« Mi piaccio e mi sento bene”... A volte sì, a volte no!

Aggiornato il da Amelia Lombardi

Questa frase mi capita di dirla. Ci sono giorni in cui mi sento bene e/o bella, e quando mi guardo allo specchio mi dico “Mi piaccio” e sono contenta di pensarlo! Eppure, non ho per niente fiducia in me stessa. Ci sono tantissime cose che mi creano delle vere e proprie montagne russe emotive. Oggi ho deciso di parlartene in questo articolo molto intimo. L’amor proprio è un percorso lungo...

« Mi piaccio e mi sento bene”... A volte sì, a volte no!

 

L’amor proprio, tra alti e bassi

A volte mi sento bene con me stessa, altre volte per niente... è uno stress infinito 😫. Ho capito che l’amore per se stessi è un rapporto altalenante. Come spiegavo nell’articolo sul body neutrality, è normale avere giorni positivi e altri negativi. In ogni caso, ci sono elementi constanti per i quali amiamo il nostro corpo, il nostro modo di essere, la nostra personalità... Penso che sia umanamente impossibile essere sempre al top 🤷‍♀️ (se per te lo è, tanto meglio 👏!)

📌
 La strada verso l’accettazione di sè è lunga, non la si raggiunge con uno schiocco di dita. E anche quando si riesce a trovare un equilibrio non è necessariamente stabile. In ogni caso, è un discorso che vale un po’ per tutto, no?

Una relazione come un’altra

Quando penso a una qualsiasi relazione, che sia amorosa, d’amicizia o familiare, mi rendo conto che non è mai calma piatta. Ci sono giorni in cui i rapporti sociali mi suscitano emozioni negative... Lo stesso succede con il mio corpo o con il mio modo di vivere. Ho imparato che il mio rapporto con me stessa è come qualsiasi altro rapporto sociale. Fare un passo indietro mi aiuta a relativizzare e dirmi che è normale, anche se ovviamente è più facile a dirsi che a farsi 😬!

Amarsi, un problema della società di oggi

In questo momento non mi piaccio tanto... o forse per niente. Si tratta sopratutto del mio aspetto, ho preso qualche chilo. Visto che viviamo in una società tendente alla grassofobia che demonizza il grasso, non mi sento a mio agio con me stessa. Ogni giorno mi sforzo di liberarmi dalle norme sociali. Nella testa della maggior parte delle persone “grasso” significa “brutto”, io sto cercando di distruggere questa convinzione. Il rapporto con se stessi dipende da ciò che ci hanno insegnato e varia in base a quanto riusciamo a staccarci dagli stereotipi.

Volersi bene e dimenticare il giudizio altrui

Per amarsi, penso sia fondamentale fregarsene del pensiero altrui. In particolare quello maschile! In una società eteronormata si cerca sempre di piacere agli uomini in quando donna cisgender, ma è importante piacere prima di tutto a se stessi. Per questo motivo supporto il movimento LGBTAQIA+, poiché la scoperta e valorizzazione di sé passa in primo piano. Tanti pensano che sia stupido rivendicare la propria sessualità o parlare di genere e transidentità. Io penso, al contrario, che sia necessario farlo, poiché ci aiuta a volerci bene.

💖 Parliamo di un movimento di accettazione e decostruzione che punta su valori sani e positivi per capirsi e accettarsi.

Come imparare ad amarsi davvero?

A partire dal momento in cui si accetta che “amarsi” è una nozione fluttuante e che ci si libera dalle norme, ci si ama molto più facilmente! Quando mi sento a mio agio è una ventata d’aria fresca e mi dà uno sprint incredibile. Cerco di godermi questi momenti fino in fondo, sono gli unici in cui mi sento davvero invincibile! 🙌 Auguro a tutti di sperimentare questa sensazione prima o poi e di riuscire finalmente ad amarsi 🤗.

A tal proposito, non trascurare i piccoli gesti che possono darci un input positivo. Alle volte basta scegliere i vestiti giusti per aumentare l’autostima (a me capita ogni volta che indosso il mio vestito preferito)! E mi amo anche quando riesco a sbarazzarmi della mia sindrome dell’impostore e oso fare nuove cose! Che meraviglia pensare di avercela fatta!

Tutte queste cose mi aiutano durante i momenti difficili e quando l’amor proprio è un ricordo lontano: cerco di aggrapparmi ai miei valori per stare meglio. Ognuno ha davanti a sé un percorso diverso per riuscire ad amarsi, spero che presto troverai il tuo! 🥰


Il consiglio della redazione: amarsi significa vivere bene con se stessi

L’amor proprio è un tema ampio che ci tocca nell’intimo. Si tratta spesso di un lungo percorso per imparare ad amarci così come siamo. Ma perché l’autostima sia positiva, deve essere accompagnata dalla lucidità. Ovvero, essere capace di riconoscere le proprie qualità ma anche le debolezze, i limiti e i lati più oscuri. Solo così sarai capace di trasformarle in qualcosa di positivo. Esiste anche la  nozione di amicizia verso se stessi, come ci spiega Nicole Prieur, psicologa: “Aristotele teneva molto alla nozione di amicizia per se stessi. Secoli più tardi, la sua idea mi sembra ancora valida e attuale! Amarsi significa riuscire a vivere bene con se stessi, volersi bene, accettare le cose belle, essere dolci e clementi verso di sé”. Se non riesci a volerti bene, non hai fiducia in te stessa o semplicemente ti senti a disagio, non esitare a contattare un coach per lavoraci insieme.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo



Articolo suggerito da Amelia Lombardi

La scrittura è un mezzo di espressione meraviglioso di cui non posso fare a meno. Mi ha permesso di incanalare la mia ipersensibilità e amo scrivere di psicologia e sviluppo personale. La comprensione di sé è il modo migliore per andare avanti!

Gli articoli appena pubblicati

Mi sento diversa: non tutti i mali vengono per nuocere!

"Beh, ma tu sei un artista!". "Si vede che sei un po' originale!" Questo è proprio il tipo di osservazione che i miei amici mi fanno spesso (molto, troppo spesso). Complimenti? Non proprio. Più che altro è un modo educato di farmi capire che non sono come loro, che sto facendo troppo, o troppo poco, che non seguo il ritmo. La verità? Credo che abbiano ragione!

"Maschiaccio": non dire mai più una cosa del genere alle ragazze!

Da piccola giocavo molto con i Lego e con i videogiochi. Per me sono passioni come tutte le altre e a 33 anni gioco ancora ai videogiochi. Tuttavia, ciò che non è normale è che quando ero più giovane venivo descritta come un "maschiaccio". In realtà, ho sempre odiato questo termine e credo sia ora di smettere di usarlo. È sessista e attribuisce un'etichetta alle ragazze che non rientrano nei cliché del loro genere, quindi non pronunciarlo mai più!

Detesto i complimenti, perché mi mettono così a disagio?

“Hai un talento naturale per la fotografia, sei bravissima!”. Improvvisamente divento rossa come un peperone e non so più come comportarmi. I complimenti mi mettono terribilmente a disagio, ma so che dovrei viverli in tutt’altra maniera. La maggior parte delle persone infatti amano i complimenti! Io non riesco ad accettarli. Perché? Cosa mi mette così a disagio?

Sono una di quelle persone che non mettono il lavoro al centro della propria vita. D'altra parte, ho un'amica che lo fa, al punto che il suo corpo cede regolarmente. È chiaro che il suo lavoro è la sua ragion d'essere e dà il massimo. Forse un po' troppo. Ecco perché ho voluto scrivere questo articolo, per ricordarle di fare attenzione! Forse sarà utile anche a te, soprattutto se senti che la tua carriera sta occupando tutto lo spazio della tua vita.

Basta con la pressione per avere una vita sessuale folle, anche il missionario va bene!

"Haaa cosa non hai mai provato la posizione della carriola moldava?". No Ginetta, non ho mai provato questa posizione sessuale, ma il tuo sguardo stupito mi mette sotto pressione... Onestamente, a chi non è mai capitato durante una discussione tra amiche? A me è successo e anche se la carriola moldava non esiste, avevo il diritto di essere giudicata per altre pratiche sessuali che non pratico. Sembra che tu debba fare di tutto a letto per dimostrare di avere una vita sessuale pazzesca... Basta!

La mia famiglia è tossica: come riconoscerla? come fare?

Non riesco a credere di essere nata sotto una cattiva stella solo a causa della mia famiglia che, ammettiamolo, è lungi dall’essere perfetta. Quando mia madre non mi fa sentire in colpa, ci pensa mio padre a sminuirmi ed a paragonarmi alla sorella che non ho mai avuto. Per essere felice e sfuggire a questa relazione "tossica", ho dovuto prendere delle misure, poi le distanze. Ti racconto come ho imparato a stare alla larga dai miei genitori nocivi.

Il mio manager è tossico? 9 segni per scoprirlo!

Essere un bravo manager non è roba da tutti. Alcuni tirano un po' troppo la corda e vittimizzano i sottoposti senza scrupoli. Controllano le mail, sono incapaci di riconoscere il talento dei colleghi, e possono addirittura arrivare alle minacce, raggiungendo dei comportamenti malsani. Se hai dubbi sul tuo manager, ecco 9 indizi per capire se è tossico!

Mi sento sola: 8 modi per colmare quel grande vuoto in me

Viviamo gli uni accanto agli altri, senza vederci veramente. In coppia, in società, in senso generale, spesso ci si sente soli. E ancora di più in periodo Covid. Trasparenti, incompresi…questa solitudine è pesante e ci fa isolare ogni giorno un po' di più. Prima di finirla da sole con 10 gatti (anche se questi ultimi sanno essere di grande conforto!), ecco 8 trucchetti per colmare definitivamente questa sensazione di vuoto e non sentirci mai più messe da parte.

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!