Come prepararsi ad un possibile nuovo lock-down?

Aggiornato il da Giada Paoli

È inutile mentirsi, questi ultimi giorni, abbiamo tutti l’impressione che un nuovo lock-down ci stia con il fiato sul collo. Terrorizzati? Forse un po’, ma adesso, abbiamo dell’esperienza in materia di lock-down. La scorsa primavera è stata ricca di insegnamenti. In caso di nuovo lock-down, faremo meglio promesso!

Come prepararsi ad un possibile nuovo lock-down?

È impossibile sapere se conosceremo un nuovo periodo di quarantena obbligatoria e, mentre tutti si pongono l’interrogativo, noi abbiamo deciso di fare il punto su cosa ha funzionato e cosa è andato storto, affinché un nuovo lock-down venga vissuto meglio del precedente.

Come anticipare un possibile nuovo lock-down?

L’ultima volta siamo stati un po’ presi alla sprovvista, ma se annunciassero un secondo lock-down, questa volta potremmo fare meglio, e vivere meglio il momento. Fare tutto il contrario di ciò che abbiamo fatto la prima volta ci porterà forse ad avere più serenità, ma il vero benessere, in un periodo di quarantena obbligatoria risiede in alcuni princìpi semplici: ascoltarsi, prendere del tempo per sé stessi, gestire le proprie priorità.

1) Rispettare i propri bisogni di solitudine

Vivere 24 ore su 24 assieme, l’abbiamo visto, può essere pesante. La prossima volta bisognerà stabilire le regole dall’inizio: ogni giorno dovrà prevedere dei momenti di solitudine. Dei momenti in cui, se riusciamo, rimaniamo soli oppure dei momenti in cui tutte le interazioni sono proibite. La coesione di coppia, la coesione famigliare sono importanti, ma nessuno è fatto per viverle 24 ore su 24. Ascoltare e rispettare dei periodi di solitudine è un buon metodo per trovare un equilibrio.

La redazione ti consiglia: 5 consigli per essere produttivi tutto il giorno

2) Allargare la cerchia di persone che frequentiamo

Per qualcuno, è proprio la troppa solitudine che è stata difficile da vivere. Solitudine da soli e perfino in gruppo. Alcune famiglie hanno vissuto male il fatto di dovere vivere in famiglia giorno e notte. Frequentare più persone, ma sempre in numero limitato, ad esempio un amico, un’altra coppia o famiglia, equivale a concedersi po’ di sollievo in più. Spesso condividere gli stessi problemi ci aiuta a vivere con più serenità le difficoltà quotidiane.

È ovvio che non si debba vivere gli uni a casa degli altri, ma ci si può spostare da un appartamento all’altro per cambiare aria e vedere altre cose limitando, in ogni caso, le persone che frequentiamo. Resteremo con le stesse persone dall’inizio alla fine del lock-down.

3) Vivere la quarantena con maggiore serenità

Durante il (primo) lock-down, abbiamo di nuovo tentato di leggere la Ricerca del tempo perduto o di guardare tutti i film di Godard, ma è finita sempre allo stesso modo: siamo andati 3 volte a fare il pieno di cereali, abbiamo fatto 4 pause pipi e abbiamo finito per addormentarci, sdraiati sul telecomando o il segnalibro. Risultato, ci siamo sentiti stupidi, poco acculturati e più pigri di tutti quelli che postavano ogni domenica le loro letture della settimana. Questa volta, pensiamo a rilassarci! Che la prima volta abbiamo avuto l’impressione di aver perso il nostro tempo sulla piattaforma di streaming Netflix e che quindi bisogna darsi ai film culto o che ci si rinchiuda con lo scopo di concedersi un po’ d’intimità, soli in calzettoni davanti a un episodio di Friends, l’obiettivo adesso è di ascoltare i nostri più intimi desideri e di non essere costretti a fare come tutti gli altri, visto che esiste la vita reale e il mito di Instagram!

4) Alleggerire il carico di responsabilità

Si parla spesso di donne e di madri che fanno un doppio turno: a lavoro e a casa. Durante il lock-down, gli impegni si sono moltiplicati: impiegata in ufficio, insegnante, inserviente, infermiera, responsabile dei giochi e bisognava per di più lasciare un po’ di spazio al ruolo di moglie e di amante. Nessuno, e lo ripeto nessuno, è capace di tenere questo ritmo di lavoro. Siamo tutti esseri umani e se ci sarà un nuovo lock-down, qualcuno dovrà prenderne atto: il datore di lavoro, il marito, la scuola e chi è più in alto ancora.

5) Conservare solo cose utili (e piacevoli)

No, non serve fiondarsi fin da ora al supermercato per comprare pasta e carta igienica, ma nell’eventualità di un nuovo lock-down, si potrebbe pensare di comprare nuovi libri, di controllare la propria lista Netflix, di mettere da parte un po’ di farina, di pasta, di acquistare un cuscino più morbido, una tenuta sportiva…In altre parole, tutto ciò che ci dia un’impressione di controllo e di confort, che ci persuada che siamo padroni della nostra vita, gestita interamente da noi, e che questa volta, staremo bene!


Il consiglio della redazione: mi prendo cura della mia mente

Anticipare un possibile nuovo lock-down ha anche una parte angosciante che non bisogna ignorare. Il primo lock-down ci ha un po’ aggrediti, ma questa volta, siamo pronti e se soffriamo, se abbiamo paura, se siamo ansiosi, se ci deprimiamo, ci si può rivolgere ad uno psicologo che può accompagnarci durante tutto questo periodo delicato ricco di incertezze.

 
🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo



Altri articoli che potrebbero interessarti:

Articolo suggerito da Giada Paoli

Il mio sogno è vivere sognando ad occhi aperti, amando infinitamente e sentirmi libera di essere ciò che desidero.

Gli articoli appena pubblicati

Mi sento diversa: non tutti i mali vengono per nuocere!

"Beh, ma tu sei un artista!". "Si vede che sei un po' originale!" Questo è proprio il tipo di osservazione che i miei amici mi fanno spesso (molto, troppo spesso). Complimenti? Non proprio. Più che altro è un modo educato di farmi capire che non sono come loro, che sto facendo troppo, o troppo poco, che non seguo il ritmo. La verità? Credo che abbiano ragione!

"Maschiaccio": non dire mai più una cosa del genere alle ragazze!

Da piccola giocavo molto con i Lego e con i videogiochi. Per me sono passioni come tutte le altre e a 33 anni gioco ancora ai videogiochi. Tuttavia, ciò che non è normale è che quando ero più giovane venivo descritta come un "maschiaccio". In realtà, ho sempre odiato questo termine e credo sia ora di smettere di usarlo. È sessista e attribuisce un'etichetta alle ragazze che non rientrano nei cliché del loro genere, quindi non pronunciarlo mai più!

Detesto i complimenti, perché mi mettono così a disagio?

“Hai un talento naturale per la fotografia, sei bravissima!”. Improvvisamente divento rossa come un peperone e non so più come comportarmi. I complimenti mi mettono terribilmente a disagio, ma so che dovrei viverli in tutt’altra maniera. La maggior parte delle persone infatti amano i complimenti! Io non riesco ad accettarli. Perché? Cosa mi mette così a disagio?

Sono una di quelle persone che non mettono il lavoro al centro della propria vita. D'altra parte, ho un'amica che lo fa, al punto che il suo corpo cede regolarmente. È chiaro che il suo lavoro è la sua ragion d'essere e dà il massimo. Forse un po' troppo. Ecco perché ho voluto scrivere questo articolo, per ricordarle di fare attenzione! Forse sarà utile anche a te, soprattutto se senti che la tua carriera sta occupando tutto lo spazio della tua vita.

Basta con la pressione per avere una vita sessuale folle, anche il missionario va bene!

"Haaa cosa non hai mai provato la posizione della carriola moldava?". No Ginetta, non ho mai provato questa posizione sessuale, ma il tuo sguardo stupito mi mette sotto pressione... Onestamente, a chi non è mai capitato durante una discussione tra amiche? A me è successo e anche se la carriola moldava non esiste, avevo il diritto di essere giudicata per altre pratiche sessuali che non pratico. Sembra che tu debba fare di tutto a letto per dimostrare di avere una vita sessuale pazzesca... Basta!

La mia famiglia è tossica: come riconoscerla? come fare?

Non riesco a credere di essere nata sotto una cattiva stella solo a causa della mia famiglia che, ammettiamolo, è lungi dall’essere perfetta. Quando mia madre non mi fa sentire in colpa, ci pensa mio padre a sminuirmi ed a paragonarmi alla sorella che non ho mai avuto. Per essere felice e sfuggire a questa relazione "tossica", ho dovuto prendere delle misure, poi le distanze. Ti racconto come ho imparato a stare alla larga dai miei genitori nocivi.

Il mio manager è tossico? 9 segni per scoprirlo!

Essere un bravo manager non è roba da tutti. Alcuni tirano un po' troppo la corda e vittimizzano i sottoposti senza scrupoli. Controllano le mail, sono incapaci di riconoscere il talento dei colleghi, e possono addirittura arrivare alle minacce, raggiungendo dei comportamenti malsani. Se hai dubbi sul tuo manager, ecco 9 indizi per capire se è tossico!

Mi sento sola: 8 modi per colmare quel grande vuoto in me

Viviamo gli uni accanto agli altri, senza vederci veramente. In coppia, in società, in senso generale, spesso ci si sente soli. E ancora di più in periodo Covid. Trasparenti, incompresi…questa solitudine è pesante e ci fa isolare ogni giorno un po' di più. Prima di finirla da sole con 10 gatti (anche se questi ultimi sanno essere di grande conforto!), ecco 8 trucchetti per colmare definitivamente questa sensazione di vuoto e non sentirci mai più messe da parte.

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!