La sindrome di Fomo o la paura di perdersi qualcosa!

Aggiornato il da Amelia Lombardi

Chi non ha mai avuto la paura di perdere un evento importante evitando una serata o lasciando da parte il telefono? Parlane! Nel mio caso, non ho alcun dubbio di essere vittima della sindrome di Fomo, la paura di perdere un’opportunità. Di cosa si tratta esattamente? Te lo spiego in questo articolo, visto che penso che tocchi diverse persone, in particolare coloro che sono dipendenti dal telefono.

La sindrome di Fomo o la paura di perdersi qualcosa!
Sommaire : 

Cos'è la sindrome di fomo?

Capiamo prima di tutto cosa significa Fomo, “fear of missing out” in inglese, ovvero “la paura di essere tagliati fuori, di perdersi qualcosa” 😱. Per esempio, io sento questa esatta sensazione quando sono invitata a una festa ma non posso andarci perché sono troppo stanca o ammalata. Si tratta di una vera e propria paura di perdere qualcosa di speciale e un po’ folle. Nonostante la stanchezza, quest’ansia generalizzata e soprattutto sociale potrebbe spingerti a lasciare il divano, solo per essere sicura di non aver perso nulla. E attenzione, questa sindrome non tocca solo gli estroversi e coloro che hanno una vita sociale molto intensa, soprattutto ora che viviamo nell’era dello smarthpone 😅!

Fomo e social

Sono tra quelli che adorano guardare regolarmente il telefono per essere sicura di non essermi persa l’informazione o la story dell’anno. Io nomofoba? Forse un pochino... Ma più che una dipendenza dal telefono, è il bisogno di consultare continuamente i social, che sono davvero al centro del problema o addirittura riescono ad accentuarlo. Ci si paragona agli altri, si cercano di fare post più originali, si spia la vita altrui, si cerca di uccidere la noia...insomma, ci sono tantissime ragioni che ci spingono a utilizzarle ed esserne dipendenti 😓. Tra l’altro, ci sono tantissimi psicologi e psichiatri che dicono che i social sono un vero e proprio freno alla felicità, a testimonianza di quanto il loro ruolo sia importante nella nostra vita.

Essere prensente ovunque e non perdersi nulla

Il desiderio dell’ubiquità, il fatto di essere presente ovunque, è stato identificato dallo studente Patrick Mc Ginnis dal 2004. Mc Ginnis ha constatato che gli studenti della sua università avessero un ritmo di vita sfrenato, un’agenda riempitissima, nonostante il loro semplice status di studenti. Bisogna assistere a tutte le conferenze e le riunioni, andare a tutte le feste, ma anche alle partite ecc. Questo fenomeno sociale notato dal ragazzo rappresenta in realtà un bisogno frenetico di vivere e realizzarsi.

Un obbligo alla felicità

Credo che questo sia il nostro più grande problema 🤧. Ci viene detto continuamente che la vita è una sola, che bisogna approfittarne e viverla appieno... e di conseguenza ci sentiamo obbligati a fare tutto e non perderci nulla. È un po’ il dramma della nostra generazione, quella dei millenials. Vogliamo essere ovunque, migliorarci dal punto di vista personale, accettarci, avere una vita sociale appagante, incontrare la persona giusta ecc. È un vero e proprio obbligo alla felicità, abbiamo la sensazione che saremo felici solo se viviamo appieno tutto 😩.

In realtà non è affatto grave perdersi qualcosa. Al posto di essere nell’iperconsumo della nostra vita, non dovremmo piuttosto prendere il tempo di assaporare ogni istante? Anche a costo di perderne altri 😬?

Come ridurre la paura di perdersi qualcosa?

Per tanto tempo l’idea di fare un digital detox mi ha dato i brividi. Ma un’estate ci ho provato, perché sapevo che i social erano il mio principale problema legata al Fomo. E non sono la sola ad aver fatto questa constatazione, in particolare grazie alla pandemia. Diciamo che stavolta anche il covid ha avuto un effetto positivo 😅! Il lockdown (soprattutto il primo) ci ha insegnato a rallentare il ritmo, a prenderci cura di noi e a sviluppare il nostro Jomo, la nostra gioia nel non avere qualcosa. In ogni caso, per andare più lontano e ridurre la paura di perderci qualcosa, dobbiamo lavorare su diversi punti:

  • 👉Minimizzare le fonti della nostra ansia: per me, si tratta chiaramente dei social e dello smartphone, ma per altri, potrebbe essere un circolo sociale troppo attivo. Uscire ogni sera non serve a niente se non ci fa piacere 🤐.
  • 👉 Smettere di “prevedere”: “se non ci vado, mi perderò qualcosa” o ancora “se non guardo il telefono, potrei perdermi qualcosa di importante”. Solo che con i se e con i ma non si va da nessuna parte! Quindi mettiamo da parte l’ansia da anticipazione e focalizziamoci sul presente.
  • 👉 Godersi il momento presente: ovvero si mette in pausa ciò che ci passa per la testa. Solo così possiamo assaporare appieno il momento, e soprattutto senza sentirci obbligati di pubblicare tutto sui social 🤫!
  • 👉 Lavore sulla gelosia: quando si soffre della sindrome di Fomo, significa che si ha spesso tendenza a invidiare gli altri e una necessità continua di fare paragoni. Tutto questo genera emozioni negative che ci chiudono nella ruminazione, quindi basta 🤯! Goditi ciò che hai e ciò che sei.
  • 👉 Puntare sulla gratitudine: è fondamentale focalizzarsi sui momenti della vita che ci rendono felici. Certe persone tengono un diario della gratitudine per fare un bilancio. Con questo esercizio ci si rende subito conto che non ci mancano poi così tante cose e si inizia a vivere meglio!

Il consiglio della redazione: un freno alla felicità 

La sindrome di FOMO, la paura di perdersi qualcosa è un freno alla felicità: ci si forza a fare delle cose, a partecipare a vari avvenimenti e tutto questo può sfinirci e soprattutto farci dimenticare ciò che è davvero importante per noi. Se capita anche a te, prendi appuntamento con uno psicologo per trovare una via d’uscita.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e adesso !
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo

Ti potrebbe interessare :

Fonti: Ospedale San Raffaele

Articolo suggerito da Amelia Lombardi

La scrittura è un mezzo di espressione meraviglioso di cui non posso fare a meno. Mi ha permesso di incanalare la mia ipersensibilità e amo scrivere di psicologia e sviluppo personale. La comprensione di sé è il modo migliore per andare avanti!

Gli articoli appena pubblicati

Come superare i nostri complessi inutili?

Gambe troppo larghe, labbra troppo sottili, cicatrici, timidezza… che si tratti di complessi fisici o mentali, questi sono spesso inutili e capaci di rovinarci la vita e renderci infelici. Ma non bisogna permettergli di sovrastarci! Siamo meglio di così!

Di cosa si occupa la sofrologia? Ecco i suoi numerosi benefici!

Ho riscontrato diversi problemi nel gestire la mia ansia nel corso di questi ultimi anni. Ho deciso dunque di iniziare un percorso con una psicologa, ma una cara amica mi ha consigliato di provare anche qualche seduta con un sofrologo. Secondo la sua opinione, il sofrologo aiuta a rilassarti e ti insegna a gestire meglio lo stress. Dopo diverse sedute, ho iniziato a sentire gli effetti positivi di questa pratica. Il mio corpo non è più un fascio di nervi! La sofrologia fa parte delle pratiche della “medicina dolce”, che hanno tantissimi benefici per il corpo e per lo spirito. Vediamo più da vicino questo metodo di crescita personale che mira a farci riconnettere con la nostra psiche.

Il metodo SMART per raggiungere degli obbiettivi intelligenti e realizzabili!

Per riuscire a concludere un progetto spesso e volentieri ci fissiamo degli obbiettivi, e questo è del tutto nella norma. Ma per ottimizzare le probabilità di successo e stabilire degli obbiettivi chiari, motivanti e realistici, ecco che entra in scena il metodo SMART! Vediamo insieme di che cosa si tratta.

Lavorare meno… per salvare il pianeta!

Il lavoro ha un grande valore per tutti noi, eppure potremmo essere tutti d’accordo sul fatto che non sia per forza sinonimo di benessere, né per noi né per il pianeta! Infatti, alcuni studi affermano che è necessario ridurre il prima possibile il nostro orario di lavoro, per poter ridurre le emissioni di gas serra che noi stessi generiamo. La situazione sta precipitando!

Come destabilizzare e far innervosire un narcisista perverso?

Vivi con un narcisista perverso o ne conosci uno e vorresti destabilizzarlo? Vuoi farlo arrabbiare perché ti mette in ridicolo, a volte in pubblico, ti fa soffrire, ti fa perdere la pazienza e vuoi vendicarti. Ma è difficile far arrabbiare una persona brava a manipolare gli altri, ama vittimizzare se stessa e gioca con le proprie emozioni. Farlo innervosire è l’unico modo per fare in modo che mostri la sua vera natura, per smascherarlo...

Ipocondriaci: 5 sintomi e caratteristiche per riconoscerli

Ti preoccupi spesso per la tua salute? Al minimo sintomo ti convinci di avere una malattia grave? Passi le giornate sui forum medici online? 😨 E se l’unica malattia di cui realmente soffri fosse l’ipocondria? Ecco i 5 sintomi tipici che toccano le persone ipocondriache.

Ansia sociale, sintomi e come superarla

Parlare in pubblico è un vero e proprio incubo e la fiducia in se stessi un sogno ancora troppo lontano. Si diventa paonazzi e non si riesce a nascondere il tremolio, la paura di essere ridicolizzati o umiliati fa perdere letteralmente il controllo. Se la timidezza può essere la causa di questo inconveniente, l’ansia potrebbe nascondere un malessere molto più profondo: l’ansia sociale, altrimenti nota come fobia sociale. Di cosa si tratta? Come si supera?

4 consigli per imparare ad amarsi: di' addio all’insicurezza!

“Faccio schifo”, “sono brutto”, “sono inutile” … difficile avere sempre una buona autostima. Eppure, è la chiave del nostro successo e del nostro equilibrio psicofisico. Sentirsi bene con sé stessi e con il proprio corpo, imparare ad amare sé stessi, è la cosa migliore che possiamo fare.

Come calmare e gestire gli attacchi di rabbia?

La rabbia, un sentimento che proviamo spesso. Ci spinge a reagire d’istinto, senza riflettere, portando a volte a situazioni sgradevoli. Qual è il segreto per controllare la propria rabbia e fare in modo che non prenda il sopravvento sulla ragione?

Non sopporto le persone! È una cosa seria, dottore?

Mi lamento al volante quando c'è un ingorgo, mi lamento alle casse quando c'è la fila, mi lamento il sabato quando tutti hanno deciso di andare in centro città. Non credo di riuscire più a sopportare le persone. La ragazza di città che sono sempre stata ha persino iniziato a sognare la campagna e una casa isolata per avere meno contatti sociali possibili. È una cosa seria, dottore? Beh, non proprio. Spiegazione.

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!