Come prepararsi ad un possibile nuovo lock-down?

Aggiornato il da Giada Paoli

È inutile mentirsi, questi ultimi giorni, abbiamo tutti l’impressione che un nuovo lock-down ci stia con il fiato sul collo. Terrorizzati? Forse un po’, ma adesso, abbiamo dell’esperienza in materia di lock-down. La scorsa primavera è stata ricca di insegnamenti. In caso di nuovo lock-down, faremo meglio promesso!

Come prepararsi ad un possibile nuovo lock-down?
Sommario

È impossibile sapere se conosceremo un nuovo periodo di quarantena obbligatoria e, mentre tutti si pongono l’interrogativo, noi abbiamo deciso di fare il punto su cosa ha funzionato e cosa è andato storto, affinché un nuovo lock-down venga vissuto meglio del precedente.

Come anticipare un possibile nuovo lock-down?

L’ultima volta siamo stati un po’ presi alla sprovvista, ma se annunciassero un secondo lock-down, questa volta potremmo fare meglio, e vivere meglio il momento. Fare tutto il contrario di ciò che abbiamo fatto la prima volta ci porterà forse ad avere più serenità, ma il vero benessere, in un periodo di quarantena obbligatoria risiede in alcuni princìpi semplici: ascoltarsi, prendere del tempo per sé stessi, gestire le proprie priorità.

1) Rispettare i propri bisogni di solitudine

Vivere 24 ore su 24 assieme, l’abbiamo visto, può essere pesante. La prossima volta bisognerà stabilire le regole dall’inizio: ogni giorno dovrà prevedere dei momenti di solitudine. Dei momenti in cui, se riusciamo, rimaniamo soli oppure dei momenti in cui tutte le interazioni sono proibite. La coesione di coppia, la coesione famigliare sono importanti, ma nessuno è fatto per viverle 24 ore su 24. Ascoltare e rispettare dei periodi di solitudine è un buon metodo per trovare un equilibrio.

La redazione ti consiglia: 5 consigli per essere produttivi tutto il giorno

2) Allargare la cerchia di persone che frequentiamo

Per qualcuno, è proprio la troppa solitudine che è stata difficile da vivere. Solitudine da soli e perfino in gruppo. Alcune famiglie hanno vissuto male il fatto di dovere vivere in famiglia giorno e notte. Frequentare più persone, ma sempre in numero limitato, ad esempio un amico, un’altra coppia o famiglia, equivale a concedersi po’ di sollievo in più. Spesso condividere gli stessi problemi ci aiuta a vivere con più serenità le difficoltà quotidiane.

È ovvio che non si debba vivere gli uni a casa degli altri, ma ci si può spostare da un appartamento all’altro per cambiare aria e vedere altre cose limitando, in ogni caso, le persone che frequentiamo. Resteremo con le stesse persone dall’inizio alla fine del lock-down.

3) Vivere la quarantena con maggiore serenità

Durante il (primo) lock-down, abbiamo di nuovo tentato di leggere la Ricerca del tempo perduto o di guardare tutti i film di Godard, ma è finita sempre allo stesso modo: siamo andati 3 volte a fare il pieno di cereali, abbiamo fatto 4 pause pipi e abbiamo finito per addormentarci, sdraiati sul telecomando o il segnalibro. Risultato, ci siamo sentiti stupidi, poco acculturati e più pigri di tutti quelli che postavano ogni domenica le loro letture della settimana. Questa volta, pensiamo a rilassarci! Che la prima volta abbiamo avuto l’impressione di aver perso il nostro tempo su Netflix e che quindi bisogna darsi ai film culto o che ci si rinchiuda con lo scopo di concedersi un po’ d’intimità, soli in calzettoni davanti a un episodio di Friends, l’obiettivo adesso è di ascoltare i nostri più intimi desideri e di non essere costretti a fare come tutti gli altri, visto che esiste la vita reale e il mito di Instagram!

4) Alleggerire il carico di responsabilità

Si parla spesso di donne e di madri che fanno un doppio turno: a lavoro e a casa. Durante il lock-down, gli impegni si sono moltiplicati: impiegata in ufficio, insegnante, inserviente, infermiera, responsabile dei giochi e bisognava per di più lasciare un po’ di spazio al ruolo di moglie e di amante. Nessuno, e lo ripeto nessuno, è capace di tenere questo ritmo di lavoro. Siamo tutti esseri umani e se ci sarà un nuovo lock-down, qualcuno dovrà prenderne atto: il datore di lavoro, il marito, la scuola e chi è più in alto ancora.

5) Conservare solo cose utili (e piacevoli)

No, non serve fiondarsi fin da ora al supermercato per comprare pasta e carta igienica, ma nell’eventualità di un nuovo lock-down, si potrebbe pensare di comprare nuovi libri, di controllare la propria lista Netflix, di mettere da parte un po’ di farina, di pasta, di acquistare un cuscino più morbido, una tenuta sportiva…In altre parole, tutto ciò che ci dia un’impressione di controllo e di confort, che ci persuada che siamo padroni della nostra vita, gestita interamente da noi, e che questa volta, staremo bene!


Il consiglio della redazione – Mi prendo cura della mia mente

Anticipare un possibile nuovo lock-down ha anche una parte angosciante che non bisogna ignorare. Il primo lock-down ci ha un po’ aggrediti, ma questa volta, siamo pronti e se soffriamo, se abbiamo paura, se siamo ansiosi, se ci deprimiamo, ci si può rivolgere ad uno psicologo che può accompagnarci durante tutto questo periodo delicato ricco di incertezze.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe



Altri articoli che potrebbero interessarti:

Articolo suggerito da Giada Paoli

Il mio sogno è vivere sognando ad occhi aperti, amando infinitamente e sentirmi libera di essere ciò che desidero.

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!