Come gestire l’ansia per la guerra in Ucraina?

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Guerra. Sono ormai alcune settimane che questa parola si è fatta strada nella mia testa. È un vero e proprio incubo. Anche solo scriverne mi sembra assurdo. Un susseguirsi di parole e frasi che faticano a prendere forma dentro di me. Eppure la vedo, è proprio lì davanti a me, vicinissima: la guerra. Morte ed esodo, bambini impauriti che si disperano, madri preoccupate e anime coraggiose che combattono. Minacce e speranze andate in fumo. Avviene tutto a due passi da casa nostra, mentre noi abbiamo l’impressione di essere totalmente inermi ma che, allo stesso tempo, il minimo passo falso possa far precipitare la situazione. Come si può vivere come se niente fosse mentre in Ucraina, qui di fianco, la guerra ci sorride?

 Sommario

Una situazione scioccante e inedita

Mi alzo e tiro un sospiro di sollievo vedendo che è ancora tutto normale. A casa dormono tutti. Poco lontano sento un cane che abbaia, un camioncino della spazzatura già in moto e io mi lamento perché è finito il caffè. Il caos è interno, ho paura, sono angosciata, ho la sensazione di vivere sulle montagne russe mentre la testa è bombardata da preoccupazioni e parole come: armi di dissuasione, condanna, sanzioni, mobilizzazione generale, fuga, morte e tante altre 😱 😱. Tutto ciò non avviene dove vivo io, ma giusto a due passi…non lo posso controllare ma potrei esserne coinvolta. È una situazione ansiogena, complicata da vivere. Come fare per calmarsi con tutte queste preoccupazioni nel bel mezzo di una situazione scioccante e inedita?

Donna preoccupata che mangia alla finestra

Il caos è interno, ho paura, sono angosciata, ho la sensazione di vivere sulle montagne russe mentre la testa è bombardata da preoccupazioni

La situazione in Ucraina mi angoscia, cosa posso fare?

Siamo in tanti/e a essere sconvolti da ciò che succede in Ucraina. Questo modo di subire l’attualità ci turba parecchio. Come per ogni guerra, ci sembra di non poter fare altro che vedere innocenti soffrire. Ecco allora che l’ansia generalizzata aumenta. 👉 È normale, abbiamo paura, siamo davanti all’ignoto e dobbiamo ripeterci che è normale in questa situazione provare ansia e angoscia. Lo ridico: è normale! Inutile quindi aggiungere anche il senso di colpa. Nella vita possiamo relativizzare tutto, ogni situazione è peggiore di un’altra, ma negare le proprie emozioni non impedisce loro di esistere, tutto il contrario.

1) Prendere le distanze

Non so se sono tutti come me o se sono io a essere un po’ matta, ma in casi come questi divento assolutamente dipendente da giornali e telegiornali. All’inizio del covid avevo così tanti attacchi di panico che avevo dovuto bloccare le notifiche delle notizie sul cellulare. Quando mi sono resa conto che stavo facendo mentalmente una lista di cose da portare con me in caso di fuga, ho deciso di spegnere la TV e prendermi una pausa dai social. O meglio, delle pause. Di certo non metto la testa sotto la sabbia per dimenticare ciò che sta succedendo o per far finta che non stia succedendo. Ma piuttosto che piangere 10 volte di fila di fronte allo stesso reportage che viene mandato e rimandato in TV, cerco di informarmi solo in certi momenti della giornata.

Parlando di informazioni, attenzione anche alle fake news che possono generare, anch’esse, parecchia ansia e altri sentimenti negativi. Cerca sempre di verificare le fonti di ciò che leggi e condividi.

2) Parlare, farsi aiutare

Tendo a soffrire di eco-ansia e di ansia politica, e ammetto che con la pandemia che giunge forse al termine, pensavo che avrei avuto un po’ di tregua. Poi un giorno Putin si è svegliato con il piede sbagliato! E quindi da un giorno all’altro mi sveglio con l’ansia di morire con una bomba nucleare. L’invasione in Ucraina segna la fine di tutte le mie speranze, non riesco più a immaginare un futuro. Prima pensavo che avrei voluto un altro figlio e ora invece non riesco a non pensare agli orrori che mio figlio leggerà sui libri di storia. Ho l’assurda sensazione di essere bloccata in un presente ansiogeno 😨.

Tra l’altro, questa guerra si aggiunge alla stanchezza generale che sentivamo già in tanti, quindi è normale che questa notizia ci abbia buttato giù. Siamo stanchi e non abbiamo alcuna certezza del futuro. Non bisogna assolutamente vergognarsi e, al contrario, parlarne. Abbiamo il bisogno di esprimere le nostre paure, dello stato di shock, del nostro parere sull’argomento. È un buon modo di reagire, di non tenersi tutto dentro e di creare un legame con gli altri. Se non vuoi parlarne con chi ti sta vicino, terapeuti e psicologi possono aiutarti a calmare l’ansia. In ogni caso, una cosa è certa: devi parlarne.

>>> Questo articolo potrebbe interessarti: Non ho ambizioni, è davvero così grave?

3) Dare una mano

Mostrarsi solidali è anche un modo di proteggere la propria salute mentale e di mettere l’ansia da parte. Chiudersi in se stessi non aiuta, o almeno non a lungo termine. Partecipare alle campagne solidari per l’Ucraina è una buona idea per sentirsi utile. Raccolte fondi e di beni di prima necessità, accoglienza dei rifugiati, manifestazioni ecc. Se ti senti in colpa di fronte a tutta quest’ansia, è che sei molto empatica. Impegnarsi e aiutare è un modo di unirsi agli altri e di ricreare la pace 😊.

Aiutare per sentirsi meglio

Aiutare per sentirsi utile e anche per preservare la propria salute mentale e combattere l’ansia.

Se questa situazione ti impedisce di dormire bene prova questi 3 esercizi di meditazione per addormentarti. Il body scan o scan corporeo è particolarmente efficace per calmare ansia o attacchi di panico in qualsiasi momento della giornata.


Il commento della redazione

Per riassumere, è totalmente normale essere stressati, ansiosi e chiedersi che mondo conosceranno i nostri figli. Quelli che vi diranno di non sentirsi toccati dalla situazione adottano semplicemente un’altra strategia (👋 diamo il benvenuto ai meccanismi di difesa!). Se nonostante i nostri consigli non riesci a stare meglio, contatta uno psicologo.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!