Risata nervosa: Perché rido in situazioni tristi?

Aggiornato il da Giada Paoli

In una situazione inappropriata ti mordi le labbra per non scoppiare a ridere... ma ovviamente è tutto inutile! Se ti è già capitato, ti sarai sicuramente vergognata. Questa dimostrazione esagerata e incontrollata delle emozioni deriva da una risata nervosa. Come controllarla?

Risata nervosa: Perché rido in situazioni tristi?
 
 Sommario

Ridere durante un funerale o in una situazione inappropriata può diventare molto imbarazzante. Perché abbiamo la risata nervosa? Come possiamo controllarla? Ridere ha tantissimi vantaggi. Libera le emozioni e offre una sensazione di benessere interiore. Eliminando tutte le tensioni e i pensieri negativi, ridere è un antistress naturale. Inoltre permette anche di migliorare la frequenza cardiaca e quindi di lottare contro le malattie cardiovascolari.

Eppure, in certi casi, la risata può essere nervosa e rivelatrice di un vero imbarazzo 🤫.

Cos’è la risata nervosa?

Quando siamo irritati, stressati o a disagio, il nostro corpo ha bisogno di esprimere il malessere. Durante una situazione imbarazzante ridere diventa una vera e propria valvola di sfogo.


Ragazza che ride

Permette di eliminare la tensione e rassicurarci. La risata nervosa si presenta infatti per aiutarci a superare le situazioni che vorremmo evitare.


📌 Lo sapevi?


Le probabilità di ridere sono 30 volte più elevate quando si è in compagnia rispetto a quando si è da soli. Ecco perché la risata è contagiosa!

Come evitare di ridere nei momenti tristi?

Anche se solitamente la risata nervosa colpisce le persone più espressive e comunicative, nessuno è immune! Ecco alcune dritte per risolvere il problema:

👉 1) Cerca di capirne la causa: la risata nervosa tradisce una sensazione di malessere e nasconde una cattiva gestione delle emozioni negative. Cerca di identificare gli elementi scatenanti della tua risata nervosa e se ti capita troppo spesso, ti consiglio di contattare uno psicologo per cominciare una terapia cognitiva e comportamentale.

👉 2) Supera l’ansia: se riesci ad accettare l’ansia vedrai che gli episodi di risata nervosa diminuiranno enormemente. Per riuscirci, ricordati tutti i traguardi raggiunti, identifica i pensieri negativi e datti coraggio grazie alla tecnica del pensiero positivo.

👉 3) Concentrati e rilassati: cerca di fare mente locale chiudendo gli occhi per ritrovare un po’ di calma e serenità. Per abbassare la tensione, fai esercizi di respirazione e la meditazione consapevole per prendere coscienza delle tue emozioni e di ciò che ti circonda.

👉 4) Trova una distrazione: Se ti viene da ridere in un momento inappropriato cerca di occupare la mente facendo delle liste 🧠, cantando o contando fino a 100.

👉 5) Chiedi scusa: è normale sentirsi in colpa per la risata nervosa. Eppure è fondamentale mollare la presa e relativizzare. Vedere qualcuno ridere in una situazione inappropriata può ferire la persona di fronte a te. Cerca di spiegare perché hai reagito così e chiedi scusa.

Attenzione, anche se la risata nervosa in sé non è un pericolo, una risata spesso incontrollata può celare una malattia. La risata podromica è sintomo di una risata patologica senza motivo e potrebbe indicare un incidente vascolare cerebrale.


Il consiglio della redazione: non vergognarti delle tue emozioni!

Il neurologo americano Michael Graziano anticipa una teoria secondo la quale il pianto e la risata hanno esattamente la stessa origine: la zona del cervello che controlla il nostro legame “sociale” e la nostra “zona di difesa” rispetto all’esterno. La risata nervosa è una forma di difesa, una barriera protettrice che permette all’organismo di evacuare un carico emotivo troppo importante. Accetta questa risata nervosa, il tuo corpo te ne sarà grato... 👉 Se queste crisi diventano troppo nervose o invalidanti rivolgiti ad uno psicologo specializzato per trovare l’origine di questo disagio.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!

#BornToBeMe


Altri articoli che potrebbero interessarti:


Fonte: luigiberlinguer.itneuro-psi.it

Articolo suggerito da Giada Paoli

Il mio sogno è vivere sognando ad occhi aperti, amando infinitamente e sentirmi libera di essere ciò che desidero.

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!