spirito, ovvero “essere al di fuori del proprio spirito”. Un paranoico interpreta tutte le situazioni, tutte le parole e i comportamenti. Una sola parola può bastare a risvegliare la sua diffidenza o un profondo senso di persecuzione. Ecco perché la paranoia provoca l’isolamento. Effettivamente, i paranoici pensano di non poter contare su nessuno.

Diffidenti, devono proteggersi dal mondo, ecco perché hanno spesso degli attacchi di rabbia, hanno paura, sono vendicativi. Se hanno degli amici, sono considerati come inoffensivi.

🧠 La diffidenza è quindi una caratteristica importante dei paranoici, ma anche l’anticipazione. Effettivamente, i loro pensieri sono sempre rivolti al futuro, hanno paura di quello che potrebbe succedere e tentano quindi di anticipare gli attacchi violenti o i tradimenti. Per riuscirci, hanno tendenza a comportarsi come dei tiranni. Hanno un’interpretazione per tutto, anche quello che sembra evidente per chiunque, arrivando perfino a manipolare o privare gli altri della libertà, in nome della ricerca della verità. E guai a chi li contraddice, a chi si mette contro di loro... verranno subito considerati colpevoli.

Esistono due tipi di paranoia:

  • La personalità paranoica: si tratta in questo caso di un disturbo della personalità, la paranoia è costante e fa parte integrante della personalità dell’individuo.
  • Il delirio paranoico: in questo caso, si tratta di un episodio di paranoia acuta che tocca anche le persone che non sono necessariamente paranoiche.

Personalità paranoica: quali sono i sintomi da riconoscere?

  • Diffidenza e dubbio: un paranoico avrà sempre tendenza a pensare che chi lo circonda cerca di fargli del male.
  • Tendenza al segreto: avendo paura che ciò che dice gli si ritorca contro, la persona paranoica non rivela quasi mai la sua vita privata.
  • Rancore: impossibile perdonare.
  • Aggressività: collera e virulenza fanno parte del suo comportamento perché si sente sempre perseguitato, minacciato, umiliato.
  • Isolamento: una persona paranoica ha dubbi su chiunque la circondi, inclusa la famiglia. Difficile quindi mantenere legami.

Certi segnali sono anche dei sintomi che scatenano la paranoia.

  • Perdita del sonno
  • Perdita dell’appetito
  • Aumento del consumo di alcool o droghe

💡 Forse non sapevi che... 

La paranoia sembra toccare soprattutto coloro che hanno uno stile di vita piuttosto frenetico ma non risparmia nemmeno coloro che invecchiano o che soffrono di depressione. Inoltre, sembrerebbe che gli uomini siano più soggetti alla paranoia rispetto alle donne.


Quali sono le cause più frequenti della paranoia?

Esistono diverse cause che possono condurre alla paranoia. Bisogna stare molto attenti perché la paranoia estrema è un sintomo che porta alla schizofrenia.

  • L’influenza dei genitori: le esperienze vissute durante l’infanzia possono giocare un ruolo chiave. I bambini crescono con genitori molto diffidenti, e finiscono per pensare che il mondo è un posto pericoloso e che le persone sono cattive, mettendo quindi le basi di una paranoia più tardi.
  • Il contesto sociale: la paranoia può essere anche una risposta allo stress o a un’esperienza traumatizzante.
  • Una ferita narcisistica
  • Droga e alcool: la paranoia può nascere anche dall’assunzione di sostanze chimiche
  • Una  microlesione cerebrale

Esiste una cura o una terapia contro la paranoia?

Sfortunatamente è molto difficile curare la paranoia poiché la persona che ne soffre non se rende conto, non si rimette mai in discussione e non si fida di niente e nessuno. Ecco perché lo psicoterapeuta non potrà essere di grande aiuto se il malato non è d’accordo per farsi curare.


Il consiglio della redazione: aiutare e farsi aiutare

È raro che una persona paranoica abbia la volontà di farsi curare. Ecco perché il ruolo di chi ci sta intorno è capitale. Non è comunque semplice rassicurare una persona paranoica. Per calmarla, bisogna offrirle una riconoscenza narcisistica e soprattutto mai contraddirla, né mentirle. Rassicurare una personalità paranoica richiede molta energia e spesso chi la circonda finisce per soffrire di una fragilità psicologica da non sottovalutare. Non bisogna quindi esitare a farsi aiutare a sua volta da uno psicologo.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Love bombing: il corteggiamento del narcisista manipolatore

Mi è già capitato che un uomo mi promettesse la luna. Sin da subito è partito in quinta e io ho creduto alla sua sincerità. Alla fine però mi ha mollata di punto in bianco solo qualche settimana dall’inizio della nostra relazione. Per me è stato un shock. Al tempo non sapevo che si tratta di una vera e propria tecnica di seduzione per molte persone! Facciamo il punto della situazione su questa nuova tendenza amorosa che miete numerose vittime…

Paralisi del sonno: sintomi, cause e rimedi

Mi sveglio ma non riesco a muovermi… mi sono ritrovata in questa situazione angosciante già diverse volte! Ho la sensazione di essere paralizzata e di avere una presenza orribile che si avvicina e mi terrorizza. In realtà si tratta della paralisi del sonno! Ora che ho identificato le cause di questo problema riesco ad evitarle. Ma come capire cosa si cela dietro queste paralisi? Cosa provoca una paralisi del sonno?

Chi siamo?

Sei curioso di sapere chi c'è dietro Wengood? C’è semplicemente un gruppo di persone appassionate alla ricerca del benessere. Condividiamo con te le nostre storie, le nostre difficoltà e i nostri consigli per aiutarti ad andare avanti sulla strada della serenità.

Psicologo, psichiatra, coach… a chi rivolgersi?

Se riscontri difficoltà, noi di Wengood consigliamo spesso di rivolgersi a uno psicologo o ad un life coach, ma qual è la differenza? Perché consultare uno piuttosto che l’altro? Ognuno di loro risponde a esigenze diverse, per le quali è bene contattarli. Con questo articolo intendiamo spiegarti le differenze per aiutarti a capire a chi rivolgersi. Scopriamolo!

“Cosa fai nella vita?”, "Faccio del mio meglio!"

Bastano pochi minuti di conversazione con uno sconosciuto che subito viene posta la fatidica domanda: "Cosa fai nella vita?". Questa domanda ti innervosisce? Non hai voglia di sentirti definita dal tuo mestiere o dal tuo posto nella società? Siamo tutti sulla stessa barca!

Alimentazione intuitiva, di' addio alla dieta!

Più di 15 anni di dieta, con il peso che fa su e giù, i disturbi alimentari… Non se ne può più! Ho bisogno di fare pace con il mio corpo, ma ho l’impressione che se mi lascio andare non farò altro che ingrassare ancora di più. Malgrado ciò, mi sono resa conto che la dieta mi faceva più male di qualsiasi altra cosa. Esiste una soluzione? Ebbene si: l’alimentazione intuitiva. Dovrebbe essere al centro delle nostre vite, eppure sono davvero poche le persone che ne hanno sentito parlare.

Sindrome di Stoccolma: perché amiamo il nostro carnefice?

Sembra davvero incredibile che alcune persone possano provare simpatia nei confronti del loro aggressore. In realtà, si tratta di un meccanismo psicologico per superare il trauma. Il termine "Sindrome di Stoccolma" è apparso per la prima volta nel corso degli anni 70 e indica una particolare reazione del cervello ad un evento traumatico subito. Le vittime assumono il punto di vista del loro carnefice, arrivando talvolta addirittura a difenderlo!

Quali sono i benefici della coerenza cardiaca?

Chi non si ritaglierebbe 15 minuti al giorno per rimanere giovane, sano ed eliminare lo stress? La coerenza cardiaca è un metodo semplice che puoi adottare dove e quando vuoi. Il ritmo del tuo cuore riflette il tuo stato emotivo e psicologico. Quindi, sia fisicamente che emotivamente, è importante prendersi cura del proprio corpo. Ecco quali sono i motivi.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!