Come imparare a stabilire le priorità sul lavoro?

Aggiornato il da La Redazione Wengood

La mia scrivania è una distesa di post-it, sono spesso oberata e a volte un po’ troppo di corsa con le deadline! So che la chiave del problema sarebbe riuscire a stabilire delle priorità, ma come fare quando si ha l’impressione che tutto sia di fondamentale importanza? Ci sono vari modi per riuscirci, prima di tutto cerca di tenere a mente che si può sempre imparare a stabilire le priorità! Vediamo insieme come!

 
 Sommario

Come stabilire le priorità quando tutto è importante?

Sì, è indubbiamente difficile stabilire le priorità quando tutto ci sembra importante! La chiave per capire cosa è più urgente fare è prendere un po’ le distanze per non sentirsi sommersi e andare dritti verso il burn-out. Per avere uno sguardo obbiettivo bisogna:

  • Avere spirito d’osservazione;
  • Analizzare la situazione;
  • Avere le idee chiare;
  • Impegnarsi.

Per riuscirci e saper stabilire le priorità bisognerebbe poi anche imparare a rallentare, come ci insegna il metodo Kaizen 🧘‍♀️. Il tempo ci permette di relativizzare e di vedere il grado di urgenza sotto un altro punto di vista.

Urgenza e importanza

Quando si lavora sempre su questioni urgenti, si commettono decisamente più errori a causa della fretta che, si sa, è cattiva consigliera.

Ponderare ed essere metodica saranno i tuoi migliori alleati per migliorare nella classificazione delle priorità delle attività da svolgere. A tal proposito, secondo la matrice di Eisenhower, esistono 4 tipi essenziali di attività:

  • Urgenti 🔥
  • Importanti ⚠️
  • Non urgenti ➡️
  • Non importanti ⏸️

➜ Questa matrice permette di analizzare le attività da svolgere per stabilirne la priorità. In secondo luogo, è necessario affrontare ogni tipo di attività.

I metodi per stabilire le priorità delle attività sul lavoro

Quando sappiamo stabilire la priorità delle nostre attività sappiamo anche determinarne il grado di urgenza, e non solo! L’organizzazione del tempo, la durata necessaria allo svolgimento di ogni attività e la flessibilità non avranno più segreti 🤓. Ecco i metodi che ci daranno una mano.

1) La “to-do list”

La famosissima “to-do list”! Per avere un’idea più chiara di tutto quello che dobbiamo fare bisogna scrivere tutto, anche le piccole cose che possono sembrarci banali 🤔. E possiamo anche scrivere i nostri impegni personali per raggruppare tutto!

➜ Per esempio potrebbe capitare di dover recuperare un pacco non lontano dal luogo di appuntamento con il prossimo cliente!

Quando avremo scritto tutto, la classificazione delle priorità si fa solitamente in funzione dell’urgenza, dell’importanza, della durata e delle conseguenze di ogni attività.

2) Identificare chiaramente gli obiettivi

Se dobbiamo organizzare le attività vuol dire che abbiamo un obiettivo da rispettare a lungo termine. Sarà quindi fondamentale chiarire bene gli obiettivi e tenerli sempre a mente 🔍. Così sarà più semplice per noi sapere cosa fare prioritariamente, ciò che è urgente o importante.

3) Frammentare gli obiettivi

Una volta identificati i macro obiettivi, basta frammentarli per identificare dei micro-obiettivi per raggiungere lo scopo finale. Si potranno quindi frammentare in maniera annuale, mensile o anche settimanale. A questo punto, potremo stabilire delle scadenze 📅.

4) Organizzare l’attività nel tempo

È arrivato il momento di stabilire se un’attività è urgente, ovvero prioritaria o no. Visto che dobbiamo fissare delle scadenze, avremo dei tempi precisi. Il metodo MIT (Most Important Talks) ci dà la possibilità di fissare 3 attività da terminare in giornata .

➜ Per selezionarle, è bene chiedersi quali avranno un impatto maggiore sull’obiettivo finale?

5) Evitare le priorità concorrenti

Per evitare di perdersi dietro alla risposta ad una mail inattesa o a distrazioni varie ed eventuali è importante rispettare gli orari stabiliti. È importante fare pause regolarmente per essere efficaci. Sembra infatti che farle ci faccia distrarre di meno. Così come bisogna pensare alle priorità parallele, come la gestione delle mail. Dedicandogli un po’ di tempo ogni giorno, non sarà difficile integrarle nel planning.

6) Conoscere il proprio ritmo

Davanti alla “to-do list” e al planning, è facile farsi sopraffare dallo stress e dal malessere sul lavoro. Per evitare che succeda, abbi fiducia in te stessa 🤗. Solo conoscendosi bene ed essendo consapevoli di quanto tempo ci serve per svolgere una determinata attività si riesce nell’impresa. Ecco perché è necessario conoscere il proprio ritmo e rispettare le pause.

7) Non smettere di analizzare

Ciò che ci permette di migliorarci e stabilire le priorità è prendere le distanze. Solo così si può analizzare l’urgenza della attività, anche quelle che si aggiungono all’ultimo minuto.

E per avere il tempo di mettere in pratica di mettere in pratica questi metodi, perché non approfittare dell’estate in ufficio? Potrebbe essere una buona idea 😄!

Il consiglio della redazione: Stabilire le priorità per subire meno stress

Quando non sappiamo stabilire le priorità vogliamo fare tutto e subito…ed ecco che lo stress bussa alla porta E poi si sa che chi tutto vuole, nulla stringe! Stabilire le priorità permette di lavorare con calma e in modo efficace, anche se non è sempre semplice… soprattutto se sei ansiosa di natura o se soffri della sindrome del primo della classe! Ti consigliamo di farti accompagnaren abbiate timore di contattare uno psicologo per discuterne insieme.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Fonte: https://www.ionos.it/

Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Il potere della comunicazione positiva nella coppia

Un’amica una volta mi ha detto che la coppia è come l’interno di una palla di neve di vetro: intima, preservata, al riparo. Protetti, si costruisce insieme la coppia, ma ogni critica, riflessione, insulto scalfisce questo ambiente e se non si fa attenzione, questo micro universo sparisce. Io ho deciso di riparare i primi danni visibili. Come? Utilizzando la comunicazione positiva.

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

10 esercizi per imparare a mollare la presa

Lo stress, le preoccupazioni, il senso di colpa… Sono tante le emozioni negative che affliggono la nostra quotidianità. Ci sentiamo dire sempre le stesse cose: “Dai troppo peso alle cose”, o ancora, “Non ci pensare!”…magari fosse così facile! Per aiutarti, ecco 10 esercizi per imparare a mollare la presa e sentirti subito meglio!

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!