Batch cooking: il metodo per guadagnare tempo ed essere sereni

Aggiornato il da Ginevra Bodano

“Cosa mangiamo?”, “Di cosa hai voglia?”. Ecco quelle domande alle quali nessuno ha mai voglia di rispondere! Hai mai sentito parlare di batch cooking? Sei per caso una di quelle persone che ha difficoltà ad organizzare i propri pasti o semplicemente non ha mai voglia di cucinare? In tal caso, questo è il metodo che fa per te! Vediamo insieme di cosa si tratta!

Batch cooking: il metodo per guadagnare tempo ed essere sereni

 
 Sommario

Che cos’è il batch cooking?

Il batch cooking è un’espressione inglese che indica un nuovo metodo di cucina, in italiano “cucina seriale”. “Batch” significa “in lotto, raggruppato, in una volta”. Questa tipologia di cucina dunque consiste nel raggruppare la preparazione di diversi pasti, se non addirittura quelli di tutta la settimana, in qualche ora.

Preparare diversi piatti contemporaneamente e in anticipo può sembrare un po’ troppo complicato, e invece no: tutto sta nel sapersi organizzare! La domenica pomeriggio per esempio potrebbe essere un momento ideale, in cui per circa due o tre ore ci si dedica esclusivamente alla pianificazione dei menù per la settimana e alla loro preparazione

Mentre qualcosa cuoce in forno, inizi a cucinare un altro piatto o a tagliuzzare le porzioni di verdure.  Alla fine conservi ogni piatto o alimento in dei contenitori ermetici per poter conservare il gusto fino al momento del pasto. Ricorda che il congelatore è da considerarsi un grande alleato!

Quali sono i vantaggi del batch cooking?

1) Minor carico mentale domestico

Non doversi più scervellare per trovare una risposta alla domanda “Che cosa si mangia oggi?” è un vero e proprio sollievo! Uno studio condotto dall'istituto Opinion Way (società francese che si occupa di condurre degli studi nell’ambito del marketing e della comunicazione) ha rivelato che l’ineguale ripartizione delle faccende domestiche all’interno del nucleo familiare ha un forte impatto sul carico mentale delle donne; infatti, l’88% delle donne si sente responsabile della preparazione dei pasti contro il 62% degli uomini.

È una vera e propria liberazione dunque sapere di avere tutto pronto in anticipo e di non doversi occupare anche di questo. Che sollievo pensare di aver risparmiato del tempo e sapere di averne di più a disposizione da passare con la nostra famiglia, in coppia o con gli amici!

🍳 Una bella sensazione quella di non doversi più preoccupare della fame degli altri senza avere alcuna idea di cosa cucinare!

Potrebbe interessarti - Salute mentale: preservarla lavorando 8 ore alla settimana!

2) Tanto tempo guadagnato

La batch cooking è anche un grandissimo risparmio di tempo! Fare tutto in un unico momento permette di essere più veloci ed efficaci! Meglio cucinare tutto in un’unica volta piuttosto che dover rifare la stessa azione più volte nel corso della settimana. Avere i propri menù già programmati ci permette di sfruttare il momento del pasto come una vera e propria pausa dalla frenesia della giornata.

➜ Un’altra bella spinta verso una vita più serena e felice è quella di praticare l’alimentazione intuitiva per mangiare in piena consapevolezza!

Vedi anche - Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

3) Un'alimentazione più sana

Ebbene si, cucinare tutto in una volta ci porta poco a poco a cucinare alimenti più sani! Senza che questo sia lo scopo primario, la cucina seriale ci porta a cucinare dei piatti fatti in casa composti da ingredienti più semplici. E dato che tutto viene preparato in anticipo, non ci si ritrova mai davanti al frigo vuoto a chiederci cosa mangiare. Questo metodo aiuta dunque anche a ridurre le volte in cui si ordina cibo da asporto e anche il cibo spazzatura! 

➜ Grazie al batch cooking è molto più facile resistere alla tentazione di prendere del cibo da asporto, e di conseguenza si mangia in modo molto più sano!

La redazione ti consiglia - Vuoi diventare vegetariano? 5 consigli da tenere a mente

4) Ritrovare il piacere di cucinare (da soli, in coppia o in famiglia)

Ci sono persone a cui cucinare non piace affatto. In effetti, la settimana vola e la voglia di cucinare dei piatti elaborati non è un granché; spesso ci sforziamo solo perché siamo costretti a farlo! Grazie al batch cooking, si riscopre il piacere di cucinare:  quando si ritaglia un momento apposito della settimana da dedicare alla cucina, si inizia a vedere quest’ultima come un’attività, quasi un piacere, e non una costrizione!

➜ Cucinare potrebbe essere anche un ottimo modo di passare del tempo con la propria famiglia, magari coinvolgendoli nella preparazione dei pasti!

5) Si risparmia davvero! 

Già dopo le prime settimane te ne renderai conto subito. Infatti, dato che si pensa in anticipo ai piatti da cucinare, facciamo la spesa in modo più attento e consapevole. Quando non sappiamo cosa mangiare, abbiamo la tendenza a comprare più del necessario. La spesa dell’ultimo minuto o la corsa al mini-market diventano presto dei lontani ricordi, perché tutto viene previsto e calcolato in base a dei menù prestabiliti.

6) Addio allo spreco

Dato che la spesa viene fatta con più cura, evitare gli sprechi risulta molto più facile. L’anno scorso in Italia sono stati buttati 27kg di cibo pro capite (una cifra che può sembrare impressionante, e invece rappresenta l’11,78% in meno dell’anno precedente). In ogni caso, è bene fare attenzione per evitare di sprecare queste enormi quantità di cibo. 

Come iniziare la batch cooking?

Se i vantaggi del batch cooking ti tentano, sappi che non è affatto complicato iniziare a provare! Bisogna solamente riuscire ad organizzarsi nel fare la spesa e prendere in considerazione tutti gli ingredienti necessari per i diversi pasti. Se sei a corto di idee, esistono diversi libri di ricette da preparare seguendo questo metodo! Te ne consigliamo uno dei più celebri: Batch cooking. Cucinare in poche ore per tutta la settimana, di Cinzia Trenchi

Non dimenticare di dare un’occhiata ai social. Instagram e Pinterest sono due piattaforme perfette per condividere consigli e proposte su possibili ricette. E poi vedere tutte quelle foto di piatti e ricette fa venire una gran voglia di cucinare…insomma, che aspetti?

Vedi anche - Perché mangiare ci fa sentire così bene?


Il consiglio della redazione: la soluzione ideale per i periodi più stressanti della tua vita!

La cucina seriale può rivelarsi particolarmente utile soprattutto in determinati periodi della nostra vita durante i quali non abbiamo molto tempo a disposizione: nuovo lavoro, progetti da portare avanti, bambini, ristrutturazione della casa, etc… Lo scopo è risparmiare tempo prezioso e potersi rilassare un po’, ma sappi che la batch cooking non è roba da tutti, quindi l’unica cosa da fare è provare per scoprire se è un metodo che ti si addice!


* fonte: fondazionesvilupposostenibile.org

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Il potere della comunicazione positiva nella coppia

Un’amica una volta mi ha detto che la coppia è come l’interno di una palla di neve di vetro: intima, preservata, al riparo. Protetti, si costruisce insieme la coppia, ma ogni critica, riflessione, insulto scalfisce questo ambiente e se non si fa attenzione, questo micro universo sparisce. Io ho deciso di riparare i primi danni visibili. Come? Utilizzando la comunicazione positiva.

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

10 esercizi per imparare a mollare la presa

Lo stress, le preoccupazioni, il senso di colpa… Sono tante le emozioni negative che affliggono la nostra quotidianità. Ci sentiamo dire sempre le stesse cose: “Dai troppo peso alle cose”, o ancora, “Non ci pensare!”…magari fosse così facile! Per aiutarti, ecco 10 esercizi per imparare a mollare la presa e sentirti subito meglio!

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!