Perché e come ricostruirsi? Un processo essenziale

Aggiornato il da Paola Ferraro

Da qualche anno a questa parte, grido dal tetto che sto facendo un lavoro di decostruzione. Le cose che ho imparato attraverso la mia educazione e la società mi hanno fatto venire voglia di mettere in discussione tutto, perché ci sono cose che trovo intollerabili. Credo che questo sia importante se vuoi essere una persona migliore, sia per gli altri che per te stesso. Vediamo più da vicino perché e come decostruire se stessi.

Perché e come ricostruirsi? Un processo essenziale

Perché ricostruirsi?

Pensiamo a una casa che viene costruita pietra per pietra 🏠. È un po' come se, crescendo e invecchiando, costruissimo la nostra casa con delle pietre. Solo che queste pietre sono modelli sociali e personali che integriamo. Cosa c'è di sbagliato in questo? I modelli sociali, soprattutto quelli che impongono delle norme, causano molta sofferenza. Pochissime persone riescono a rientrare negli schemi imposti dalla società, quindi è necessario rimuovere le pietre, mettere in discussione questi schemi sociali.

In effetti, decostruire se stessi significa essere svegli. Quindi sì, lo so, a qualcuno si rizzeranno i capelli in testa 😅, ma rimuovere le pietre che opprimono le categorie di persone che non rientrano nella norma è una questione urgente se vogliamo vivere in un mondo più equo e giusto. È chiaro che ci sono gruppi che schiacciano gli altri:

  • Le persone etero cisgender sulle persone LGBTQIA+
  • Gli uomini sulle donne
  • I normodotati sulle persone con disabilità
  • I giovani sulle persone anziane
  • I bianchi sulle persone razzializzate
  • I ricchi e poveri
  • ecc.

Un mondo di privilegi

Il problema è che più privilegi abbiamo, meno voglia abbiamo di decostruire noi stessi e rendere il mondo un posto più giusto 😥. Senza parlare di ricchezza, i privilegi corrispondono a ciò che viene maggiormente convalidato dalla norma.

📌

Ad esempio, un maschio bianco eterosessuale non avrà alcun desiderio di mettersi in discussione la sua visione delle cose, poiché gode di maggiori privilegi. Avrà maggiori possibilità di avere successo nella vita rispetto a una donna grassa, disabile e razzializzata.

Quando si hanno molti privilegi, è un po' come se la vita fosse "facile". Certo, chiunque può incontrare delle difficoltà, ma ce ne sono ancora di più quando si proviene da una minoranza. Decostruire se stessi è un modo per definire i propri valori importanti e indignarsi per ciò che non è giusto.

Come fare per ricostruirsi?

Per quanto sia facile capire il "perché" (a meno che tu non abbia qualche privilegio di troppo 😬 ...), il "come" è molto difficile da mettere in atto. Prima di tutto, devi avere la volontà di farlo, di prendere posizione contro ciò che trovi problematico e per questo, il più delle volte, devi essere a contatto con le minoranze.

💬

Ad esempio, per anni ho subito la grassofobia. Grazie alla mia esperienza di persona grassa, ho fatto conoscere a chi mi sta intorno questa violenza, che ha cambiato la loro visione delle cose. I miei amici e la mia famiglia hanno smesso di fare commenti sul mio peso e su quello di altre donne (perché sì, è sempre il peso delle donne a essere commentato, mai quello degli uomini).

Questo è un esempio specifico, ma se fai un passo indietro, ti rendi conto che la pressione esercitata sulle donne riguardo al loro aspetto fisico è legata allo sguardo maschile e alla mascolinità tossica. Questa è una delle grandi categorie di problemi che devono essere affrontati. Infatti, ecco le principali domande da porsi per decostruire se stessi. Non è un elenco esaustivo, ma è comunque un buon inizio:

👉 Ripensare il colore della pelle

Il razzismo è una delle maggiori forme di violenza subite dalle minoranze. Per capirlo, devi entrare in contatto con le persone che lo vivono e ascoltare le loro storie.

Esistono diversi podcast sul razzismo, ma "sulla razza" è un modo particolarmente interessante di scomporre le questioni che riguardano le "razze" (il podcast spiega il motivo per cui si usa questa parola, dato che esiste solo la "razza umana" e non ci sono sottocategorie).  

👉 Ripensare il genere e la sessualità

A Wengood ci battiamo per la decostruzione del genere e della sessualità, sfidando l'eteronormatività e la binarietà. Tutti dovrebbero poter amare e fare l'amore con chi vogliono. Questo è ancora più vero quando si tratta della loro identità e del genere con cui sono nati. Anche in questo caso, dobbiamo interessarci a ciò che le persone LGBTQUIA+ hanno da dire per poterle capire e aiutare. Ti consiglio di ascoltare i podcast Queer to Queer o Le radici dell'orgoglio.

👉 Ripensare la mascolinità

Ingiunzioni di bellezza, sottomissione, pressioni per diventare madre... Non si può negare che quando sei una donna sei soggetta a molte pressioni e ingiunzioni. Certo, le cose sono cambiate dai tempi delle nostre nonne, ma la strada da percorrere è ancora lunga prima di liberarsi completamente della mascolinità tossica. Per progredire e comprendere l'oppressione subita dalle donne, possiamo leggere Simone de Beauvoir o, più recentemente, Mona Chollet.

Gli uomini che vogliono decostruire la propria mascolinità (per crearne una più sana per tutti) possono anche ascoltare il podcast "L'ora della mamma"

👉 Ripensare la classe sociale

All'età della pensione, il 25% delle persone più povere è già morto (sondaggio Libération). Ecco, il quadro è definito e questa frase dice molto di più di una lezione di storia sugli scritti di Marx. Egli è stato senza dubbio il primo a decostruire la classe borghese e il suo dominio sui più poveri.

Questa è senza dubbio la forma di oppressione più conosciuta, dato che la maggior parte di noi appartiene alla classe media o addirittura ai poveri. Se consideri che solo 2.153 persone sono miliardarie e condividono più ricchezza di 4,6 miliardi di persone al mondo (rapporto Oxfam)... 

👉 Déconstruire le validisme

Basta osservare l'infrastruttura della metropolitana di Roma per le persone a mobilità ridotta per capire la portata del problema 😅. Pochissime stazioni sono adattate alle sedie a rotelle, la maggior parte degli ascensori è guasta, insomma, è una vera e propria carneficina.

Ovviamente questa è solo una minima parte del problema che le persone con disabilità devono affrontare, ma è chiaro che le autorità pubbliche non sembrano ascoltarle...

Una riflessione necessaria

Ho solo accennato ai temi principali della decostruzione, ma alla fine è un intero pacchetto che deve essere messo in discussione.

Tutte le nostre convinzioni, le nostre paure e i nostri pregiudizi, che abbiamo accumulato per anni, devono essere messi da parte per aprire la nostra mente. E poi, al di là della messa in discussione delle minoranze, la decostruzione di noi stessi è un compito personale profondo, poiché mettiamo in discussione i nostri valori e la persona che siamo. Cosa è importante per noi? Cosa è intollerabile ai nostri occhi? Quali sofferenze vogliamo vedere scomparire? Mettersi in discussione in questo modo, fare questa introspezione, è anche un modo per aprire gli occhi sulle nostre esperienze e capire che, a volte, i nostri traumi fanno parte di un'oppressione sistemica.

Decostruire noi stessi è un nuovo inizio, una versione migliorata di noi stessi, sia per noi che per gli altri. È un modo per riprendere il controllo dei nostri pensieri, vedere realtà diverse dalla nostra e conoscere meglio noi stessi.

L'opinione della redazione: un processo difficile da cui si può crescere

La ricostruzione di se stessi è un processo essenziale per migliorarsi e progredire nel percorso di crescita personale. È un processo che può essere doloroso e scomodo, ma anche incredibilmente liberatorio e arricchente. È un viaggio affascinante che richiede molto coraggio e impegno, ma che ti porterà un senso di benessere e di allineamento con te stesso molto apprezzabile. Non esitare a contattare uno psicologo per essere accompagnato in questa esplorazione delle tue convinzioni, delle tue esperienze passate e della tua educazione.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo

Potrebbe interessarti: 

Articolo suggerito da Paola Ferraro

La scrittura è sempre stata la mia terapia, da quando ho memoria ho sempre usato la carta come sacco da boxe. Impara a conoscermi, sono Paola Ferraro.

Gli articoli appena pubblicati

I 7 migliori gadget antistress per lottare contro l’ansia

Che sia per un esame o per capire cosa fare della propria vita, lo stress mi conosce bene! Inoltre… Bisogna dire che sono una persona abbastanza stressata in generale e con il tempo ho trovato dei trucchetti per restare più tranquilla. Grazie a questo, sono riuscita a trovare dei modi che io utilizzo più o meno tutti i giorni per calmarmi. Lo stress ha un impatto molto importate sul corpo e sulla mente, non bisogna lasciargli spazio. Allora ecco 7 strumenti antistress che ci fanno bene!

Non ho ambizioni, è davvero così grave?

Fin dai tempi del liceo, avere degli ottimi voti in pagella non mi interessava un granché. Il proseguimento della mia vita professionale non è stato molto diverso. In un mondo all’insegna dell’iperproduttività, del continuo superamento dei propri limiti, di costanti sfide personali, io mi accontento di vivere la mia vita tranquillamente.

Dichiarazioni d'amore: apri il tuo cuore e tocca il suo

Avevo pensato a tutto: salire sul tetto della mia auto, chiedergli di andare sul balcone e cantare che l'amavo. Un po' esagerato. Mettere un messaggio d'amore in una torta. Troppo tecnico, troppo rischioso. O più "semplicemente" rifare la scena di Love Actually. Visto e rivisto. Alla fine, per dichiarargli il mio amore, ho scritto una lettera che ho fatto scivolare sul suo tavolo mentre me ne andavo. Le dichiarazioni d'amore sono sempre un grattacapo spaventoso. Abbiamo paura, vogliamo fare troppo, temiamo di non fare abbastanza. Sono sicura che tu abbia bisogno di una mano per iniziare.

I genitori dovrebbero essere incoraggiati a rivolgersi a uno psicologo? Ottima domanda...

Un argomento importante, vero? Mi sono posto questa domanda l'altro giorno, dopo aver cercato di parlare con mio padre della sofferenza che ho vissuto da bambino. Mi ha risposto “sì, ma per me è stato peggio con i miei genitori”. Alla faccia del dialogo, eh? Vorrei che si rendesse conto che è importante per lui riparare le proprie ferite, come sto cercando di fare io... Quindi, dovresti incoraggiare i tuoi genitori ad andare da uno psicologo oppure no? Ecco alcune risposte.

Il triangolo di Karpman, un pericoloso gioco psicologico

Oggi ti parlerò del triangolo drammatico di Karpman e dei 3 ruoli principali possibili: carnefice, salvatore e vittima. Io sono sempre stato la vittima in questo triangolo drammatico. Cosa significa? Come fai a sapere se ci sei dentro? Come si fa a uscirne? Ti racconto tutto.

8 cose di cui mi infischio vivendo alla grande!

A volte mi capita di essere pigro/a e invece di mettermi le scarpe da ginnastica per andare a correre, rimango a casa al calduccio. Chi se ne frega se non ho un corpo perfetto? Lasciare la presa, non dare troppa importanza ai giudizi altrui e soprattutto essere se stessi, non c'è modo migliore per essere felici. Devo ammettere che, da quando non do più importanza al giudizio altrui, sto molto meglio. Ecco otto cose di cui ormai mi infischio altamente ma che hanno cambiato in meglio la mia vita. Provare per credere!

"Quando avevo bisogno di te, tu non c'eri...": come superarlo.

Quando avevo bisogno di te, tu non c'eri... Mi ripetevo questa frase quando ero più giovane e che dolore è vedere che stai vivendo qualcosa da solo. La solitudine in un momento difficile della nostra vita, quando abbiamo bisogno di sostegno, può farci sentire tristi o addirittura peggio. Rabbia, incomprensione, risentimento, senso di abbandono... Sono tutti sentimenti che possono nascere da questa assenza. Perché ci sentiamo così? Come possiamo superare lo sconforto di vedere una persona che amiamo non essere presente quando ne abbiamo bisogno? Spiegazioni.

12 regole per ricominciare da zero una nuova vita

Hai finalmente deciso! Vuoi dare una svolta alla tua vita, ricominciare tutto da capo, mettere una pietra sopra il passato e guardare al futuro. Il desiderio di voler cominciare da zero è spesso motivato da una situazione in cui non ci sentiamo a nostro agio. Ecco come farlo in 12 semplici passi.

Mi sento esclusa: qual è il motivo di questa sensazione

“Da quando ero piccola, mi sento esclusa e ho grandi difficoltà a integrarmi. Purtroppo anche da adulta la situazione non è cambiata. Ho l’impressione che c’è qualcosa in me che genera antipatia e allontana gli altri. Eppure mi descriverei come una persona rispettosa, curiosa e ho davvero voglia di fare nuovi incontri e sopratutto di stringere amicizie solide.” Se ti sei riconosciuta in queste parole significa che anche tu ti chiedi perché provi questo sentimento di esclusione. Vediamo insieme da dove arriva per risolvere il problema.

Smart working: i miei amici, i miei colleghi, la bella vita!

Ci sono i legami d’amicizia che stringiamo con i nostri colleghi a lavoro, e poi ci sono i nostri amici. Quelli della vita, fuori dall’ambito lavorativo. Salvo che, con la crisi sanitaria, tutto ciò che è al di fuori della famiglia o del lavoro non esiste più. E se, per far fronte alla solitudine, provassimo lo smart working tra amici? È possibile?

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!