Quali sono i benefici di un animale domestico in ufficio?

Aggiornato il da Paola Ferraro

Qualche tempo fa il mio ufficio era un open space. Ogni mattina uscivo di casa con la sensazione di abbandonare il mio gatto. Mi sarebbe piaciuto vederlo passeggiare tra le scrivanie durante la giornata, farsi coccolare e sfregarsi contro le mie gambe. Sarebbe un toccasana per l’umore di tutti…

Quali sono i benefici di un animale domestico in ufficio?
 
 Sommario

Gli animali da compagnia in ufficio: migliorare il benessere al lavoro

Qualche tempo avevo delle sedute regolari di luxopuntura. La persona condivideva gli uffici con un fisioterapista che quando non aveva appuntamenti lasciava aperta la porta del suo studio per far passeggiare il suo cane 🐕. Un cagnolino adorabile che non ti aspetti di trovare nello studio di un fisioterapista ma che apporta quel tocco in più di umano e autentico in un luogo impersonale e freddo. Ogni settimana mi divertivo a ritrovare il suo cane in sala d’attesa. A lui ovviamente non facevo né caldo né freddo, al massimo veniva a odorarmi quando uscivo dall’ascensore, ma una volta in sala d’attesa restavo a osservarlo e il tempo passava in un battito di ciglia.

Convivere pacificamente con gli animali, anche in ufficio

Nei Paesi anglosassoni questa pratica è molto più diffusa che altrove anche se, poco a poco, qualche azienda sta muovendo i primi passi anche da noi. C’è da dire che negli ultimi tempi la frontiera tra vita professionale e personale è diventata molto sottile. Andare in ufficio con il proprio animale da compagnia non dovrebbe essere così strano, soprattutto perché i vantaggi sono notevoli. O almeno è quello che emerge da uno dei rari studi effettuati sull’argomento nel 2017, nell’ambito del programma “Pet a wok. Ecco le cifre al riguardo:

  • Il 40% delle persone pensa che potrebbe migliorare l’equilibrio tra lavoro e vita privata
  • Il 24% pensa che la presenza di cani in ufficio favorisca un clima più rilassato
  • Il 45% pensa che la presenza del loro cane aiuti a ridurre lo stress ed evitare il burn-out al lavoro
  • Il 50% dei lavoratori dipendenti che hanno un cane vorrebbero poterlo portare con loro in ufficio
  • Questo stesso studio mostrava anche “un aumento del livello di performance e produttività, più motivazione, impegno, benessere e un minore livello di stress”.

Portare il cane in ufficio, sinonimo di modernità

Qualche tempo fa parlavamo di quanto la generazione Y sia triste sul posto di lavoro, o ancora dell’elevato numero di burn-out che esplode 🤯 (ancor di più dopo la pandemia). Il benessere sul lavoro diventa quindi una priorità ed è certo che gli animali da compagnia partecipano al benessere. Sarebbe quindi logico portarli nel posto in cui trascorriamo la maggior parte del tempo: l’ufficio. Tante persone rinunciano a prendere un animale da compagnia proprio perché non possono occuparsene durante la giornata… però gli animali hanno un impatto enormemente benefico sulla nostra salute mentale: partecipano alla riduzione dello stress e fungono da sostegno emotivo. Senza parlare del fatto che riescono ad influenzare la nostra condizione fisica rallentando l’invecchiamento del cervello 🐕‍🦺.

Autorizzare i dipendenti a venire con il loro animale è anche segno di un’azienda aperta e moderna. Si tratta di un ottimo indice, una particolare capacità di capire e vivere a passo con i tempi e soprattutto all’ascolto dei dipendenti. Ancora di più se i vantaggi sono tanti, come avere un team meno stressato, più calmo e quindi più efficace, creativo, concentrato e fedele.

👉 Effettivamente, se il mio cane è qui con me mi sento immediatamente più tranquilla e sono quindi più produttiva e più felice sul posto di lavoro. Di conseguenza, la tristezza e il desiderio di andarmene diminuiscono, ecco perché siamo più fedeli all’azienda.

Il mio cane in ufficio: cosa dice la legge? 📃

Gli animali in azienda sono un ottimo vettore di socialità e quieto vivere, ma per essere sicuri che si stia bene bisogna rispettare il pensiero di tutti. Ovviamente serve anche il parere e l’autorizzazione del capo.

Gatto in ufficio

Niente di meglio che lavorare con il mio gattino sulle ginocchia… sempre che il capo sia d’accordo!

In diversi Paesi la legge non vieta la presenza di animali sul posto di lavoro, tranne ovviamente gli istituti sanitari (escluse le terapie che necessitano di animali), le aziende del settore alimentare e l’amministrazione pubblica. Prima di prendere in braccio il tuo gatto, verifica che il regolamento interno dell’azienda non lo vieti, chiedi l’autorizzazione al tuo capo e anche quella dei colleghi. Non ci si pensa mai, ma ci sono le allergie, le paure (la zoofobia o anche la cinofobia per esempio) o semplicemente coloro che non amano gli animali. L’idea è che l’animale porti gioia sul luogo di lavoro, non che complichi le relazioni tra i colleghi.

Per un relax assoluto ci si deve assicurare anche che il proprio animale sia pulito e abituato a stare con altre persone 😦.

Ricorda quindi che se vuoi portare il tuo animale in ufficio devi avere l’autorizzazione di tutti. Ci si potrebbe limitare a cani e gatti, che ne pensi? 🐍


Il consiglio della redazione: un elemento di coesione

Per averlo vissuto, posso dire che un cane sul posto di lavoro ha un impatto enorme: rilassa e crea legami. Se sono tutti d’accordo, perché no? E tu, hai già portato il tuo animale in ufficio? Ti ha fatto stare bene? Raccontacelo nei commenti!

 
🤗Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e adesso! 
#BornToBeMe


Altri articoli che potrebbero interessarti:

Fonte: ilpost

Articolo suggerito da Paola Ferraro

La scrittura è sempre stata la mia terapia, da quando ho memoria ho sempre usato la carta come sacco da boxe. Impara a conoscermi, sono Paola Ferraro.

Gli articoli appena pubblicati

Amnesia traumatica: cos'è? Ha effetti su di me?

Hai mai avuto la sensazione di aver dimenticato parte della tua vita? Forse hai regolarmente dei vuoti di memoria? Se è così, potresti essere affetto da amnesia traumatica. L'amnesia traumatica è un vero e proprio meccanismo di protezione psicologica che intrappola le vittime in una sofferenza diffusa. Identificare i sintomi è fondamentale per prendere coscienza del problema e cercare aiuto. Ecco come fare.

Non riesco a meditare, come fare?

Niente da fare, per alcuni è impossibile meditare! I pensieri partono in quarta e concentrarsi diventa la cosa più difficile del mondo. A questo punto, meditare genera solo nervosismo e sembra quasi essere una perdita di tempo. Tuttavia, quando si prova a meditare è proprio perché si desidera imparare a mollare la presa e rilassarsi. La meditazione ha tantissimi benefici sia per il corpo che per la mente,quindi, come fare quando non si riesce a meditare? Ecco alcune soluzioni per riuscire in questa pratica dagli effetti estremamente positivi.

Solitudine positiva: perché ci piace stare da soli?

Alcuni la evitano come la peste, ma altri la amano tantissimo, perché non sentono di essere da soli ma piuttosto in compagnia di loro stessi, e questo non li spaventa. I momenti in solitudine sono un’ottima opportunità per prenderci cura di noi stessi, per fare ciò che vogliamo quando vogliamo. Per quanto i nostri cari possano essere i migliori del mondo, è bene godere dei momenti in cui ci si ritrova da soli con se stessi.

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Paura del silenzio: perché ci rende così ansiosi?

Ah, il silenzio... Che sia durante una conversazione o a casa, devo ammettere che non mi piace molto. Nella prima situazione mi sento estremamente in imbarazzo e nella seconda il silenzio diventa "assordante" e provoca ansia. Da dove nasce questa situazione? Perché dovrei accettare un po' di più il silenzio? E come possiamo farlo? Nella nostra società rumorosa, è giunto il momento di riconnetterci con il silenzio, di abbracciarlo e di smettere di avere paura.

Perché non riesco a scusarmi?

"Mi dispiace", "Scusami", sono frasi che, nonostante gli sforzi, non escono mai dalla tua bocca. Anche quando le scuse potrebbero risolvere tutti i problemi, non riesci proprio a farcela. Ma perché è così complicato? Come superare questo blocco? Vediamolo!

Non ho amici: come fare se non si hanno amici?

Non che passi tutto il giorno da solo/a, nel mio angolo, senza dire una parola. Ho quelle due o tre persone da chiamare se voglio uscire a bere qualcosa, ma non ho amici. Nessuna "seconda famiglia", come si suol dire. Si tratta di una scelta volontaria? È solo a causa del mio brutto carattere che respingo tutti quelli che mi si avvicinano? Oppure è semplicemente la vita, che ci allontana da alcune persone quando cresciamo? Non ho amici, è davvero così grave?

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!