Come reagire alle critiche sul lavoro? Ecco come affrontarle

Aggiornato il da Ginevra Bodano

A nessuno piace essere criticati, soprattuttto al lavoro dove siamo soliti gestire le nostre emozioni e restare fermi ed impassibili. Tuttavia, anche al lavoro riceviamo critiche, che sono un ottimo modo di mettersi in discussione e migliorarsi. Un consiglio per i più suscettibili: mantenete il sangue freddo e accettate le critiche a testa alta!

Come reagire alle critiche sul lavoro? Ecco come affrontarle

Come distinguere la critica e il rimprovero?

Critica o rimprovero, la differenza sta nell’imprevedibilità e nelle sensazioni! Il rimprovero spesso lo si prevede, ma non porta con sé delle soluzioni. È piuttosto una sentenza fatta da qualcuno che pretende che si lavori e si proceda al suo stesso modo.

Esempio: "inviare due preventivi allo stesso cliente, ma cosa combini ? Una vera perdita di tempo, non ci guadagniamo nulla!”

La critica, invece, è piuttosto inaspettata. Spesso e volentieri ci ferisce, e a prescindere dal fatto che sia detta nel modo sbagliato, con tono aggressivo o magari costruttivo, resta comunque un giudizio soggettivo. Certo, ci ferisce, ma non dobbiamo dimenticare che si tratta di un feed-back essenziale che ci permette di conoscere i limiti delle nostre competenze, del nostro modo di essere e di fare.

➡ Esempio: "sarebbe meglio concentrarsi sui clienti che hanno un maggior potenziale."

5 consigli per accettare le critiche a testa alta

1) Gestisci le tue emozioni

La critica è sempre percepita come un’aggressione e il corpo lo sente: colpo al cuore, nodo in gola, mal di pancia, le lacrime che iniziano a salire. Non è poi così grave piangere al lavoro, ma sicuramente va fatto nei momenti opportuni. Nel momento in cui si riceve una critica, bisogna accettarla e comprenderla in modo da coglierne le ragioni. Nonostante tutto quello che avviene dentro di noi, la rabbia, la tristezza, il senso di colpa e la vergogna, dobbiamo cercare di rimanere inermi. In pratica: raddrizzati e poggia bene i piedi per terra, fai dei respiri lunghi e profondi, questo ti aiuterà a rilassarti e ad ascoltare più apertamente il messaggio.

2) Pensa alle buone intenzioni

No, la persona che ti critica non vuole farti del male e non vuole attaccare direttamente la tua persona! Bisogna dunque concentrarsi sulle sue buone intenzioni: aiutarti, migliorarti, permetterti di condurre al meglio il tuo lavoro. Ripetiti che, per lo meno, ti vengono date delle attenzioni, e questo è positivo!

3) Chiedi degli esempi

Una critica ha senso solo se viene giustificata. Come abbiamo già detto, la critica, anche se soggettiva, implica delle soluzioni. Chiedi dunque degli esempi concreti: di cosa si tratta precisamente? Quand’è che hai sbagliato? E come?

4) Sii indulgente nei tuoi confronti

🤗 Ricorda, bisogna sempre prendere un po’ di distacco dai propri errori e guardarli da una diversa angolazione! Non sei una persona stupida, inutile o incompetente. Gli errori si fanno, sempre. L’importante sta nel non ripeterli. Il modo migliore di reagire in modo intelligente a una critica, è dimostrare di averla compresa.

5) Accetta le critiche, ma non scusarti

La critica, anche se non formulata nel modo migliore, ha sempre un fondo di verità. Che tu lo voglia o no, bisogna accettarlo. Mettiti in discussione, ringrazia il tuo interlocutore per l’aiuto che ti ha dato attraverso la sua critica, ma ricorda di non scusarti. Il tuo errore di certo non è stato volontario, quindi non è necessario scusarsi, ma piuttosto è utile proporre delle soluzioni, che sia sul momento o più tardi, una volta che avrai capito bene il tuo errore dopo averci riflettuto un po’.

Vedi anche - E se avessi paura di farcela? Di avere successo?

Quando la critica diventa nociva

Esistono dei casi in cui, nonostante gli sforzi, risulta difficile accettare e affrontare alcune critiche. Semplicemente perché non sono costruttive, ma piuttosto sono tossiche e diventano una fonte di malessere al lavoro.

  • Critiche in pubblico: questo non è accettabile! Le critiche in pubblico sono spesso umilianti, quindi meglio evitarle. Si può proporre, per esempio, in modo più o meno garbato, di rimandare la conversazione a più tardi per poterla affrontare in privato.
  • Critiche ingiuste: basta! Non accettare critiche riferite a qualcosa che non hai fatto! Riferisci al tuo interlocutore che capisci il suo discorso, ma che la critica è ingiusta, che l’errore non è tuo. Preserva la tua salute mentale al lavoro
  • Critiche negative e sgarbate: prendi il coraggio a due mani perché, anche in questo caso, bisogna evitare di accettare critiche di questo tipo, anche a costo di correre il rischio di ripetersi. Parla con tono pacifico e sereno con il tuo interlocutore del tuo malessere e di come ti senti. Questo richiede molto coraggio, ma è un metodo che porta i suoi frutti!


Il consiglio della redazione: quando la critica ti colpisce nel profondo!

Una critica o un rimprovero sul nostro lavoro può spesso ferirci e toccare dei punti sensibili, come la paura di non essere all’altezza, la sindrome dell’impostore, etc. Se questi rimproveri ti toccano nel profondo più di quanto dovrebbero, allora forse è il caso di lavorare su di te: per fare ciò, non esitare a contattare uno specialista.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Contatta uno psicologo


Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Amnesia traumatica: cos'è? Ha effetti su di me?

Hai mai avuto la sensazione di aver dimenticato parte della tua vita? Forse hai regolarmente dei vuoti di memoria? Se è così, potresti essere affetto da amnesia traumatica. L'amnesia traumatica è un vero e proprio meccanismo di protezione psicologica che intrappola le vittime in una sofferenza diffusa. Identificare i sintomi è fondamentale per prendere coscienza del problema e cercare aiuto. Ecco come fare.

Non riesco a meditare, come fare?

Niente da fare, per alcuni è impossibile meditare! I pensieri partono in quarta e concentrarsi diventa la cosa più difficile del mondo. A questo punto, meditare genera solo nervosismo e sembra quasi essere una perdita di tempo. Tuttavia, quando si prova a meditare è proprio perché si desidera imparare a mollare la presa e rilassarsi. La meditazione ha tantissimi benefici sia per il corpo che per la mente,quindi, come fare quando non si riesce a meditare? Ecco alcune soluzioni per riuscire in questa pratica dagli effetti estremamente positivi.

Solitudine positiva: perché ci piace stare da soli?

Alcuni la evitano come la peste, ma altri la amano tantissimo, perché non sentono di essere da soli ma piuttosto in compagnia di loro stessi, e questo non li spaventa. I momenti in solitudine sono un’ottima opportunità per prenderci cura di noi stessi, per fare ciò che vogliamo quando vogliamo. Per quanto i nostri cari possano essere i migliori del mondo, è bene godere dei momenti in cui ci si ritrova da soli con se stessi.

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Paura del silenzio: perché ci rende così ansiosi?

Ah, il silenzio... Che sia durante una conversazione o a casa, devo ammettere che non mi piace molto. Nella prima situazione mi sento estremamente in imbarazzo e nella seconda il silenzio diventa "assordante" e provoca ansia. Da dove nasce questa situazione? Perché dovrei accettare un po' di più il silenzio? E come possiamo farlo? Nella nostra società rumorosa, è giunto il momento di riconnetterci con il silenzio, di abbracciarlo e di smettere di avere paura.

Perché non riesco a scusarmi?

"Mi dispiace", "Scusami", sono frasi che, nonostante gli sforzi, non escono mai dalla tua bocca. Anche quando le scuse potrebbero risolvere tutti i problemi, non riesci proprio a farcela. Ma perché è così complicato? Come superare questo blocco? Vediamolo!

Non ho amici: come fare se non si hanno amici?

Non che passi tutto il giorno da solo/a, nel mio angolo, senza dire una parola. Ho quelle due o tre persone da chiamare se voglio uscire a bere qualcosa, ma non ho amici. Nessuna "seconda famiglia", come si suol dire. Si tratta di una scelta volontaria? È solo a causa del mio brutto carattere che respingo tutti quelli che mi si avvicinano? Oppure è semplicemente la vita, che ci allontana da alcune persone quando cresciamo? Non ho amici, è davvero così grave?

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!