Il cervello rettiliano è responsabile dei nostri comportamenti primari, mito o realtà?

Aggiornato il da La Redazione Wengood

“Avrei voglia di qualcosa di dolce, di zucchero… il cervello rettiliano mi sta mandando un messaggio”. Chi non sarebbe rimasto a bocca aperta sentendo questa frase? Avevo già sentito parlare del cervello rettiliano, ma non ho mai approfondito. Il suo ruolo sarebbe quello di dettare comportamenti vitali: nutrirsi, bere, riprodursi… ma lo abbiamo davvero questo cervello rettiliano? Recenti ricerche in neuroscienza rimettono tutto in discussione.

 
 Sommario

La teoria del cervello tripartito

Il cervello rettiliano si fa spazio negli anni 60 grazie al Dottor Paul D. Maclean. La teoria del cervello tripartito spiega che il cervello è organizzato in 3 ampie zone 🧠:

  • Il sistema limbico: che include l’ippocampo, l’amigdala e l’ipotalamo,
  • La neocorteccia: che include due emisferi cerebrali,
  • Il cervello rettiliano: che è presente da 500 milioni di anni tra le specie animali.

Queste tre parti comunicano tra loro ma funzionano come organi indipendenti. Il cervello rettiliano è spesso chiamato “cervello istintivo” poiché gestisce le funzioni vitali dell’organismo e i nostri istinti: mangiare, bere, riprodursi… Sembra così logico, perché non dovrebbe esistere 🤔?

Cervello rettiliano

Il cervello organizzato in 3 ampie parti secondo la teoria del dottor Paul D. Maclean

La smentita del cervello rettiliano

Il cervello rettiliano è stato a lungo molto popolare per essere poi smentito da qualche decennio. Effettivamente, grazie allo sviluppo delle conoscenze dell’organizzazione anatomica e funzionale del nostro cervello, è ormai noto che non esiste un cervello rettiliano. E dobbiamo dire grazie proprio agli studi condotti sul cervello dei rettili.

Funzioni più complesse

Gli scienziati hanno studiato a lungo il cervello dei rettili, ai quali si comparava il cervello rettiliano dell’uomo. Sicuramente è vero che il loro cervello è più semplice e che c’è una parte che soddisfa i bisogni vitali. I rettili hanno un repertorio mentale meno ricco rispetto ai mammiferi, ma hanno comunque dei comportamenti elaborati.

🦎 Questi ultimi sono associati al cervello detto “superiore” e possiedono funzioni come la memoria o la navigazione spaziale, spiega il ricercatore in neuroscienze Xavier Leinekugel.

Una risposta semplice

Nonostante le evoluzioni della scienza, il cervello rettiliano resta ancora una teoria molto popolare. Perché ci piace pensare di averlo 🧐? Perché rimanda al nostro dualismo, al nostro essere animali e uomini! Inoltre, la teoria del cervello tripartito corrisponde allo schema freudiano con “Es”, “Io” e “Super Io”.

➜ Il sociologo Sébastien Lemerle spiega che è un sistema in cui ci si ritrova facilmente poiché si tratta di una risposta semplice a tutte le domande che ci poniamo rispetto alle nostre azioni. Il cervello rettiliano sarebbe responsabile dei nostri comportamenti tossici, ecco perché la teoria della sua esistenza è stata a lungo apprezzata.

Le emozioni, le grandi responsabili

Allora come possiamo spiegare i nostri comportamenti primari o le nostre cattive reazioni? Le emozioni sono la risposta. Aroa Gomez Marin, neuropsicologa, spiega che le zone cerebrali che provocano un’emozione sono diverse. Non c’è solo una parte responsabile, come faceva intendere il cervello rettiliano. Le emozioni possono attivarsi senza il minimo intervento del pensiero o del ragionamento. I nostri predecessori sono stati capaci di salvarsi la pelle proprio grazie a loro, ma nella nostra vita quotidiana, questo potrebbe creare delle reazioni inappropriate.

Questo articolo potrebbe interessarti >>> Possiamo piangere al lavoro? La chiave per gestire le proprie emozioni

Accettare la parte rettiliana

Il cervello rettiliano è stato a lungo un modo per comprendersi. Ormai, è necessario guardare alle nostre emozioni per decifrare i nostri comportamenti o paure. Potremmo vedere il cervello rettiliano come qualcosa di metaforico: si parla quindi di accettare la nostra “parte rettiliana. Ovvero, accettare gli aspetti che rifiutiamo per vivere meglio ed essere felici.

Ecco perché bisogna imparare a gestire le nostre emozioni e concentrarsi sui nostri pensieri per identificare delle paure irrazionali come la zoofobia o la talassofobia.  

Come addomesticare il proprio coccodrillo, libro di Catherine Aimelet-Périssol

📖 Il libro “Come addomesticare il proprio coccodrillo” (titolo originale “Comment apprivoiser son crocodile” di Catherine Aimelet-Péerissol ci aiuta a decifrare il senso nascosto delle emozioni. “Come addomesticare il proprio coccodrillo”



Il consiglio della redazione – Cerca tra le emozioni

L’avrai capito, il cervello rettiliano non è la causa dei comportamenti impulsivi o eccessivi, bisognerà cercare tra le emozioni e fare attenzione alla loro gestione. Se hai problemi relazionali, se certe reazioni giocano a tuo sfavore, non esitare a contattare uno psicologo per creare insieme nuovi comportamenti che ti permetteranno di essere felice.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe



Scopri anche:


Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!