Paranoia: come riconoscere una persona paranoica?

Aggiornato il da La Redazione Wengood

La paranoia è una psicosi profonda che spinge una persona a pensare che il mondo intero ce l’ha con lei. Diffidente, sospettosa, con la sensazione perenne di essere perseguitata, una personalità paranoica trascorre il proprio tempo a interpretare a suo modo ogni singola parola o gesto. Spesso poco nota o presa sotto gamba, questa patologia passa inosservata se si manifesta in maniera moderata.

Paranoia: come riconoscere una persona paranoica?
 
 Sommario

“Quando si vuole trovare un senso, lo si trova. È l’inizio della paranoia”. Dominique Noguez

Come riconoscere un paranoico?

La parola “paranoia” è stata inventata da Ippocrate, il padre della medicina. Il termine deriva dal greco, para = esterno e noos = spirito, ovvero “essere al di fuori del proprio spirito”. Un paranoico interpreta tutte le situazioni, tutte le parole e i comportamenti. Una sola parola può bastare a risvegliare la sua diffidenza o un profondo senso di persecuzione. Ecco perché la paranoia provoca l’isolamento. Effettivamente, i paranoici pensano di non poter contare su nessuno.

Diffidenti, devono proteggersi dal mondo, ecco perché hanno spesso degli attacchi di rabbia, hanno paura, sono vendicativi. Se hanno degli amici, sono considerati come inoffensivi.

🧠 La diffidenza è quindi una caratteristica importante dei paranoici, ma anche l’anticipazione. Effettivamente, i loro pensieri sono sempre rivolti al futuro, hanno paura di quello che potrebbe succedere e tentano quindi di anticipare gli attacchi violenti o i tradimenti. Per riuscirci, hanno tendenza a comportarsi come dei tiranni. Hanno un’interpretazione per tutto, anche quello che sembra evidente per chiunque, arrivando perfino a manipolare o privare gli altri della libertà, in nome della ricerca della verità. E guai a chi li contraddice, a chi si mette contro di loro... verranno subito considerati colpevoli.

Esistono due tipi di paranoia:

  • La personalità paranoica: si tratta in questo caso di un disturbo della personalità, la paranoia è costante e fa parte integrante della personalità dell’individuo.
  • Il delirio paranoico: in questo caso, si tratta di un episodio di paranoia acuta che tocca anche le persone che non sono necessariamente paranoiche.

Personalità paranoica: quali sono i sintomi da riconoscere?

  • Diffidenza e dubbio: un paranoico avrà sempre tendenza a pensare che chi lo circonda cerca di fargli del male.
  • Tendenza al segreto: avendo paura che ciò che dice gli si ritorca contro, la persona paranoica non rivela quasi mai la sua vita privata.
  • Rancore: impossibile perdonare.
  • Aggressività: collera e virulenza fanno parte del suo comportamento perché si sente sempre perseguitato, minacciato, umiliato.
  • Isolamento: una persona paranoica ha dubbi su chiunque la circondi, inclusa la famiglia. Difficile quindi mantenere legami.

Certi segnali sono anche dei sintomi che scatenano la paranoia.

  • Perdita del sonno
  • Perdita dell’appetito
  • Aumento del consumo di alcool o droghe

💡 Forse non sapevi che... 

La paranoia sembra toccare soprattutto coloro che hanno uno stile di vita piuttosto frenetico ma non risparmia nemmeno coloro che invecchiano o che soffrono di depressione. Inoltre, sembrerebbe che gli uomini siano più soggetti alla paranoia rispetto alle donne.


Quali sono le cause più frequenti della paranoia?

Esistono diverse cause che possono condurre alla paranoia. Bisogna stare molto attenti perché la paranoia estrema è un sintomo che porta alla schizofrenia.

  • L’influenza dei genitori: le esperienze vissute durante l’infanzia possono giocare un ruolo chiave. I bambini crescono con genitori molto diffidenti, e finiscono per pensare che il mondo è un posto pericoloso e che le persone sono cattive, mettendo quindi le basi di una paranoia più tardi.
  • Il contesto sociale: la paranoia può essere anche una risposta allo stress o a un’esperienza traumatizzante.
  • Una ferita narcisistica
  • Droga e alcool: la paranoia può nascere anche dall’assunzione di sostanze chimiche
  • Una  microlesione cerebrale

Esiste una cura o una terapia contro la paranoia?

Sfortunatamente è molto difficile curare la paranoia poiché la persona che ne soffre non se rende conto, non si rimette mai in discussione e non si fida di niente e nessuno. Ecco perché lo psicoterapeuta non potrà essere di grande aiuto se il malato non è d’accordo per farsi curare.


Il consiglio della redazione: aiutare e farsi aiutare

È raro che una persona paranoica abbia la volontà di farsi curare. Ecco perché il ruolo di chi ci sta intorno è capitale. Non è comunque semplice rassicurare una persona paranoica. Per calmarla, bisogna offrirle una riconoscenza narcisistica e soprattutto mai contraddirla, né mentirle. Rassicurare una personalità paranoica richiede molta energia e spesso chi la circonda finisce per soffrire di una fragilità psicologica da non sottovalutare. Non bisogna quindi esitare a farsi aiutare a sua volta da uno psicologo.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!