Cos'è la dismorfofobia? Sintomi e cura

Aggiornato il da La Redazione Wengood

La dismorfofobia o disturbo da dismorfismo corporeo, è la costante e immotivata paura di apparire brutti e pieni di difetti. Molto di più che un semplice complesso fisico, la dismorfofobia può scatenare disturbi degenerativi come la depressione. Ma quali sono i sintomi? Si può combattere?

Cos'è la dismorfofobia? Sintomi e cura

L’estate si avvicina e i piccoli complessi legati al nostro corpo tornano puntuali. Il paragone con delle ragazze e ragazzi da copertina è inevitabile. Un neo, delle smagliature, della cellulite, la pancetta, sono tanti i difetti che ci mettono in imbarazzo. È proprio così che inizia, seppur in maniera lieve, la dismorfofobia. Non ci piaciamo, la nostra attenzione si concentra solo sui difetti, e si finisce, inconsciamente, a sviluppare un disturbo ossessivo compulsivo.

Che cos'è la dismorfofobia? Quali sono i sintomi?

L’adolescenza è un periodo di passaggio difficile per accettare il proprio corpo. Si passano ore a osservare il proprio corpo che cambia, spesso non come vorremmo. È in questa fase della crescita che i primi sintomi di dismorfofobia fanno capolino, nonostante la diagnosi avviene solitamente intorno ai trent'anni.

Come accade spesso, sono ferite che ci trasciniamo da anni, che non sappiamo di avere o che facciamo finta di non avere. Spesso accompagnati da scherno e prese in giro, i difetti corporei sono una delle piaghe della società moderna, alla costante ricerca di perfezione fisica che non esiste

Quali sono i sintomi della dismorfofobia fisica?

Le persone affette da questo disturbo provano vergogna a mostrarsi: il viso, il corpo (spesso troppo in carne o troppo magro), o difetti quali nei troppo vistosi, smagliature o la classica cellulite. Passano ore a scrutarsi allo specchio, analizzando con attenzione ogni minimo difetto, il loro corpo è la loro punizione, chi soffre di dismorfofobia acuta si percepisce sfigurato, inguardabile, un vero mostro. Questo malessere porta con sé atri disturbi quali la difficoltà a relazionarsi, ad avere una vita equilibrata, fino a stati depressivi acuti.

Guardarsi allo specchio

Dismorfofobia muscolare

Se la dismorfofobia classica interessa uomini e donne, quella muscolare è legata più all'universo maschile. L’ossessione di non essere mai abbastanza in forma, muscolosi, e la sensazione di vedersi sempre magri, anoressici. Questo porta ad un’attività fisica troppo intensa e un’alimentazione scorretta.

Quali sono le principali cause del dismorfismo?

La vergogna che provano le persone affette da disturbo di dismorfofobia si ripercuote anche sui loro rapporti interpersonali. Sono spesso delle persone chiuse, timide, insicure, che hanno continuamente paura del giudizio altrui. Odiano mostrare i loro difetti, e nel tentativo di nasconderli finiscono per risultare impacciati e ancora più insicuri.

Hanno un’autostima pressoché inesistente. Fanno spesso ricorso alla dermatologia o alla chirurgia estetica per cercare di risolvere il problema, con scarsissimi risultati.

Nei casi più acuti, per migliorare il loro stato di salute psichica, alcuni fanno ricorso all'auto-chirurgia, fino ad arrivare al tentativo di suicidio.

Le cause di questo disturbo sono diverse:

  • Sevizie o prese in giro durante la fase dell’adolescenza che non sono mai state superate
  • Un fallimento, una rottura, un tradimento, che accentuano le debolezze e ci persuadono di non essere all'altezza
  • La paura di non piacere e di provocare disgusto

La redazione ti consiglia: Non mi piace il mio corpo, come fare pace con me stesso?

Come guarire dalla dismorfofobia?

Essendo un disturbo ossessivo compulsivo, la dismorfofobia condivide soluzioni e trattamenti simili. Sul piano cognitivo, il trattamento ha l'obiettivo di aiutare il paziente a convivere con il proprio corpo, indipendentemente dal proprio aspetto o da come si pensa che li altri ci vedano.

Come abbiamo visto precedentemente, il disturbo ha origine in gran parte nel come ci percepiamo, il rapporto con elementi del nostro aspetto fisico che non sopportiamo e ci portano a vivere una vita difficile al limite della depressione. Tuttavia, contro la dismorfofobia non esiste un trattamento radicale. L'accompagnamento terapeutico da parte di un professionista risolve parzialmente in problema, per essere effettivo il ruolo del paziente è fondamentale.

Una volta che il paziente ha accettato di soffrire di dismorfofobria, a seconda dei casi il percorso può essere accompagnato da farmaci di tipo antidepressivo e da una terapia cognitiva e comportamentale.


Il consiglio della redazione: curare il proprio corpo e imparare ad amarlo


Quando il dismorfismo corporeo sfocia in sintomi di forte depressione e isolamento sociale, è importante rivolgersi a medici competenti. Trattandosi di un disturbo ossessivo compulsivo, la terapia cognitiva e comportamentale è un ottimo rimedio per arginare e, in alcuni casi, risolvere il problema.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!
#BornToBeMe



Fonte: cristinaselvi.it 

Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Il potere della comunicazione positiva nella coppia

Un’amica una volta mi ha detto che la coppia è come l’interno di una palla di neve di vetro: intima, preservata, al riparo. Protetti, si costruisce insieme la coppia, ma ogni critica, riflessione, insulto scalfisce questo ambiente e se non si fa attenzione, questo micro universo sparisce. Io ho deciso di riparare i primi danni visibili. Come? Utilizzando la comunicazione positiva.

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

10 esercizi per imparare a mollare la presa

Lo stress, le preoccupazioni, il senso di colpa… Sono tante le emozioni negative che affliggono la nostra quotidianità. Ci sentiamo dire sempre le stesse cose: “Dai troppo peso alle cose”, o ancora, “Non ci pensare!”…magari fosse così facile! Per aiutarti, ecco 10 esercizi per imparare a mollare la presa e sentirti subito meglio!

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!