Quali conseguenze ha il Covid sui bambini?

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Tutto è iniziato con un post Instagram. Una lettera aperta di una farmacista che spiega di essere diventata “colei che fa piangere i bambini per fare il tampone costi quel che costi”. Poi continua “i bambini piangono, si dimenano, lanciano acuti, vengono tenuti fermi con la forza dai loro genitori altrettanto sfiniti”. Una situazione allarmante che solleva diverse domande. Delphine Py, Psicologa Psicoterapeuta, ci svela tutti i retroscena.

Quali conseguenze ha il Covid sui bambini?

Deplhine Py, il periodo è già abbastanza stressante per tutti, come preservare al massimo i bambini?

I genitori devono riuscire a gestire la propria iperemotività e le proprie emozioni per evitare che pesino sui loro figli. Per riuscirci, prova a:

  • Sdrammatizzare l’evento e adattare il linguaggio in funzione dell’età del bambino;
  • Rispondere a tutte le sue domande senza anticiparle. Rispondi alle domande di tuo figlio senza cercare di rassicurarlo di qualcosa di cui non aveva paura.

Ha dei consigli per prepararli a fare un tampone senza agitarsi?

Sarà assolutamente fondamentale:

  • Mostrare a gesti cosa succederà su una bambola o un pupazzo. Permetterà loro di sdrammatizzare ed essere rassicurato.
  • Per quanto possibile, aspettare di avere il consenso del bambino prima di effettuare il tampone. È bene mantenere un clima di calma e serenità.
  • Fare attenzione al tipo di comunicazione. Spesso usiamo una comunicazione negativa. Cerca di metterti nei suoi panni. Se dici “Non fa male […], Non è doloroso […], Non durerà tanto.”, il bambino non percepirà le negazioni ma sentirà “fa male”, “doloroso” e “durerà tanto”. Cerca di riformulare in maniera positiva. Per esempio: “Tranquillo […], Durerà poco […], Resta fermo, ti farà giusto un po’ di solletico.” In questo modo il bambino si sentirà al sicuro.

Oppure prova a:

  • Distrarre il bambino: si chiama ipnosi conversazionale. Per esempio, chiedi al bambino di concentrarsi sulla respirazione, o di contare quanto tempo ci mette a ispirare ed espirare;
  • Dargli un compito cognitivo:pensa a 5 nomi di animali che cominciano con la lettera M?”. Racconta una barzelletta, dì qualcosa che susciterà sorpresa o che non vuol dire niente. Il bambino sarà quindi distratto e non avrà tempo di riflettere a quello che sta realmente succedendo, restando così sconnesso dalle sue sensazioni.

Come reagire quando il proprio figlio è positivo per non aggiungere ulteriore stress?

L’ideale sarebbe:

  • Comportarsi come se fosse una normale influenza;
  • Evitare reazioni esagerate;
  • Rassicurare il proprio figlio;
  • Rispondere alle sue domande;
  • Coccolarlo il più possibile.

È passato un po’ di tempo da marzo 2020, quali sono i primi effetti di questa pandemia constatati sui bambini?

Prima di tutto, c’è stato un inquietante aumento esponenziale di ansia, depressione e tentativi di suicidio tra i più giovani. Poi si sono leggermente calmate le acque e ora stiamo assistendo a una nuova ondata di stress e ansia tra i più piccoli.

👉 Bisogna fare molto attenzione e tenere sotto controllo i disturbi dell’ansia.

Dovremmo preoccuparci delle conseguenze psicologiche a medio e lungo termine per i più piccoli?

Ci sono ancora pochi studi sull’argomento ma se prendiamo in considerazione quelli effettuati sugli adulti si nota che effettivamente dopo una crisi sanitaria meno importante di questa, ci sono ripercussioni per 2 o 3 anni sulla salute mentale. Possiamo quindi supporre che ci saranno effetti sui bambini.

Non dimentichiamo che i bambini sono estremamente resilienti, sarà quindi possibile accompagnarli per recuperare subito il benessere.

In qualità di professionista, ci sono delle domande che le fanno in maniera ricorrente?

Spesso i genitori si preoccupano degli effetti dell’uso della mascherina sui bambini. Per esempio, negli asili le maestre indossano la mascherina, e i genitori hanno paura che in qualche modo il momento in cui i bambini cominciano a parlare o che abbia un impatto sulla loro capacità nel riconoscere le emozioni.

È vero che può effettivamente disturbare alcune informazioni ma ci sono tantissime micro espressioni che avvengono a livello degli occhi e dello sguardo.

Per esempio, ci sono degli studi che mostrano che i bambini ciechi non hanno problemi di comunicazione. Quindi abbiamo in realtà già una risposta a questa preoccupazione. Inoltre, il bambino non ha a che fare solo con persone con la mascherina nel corso della giornata. Le interazioni a casa sono molto importanti, quindi se c’è un pochino di ritardo basta solo pazientare.

Delphine Py – PSYNERGY – Psicologa Psicoterapeuta TCC
Delphine Py – PSYNERGY – Psicologa Psicoterapeuta TCC

Delphine Py è specializzata in terapie cognitive e comportamentali. Psicologa da 10 anni, ha aperto il suo studio Psynergy e desidera rendere accessibile la psicoterapia a tutti. Nel 2020 ha cofondato la prima applicazione mobile di psicoterapia, Psynergy, che funziona tramite una chat video. Con estremo rispetto e professionalità propone ai suoi pazienti un approccio concreto e progressivo.



Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!