Non so che fare della mia vita. L’inesorabile ricerca di un senso.

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Tra l’adolescente che ero e la donna che sono oggi, c’è una bella differenza; tuttavia, c’è qualcosa che resta nonostante gli studi, la crescita, i svariati lavori: non so che fare della mia vita. Può sembrare che sia un po’ tardi per porsi questa domanda, eppure, sapere cosa fare della propria esistenza è un interrogativo che attanaglia molte persone, a prescindere dall’età.

 
 Sommario

Passione, dove sei?

"Non so che fare della mia vita." Alla base di questo grande quesito, ce n’è uno ancora più fondamentale: dov’è la passione? È vero, siamo stati educati con l’idea che bisogna lavorare, avere un bel posto fisso; ma dov’è andata a finire la soddisfazione professionale? Dov’è il senso? Dov’è la realizzazione, la gioia derivante dal fatto di fare qualcosa che ci corrisponde? Al di là della ricerca di una vita che sia in linea con gli standard, siamo sempre di più a cercare di dare un senso alla nostra vita, con delle attività che siano in armonia con i nostri desideri più profondi, i nostri valori e dunque il nostro benessere. Il problema è che passare da una cosa all’altra  non è semplice ed è spesso la ragione per la quale ci si ritrova, a prescindere dall’età, a chiedersi che cosa fare della propria vita.

In ogni caso, attenzione! Nessuna pressione per quanto riguarda la passione; non siamo tutti obbligati ad averne una o ad avere un grande sogno. La passione non deve essere una cosa fine a se stessa, perché se così fosse potrebbe impedirti di avvicinarti ad un’attività che ti corrisponde maggiormente. Per esempio, si può assolutamente cercare un lavoro creativo ma in un ambito che magari non ci appassiona un granché.  

Non so che fare della mia vita, è davvero così grave?

No, assolutamente no, anzi. Se ci si pone questa domanda è perché si ha preso consapevolezza del fatto che ci manca qualcosa e che possiamo dunque passare all’azione. Non è mai troppo tardi per fare bene e meglio. Il problema è che dopo aver capito che “non so che fare della mia vita”, c’è il “devo cambiare vita” e non tutti sono pronti per questo grande passo. È normale, cambiare vita è una cosa che molti sognano ma che pochi riescono a fare, perché è difficile. Davvero difficile. Per cominciare, bisogna accettare l’idea che è possibile vivere in un altro modo, fuori dal cammino ormai tracciato dalla scuola, dai genitori, dalla società. Poi, bisogna avere fiducia in se stessi, smettere di ascoltare gli altri, non prestare troppa attenzione alla loro opinione, definire la propria visione, personale e unica. È un lavoro a lungo termine che richiede una grande apertura mentale e una rielaborazione del proprio modo di pensare.

Come trovare la propria strada?

1) Sii curiosa, prova cose diverse

Uscire dalla zona di comfort è positivo, perché ci permette di scoprire i nostri nuovi talenti, dei nuovi interessi. Non bisogna dunque esitare a provare cose nuove. Prova una nuova esperienza, impara qualcosa di nuovo, scopri posti inesplorati.

La redazione ti consiglia: 12 regole per ricominciare da zero una nuova vita

2) Coltiva i tuoi sogni di sempre

Magari da bambina sognavi di diventare una sirena, ma in ogni caso non bisogna dimenticare i sogni della nostra infanzia. Purtroppo però, è un errore che molti adulti fanno. Bene, forse è troppo tardi per diventare una principessa o un’astronauta, ma riscoprendo la bambina che è in te, potrai sicuramente ritrovare anche quell’interesse particolare che senti per l’una o l’altra attività.

3) Schiarisci le idee sui tuoi valori e le tue priorità

E una tappa essenziale per trovare la propria strada. I tuoi valori devono ora diventare il fondamento della tua nuova vita, devono essere il motore dell’azione, poiché vivere una vita in accordo con i propri valori permette di realizzarsi veramente. Non scegliere un’attività che ti allontana da casa se la tua priorità è la famiglia e, viceversa, non rinunciare a una formazione all’altro capo del mondo se ciò che più desideri è andare all’avventura.

4) Trova una motivazione

Cambiare vita richiede molta motivazione, bisognerà dunque che trovi ciò che ti motiva. Fai luce sulle attività per le quali sei davvero appassionata, quelle che ti fanno venire voglia di alzarti la mattina.

Potrebbe interessarti - Pensare positivo: quando il positivo attira il positivo!

5) Fai qualche passo indietro

Se continui a ripeterti che non sai che fare della tua vita, sicuramente il lavoro che fai e la vita che conduci non ti corrispondono affatto. Dunque, fai qualche passo indietro per poter riflettere tranquillamente. Le vacanze, per esempio, sono il momento migliore per fare il punto della situazione riguardo la tua vita professionale. Concediti una tregua lontano dal tuo quotidiano e dalle tue abitudini per trovare delle nuove opportunità e pensare a dei nuovi orizzonti.


Il parere della redazione – Il momento migliore, è proprio questo!

“Non so se questo sia il momento adatto”, “non sono sicura di essere pronta”, “non sono abbastanza qualificata”. Bando alle ciance! Il momento migliore per entrare in azione, è questo! Più aspetti e più sarà difficile fare il grande passo. Si tratta prima di tutto di mettere in pratica le tue riflessioni. Poco importa se tra un anno avrai sempre la stessa vita; nella tua testa, avrai fatto dei passi in avanti e avrai un’idea un po' più precisa di ciò che vuoi fare nella vita. E questa è già una vittoria!

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Love bombing: il corteggiamento del narcisista manipolatore

Mi è già capitato che un uomo mi promettesse la luna. Sin da subito è partito in quinta e io ho creduto alla sua sincerità. Alla fine però mi ha mollata di punto in bianco solo qualche settimana dall’inizio della nostra relazione. Per me è stato un shock. Al tempo non sapevo che si tratta di una vera e propria tecnica di seduzione per molte persone! Facciamo il punto della situazione su questa nuova tendenza amorosa che miete numerose vittime…

Paralisi del sonno: sintomi, cause e rimedi

Mi sveglio ma non riesco a muovermi… mi sono ritrovata in questa situazione angosciante già diverse volte! Ho la sensazione di essere paralizzata e di avere una presenza orribile che si avvicina e mi terrorizza. In realtà si tratta della paralisi del sonno! Ora che ho identificato le cause di questo problema riesco ad evitarle. Ma come capire cosa si cela dietro queste paralisi? Cosa provoca una paralisi del sonno?

Chi siamo?

Sei curioso di sapere chi c'è dietro Wengood? C’è semplicemente un gruppo di persone appassionate alla ricerca del benessere. Condividiamo con te le nostre storie, le nostre difficoltà e i nostri consigli per aiutarti ad andare avanti sulla strada della serenità.

Psicologo, psichiatra, coach… a chi rivolgersi?

Se riscontri difficoltà, noi di Wengood consigliamo spesso di rivolgersi a uno psicologo o ad un life coach, ma qual è la differenza? Perché consultare uno piuttosto che l’altro? Ognuno di loro risponde a esigenze diverse, per le quali è bene contattarli. Con questo articolo intendiamo spiegarti le differenze per aiutarti a capire a chi rivolgersi. Scopriamolo!

“Cosa fai nella vita?”, "Faccio del mio meglio!"

Bastano pochi minuti di conversazione con uno sconosciuto che subito viene posta la fatidica domanda: "Cosa fai nella vita?". Questa domanda ti innervosisce? Non hai voglia di sentirti definita dal tuo mestiere o dal tuo posto nella società? Siamo tutti sulla stessa barca!

Alimentazione intuitiva, di' addio alla dieta!

Più di 15 anni di dieta, con il peso che fa su e giù, i disturbi alimentari… Non se ne può più! Ho bisogno di fare pace con il mio corpo, ma ho l’impressione che se mi lascio andare non farò altro che ingrassare ancora di più. Malgrado ciò, mi sono resa conto che la dieta mi faceva più male di qualsiasi altra cosa. Esiste una soluzione? Ebbene si: l’alimentazione intuitiva. Dovrebbe essere al centro delle nostre vite, eppure sono davvero poche le persone che ne hanno sentito parlare.

Sindrome di Stoccolma: perché amiamo il nostro carnefice?

Sembra davvero incredibile che alcune persone possano provare simpatia nei confronti del loro aggressore. In realtà, si tratta di un meccanismo psicologico per superare il trauma. Il termine "Sindrome di Stoccolma" è apparso per la prima volta nel corso degli anni 70 e indica una particolare reazione del cervello ad un evento traumatico subito. Le vittime assumono il punto di vista del loro carnefice, arrivando talvolta addirittura a difenderlo!

Quali sono i benefici della coerenza cardiaca?

Chi non si ritaglierebbe 15 minuti al giorno per rimanere giovane, sano ed eliminare lo stress? La coerenza cardiaca è un metodo semplice che puoi adottare dove e quando vuoi. Il ritmo del tuo cuore riflette il tuo stato emotivo e psicologico. Quindi, sia fisicamente che emotivamente, è importante prendersi cura del proprio corpo. Ecco quali sono i motivi.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!