Ipnosi Ericksoniana: cos'è, in cosa consiste questo approccio?

Aggiornato il da Ginevra Bodano

L’ipnosi Ericksoniana è la forma più comune di ipnosi terapeutica, che è una pratica sempre più comune: ovviamente non si tratta di farti immedesimare in un pollo, ma piuttosto di scavare nel tuo inconscio per lavorare su alcuni blocchi. Scopriamo meglio di cosa si tratta.

Ipnosi Ericksoniana: cos'è, in cosa consiste questo approccio?
 
 Sommario

Che cos’è il metodo Ericksoniano?

Questa pratica è stata sviluppata dallo psicologo e psichiatra americano Milton Erickson negli anni ’80. Secondo la sua opinione, lo scopo dell’ipnosi era quello di fungere da strumento utile durante le sedute di psicoterapia. Erickson partiva dal presupposto che l’individuo possiede in sé le risorse necessarie per affrontare tutte le situazioni. Così, l’inconscio, stimolato attraverso l’ipnosi, può lavorare con la coscienza e, insieme, riescono a trovare delle soluzioni che portano alla guarigione.

Avrei bisogno di una seduta di ipnosi? Quali sono i benefici?

L’ipnosi Ericksoniana è stata pensata per curare numerosi disturbi, come quelli psichici ma anche comportamentali o emozionali. Il campo di applicazione dell’ipnosi è dunque molto vasto:

  • Gestione del dolore
  • Problemi dermatologici
  • Preparazione al parto
  • Lottare contro le dipendenze (fumo, alcol)
  • Perdita o gestione del peso
  • Calmare l’insonnia
  • Curare una fobia
  • Gestire la timidezza, ritrovare l’autostima
  • Gestire lo stress e le emozioni (soprattutto prima di esami, colloqui, ecc)

➡ Nota bene: l’ipnosi è una pratica naturale molto efficace che aiuta enormemente; nonostante, ciò non può sostituire un percorso di cura con un medico.

Potrebbe interessarti - 3 esercizi di meditazione per addormentarsi velocemente

L’ipnosi potrebbe fare al caso mio?

Durante una seduta di ipnosi Ericksoniana, le parole dell’ipnositerapeuta ci portano nel nostro inconscio per poterci trovare delle risorse. Mentre l’ipnosi tradizionale si basa sull’ingiunzione, l’ipnosi ericksoniana si alimenta di ricordi, di suggestioni di immagini. Se fai parte di quelle persone che hanno difficoltà a usare l’immaginazione, l’ipnosi rischia di non funzionare e non essere efficace. Se sei una persona maniaca del controllo, potresti ugualmente riscontrare delle difficoltà ma, con il tempo, l’ipnosi potrà avere comunque degli effetti positivi.

Come funziona una seduta d'ipnosi?

Durante la prima seduta, si comincia parlando e confidandosi con il terapeuta per spiegargli il problema e l’obbiettivo che si vuole raggiungere. Dopo, il terapeuta invita il paziente a sdraiarsi e lo porta ad uno stato di rilassamento, chiamato “induzione”: Durante la seduta non ci si addormenta mai, ma si è circondati di immagini, sentiamo tutto ciò che l’ipnositerapeuta ci dice e possiamo anche interagire con lui. Per guidarci nel raggiungimento del nostro obbiettivo, quest’ultimo utilizza delle suggestioni attraverso l’uso di immagini e storie.

Io stessa ho provato a fare una seduta di ipnosi. Durante la fase di induzione, il terapeuta mi ha chiesto se preferissi il mare, la montagna o la foresta. Dunque, con la mente mi sono subito ritrovata a camminare su una spiaggia. In seguito mi ha chiesto di andare in un luogo in cui mi sentivo bene e mi sono ritrovata nella casa di mia nonna. Era come un sogno, ma in realtà ero presente a me stessa e sempre all’ascolto.

In cosa consiste una seduta?

  • Una seduta dura circa 1 ora
  • Il  numero di sedute necessarie varia da persona a persona, ma l’ipnosi ericksoniana è una terapia breve, che può mostrare la sua efficacia già dalla prima seduta. In media, 5 sedute possono essere sufficienti.
  • La tariffa di una seduta di ipnosi varia tra i 50 e i 100 euro. Personalmente, ho pagato 70 euro.
  • Evita di programmare qualsiasi attività dopo una seduta. Infatti, alla fine ci si sente molto stanchi e non è raro sentire subito gli effetti dello stato di rilassamento ottenuto durante la seduta.
  • Lo status di ipnositerapeuta non è regolamentato, rivolgiti a un terapeuta che ha seguito una formazione teorica e pratica in ipnosi ericksoniana.

Vedi anche - Perché consultare uno psicologo?


Il consiglio della redazione: l’efficacia è stata dimostrata

L’ipnosi ericksoniana è reputata efficace quando si tratta di trattare le ansie, le dipendenze, le fobie, l’insonnia, la depressione e i disturbi psicosomatici. Dunque, non esitare a prendere appuntamento con un terapeuta!

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!
#BornToBeMe


Fonte: www.topdoctors.it - enricogamba.org

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Il potere della comunicazione positiva nella coppia

Un’amica una volta mi ha detto che la coppia è come l’interno di una palla di neve di vetro: intima, preservata, al riparo. Protetti, si costruisce insieme la coppia, ma ogni critica, riflessione, insulto scalfisce questo ambiente e se non si fa attenzione, questo micro universo sparisce. Io ho deciso di riparare i primi danni visibili. Come? Utilizzando la comunicazione positiva.

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

10 esercizi per imparare a mollare la presa

Lo stress, le preoccupazioni, il senso di colpa… Sono tante le emozioni negative che affliggono la nostra quotidianità. Ci sentiamo dire sempre le stesse cose: “Dai troppo peso alle cose”, o ancora, “Non ci pensare!”…magari fosse così facile! Per aiutarti, ecco 10 esercizi per imparare a mollare la presa e sentirti subito meglio!

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!