« Mi piaccio e mi sento bene”... A volte sì, a volte no!

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Questa frase mi capita di dirla. Ci sono giorni in cui mi sento bene e/o bella, e quando mi guardo allo specchio mi dico “Mi piaccio” e sono contenta di pensarlo! Eppure, non ho per niente fiducia in me stessa. Ci sono tantissime cose che mi creano delle vere e proprie montagne russe emotive. Oggi ho deciso di parlartene in questo articolo molto intimo. L’amor proprio è un percorso lungo...

 
 Sommario

L’amor proprio, tra alti e bassi

A volte mi sento bene con me stessa, altre volte per niente... è uno stress infinito 😫. Ho capito che l’amore per se stessi è un rapporto altalenante. Come spiegavo nell’articolo sul body neutrality, è normale avere giorni positivi e altri negativi. In ogni caso, ci sono elementi constanti per i quali amiamo il nostro corpo, il nostro modo di essere, la nostra personalità... Penso che sia umanamente impossibile essere sempre al top 🤷‍♀️ (se per te lo è, tanto meglio 👏!)

📌 La strada verso l’accettazione di sè è lunga, non la si raggiunge con uno schiocco di dita. E anche quando si riesce a trovare un equilibrio non è necessariamente stabile. In ogni caso, è un discorso che vale un po’ per tutto, no?

Una relazione come un’altra

Quando penso a una qualsiasi relazione, che sia amorosa, d’amicizia o familiare, mi rendo conto che non è mai calma piatta. Ci sono giorni in cui i rapporti sociali mi suscitano emozioni negative... Lo stesso succede con il mio corpo o con il mio modo di vivere. Ho imparato che il mio rapporto con me stessa è come qualsiasi altro rapporto sociale. Fare un passo indietro mi aiuta a relativizzare e dirmi che è normale, anche se ovviamente è più facile a dirsi che a farsi 😬!

Amarsi, un problema della società di oggi

In questo momento non mi piaccio tanto... o forse per niente. Si tratta sopratutto del mio aspetto, ho preso qualche chilo. Visto che viviamo in una società grassofoba che demonizza il grasso, non mi sento a mio agio con me stessa. Ogni giorno mi sforzo di liberarmi dalle norme sociali. Nella testa della maggior parte delle persone “grasso” significa “brutto”, io sto cercando di distruggere questa convinzione. Il rapporto con se stessi dipende da ciò che ci hanno insegnato e varia in base a quanto riusciamo a staccarci dagli stereotipi.

Volersi bene e dimenticare il giudizio altrui

Per amarsi, penso sia fondamentale fregarsene del pensiero altrui. In particolare quello maschile! In una società eteronormata si cerca sempre di piacere agli uomini in quando donna cisgender, ma è importante piacere prima di tutto a se stessi. Per questo motivo supporto il movimento LGBTAQIA+, poiché la scoperta e valorizzazione di sé passa in primo piano. Tanti pensano che sia stupido rivendicare la propria sessualità o parlare di genere e transidentità. Io penso, al contrario, che sia necessario farlo, poiché ci aiuta a volerci bene.

💖 Parliamo di un movimento di accettazione e decostruzione che punta su valori sani e positivi per capirsi e accettarsi.

Come imparare ad amarsi davvero?

A partire dal momento in cui si accetta che “amarsi” è una nozione fluttuante e che ci si libera dalle norme, ci si ama molto più facilmente! Quando mi sento a mio agio è una ventata d’aria fresca e mi dà uno sprint incredibile. Cerco di godermi questi momenti fino in fondo, sono gli unici in cui mi sento davvero invincibile! 🙌 Auguro a tutti di sperimentare questa sensazione prima o poi e di riuscire finalmente ad amarsi 🤗.

A tal proposito, non trascurare i piccoli gesti che possono darci un input positivo. Alle volte basta scegliere i vestiti giusti per aumentare l’autostima (a me capita ogni volta che indosso il mio vestito preferito)! E mi amo anche quando riesco a sbarazzarmi della mia sindrome dell’impostore e oso fare nuove cose! Che meraviglia pensare di avercela fatta!

Tutte queste cose mi aiutano durante i momenti difficili e quando l’amor proprio è un ricordo lontano: cerco di aggrapparmi ai miei valori per stare meglio. Ognuno ha davanti a sé un percorso diverso per riuscire ad amarsi, spero che presto troverai il tuo! 🥰


Il consiglio della redazione: amarsi significa vivere bene con se stessi

L’amor proprio è un tema ampio che ci tocca nell’intimo. Si tratta spesso di un lungo percorso per imparare ad amarci così come siamo. Ma perché l’autostima sia positiva, deve essere accompagnata dalla lucidità. Ovvero, essere capace di riconoscere le proprie qualità ma anche le debolezze, i limiti e i lati più oscuri. Solo così sarai capace di trasformarle in qualcosa di positivo. Esiste anche la  nozione di amicizia verso se stessi, come ci spiega Nicole Prieur, psicologa: “Aristotele teneva molto alla nozione di amicizia per se stessi. Secoli più tardi, la sua idea mi sembra ancora valida e attuale! Amarsi significa riuscire a vivere bene con se stessi, volersi bene, accettare le cose belle, essere dolci e clementi verso di sé”. Se non riesci a volerti bene, non hai fiducia in te stessa o semplicemente ti senti a disagio, non esitare a contattare un coach per lavoraci insieme.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe



Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!