Perché e come ricostruirsi? Un processo essenziale

Aggiornato il da Paola Ferraro

Da qualche anno a questa parte, grido dal tetto che sto facendo un lavoro di decostruzione. Le cose che ho imparato attraverso la mia educazione e la società mi hanno fatto venire voglia di mettere in discussione tutto, perché ci sono cose che trovo intollerabili. Credo che questo sia importante se vuoi essere una persona migliore, sia per gli altri che per te stesso. Vediamo più da vicino perché e come decostruire se stessi.

Perché e come ricostruirsi? Un processo essenziale

Perché ricostruirsi?

Pensiamo a una casa che viene costruita pietra per pietra 🏠. È un po' come se, crescendo e invecchiando, costruissimo la nostra casa con delle pietre. Solo che queste pietre sono modelli sociali e personali che integriamo. Cosa c'è di sbagliato in questo? I modelli sociali, soprattutto quelli che impongono delle norme, causano molta sofferenza. Pochissime persone riescono a rientrare negli schemi imposti dalla società, quindi è necessario rimuovere le pietre, mettere in discussione questi schemi sociali.

In effetti, decostruire se stessi significa essere svegli. Quindi sì, lo so, a qualcuno si rizzeranno i capelli in testa 😅, ma rimuovere le pietre che opprimono le categorie di persone che non rientrano nella norma è una questione urgente se vogliamo vivere in un mondo più equo e giusto. È chiaro che ci sono gruppi che schiacciano gli altri:

  • Le persone etero cisgender sulle persone LGBTQIA+
  • Gli uomini sulle donne
  • I normodotati sulle persone con disabilità
  • I giovani sulle persone anziane
  • I bianchi sulle persone razzializzate
  • I ricchi e poveri
  • ecc.

Un mondo di privilegi

Il problema è che più privilegi abbiamo, meno voglia abbiamo di decostruire noi stessi e rendere il mondo un posto più giusto 😥. Senza parlare di ricchezza, i privilegi corrispondono a ciò che viene maggiormente convalidato dalla norma.

📌

Ad esempio, un maschio bianco eterosessuale non avrà alcun desiderio di mettersi in discussione la sua visione delle cose, poiché gode di maggiori privilegi. Avrà maggiori possibilità di avere successo nella vita rispetto a una donna grassa, disabile e razzializzata.

Quando si hanno molti privilegi, è un po' come se la vita fosse "facile". Certo, chiunque può incontrare delle difficoltà, ma ce ne sono ancora di più quando si proviene da una minoranza. Decostruire se stessi è un modo per definire i propri valori importanti e indignarsi per ciò che non è giusto.

Come fare per ricostruirsi?

Per quanto sia facile capire il "perché" (a meno che tu non abbia qualche privilegio di troppo 😬 ...), il "come" è molto difficile da mettere in atto. Prima di tutto, devi avere la volontà di farlo, di prendere posizione contro ciò che trovi problematico e per questo, il più delle volte, devi essere a contatto con le minoranze.

💬

Ad esempio, per anni ho subito la grassofobia. Grazie alla mia esperienza di persona grassa, ho fatto conoscere a chi mi sta intorno questa violenza, che ha cambiato la loro visione delle cose. I miei amici e la mia famiglia hanno smesso di fare commenti sul mio peso e su quello di altre donne (perché sì, è sempre il peso delle donne a essere commentato, mai quello degli uomini).

Questo è un esempio specifico, ma se fai un passo indietro, ti rendi conto che la pressione esercitata sulle donne riguardo al loro aspetto fisico è legata allo sguardo maschile e alla mascolinità tossica. Questa è una delle grandi categorie di problemi che devono essere affrontati. Infatti, ecco le principali domande da porsi per decostruire se stessi. Non è un elenco esaustivo, ma è comunque un buon inizio:

👉 Ripensare il colore della pelle

Il razzismo è una delle maggiori forme di violenza subite dalle minoranze. Per capirlo, devi entrare in contatto con le persone che lo vivono e ascoltare le loro storie.

Esistono diversi podcast sul razzismo, ma "sulla razza" è un modo particolarmente interessante di scomporre le questioni che riguardano le "razze" (il podcast spiega il motivo per cui si usa questa parola, dato che esiste solo la "razza umana" e non ci sono sottocategorie).  

👉 Ripensare il genere e la sessualità

A Wengood ci battiamo per la decostruzione del genere e della sessualità, sfidando l'eteronormatività e la binarietà. Tutti dovrebbero poter amare e fare l'amore con chi vogliono. Questo è ancora più vero quando si tratta della loro identità e del genere con cui sono nati. Anche in questo caso, dobbiamo interessarci a ciò che le persone LGBTQUIA+ hanno da dire per poterle capire e aiutare. Ti consiglio di ascoltare i podcast Queer to Queer o Le radici dell'orgoglio.

👉 Ripensare la mascolinità

Ingiunzioni di bellezza, sottomissione, pressioni per diventare madre... Non si può negare che quando sei una donna sei soggetta a molte pressioni e ingiunzioni. Certo, le cose sono cambiate dai tempi delle nostre nonne, ma la strada da percorrere è ancora lunga prima di liberarsi completamente della mascolinità tossica. Per progredire e comprendere l'oppressione subita dalle donne, possiamo leggere Simone de Beauvoir o, più recentemente, Mona Chollet.

Gli uomini che vogliono decostruire la propria mascolinità (per crearne una più sana per tutti) possono anche ascoltare il podcast "L'ora della mamma"

👉 Ripensare la classe sociale

All'età della pensione, il 25% delle persone più povere è già morto (sondaggio Libération). Ecco, il quadro è definito e questa frase dice molto di più di una lezione di storia sugli scritti di Marx. Egli è stato senza dubbio il primo a decostruire la classe borghese e il suo dominio sui più poveri.

Questa è senza dubbio la forma di oppressione più conosciuta, dato che la maggior parte di noi appartiene alla classe media o addirittura ai poveri. Se consideri che solo 2.153 persone sono miliardarie e condividono più ricchezza di 4,6 miliardi di persone al mondo (rapporto Oxfam)... 

👉 Déconstruire le validisme

Basta osservare l'infrastruttura della metropolitana di Roma per le persone a mobilità ridotta per capire la portata del problema 😅. Pochissime stazioni sono adattate alle sedie a rotelle, la maggior parte degli ascensori è guasta, insomma, è una vera e propria carneficina.

Ovviamente questa è solo una minima parte del problema che le persone con disabilità devono affrontare, ma è chiaro che le autorità pubbliche non sembrano ascoltarle...

Una riflessione necessaria

Ho solo accennato ai temi principali della decostruzione, ma alla fine è un intero pacchetto che deve essere messo in discussione.

Tutte le nostre convinzioni, le nostre paure e i nostri pregiudizi, che abbiamo accumulato per anni, devono essere messi da parte per aprire la nostra mente. E poi, al di là della messa in discussione delle minoranze, la decostruzione di noi stessi è un compito personale profondo, poiché mettiamo in discussione i nostri valori e la persona che siamo. Cosa è importante per noi? Cosa è intollerabile ai nostri occhi? Quali sofferenze vogliamo vedere scomparire? Mettersi in discussione in questo modo, fare questa introspezione, è anche un modo per aprire gli occhi sulle nostre esperienze e capire che, a volte, i nostri traumi fanno parte di un'oppressione sistemica.

Decostruire noi stessi è un nuovo inizio, una versione migliorata di noi stessi, sia per noi che per gli altri. È un modo per riprendere il controllo dei nostri pensieri, vedere realtà diverse dalla nostra e conoscere meglio noi stessi.

L'opinione della redazione: un processo difficile da cui si può crescere

La ricostruzione di se stessi è un processo essenziale per migliorarsi e progredire nel percorso di crescita personale. È un processo che può essere doloroso e scomodo, ma anche incredibilmente liberatorio e arricchente. È un viaggio affascinante che richiede molto coraggio e impegno, ma che ti porterà un senso di benessere e di allineamento con te stesso molto apprezzabile. Non esitare a contattare uno psicologo per essere accompagnato in questa esplorazione delle tue convinzioni, delle tue esperienze passate e della tua educazione.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo

Potrebbe interessarti: 

Articolo suggerito da Paola Ferraro

La scrittura è sempre stata la mia terapia, da quando ho memoria ho sempre usato la carta come sacco da boxe. Impara a conoscermi, sono Paola Ferraro.

Gli articoli appena pubblicati

Logorrea: come puoi fermare la diarrea verbale?

Chi non si è mai detto, dopo aver conosciuto una persona nuova, "ops, ho parlato un po' troppo"? A me è capitato spesso, perché tendo a stressarmi un po' troppo. So che il mio flusso di parole è dovuto alla mia ansia sociale. Tuttavia, può capitare di imbattersi in persone che parlano in modo davvero eccessivo, o addirittura del tutto incoerente. Si chiama logorrea e la causa principale non è lo stress. Quindi qual è la causa? Come puoi fermare questo flusso verbale e parlare con una persona logorroica? Ecco come fare.

Dermatillomania, ovvero come torturare la pelle...

Chi non si è mai schiacciatoun brufolo sul viso, sapendo benissimo che poi sarebbe peggiorato? Personalmente, non sono mai riuscito a resistere a quella protuberanza rossa e dolorosa sul mio viso. Tuttavia, non sono mai arrivata al punto di soffrire di dermatillomania. Dermatillomania è una parola apparentemente barbara che si riferisce al grattarsi la pelle fino a provocare cicatrici. Ma cosa si nasconde dietro questo comportamento? Come si fa a smettere di cercare di eliminare tutto il sebo dalla pelle? Ne parliamo.

La triade oscura: narcisista, machiavellico o psicopatico?

Mi è successo tante volte di rimanere stupita o senza parole ma in questo caso sono davvero in stato di shock. Facendo il test della triade oscura ho scoperto di avere una personalità per il 13% più oscura della media, con una netta tendenza al narcisismo. E se scoprissi anche tu di avere una personalità tossica? 😭 Quale test riesce a scoprire il tuo lato oscuro?

Tra bellezza e sofferenza: chi è la donna bambina?

Ma chi è veramente una donna bambina? Certo, la donna bambina è in realtà un'adulta ma non è "cresciuta". Quindi si mantiene la sua personalità-camaleonte: innocente e sexy, affettuosa e diffidente, oggetto di fantasia o di irritazione: chi è veramente?

Come riconoscere una persona psicorigida?

“Devi farlo tu”, “No, tu non metterci mano”, “non si può fare diversamente”. Non ne posso più di tutti questi ordini! Addio libertà, solo ansia continua… No, non è una malattia essere rigidi, ma diciamo che rovina l’atmosfera. Ormai ho imparato a riconoscere le persone psicorigide per adattarmi. Ebbene sì, esiste un buon modo per reagire di fronte a queste persone che vogliono dirci anche quando respirare.

Il test del cubo la dice lunga sulla nostra personalità... o forse no!

“Immagina di camminare nel deserto e di vedere un cubo...”, un amico mi ha fatto un test della personalità lo scorso Capodanno. Era il test del cubo! Esiste da diversi anni ma non lo conoscevo ancora! Alcuni dicono che abbia origini giapponesi ma non ne sono certa. In ogni caso, farlo è stato super divertente!

Chi sono le persone INFP: cosa significa? qual è la tua personalità?

Il questionario MBTI (myers-briggs type indicator) è un questionario di personalità oltre che uno strumento per lo sviluppo personale. Permettere di conoscere il proprio MBTI (quale personalità hai), di saperne un po’ di più su se stessi e di capire come percepiamo e interagiamo con il mondo. Il tuo test MBTI dice che sei una personalità INFP? Che significa?

Odio gli animali: sono una persona orribile?

"Che carino quel cane, che tenero quel gatto…" Si, troppo carini, in foto però, non di certo sulle mie ginocchia! Ho molta più voglia di evitare gli animali piuttosto che di accarezzarli. Alcuni mi dicono che sono tremenda, ma non si rendono conto di tutti quelli che sono gli inconvenienti dell’avere un animale in casa, o la paura che personalmente provo all’idea. Non mi piacciono gli animali, mi fanno anche un po’ paura, ma da cosa potrebbe derivare questa fobia? Vediamolo insieme!

Sindrome della “brava ragazza”: come liberarsene?

Mi è sempre stato detto che sono una ragazza seria e responsabile. Quando ero piccola ne andavo fiera e questo mi spronava a dare sempre il meglio. Tuttavia, è da qualche anno che mi sento stanca di dover sempre dare il meglio di me e di dover sempre essere accomodante. Non ho mai permesso a me stessa di essere imperfetta, perché non volevo deludere gli altri. Con il tempo ho capito che non si trattava di un aspetto del mio carattere, ma della sindrome della brava ragazza. Le donne ne sono spesso vittime e questo ci impedisce di realizzarci e affermarci. Che cos’è la sindrome della brava ragazza e come liberarsene? Vediamolo insieme.

Positivià tossica: mi impongo di stare bene... e non va bene!

L’ottimismo è una bella cosa. “Andrà tutto bene”, “sii forte”, “tutto tornerà alla normalità”. Te lo sei detto e ridetto e te lo hanno ripetuto anche gli altri, ma se da un lato questa attitudine positiva è una cosa buona, dall’altro alle volte può diventare tossica. Quando ci impediamo ad ogni costo di stare male, la mente rischia di soffrirne profondamente.

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!